GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 31 ottobre 2007

MERCOLEDI' RICCO DI GOL


Mercoledì di turno infrasettimanale ricco di gol (ben 34) e nessuna partita è finita sullo 0-0.
La capolista Inter (con Ibrahimovic in panchina e Adriano in tribuna) batte 4-1 il Genoa grazie ai gol di Cordoba, Cambiasso, Suazo (l'honduregno finalmente si è sbloccato) e Cruz su rigore.
Risponde il Milan con un netto 5-0 alla Sampdoria (doppietta di Gilardino). La Roma si aggiudica il derby romano. Rocchi illude la Lazio poi Vucinic, Mancini e Perrotta ribaltano il risultato. Inutile il gol di Ledesma.
La Juventus batte 3-0 l'Empoli con una tripletta di Trezeguet, capocannoniere del campionato.
Vieri segna il gol partita contro il Napoli e regala 3 punti importantissimi alla Fiorentina. Vince l'Udinese che batte 2-1 il Torino e consolida la sua quinta posizione.
Il Livorno vince la prima partita stagionale battendo 3-1 la Reggina in trasferta. Amauri su rigore salva il Palermo contro il Parma, e lo stesso fa Vargas che all'89 segna l'1-1 in Siena-Catania. Pareggio infine tra Atalanta e Cagliari: 2-2.
Classifica pressoché invariata nelle prime posizioni e domenica c'è Juventus-Inter...

10° GIORNATA - RISULTATI
Atalanta-Cagliari 2-2 39' rig. Fini (C), 55' Capelli (A), 70' Matri (C), 80' Doni (A)
Fiorentina-Napoli 1-0 61' Vieri (F)
INTER-Genoa 4-1 8' CORDOBA (I), 50' CAMBIASSO (I), 73' Konko (G), 74' SUAZO (I), 86' rig. CRUZ (I)
Juventus-Empoli 3-0 51' rig., 62' e 70' Trezeguet (J)
Palermo-Parma 1-1 3' Morrone (Par), 87' rig. Amauri (P)
Reggina-Livorno 1-3 34' Pulzetti (L), 37' Amoruso (R), 78' aut. Valdez (R), 90' Rossini (L)
Roma-Lazio 3-2 12' Rocchi (L), 19' Vucinic (R), 42' Mancini (R), 56' Perrotta (R), 70' Ledesma (L)
Sampdoria-Milan 0-5 47' Kakà (M), 53' e 61' Gilardino (M), 75' Gourcuff (M), 80' Seedorf (M)
Siena-Catania 1-1 80' De Ceglie (S), 89' Vargas (C)
Udinese-Torino 2-1 25' Floro Flores (U), 53' Inler (U), 63' Ventola (T)

CLASSIFICA
INTER 24 Roma 21 Fiorentina 20 Juventus 20 Udinese 18 Atalanta 15 Napoli 14 Catania 14 Palermo 14 Milan 13 Genoa 13 Sampdoria 11 Torino 11 Lazio 10 Parma 10 Cagliari 9 Empoli 8 Siena 8 Reggina 5 Livorno 5.

martedì 30 ottobre 2007

OSPEDALE INTER

Negli ultimi tempi ho la sensazione di non tifare per una squadra di calcio ma per un reparto ospedaliero. L'infermeria nerazzurra si riempie sempre più. Materazzi è infortunato da agosto (ma per fortuna dovrebbe rientrare a breve), Vieira da una vita (sebbene di tanto in tanto riappare come la Madonna di Lourdes), domenica si è aggiunto alla lista Stankovic (fermo un mese), Toldo ha una microfrattura al piede (operato, starà fuori due mesi), Julio Cesar ha mal di schiena, Adriano soffre di tanto in tanto di mal di schiena, Chivu si è ripreso da poco dall'infortunio ad una spalla. Domani sera giocherà Orlandoni in porta e presto potremmo essere costretti a giocare con Bolzoni-Pelè coppia di centrocampo.
Insomma, sembra un bollettino di guerra. Qual'è il motivo? Preparazione errata? Sfiga?
Secondo me il vero motivo è questo:
Il primo è il simbolo di un'ospedale, la seconda è la maglia del centenario dell'Inter (era facile da capire, mica siete deficienti). Entrambi hanno una croce rossa su sfondo bianco. Pertanto se fate due più due capirete che il motivo di cotante sventure (cotante sventure... che espressione!!) potrebbe essere imputato a ciò. La mia è una semplice supposizione, un'ipotesi, una sciocca scaramanzia. Ma se per anni abbiamo creduto alla buona fede degli arbitri perché ora non possiamo credere alla scaramanzia?
Ti è piaciuto questo post? Allora votalo cliccando il bottone.

lunedì 29 ottobre 2007

IL DOPO NAPOLI-JUVENTUS

E’ sicuramente l’argomento del giorno, anzi del weekend. Del resto credo che non sia mai capitato che siano stati assegnati due rigori inesistenti contro la Juventus, e difficilmente succederà di nuovo. Ovvio quindi che si parli solo di questo.
E’
partita già la campagna mediatica anti-arbitri. Tuttosport ieri titolava “Bergonzi-Juventus 3-1” e la Gazzetta “il Napoli e l'arbitro battono la Juventus.” Per non parlare delle varie trasmissioni sportive che hanno dato addosso a Bergonzi, a Collina e a tutti gli arbitri in generale.
Chi parla di complotto ha evidentemente memoria corta. Non più tardi di 3 settimane fa in Fiorentina-Juventus l’arbitro Rizzoli convalidava il gol di Iaquinta, nonostante un fuorigioco attivo di Trezeguet, e non concedeva due rigori alla Fiorentina. Non mi pare che il giorno dopo i giornali abbiano scritto "Fiorentina-Rizzoli 1-1". Già, probabilmente in quel caso l’arbitro era umano e poteva sbagliare, mentre sabato era un complotto anti-Juve.

Personalmente credo che Bergonzi abbia arbitrato malissimo, rigori a parte ha fatto molti errori. I rigori visti a velocità normale sembravano nettissimi. E inoltre Lavezzi e Zalayeta hanno accentuato un po’ la caduta. Tutto qui. Non si tratta di complotti, di punizioni antijuventine e tutte le altre stronzate uscite fuori in questi due giorni.
Dovremmo smetterla di pensare “Ecco, siamo alle solite” ogni volta che l’arbitro favorisce la Juventus o viceversa “Ci vogliono punire” ogni volta che l’arbitro sbaglierà contro la Juventus. Gli arbitri possono sbagliare, e a volte sbagliano.

Ritornando a Napoli-Juventus, l'arbitro ha fatto danni ma la Juventus ci ha messo del suo. La difesa è stata disastrosa (vedi il gol di Gargano) e il centrocampo bianconero è stato sovrastato dai partenopei.
In conclusione due appunti sulle squalifiche. Relativamente giusta quella di Bergonzi. Ha sbagliato ed è giusto che paghi anche se non è così che si aiutano gli arbitri a crescere (piccola parentesi: Rizzoli dopo Fiorentina-Juventus che punizione ha avuto?). Scandalosa quella di Zalayeta. L'attaccante uruguaiano si tuffa per evitare il contrasto con Buffon, non è simulazione nel modo più assoluto. Era chiaro che dopo il trambusto del weekend qualche piccolo segnale pro-Juve sarebbe stato dato. Ora sicuramente arriverà anche qualche aiutino sul campo, giusto per non far vedere che gli arbitri sono anti-Juve. Magari, casualmente, domenica prossima. Amici interisti se succede non indignatevi, gli arbitri, quando aiutano la Juventus, sono umani e possono sbagliare.

domenica 28 ottobre 2007

L'INTER PAREGGIA, LA ROMA NE APPROFITTA



L'Inter interrompe la serie di vittorie consecutive. A Palermo finisce 0-0. Una partita non eccezionale da parte dei nerazzurri che comunque hanno avuto le loro buone occasioni e hanno colpito una traversa con Chivu su punizione. Alla fine il pareggio è un risultato giusto.
Ma arriva l'ennesima tegola per la squadra nerazzurra: l'infortunio a Stankovic. Infortunio che pesa moltissimo. L'Inter a centrocampo deve già fare a meno di Vieira e quest'ulteriore defezione è una mazzata pesantissima. Considerando anche il fatto che Stankovic a centrocampo poteva giocare in tutti i ruoli e in tutte le zone del campo. Questa non ci voleva proprio.


Soddisfazione per l'ennesima sconfitta dei cugini rossoneri, che perdono in casa con la Roma. I giallorossi però adesso sono a -3. La Sampdoria perde 2-0 a Catania dove va in scena l'ennesima "cassanata". Il giocatore barese si fa male e si dirige negli spogliatoi senza interpellare la panchina. Raggiunto da Montella, quest’ultimo viene anche mandato a quel paese. Il Parma vince 3-2 contro il Livorno e salva la panchina di Di Carlo, la Lazio perde 1-0 in casa contro l'Udinese mentre l'Atalanta vince ad Empoli con un gol di Doni. Infine pareggio a reti bianche fra Siena e Reggina.

sabato 27 ottobre 2007

IL NAPOLI E L'ARBITRO BATTONO LA JUVENTUS


Come ai tempi di Maradona. Dopo 17 anni il Napoli batte la Juventus. Al gol di Del Piero in apertura di ripresa risponde Gargano con un bel gol. A questo punto sale in cattedra l'arbitro Bergonzi che assegna due rigori molto dubbi ai partenopei e Domizzi dal dischetto non fallisce. 3-1 il finale. Buon Napoli che ha giocato alla pari con la Juventus. Ma l'arbitraggio è stato vergognoso.

IO ADORO QUESTA DONNA!!!

Azionista e interista: caos in assemblea Juve
LA POLEMICA
Dopo lo spionaggio telefonico ora siamo all'infiltrazione assembleare». Un socio della Juventus, Graziano Spinelli, ieri ha apostrofato così un'altra azionista, Maria Luisa Anelli. La signora aveva preso la parola poco prima dichiarando di non tifare per la Juventus. «Sono una simpatizzante nerazzurra — aveva detto suscitando un brusio di riprovazione nella sala del centro storico della Fiat —. Ma sono qui come azionista per votare contro il bilancio perché quella che viene definita una perdita contenuta in realtà è un dissesto per i nostri capitali, visto che il titolo è sceso da 3,7 a 1,27 euro». Giovanni Cobolli Gigli le ha dato in parte ragione affermando che «l'attuale quotazione in Borsa della Juventus è inferiore rispetto al suo reale valore, che certo deve essere più alto». La signora Anelli però ha aggiunto una notazione maliziosa, almeno visto il contesto: «Le perdite il mio presidente Moratti le paga di tasca propria, qui invece le paghiamo noi azionisti». A questo punto il brusio nella sala è diventato tale che la signora è stata interrotta ed ha potuto terminare il proprio intervento solo dopo che il presidente Cobolli Gigli ha imposto la calma agli altri azionisti. Uno dei quali, più tardi, le ha chiesto scusa, anche se ormai se n'era già andata: «Alla Juventus non siamo abituati a trattare così le signore». (Interfans.org)
Questa donna è stata semplicemente grandiosa. Io adoro questa donna. Da interista è andata all'assemblea della Juventus, ha preso la parola e gli ha rotto le scatole. Tra l'altro, non ha parlato a vanvera, tanto è che lo stesso Cobolli Gigli gli ha dato parzialmente ragione. Grandissima Maria Luisa, sei un mito. Citando Gabriele: Andare all'assemblea degli azionisti della Juve, professarsi interista ed elogiare Moratti: NON HA PREZZO!

venerdì 26 ottobre 2007

BUON COMPLEANNO


BUON COMPLEANNO al difensore rumeno CHRISTIAN CHIVU che oggi compie 27 anni. Il difensore nerazzurro, arrivato in estate dalla Roma, é già un'elemento importante della rosa di Mancini, anche se finora ha giocato poco per problemi fisici.

giovedì 25 ottobre 2007

PICCOLI APPUNTI LEGGENDO QUA E LA'


Il Sogno Juve, Battere l'Inter. (TgCom)
Io invece sogno una notte d'amore con la Canalis.

Anche in questa stagione la sua presenza fissa non era prevista da Mancini, ma l'infortunio di Materazzi lo ha favorito in modo particolare, oltre alle tante squalifiche di cui continuano a soffrire i nerazzurri in Coppa Uefa. (TgCom)
Ma non giocavamo in Champions League?

Ed ora "Big Luciano" medita il rientro: "Spero di tornare in quell'ambiente che è stato il mio - ha detto - Magari ci sarà qualcuno che crede in me". (TgCom)
Continua a vaneggiare. E' convinto di essere Dio.

Ronaldo, rientro rinviato (Gazzetta.it)
Ma non doveva rientrare due mesi fa?

"Nel tardo pomeriggio di oggi Patrick Vieira è stato sottoposto ai programmati controlli strumentali dopo l'infortunio riportato nel primo tempo della gara di Champiosn League tra CSKA Mosca e Inter. Gli esami effettuati hanno evidenziato uno stiramento di secondo grado al gemello mediale della gamba destra". (Inter.it)
Lo stop non sarà inferiore ai due mesi. L'Inter ha già inoltrato la domanda per la pensione d'invalidità.

mercoledì 24 ottobre 2007

VIEIRA DI NUOVO INFORTUNATO

Anche dopo una serata di gioia arrivano le brutte notizie. Patrick Vieira si è infortunato dopo appena 17 minuti e, pare, rischia due mesi di stop. Una grave perdita per il centrocampo nerazzurro che avrebbe bisogno del francese, appena rientrato da un'infortunio, ma che finora se l'è cavata anche senza l'ex juventino. Certo il francese ci sta mettendo del suo. Non dimentichiamoci che l'ultima ricaduta era avvenuta dopo che Vieira, non ancora perfettamente guarito, aveva giocato con la Nazionale francese a metà settembre.
Un consiglio per il giocatore. Prima di rientrare faccia un bel pellegrinaggio a Lourdes, mi sa che ne ha bisogno...
(PS: Visto che ultimamente gioca più con la Nazionale che con l'Inter, propongo di chiedere alla federazione francese che paghi loro lo stipendio di Vieira)

BUON COMPLEANNO

BUON COMPLEANNO al giocatore brasiliano APARECIDO RODRIGUEZ CESAR. L'esterno sinistro, fortemente voluto da Mancini due stagioni fa, sta dimostrando tutto il suo valore in questo inizio di stagione dopo due anni molto deludenti.

martedì 23 ottobre 2007

INTER FORTUNATAMENTE VINCENTE


L'Inter soffre a Mosca e va sotto di un gol alla mezzora. Dopo un primo tempo deludente, nella ripresa Crespo e Samuel ribaltano il risultato con la complicità della difesa e del portiere (clamorosa papera sul secondo gol). I nerazzurri conquistano la vetta del girone in attesa di Psv-Feenrbahce. Non è stata una bella Inter ma, come tre giorni fa a Reggio Calabria, porta a casa la vittoria. E questa è sicuramente la cosa più importante. Non dimentichiamoci che i Campioni d'Europa in carica hanno portato a casa il trofeo giocando bene solo le ultime 3-4 partite.
Unica notizia negativa della serata: l'ennesimo infortunio a Vieira (e te pareva...).

lunedì 22 ottobre 2007

APPUNTI VELOCI

Non si ride delle sventure altrui. Ok, ma provate voi a restare seri dopo che il Milan ha perso 1-0 in casa contro l'Empoli e ha rimediato l'ennesima figura di m... della stagione.
Ancelotti garantisce "A Natale agganciamo l'Inter". Si è dimenticato di specificare l'anno.
L'Uefa ha ridotto la squalifica di Dida da una a due giornate. Respinto il ricorso del Milan che chiedeva 5 giornate.
Nella notte a Torino la Polizia ha fermato Nedved in evidente stato d'ubriachezza. Aveva alzato troppo il gomito.
Inter in allarme per la laringite di Ibrahimovic: chi manda affanculo arbitro, compagni, avversari, guardalinee, quarto uomo, pubblico, eccetera? (Calciolandia)
La McLaren presenta l'ennesimo ricorso. La tuta di Raikkonen era più corta di 3 centimetri.
Iezzo e Curci si difendono dopo aver incassato 4 gol a testa nella sfida Roma-Napoli. "Abbiamo studiato il ruolo guardando le videocassette di Dida".
Cobolli Gigli: “L'Inter è la McLaren del calcio”. Ogni occasione è buona per dire stronzate.
Momento di grazia per l'editoria sportiva! Dopo "Un calcio nel cuore" di Luciano Moggi, sta per uscire "Un calcio nel culo" di Silvio Baldini (Paolo Ziliani)
Intervistato da Michele Santoro sul caso-Mastella, Rino Gattuso ha dichiarato: "Il mio parere su Why not? Life is now!". (Paolo Ziliani)

domenica 21 ottobre 2007

RAIKKONEN CAMPIONE DEL MONDO

Adesso siamo tutti bravi a celebrare Kimi Raikkonen, fresco vincitore del titolo piloti di Formula Uno, ma qualche mese fa non era così. Il finlandese ha avuto un'inizio difficile in Ferrari. Vittoria all'esordio ma poi una serie di gare senza incidere. E quando i mugugni erano tanti quanti i rimpianti per Schumacher, l'erede del tedesco ha iniziato ad inanellare una serie di successi e risultati positivi che lo hanno portato all'ultima gara a giocarsi il titolo con l'esordiente Hamilton, dominatore della stagione e Alonso, campione in carica.
Ma l'impresa non era facile, anzi quasi impossibile. Per conquistare il titolo bisognava vincere e sperare che gli altri sbagliassero qualcosa. Le prove erano andate un po' così. Kimi era solo terzo dietro a Massa e Hamilton ma davanti ad Alonso. Poi scatta la gara, Raikkonen riesce ad infilare Hamilton e alla prima curva è secondo. L'inglese fa un errore, esce fuori pista, poi ha un problema elettronico, perde posizioni. A questo punto è un monologo Rosso Ferrari con Massa che domina la gara e Raikkonen che lo supera dopo il secondo pit-stop. Alonso, distaccato di parecchi secondi, arriva terzo. Hamilton tenta una rimonta disperata ma non va oltre il 7 posto. Alla fine la classifica piloti recita RAIKKONEN 110 punti, Hamilton 109 punti, Alonso 109 punti. Raikkonen è il nuovo campione del mondo.
Ha dimostrato di essere il più forte. Più forte della spy-story, più forte di Hamilton bravo ma spesso aiutato da scelte discutibili dei giudici, più forte della pesante eredità di Schumacher. Kimi Raikkonen ha dimostrato di essere il più bravo e di meritare questo titolo. COMPLIMENTI KIMI !!!
KIMI RAIKKONEN

CAMPIONE DEL MONDO 2007

VINCA IL MIGLIORE


Stasera alle 18 in Brasile ultimo Gran Premio stagionale di Formula 1. In corsa per il titolo piloti 3 concorrenti. L'inglese Hamilton, lo spagnolo Alonso, entrambi su McLaren, e il finlandese Raikonnen, pilota della Ferrari.
Lewis Hamilton 107 punti (4 vittorie, 5 secondi e 3 terzi posti) sarà campione se:
vince o arriva secondo. È terzo, quarto o quinto e Alonso non vince; è sesto o settimo, Alonso non fa meglio del terzo posto e Raikkonen non vince; è ottavo, Alonso non meglio di quarto e Raikkonen non meglio di terzo; non va a punti, Alonso non fa meglio del quinto posto e Raikkonen non meglio del terzo.
Se vince sarebbe il primo esordiente a conquistare un titolo mondiale.
Fernando Alonso 103 punti (4 vittorie, 4 secondi e 3 terzi posti) è campione se:
vince e Hamilton non fa meglio del terzo posto; è secondo e Hamilton non fa meglio di sesto; è terzo, Hamilton si piazza non meglio di ottavo e Raikkonen non vince; è quarto, Hamilton non fa meglio del nono posto, Raikkonen non più di terzo.
Se vince conquisterebbe il terzo titolo consecutivo, eguagliando Fangio e Schumacher.
Kimi Raikkonen 100 punti (5 vittorie, 2 secondi e 4 terzi posti) è campione se:
vince, Hamilton non fa meglio del sesto posto, Alonso non meglio del terzo; è secondo, Hamilton non meglio di ottavo, Alonso non meglio di quarto.
Se vince conquisterebbe il titolo al primo anno in Ferrari, eguagliando Fangio.
Vinca il migliore, ma noi tiferemo Ferrari. Forza Raikkonen!!!

L'IMPERATORE RITROVA IL GOL


REGGINA - INTER 0 - 1
18' ADRIANO
Il ritorno al gol del brasiliano è sufficiente per stendere la Reggina e lanciare l'Inter a+5 sulla Roma (spettacolare 4-4 contro il Napoli). Prestazione non eccellente della squadra, i calabresi avrebbero meritato ampiamente il pareggio.
Ma è vincendo questo tipo di partite (in cui meriteresti di non vincere) che si capisce che la stagione potrà regalarci altre soddisfazioni.

sabato 20 ottobre 2007

ROMA-NAPOLI APRE L'OTTAVA GIORNATA


Dopo la sosta per la Nazionale riparte il campionato. L'ottava giornata offre subito due sfide interessanti. Alle 18 ci sarà Roma-Napoli mentre in serata l'Inter va a Reggio Calabria.
Totti e compagni proveranno a non farsi scappare l'Inter, ma sulla loro strada troveranno un Napoli grintoso che vorrà riscattare le ultime due sconfitte contro Genoa e Inter. La sfida fra capitolini e partenopei ha un sapore antico, nel passato era una delle classiche del nostro campionato. L'ingresso allo stadio sarà concesso solo agli abbonati. Dispiace che una sfida così bella non potrà essere seguita da tutti. Chissà se poi tutte queste restrizioni hanno un senso o non serviranno praticamente a nulla. Io rimango del aprere che ci vuole ben altro per arginare il problema ultras.
L'anticipo delle 20.30 offre Reggina-Inter. Sulla carta dovrebbe essere una sfida agevole ma in realtà ogni partita fa storia a sé e non è escluso che possano arrivare sorprese. La squadra amaranto è stata l'ultima formazione ha fermare l'attacco nerazzurro, lo scorso aprile a Reggio Calabria finì 0-0. Mancini ritroverà Vieira (finalmente...) mentre in attacco rientrerà Adriano in cerca ancora del suo primo gol stagionale.

Le sfide di domani propongono Milan-Empoli, il derby toscano tra Fiorentina e Siena, Sampdoria-Parma, Livorno-Lazio con l'esordio di Camolese sulla panchina livornese, Atalanta-Torino, Udinese-Palermo, Cagliari-Catania e il posticipo Juventus-Genoa.
Sta per iniziare un altro tour de force. Martedì e mercoledì ci sarà la Champions League, poi turno domenicale, turno infrasettimanale il 31 ottobre (con il derby Roma-Lazio) e infine ancora turno domenicale con l'attesa sfida Juventus-Inter.

venerdì 19 ottobre 2007

CONVALESCENTI

Mancini lo ha convocato per la trasferta di Reggio Calabria. Ma allora è vivo e sta bene? Mi auguro che qualcuno gli abbia spiegato che l'ha convocato Mancini e non Domenech, che giocherà nell'Inter e che dovrà giocare contro la Reggina e non contro l'Ucraina. Spiegato tutto? Bene. Adesso sto più tranquillo.
Lui invece è ancora sofferente. Cioè è guarito però non è ancora pronto. E' quasi pronto, domenica giocherà. Quale domenica? Boh, non lo so. Pare che conti i giorni. Si vede che non ha un cazzo da fare.
Per lui bisognerà aspettare. Del resto gli hanno tirato via un bel po' di sangue. La gamba deve riacquistare tono muscolare. Rientrerà presto, ma senza fretta. Potrebbe rientrare il 17 (!!!) novembre (!!!) con la Nazionale (!!!). Non sono superstizioso però per sicurezza è bene toccarsi.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails