ARTICOLI RECENTI

giovedì 11 aprile 2019

NAPOLI, DEBACLE LONDINESE. ORA SERVE UN’IMPRESA

Europa League 2018-2019 – Andata Quarti di Finale
ARSENAL-NAPOLI 2-0
15' Ramsey - 25' Koulibaly (aut.)

ARSENAL (3-4-1-2): Cech; Papastathopoulos, Koscielny, Monreal; Maitland-Niles, Torreira (32' st Elneny), Ramsey, Kolasinac; Ozil (22' st Mkhitarian); Aubameyang, Lacazette (22' st Iwobi).
A disp.: Leno, Mustafi, Guendouzi, Denis Suarez.
All.: Emery.
NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz (37' st Ounas), Zielinski; Mertens (21' st Milik), Insigne (37' st Younes).
A disp.: Ospina, Malcuit, Ghoulam, Chiriches.
All.: Ancelotti.
Arbitro: Undiano Mallenco (Spagna)

Con un piede fuori dall’Europa League. Dopo i primi 90 minuti della doppia sfida contro l’Arsenal, il Napoli è ad un passo dall’eliminazione. A Londra contro i Gunners allenati da Emery la formazione di Ancelotti rimedia un secco 2-0 che rende complicato il ritorno al San Paolo fra una settimana.
Parte forte l’Arsenal col Napoli in difficoltà che soffre la pressione alta, fatica a contenere sugli esterni e non riesce quasi mai a uscire.

Dopo un quarto d’ora i Gunners sbloccano la partita. Errore di Mario Rui che perde palla a centrocampo e fa partire l’azione che porta al vantaggio del futuro juventino Ramsey, messo tutto solo davanti a Meret. Passano 10 minuti è un altro errore dei partenopei (questa volta di Fabian Ruiz) permette all’Arsenal di rubare palla sulla trequarti e di trovare il raddoppio con un tiro di Torreira che trova la decisiva deviazione di Koulibaly.

Ancelotti prova a svegliare i suoi ma la reazione non c’è. Anzi, è l’Arsenal a sfiorare più volte il tris con Aubameyang e Ramsey. Il primo lampo azzurro nel finale del primo tempo, quando Callejon pesca Insigne tutto solo all’altezza del dischetto: il rigore in movimento del capitano finisce però in curva.
Un po’ più spavaldo l’approccio al secondo tempo del Napoli, che guadagna un po’ di campo e approfitta di un Arsenal meno intenso rispetto all’inizio. Riescono a uscire e a fraseggiare meglio gli azzurri, ma pungono poco davanti. Solo Koulibaly di testa costringe Cech a salvarsi in angolo. Dall’altro lato Meret diventa protagonista su Ramsey e Maitland-Niles. Insiste il Napoli alla ricerca del gol che può rendergli l’impresa meno difficile al ritorno. Insigne dipinge una palla al bacio per Zielinski, ma il centrocampista polacco spreca clamorosamente da solo davanti a Cech.
Finisce 2-0. Un risultato amaro, figlio di una prestazione deludente. Male soprattutto nel primo tempo, un po’ meglio soprattutto nel secondo. Orgogliosa la reazione nel secondo tempo, soprattutto nella parte finale, ma l’obiettivo di segnare è fallito. Al Napoli fra una settimana servirà un’impresa. Difficile, molto difficile, ma non impossibile.

Inserisci il tuo indirizzo mail:


Servizio offerto da FeedBurner

1 commento:

Collettivo Contro i Ladri di Scudetti ha detto...

Approccio completamente sbagliato (anche per merito dell'Arsenal) e poi non siamo stati capaci di segnare un gol che potesse darci speranza. Fra una settimana non servirà un'impresa, servirà un miracolo. Purtroppo.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails