ARTICOLI RECENTI

martedì 30 aprile 2019

CHAMPIONS LEAGUE E EUROPA LEAGUE: SCOMMETTIAMO SULLE SEMIFINALI

Semifinali di Champions League e la finale si fa sempre più vicina. Nessuna italiana rimasta in gara, dopo la pesante eliminazione della Juventus. Si scontrano martedì sera Tottenham ed Ajax in un match affascinante che si disputa nel nuovo Tottenham Hotspur Stadium. Entrambe le squadre sono risultate una sorprese in questa fase della competizione. I padroni di casa sono giunti fin qui facendo una bellissima partita contro il Manchester City e vorranno imporsi nel loro nuovo stadio. D'altro canto, anche gli olandesi hanno raggiunto la qualificazione eliminando CR7 e compagni, quindi gli ingredienti per una gara aperta e spettacolare ci sono tutti.
Mercoledì sera sarà il turno di Barcellona-Liverpool. Scontro tra due realtà che giocano il calcio più offensivo d'Europa. Entrambe hanno ottenuto la semifinale con due schiaccianti vittorie, rispettivamente contro Manchester United e Porto. Sono, però, favoriti i catalani, che cercheranno di infliggere il massimo scarto possibile. Ma i Reds vorrano almeno strappare una rete, da sfruttare eventualmente al ritorno in casa.

sabato 27 aprile 2019

TRAVOLGENTE INTER, MA CR7 SALVA LA JUVE

Serie A 2018-2019 – 34^ Giornata
INTER - JUVENTUS 1 - 1
7’ NAINGOLLAN – 62’ C. Ronaldo

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano (34' st Joao Mario), Nainggolan (29' st Borja Valero), Perisic; Icardi (37' st Martinez).
A disp.: Padelli, Berni, Ranocchia, Cedric, Miranda, Dalbert, Gagliardini, Candreva, Keita.
All.: Spalletti .
JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Emre Can, Bonucci, Chiellini; Cancelo, Cuadrado, Pjanic, Matuidi (15' st Kean), Alex Sandro (4' st Spinazzola); Ronaldo, Bernardeschi (41' st Pereira).
A disp.: Pinsoglio, Del Favero, Rugani, Barzagli, De Sciglio, Nicolussi.
All.: Allegri.
Arbitro: Banti

L’Inter domina la Juventus per quasi un’ora (ebbene sì, per quasi un’ora abbiamo fatto la festa alla Vecchia Signora…), ma poi ci pensa Cristiano Ronaldo a raddrizzare la partita per la Juventus e a pareggiare il vantaggio nerazzurro di Radja Naingollan (gol strepitoso). Un punto (che potevano tranquillamente essere tre) da aggiungere alla nostra corsa Champions League. Nel complesso una bella partita che ha divertito ed entusiasmato il pubblico.

Spalletti ritrova Brozovic a centrocampo e, quasi a sorpresa, schiera Icardi al centro dell’attacco. Per il resto la formazione è quella tipo con D’Ambrosio, Skriniar, De Vrij e Asamoah in difesa, Vecino a centrocampo (accanto al già citato Brozovic) e Politano, Naingollan e Perisic dietro l’unica punta che, come detto, è Maurito Icardi.

RAGAZZI, FACCIAMO LA FESTA ALLA SIGNORA!!!

Loro sono Campioni d'Italia. Hanno vinto il loro ottavo scudetto consecutivo settimana scorsa. Mi sembra giusto farle la festa. Non siete daccordo?
 FORZA INTER !!! 

Inserisci il tuo indirizzo mail e non perderti i nuovi contenuti nerazzurri:


Servizio offerto da FeedBurner

venerdì 26 aprile 2019

CONSIGLI PER SCOMMETTERE SU SERIE A E SERIE B

Serie A, 34° turno. Si comincia sabato pomeriggio con Bologna-Empoli. Ottimo rendimento dei padroni di casa,TTcon 16 punti conquistati in 7 partite, ma attenzione ai toscani che vogliono evitare la retrocessione certa. Roma-Cagliari vede nettamente favoriti i giallorossi, che sognano ancora di raggiungere la Champions, ma i tanti indisponibili sulla panchina di Ranieri, potrebbero permettere agli isolani di ribaltare il pronostico.
Niente in palio, ma ci si aspetta tanto spettaccolo da Inter-Juve. La banda di Spalletti proverà a blindare ulteriormente il 3° posto, ma la Vecchia Signora, già parzialmente appagata, non intende fare sconti ai suoi storici rivali. Ridotte, invece, le speranze di entrare in Champions della Lazio, che domenica affronta la Sampdoria, decisa a spingere Fabio Quagliarella a vincere la classifica dei marcatori. Il turno si concluderà lunedì sera con Fiorentina-Sassuolo. Risultano favoriti i Viola, nonostante la pesante sconfitta subita nella semifinale di Coppa Italia, ma non bisogna sottovalutare gli ospiti, che possono ancora lottare per la salvezza.

FINALE COPPA ITALIA, SARA' LAZIO-ATALANTA

COPPA ITALIA 2018-2019 – Semifinale Di Ritorno
MILAN-LAZIO 0-1 (andata 0-0)
57’ Correa

ATALANTA-FIORENTINA 2-1 (andata 3-3)
3’ Muriel – 14’ Ilicic (rig.) – 69’ Gomez

Per l’Atalanta è la quarta finale. Dopo la vittoria nell’edizione 1963 (3-1 al Torino), due sconfitte contro Napoli (1987) e Fiorentina (1996) in edizioni a doppia sfida di andata e ritorno. La Lazio è alla decima finale. Ne ha vinte sei, la prima nel 1958 e l’ultima nel 2013 (derby con la Roma, 1-0), ne ha perse tre, e nelle ultime stagioni ha raggiunto l’epilogo con impressionante regolarità: 2013 (campione), 2015 e 2017 (sconfitta dalla Juve), in pratica ogni due anni. Per Simone Inzaghi è la seconda finale, Gasp è un debuttante.

sabato 20 aprile 2019

venerdì 19 aprile 2019

VOGLIAMO TRE PUNTI "CHAMPIONS" NELL'UOVO DI PASQUA

Probabile Formazione (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, De Vrij, Asamoah; Vecino, Gagliardini (Joao Mario); Politano, Naingollan, Perisic; Icardi (Lautaro Martinez).

Palla Al Centro. JUVE E PSG, UNO SCUDETTO NELL’UOVO DI PASQUA?

 PALLA AL CENTRODiscussioni e commenti aspettando il fischio d’inizio 
Grande attesa a Torino e Parigi per uno scudetto che poteva arrivare settimana scorsa e che, causa sconfitta, invece non è arrivato. Sia la Juventus che il Paris Saint Germain sono attese da una sfida interna di prestigio. I bianconeri ospitano la Fiorentina, mentre i parigini dovranno vedersela col Monaco. E se in Serie A gli occhi sono puntati anche su Inter-Roma e Napoli-Atalanta, sfide fondamentali per la corsa alla qualificazione in Champions League, in Premier League Manchester City e Tottenham concedono il bis dopo la sfida di due giorni fa in Champions League che ha visto trionfare a sorpresa gli Spurs.
 Non perderti nessun gol...
 Tutti i Risultati IN TEMPO REALE 
⚽ ⚽ ⚽ ⚽ ⚽

⏩ I BIG MATCH DEL WEEKEND ⏪
MANCHESTER CITY - TOTTENHAM (Inghilterra)
INTER - ROMA (Italia)
JUVENTUS - FIORENTINA (Italia)
PARIS S.G. - MONACO (Francia)
GLADBACH - LIPSIA (Germania)
DYNAMO KIEV - SHAKHTAR DONETSK (Ucraina)
CSKA SOFIA - LEVSKI SOFIA (Bulgaria)

giovedì 18 aprile 2019

ALLA SCOPERTA DEL FENOMENO AJAX

L’Europa del calcio riscopre l’Ajax. Dopo aver eliminato il Real Madrid agli ottavi di Champions League e due giorni fa la Juventus ai quarti della massima competizione europea, l’Ajax e il calcio olandese sono tornati prepotentemente alla ribalta. La prestazione dei lancieri nelle due doppie sfide europee ha fatto stropicciare gli occhi a tutti gli appassionati di calcio, molti dei quali (in parte anche il sottoscritto) sono rimasti increduli davanti al gioco spumeggiante della formazione allenata da Ten Hag.
Questo super Ajax meritava un approfondimento. E così ho deciso di fare una chiacchierata con gli amici di “Calcio Olandese” che gentilmente hanno accettato di rispondere a qualche domanda.
Partiamo da una domanda banale. Qual è il segreto di questo Ajax?
Il segreto dell’Ajax è anche il segreto dell'Eredivisie. Il vivaio e la rigida politica finanziaria che è iniziata 10 anni fa dopo la crisi economica che ha colpito l'Europa. Le squadre hanno scelto di collaborare per salvare il possibile fallimento del campionato, pieno di debiti e in totale crisi di sviluppo. La decisione di investire solo nei settori giovanili e nello scouting e non competere più con le grandi big europee era necessaria per tornare sani e ricominciare a costruire la vecchia scuola olandese.

martedì 16 aprile 2019

AJAX, CHE LEZIONE DI CALCIO!!! JUVE, SARÀ PER L’ANNO PROSSIMO…

Champions League 2018-2019 – Ritorno Quarti di Finale
JUVENTUS-AJAX 1-2
28’ Cristiano Ronaldo – 34’ De Beek – 67’ De Ligt

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio (19' st Cancelo), Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi (35' st Bentancur), Dybala (1' st Kean), Ronaldo.
A disp.: Pinsoglio, Khedira, Barzagli, Spinazzola.
All.: Allegri.
AJAX (4-2-3-1): Onana; Veltman, De Ligt, Blind, Mazraoui (11' Sinkgraven, 37' st Magallàn); De Jong, Schone; Ziyech (43' st Huntelaar), Van De Beek, Neres; Tadic.
A disp.: Varela, Dolberg, De Wit, Ekkelenkamp.
All.: Ten Hag
Arbitro: Turpin (Francia)

E anche quest’anno la Champions League la vincete l’anno prossimo. Lo sfottò all’indirizzo del popolo bianconero è già iniziato. La Juventus perde in casa contro l’Ajax (risultato che gli antijuventini speravano, ma che in pochi credevano realizzabile) e viene eliminata dalla Champions League, la competizione su cui erano concentrate tutti gli sforzi bianconeri, al tal punto che questa estate è stato acquistato anche il Re di Champions, ovvero Cristiano Ronaldo. Tutto inutile di fronte ad un Ajax che già all’andata aveva mostrato di non essere arrivato ai quarti per pura casualità e che avrebbe dato filo da torcere ai rivali torinesi. Ma la Juventus aveva dalla sua la concretezza del gioco e l’esperienza di una rosa che poteva contare su molti giocatori già al top (da Cristiano Ronaldo a Cancelo, da Bonucci a Pjanic, dal “nuovo Messi” Dybala a Emre Can, da Bernardeschi a Matuidi e via discorrendo).

SCOMMETTIAMO CHE LA JUVENTUS...

Partite di ritorno per i Quarti di finale di Champions League. La Juve ospita in casa l'Ajax dopo il pareggio ottenuto nell'andata. I tulipani mettono piede per la prima volta in uno Juventus Stadium pronto a sostenere la Vecchia Signora, detrminata a portare avanti il sogno Champions. Il Barcellona accoglie il Manchester United al Camp Nou, dopo la vittoria per una rete a zero a favore dei blaugrana. I Red Devils risultano sfavoriti, ma proveranno a mettere in difficoltà gli spagnoli per tentare l'impresa.
⚽  TUTTI I RISULTATI IN TEMPO REALE 

lunedì 15 aprile 2019

CRONACA DI UNA RETROCESSIONE ANNUNCIATA

 CLASSE A – Analisi e commenti sul Campionato Italiano 
Nella giornata di ieri, dopo la sconfitta casalinga per 3-1 contro il Napoli, è arrivata per il Chievo la matematica retrocessione in Serie B. Un evento nell’aria ormai da diverse settimane e arrivato nell’ultimo weekend, con bei sei giornate d’anticipo rispetto alla fine del campionato. Una retrocessione certamente dovuta in parte alla turbolenta estate che ha passato il Chievo - coinvolto nel caso “plusvalenze fittizie” -, ma figlia anche di scelte errate fatte in precedenza.
Tutto parte dall’estate del 2017, quando il Chievo si è trovato a dover avviare un ricambio generazionale dell’organico. A fronte dell’addio di alcuni giocatori che tanto avevano dato alla causa gialloblù negli anni precedenti (come Sardo, Frey, Izco e Spolli), la campagna acquisti è stata condotta portando a Verona solo giocatori nati negli anni ’90. L’intenzione del nuovo ds Giancarlo Romairone era di rinforzare l’organico con elementi giovani, che avrebbero costituito l’ossatura della squadra negli anni successivi.

domenica 14 aprile 2019

TRASCINATI DAL NINJA: INTER, BOTTINO PIENO A FROSINONE

Serie A 2018-2019 – 32^ Giornata
FROSINONE - INTER 1 - 3
19' NAINGGOLAN – 37' PERISIC (rig.) – 52' Cassata – 92’ VECINO

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Paganini, Cassata (18' st Ciano), Chibsah, Valzania (37'st Maiello), Beghetto; Pinamonti (43' st Dionisi), Ciofani.
A disp.: Bardi, Krajnc, Brighenti, Molinaro, Simic, Zampano, Gori, Sammarco, Trotta.
All.: Baroni.
INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Borja Valero (29' st Gagliardini); Politano (44' st Joao Mario), Nainggolan, Perisic (25' st Keita); Icardi.
A disp.: Padelli, Cedric, Ranocchia, Dalbert, Miranda, Candreva, Lautaro Martinez.
All.: Spalletti.
Arbitro: Massa

Come sperato l’Inter torna da Frosinone con i tre punti, dopo una partita messa sui binari giusti nel primo tempo (Naingollan e Perisic su rigore) e gestita per un’ora. Il gol di Cassata ha riaperto i conti e lasciato in ansia il popolo nerazzurro più per quello che poteva succedere, che per quello che poi è successo (zero rischi dalle parti di Handanovic). In pieno recupero Vecino ha chiuso i conti e messo in cassaforte il bottino pieno che ci permette di mantenere invariato il distacco dal Milan (-5) e dalla Roma (-6), in attesa di Atalanta-Empoli di stasera con gli orobici che in caso di vittoria si porterebbero a -5 (pur sempre un distacco che ci permette di stare tranquilli).
Spalletti non applica turnover. La difesa è quella titolare con D’Ambrosio e Asamoah esterni e Skriniar e De Vrij centrali. Borja Valero sostituisce l’infortunato Brozovic accanto a Vecino, mentre in avanti c’è Icardi supportato da Politano, Naingollan e Perisic.

sabato 13 aprile 2019

GUAI A TORNARE DA FROSINONE SENZA IL BOTTINO PIENO...

Tre punti doverosi. Domani sera in quel di Frosinone l’Inter è chiamata a fare il suo dovere e a portare a casa tre punti fondamentali per la corsa alla Champions League. Considerando che nelle prossime settimane dovremo vedercela con Roma e Juventus e considerando che stasera c’è lo scontro diretto tra Milan e Lazio, tornare da Frosinone senza il bottino pieno sarebbe un’imperdonabile errore.

Eppure non sarà facile come sembra. Se è vero che il Frosinone è penultimo in classifica e in casa ha vinto una sola partita (10 giorni fa contro il Parma grazie ad un rigore in pieno recupero), e anche vero che i ciociari sono in un momento di buona forma, reduci da due vittorie consecutive che l’hanno rilanciato in ottica salvezza (anche se l’obiettivo rimane molto distante) e settimana scorsa sono riusciti ad andare a vincere a Firenze contro la Fiorentina.

venerdì 12 aprile 2019

SCOMMETTIAMO SU SERIE A E SERIE B

Trasferta ostica per la Juve, che potrebbe subire una battuta d'arresto conto la SPAL, causata dal turn over che i bianconeri stanno sostenendo con i quarti di Champions in corso. Favorita, invece, la Roma, che dopo la vittoria ritrovata, vuole continuare a vincere per mettere pressione al Milan , ma sabato affronta un Udinese che, nella Capitale, vince da 5 precedenti. Big match tra Milan e Lazio. I rossoneri non stanno vivendo un buon momento, dopo aver ottenuto solo 1 punto nelle ultime 4 partite, ma dovranno contrastare gli uomini di Inzaghi che vogliono riprendersi dall'ultima sconfitta per cercare di agganciare la Roma.
Potrebbe riservare delle sorprese Frosinone-Inter. Gli uomini di Spalletti sono nettamente favoriti, ma i padroni di casa si giocano tutto per non perdere la speranza di rimanere in Serie A. Si chiuderà la giornata lunedì sera con Atalanta-Empoli. I bergamaschi stanno facendo un campionato come non si vedeva da tempo e possono ancora sognare di raggiungere la zona Champions, ma L'Empoli proverà a fare punti per non rassegnarsi alla retrocessione in Serie B.

Palla Al Centro. JUVENTUS, UN PUNTO PER FARE FESTA

 PALLA AL CENTRODiscussioni e commenti aspettando il fischio d’inizio 
I riflettori della Serie A sono tutti puntati su Ferrara dove la Juventus, conquistando almeno un punto, si laureerebbe campione d’Italia per l’ottava volta consecutiva (35esima nella sua storia). Ma sarà un fine settimana tutto da seguire anche per altre sfide. A partire da Liverpool-Chelsea, sfida che potrebbe essere decisiva in ottica conquista della Premier League. In Italia l’appassionante corsa per la qualificazione in Champions League offre lo scontro diretto tra Milan e Lazio, senza dimenticare il derby della Lanterna tra Sampdoria e Genoa. E a proposito di derby, è un weekend ricco di stracittadine. Siviglia-Betis in Spagna, Fenerbahce-Galatasaray in Turchia, Slavia Praga-Sparta Praga in Repubblica Ceca. Insomma, ce n’è per tutti i gusti. Mettetevi comodi e godetevi lo spettacolo.
Non perderti nessun gol...
Segui Tutti i Risultati IN TEMPO REALE 
⚽ ⚽ ⚽ ⚽ ⚽

⇛ I BIG MATCH DEL WEEKEND ⇚
LIVERPOOL-CHELSEA (Inghilterra)
MILAN-LAZIO (Italia)
SAMPDORIA-GENOA (Italia)
SIVIGLIA-BETIS (Spagna)
LILLE-PARIS SAINT GERMAIN (Francia)
FENERBAHCE-GALATASARAY (Turchia)
SLAVIA PRAGA-SPARTA PRAGA (Rep. Ceca)

giovedì 11 aprile 2019

NAPOLI, DEBACLE LONDINESE. ORA SERVE UN’IMPRESA

Europa League 2018-2019 – Andata Quarti di Finale
ARSENAL-NAPOLI 2-0
15' Ramsey - 25' Koulibaly (aut.)

ARSENAL (3-4-1-2): Cech; Papastathopoulos, Koscielny, Monreal; Maitland-Niles, Torreira (32' st Elneny), Ramsey, Kolasinac; Ozil (22' st Mkhitarian); Aubameyang, Lacazette (22' st Iwobi).
A disp.: Leno, Mustafi, Guendouzi, Denis Suarez.
All.: Emery.
NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz (37' st Ounas), Zielinski; Mertens (21' st Milik), Insigne (37' st Younes).
A disp.: Ospina, Malcuit, Ghoulam, Chiriches.
All.: Ancelotti.
Arbitro: Undiano Mallenco (Spagna)

Con un piede fuori dall’Europa League. Dopo i primi 90 minuti della doppia sfida contro l’Arsenal, il Napoli è ad un passo dall’eliminazione. A Londra contro i Gunners allenati da Emery la formazione di Ancelotti rimedia un secco 2-0 che rende complicato il ritorno al San Paolo fra una settimana.
Parte forte l’Arsenal col Napoli in difficoltà che soffre la pressione alta, fatica a contenere sugli esterni e non riesce quasi mai a uscire.

Dopo un quarto d’ora i Gunners sbloccano la partita. Errore di Mario Rui che perde palla a centrocampo e fa partire l’azione che porta al vantaggio del futuro juventino Ramsey, messo tutto solo davanti a Meret. Passano 10 minuti è un altro errore dei partenopei (questa volta di Fabian Ruiz) permette all’Arsenal di rubare palla sulla trequarti e di trovare il raddoppio con un tiro di Torreira che trova la decisiva deviazione di Koulibaly.

mercoledì 10 aprile 2019

SPETTACOLO AJAX, LA JUVE LIMITA I DANNI

Champions League 2018-2019 – Andata Quarti di Finale
AJAX-JUVE 1-1
45' Ronaldo – 46’ Neres

AJAX (4-2-3-1): Onana; Veltman, De Ligt, Blind, Tagliafico; Schone (30' st Ekkelenkamp), De Jong; Ziyech, Van de Beek, Neres; Tadic.
A disp.: Varela, Kristensen, Sinkgraven, Huntelaar, Magallan, Dolberg.
All.: Ten Hag
JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi (30' st Dybala); Bernardeschi (47' st Khedira), Mandzukic (15' st Douglas Costa), Ronaldo.
A disp.: Perin, De Sciglio, Kean, Spinazzola.
All.: Allegri
Arbitro: Del Cerro Grande


Ma cosa vuoi che sia l’Ajax dopo aver battuto l’Atletico Madrid? Questo il pensiero dei tifosi juventini (probabilmente non tutti, ma la maggior parte) alla vigilia dell’andata dei quarti di finale di Champions League. Pensiero rafforzato quando all’intervallo i bianconeri si sono ritrovati in vantaggio per 1-0 grazie al gol di Cristiano Ronaldo proprio sul gong del primo tempo. Ma nonostante l’ottimismo bianconero questo Ajax ha dimostrato, con un buon primo tempo e un secondo tempo superlativo, che non sarà facile batterlo e che l’ostacolo tra la Juventus e le semifinali è ben più grande di quanto si potesse immaginare alla vigilia.

martedì 9 aprile 2019

QUARTI DI CHAMPIONS LEAGUE E EUROPA LEAGUE: DRITTE PER SCOMMETTERE

Quarti di finale di Champions League. La strada per la finale si fa sempre più breve con poche squadre rimaste a contendersela. Martedì sera il Tottenham ospiterà il Manchester City in un nuovo stadio rimodernato. I citizens di Guardiola sono i favoriti e sognano di infliggere una sconfitta agli Spurs proprio in questo nuovo impianto. Liverpool-Porto vede nettamente favoriti i Reds di Klopp che hanno eliminato il Bayern Monaco dimostrando di essere ancora candidati per la vittoria. Il Porto, invece, parte sfavorito perché ha eliminato la Roma ai supplementari degli ottavi, grazie anche a dubbie decisioni arbitrali.
Mercoledì sera la Juve va all’Amsterdam Arena con l’obiettivo di passare il turno. Traguardo raggiungibile grazie alla grande differenza tecnica con l’Ajax, ma da non dare per scontato. Ormai per i bianconeri conta solo ottenere la Champions League, visto che hanno già il Campionato in tasca. Manchester United-Barcellona, invece, vede i blaugrana favoriti come i vincitori di questa massima competizione europea, ma i Red Devils sapranno giocarsi al meglio questo quarto di finale, dopo averlo ottenuto con una clamorosa rimonta sul PSG.

lunedì 8 aprile 2019

UN BUON PARI VERSO UN FINALE DI STAGIONE (si spera) TRANQUILLO

Non lo possiamo negare. Questa è l’ennesima deludente stagione per l’Inter. Come spesso è successo negli ultimi anni andiamo benone fino a dicembre e poi ci sciogliamo come neve al sole. È successo quest’anno, così come lo scorso anno, così come gli anni precedenti. Due mesi da dimenticare da dicembre e febbraio e poi la lenta ripresa, spesso dopo aver ridimensionato i nostri obiettivi. Da dicembre ad oggi abbiamo via via rinunciato al secondo posto, alla qualificazione agli ottavi in Champions League, alla Coppa Italia, all’Europa League. E ora siamo attaccati a questa qualificazione alla prossima Champions League che rimane il nostro ultimo obiettivo possibile.

Stagione deludente, non c’è dubbio. Poi guardi la classifica è… il secondo posto è a soli sette punti, il nostro vantaggio sulla quinta è di cinque punti. E questo dopo che in una settimana abbiamo conquistato quattro punti in tre partite regalando punti preziosi a delle dirette concorrenti per la qualificazione Champions.

domenica 7 aprile 2019

L'INTER FRENA LA SUPER-ATALANTA: UNO 0-0 CHE ACCONTENTA TUTTI

Serie A 2018-2019 – 31^ Giornata
INTER - ATALANTA 0 - 0

INTER (4-3-3): Handanovic; D'Ambrosio, Miranda, Skriniar, Asamoah; Gagliardini (21' st Borja Valero), Brozovic (23' Nainggolan), Vecino; Politano (32' st Keita), Icardi, Perisic.
A disp.: Padelli, Ranocchia, Joao Mario, Cedric, Dalbert, Candreva.
All.: Spalletti.
ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Mancini, Djimsiti, Palomino (16' st Masiello); Hateboer, De Roon, Freuler, Castagne; Pasalic (29' st Barrow); Ilicic (37' st Pessina), Gomez.
A disp.: Berisha, Rossi, Reca, Gosens, Piccoli, Ibanez, Kulusevski.
All.: Gasperini.
Arbitro: Irrati

Chi si aspettava gol e spettacolo a San Siro è rimasto deluso. Dopo le abbuffate rispettivamente contro Genoa e Bologna, la sfida tra Inter e Atalanta non va oltre lo 0-0. Un punto che sta bene ad entrambe con l’Atalanta che rimane in pieno corsa Champions e l’Inter che mantiene a distanza le dirette inseguitrici (vince solo la Roma, con la Lazio che pareggia in casa col Sassuolo al 96esimo e il Milan che perde a Torino con la Juventus, grazie anche ad un rigore clamoroso negato).

Spalletti rispolvera Vecino trequartista con Brozovic e Gagliardini a centrocampo e Naingollan che parte dalla panchina. Tutto confermato per quanto riguarda il resto della formazione con Icardi che torna a San Siro per la prima volta dopo i ben noti eventi delle ultime settimane.

sabato 6 aprile 2019

UN ESAME DI MATURITA’ DA NON FALLIRE

Archiviata in tutta fretta la larga vittoria ottenuta in quel di Marassi contro il Genoa, è già tempo di pensare alla prossima sfida. Prossima sfida che ci vedrà di fronte uno degli avversari più in forma del momento: l’Atalanta di Gasperini. I bergamaschi sono in piena corsa per la prossima Champions League e coltivano sogni in grande. Meritatamente, per quello che hanno fatto vedere in questa stagione. In realtà la formazione orobica già da qualche stagione sta dimostrando di essere una squadra solida che può competere con le avversarie più blasonate (non scordiamoci che due anni fa chiuse il campionato davanti a Inter e Milan). Gasperini sta facendo un ottimo lavoro in quel di Bergamo e ha a disposizione un organico di tutto rispetto.
Ok, basta con le sviolinate pro-Atalanta. Pensiamo a noi. Massimo rispetto per gli avversari, ma qua ci sono in palio tre punti pesanti per la corsa alla prossima Champions League e non abbiamo certo intenzione di regalarli ad un’avversaria diretta.

venerdì 5 aprile 2019

SCOMMETTIAMO SU SERIE A E SERIE B

Serie A , 31° giornata. Apre la giornata Parma-Torino. I granata hanno agganciato la Lazio in classifica e sognano l'Europa League, ma sfidano un Parma che non può permettersi un passo falso, vista la repentina risalita del Bologna e dell'Empoli. Big match di sabato tra Juve e Milan. Allegri punterà a far riposare i titolari, in vista della trasferta ad Amsterdam e Gattuso cercherà di continuare la sua volata Champions, nonostante i rossoneri si presentino a Torino con un organico ridotto.
Piccoli spiragli di luce per la Roma di Ranieri, ma niente concretizzazioni. La trasferta contro la Samp potrebbe essere il momento della rinascita per i giallorossi o un fatale colpo di grazia, dato che non vincono in casa con i blucerchiati dal 2013. Inter-Atlanta, invece, è la sfida per partecipare alla prossima Champions. Spalletti vuole blindare il 3° posto, ma la Dea vuole continuare a sognare la qualificazione. La giornata si chiuderà lunedì sera con Bologna-Chievo. Entrambe reduci di pesanti sconfitte, ma il Bologna risulta nettamente favorito.

Palla Al Centro. BUNDES E LIGA: CHE SCONTRI AL VERTICE!!!

 PALLA AL CENTRO Discussioni e commenti aspettando il fischio d’inizio 
Weekend ricco di sfide interessanti quello che ci apprestiamo a vivere. In Germania c’è lo scontro diretto tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund che quasi sicuramente sarà decisivo per il titolo. Scontro decisivo anche in Spagna con l’Atletico Madrid che, in caso di vittoria al Camp Nou, potrebbe riaprire il discorso per il titolo spagnolo. In Italia è imperdibile Juventus-Milan, sfida sempre ricca di fascino, che non mancherà, si spera, di regalarci emozioni e spettacolo. I bianconeri sono sempre più vicini alla conquista del titolo, i rossoneri puntano alla qualificazione Champions League: entrambe non possono mollare di un centimetro.
 Tutti i Risultati IN TEMPO REALE 
⚽ ⚽ ⚽ ⚽ ⚽

I BIG MATCH DEL WEEKEND
JUVENTUS-MILAN (Italia)
BAYERN MONACO-B. DORTMUND (Germania)
BARCELLONA-ATLETICO MADRID (Spagna)
LOKOMOTIV MOSCA-ZENIT (Russia)
BORDEAUX-MARSIGLIA (Francia)
COSENZA-CROTONE (Serie B Italiana)

giovedì 4 aprile 2019

CONTINUARE A REMARE TUTTI VERSO LA STESSA DIREZIONE

Perché non giochiamo sempre così? Mi chiedevo ieri sera. La prima risposta che mi viene da darmi è “perché altrimenti non saremmo l’Inter, ma la Juventus”. Sì, purtroppo noi non siamo, ahimé, solidi come la capolista. A noi piace complicarci la vita, buttare all’aria punti facili (vedi Chievo, Bologna e un altro paio di partite) e riuscire a portare a casa risultati che non ci aspettavamo (il derby, per esempio, ma non solo).
Non che la vittoria di ieri sera fosse inaspettata, anzi era abbastanza alla nostra portata. Diciamo che la nostra propensione a complicarci la vita ci aveva fatto temere il peggio, ovvero che potesse uscire un risultato negativo sulla ruota di Genova (come del resto era già successo nelle ultime cinque stagioni).
E invece è uscito un risultato positivo. E direi anche una prestazione positiva. Segno che quando si rema tutti verso la stessa direzione i risultati arrivano. Come, appunto, ieri sera.

mercoledì 3 aprile 2019

POKER INTER, I NERAZZURRI FANNO FESTA CON GAGLIARDINI E ICARDI

Serie A 2018-2019 – 30^ Giornata
GENOA - INTER 0 - 4
15' GAGLIARDINI – 40' ICARDI (rig.) – 54’ PERISIC – 80’ GAGLIARDINI

GENOA (4-4-1-1): Radu; Pereira, Romero, Zukanovic, Pezzella; Sturaro (20' st Bessa), Rolon, Radovanovic, Lerager; Kouamé; Sanabria (41' Biraschi).
A disp.: Marchetti, Jandrei, Gunter, Lakicevic, Veloso, Pandev, Lapadula, Lazovic, Favilli.
All.: Prandelli.
INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Skriniar, Miranda, Asamoah; Gagliardini, Brozovic (20' st Joao Mario); Politano (27' st Borja Valero), Nainggolan, Perisic; Icardi (34' st Keita).
A disp.: Padelli, Berni, Ranocchia, Dalbert, Cedric, Vecino, Candreva, Salcedo, Colidio.
All.: Spalletti.
Arbitro: Mariani

Riscatto doveva essere e riscatto è stato. L’Inter torna da Genova con tre punti dopo aver rifilato 4 gol alla formazione rossoblu, vittoriosa negli ultimi cinque confronti al Ferraris. Icardi ha festeggiato il suo ritorno con un gol (su rigore da lui stesso procurato) e un assist per Perisic, ma il vero protagonista è Gagliardini che come all’andata infila una doppietta (cinque gol in Serie A, quattro al Genoa). Vittoria pesantissima quella dei nerazzurri in chiave qualificazione Champions League considerando che ha recuperato tre punti sulla Lazio (sconfitta dalla Spal) e due su Roma (2-2 contro la Fiorentina) e Milan (che ieri sera ha pareggiato 1-1 con l’Udinese), aspettando l’Atalanta che giocherà domani sera.
Formazioni della vigilia quasi confermate con D’Ambrosio e Naingollan preferiti a Cedric Soares e Joao Mario, Gagliardini al fianco di Brozovic e il grande ritorno di Icardi dopo 53 giorni in cui è successo praticamente di tutto.

RISCATTARSI RITROVANDO I TRE PUNTI: CHIEDIAMO IL MINIMO SINDACALE

Neanche il tempo di assimilare la sconfitta contro la Lazio e già si scende nuovamente in campo. Meglio così. Sono sempre del parere che dopo una sconfitta l’ideale è giocare subito un’altra partita, per provare a riscattarsi e ritrovare i tre punti. Riscattarsi e ritrovare i tre punti: è proprio quello che chiediamo a Handanovic e compagni per questa sera. Anzi è proprio quello che deve fare l’Inter stasera (non chiediamo troppo, vero?). Anche perché c’è sempre una qualificazione alla prossima Champions League da conquistare e considerando il mezzo passo falso del Milan che ieri sera ha pareggiato in casa con l’Udinese, abbiamo una ghiotta occasione per mettere un altro piccolo margine tra noi e le inseguitrici. Anche in considerazione del fatto che se da un lato Milan e Roma hanno rallentato il passo, dall’altro Lazio e Atalanta corrono e sarebbe meglio non arrivare alle ultime giornate con il fiatone o peggio ancora aspettare l’ultima giornata per conquistare la qualificazione Champions.

martedì 2 aprile 2019

Palla Al Centro. SI RIGIOCA SUBITO !!! (e occhio ai consigli per scommettere)

 PALLA AL CENTRODiscussioni e commenti aspettando il fischio d’inizio 
Turno infrasettimanale per Serie A, Serie B, Liga spagnola e Premier League inglese (che ha spalmato il turno nel corso di tutta la settimana, weekend incluso). In Serie A sempre molta accesa la corsa all’Europa con Inter, Milan, Roma, Lazio e Atalanta a giocarsi i due posti validi per la Champions. Discorso molto simile anche in fondo alla classifica con Spal, Udinese, Bologna e Empoli a giocarsi la salvezza.

 Tutti i Risultati IN TEMPO REALE 
⚽ ⚽ ⚽ ⚽ ⚽

lunedì 1 aprile 2019

SI E' PERSO L'OBIETTIVO PRIORITARIO: IL BENE DELL'INTER

“Icardi poteva giocare anche un tempo, ma con la Lazio era giusto giocassero gli altri. C’è da avere credibilità all’interno dello spogliatoio, essendo anche un po’ forti. Per quanto mi riguarda è 22 anni che ho credibilità con i miei calciatori, loro sanno raccontare la mia storia. Una cosa umiliante per gli sportivi e per i tifosi interisti. Non so come valutare la situazione, pensate a cosa vuol dire fare una trattativa con un giocatore per convincerlo a vestire la maglia dell’Inter. Icardi, come ho detto in conferenza stampa, doveva stare una partita fuori. Ora tornerà in gruppo e poi vedremo. Solo Messi e Ronaldo fanno la differenza. È la disciplina la vera forza di una squadra e di un professionista, quella che bisogna avere verso sé stessi e verso il contesto in cui si lavora”.
Lo so, dovevamo analizzare la sconfitta di ieri sera e invece ci ritroviamo a commentare l’ennesima puntata dell’infinita vicenda Icardi con Spalletti che esclude il giocatore dalle convocazioni per Inter-Lazio e poi nel post-gara si lascia andare ad uno sfogo abbastanza pesante nei confronti dell’ex capitano (e se vogliamo anche della società).

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails