ARTICOLI RECENTI

martedì 14 settembre 2021

COPPE EUROPEE: SI PARTE !!!

Ci siamo. Da stasera ripartono anche le coppe europee. Sarà, come al solito, la Champions League a dare il via. E lo farà con una supersfida come Barcellona-Bayern Monaco (naturalmente insieme alle altre sette sfide che compongono la prima giornata). Giovedì toccherà poi all’Europa League e soprattutto all’esordio assoluto della Conference League, la nuova coppa europea che fa il debutto in questa stagione. 
Sette le squadre italiane in corso. Inter, Atalanta, Milan e Juventus in Champions League, Lazio e Napoli in Europa League, Roma in Conference League. Obiettivo? Riportare in alto i colori italici. Dopo il trionfo della nostra Nazionale nel campionato europeo, sarebbe bello che una delle nostre squadre la prossima primavera alzasse al cielo un trofeo europeo. Non siete d’accordo? In bocca al lupo a tutte e sette!!!

lunedì 13 settembre 2021

UN BUON PUNTO IN UNA GIORNATA STORTA MA...

Un punto guadagnato o due punti persi? L’eterno dilemma si ripropone ad ogni passo mezzo falso della nostra squadra. Onestamente non saprei dare una risposta. Se penso alle occasioni che abbiamo avuto sono sicuramente due punti persi, se penso alla prestazione complessiva dei nostri ragazzi è un punto guadagnato. O meglio, è un punto. 
L’ho scritto anche ieri il pareggio ci sta ed è il risultato più giusto per quello che si è visto in campo. E’ vero l’avremmo potuta vincere, ma l’avremmo anche potuta perdere se D’Ambrosio non si fosse trovato al posto giusto nel momento giusto. Vi ricordo che la scorsa stagione tornammo da Genova a mani vuote e che comunque anche la scorsa stagione avevamo sette punti dopo tre giornate. Quindi teniamoci stretto questo punticino e guardiamo avanti, senza fare drammi e senza disegnare scenari apocalittici che sono totalmente fuori luogo. 

domenica 12 settembre 2021

DIMARCO E IL "TORO" NON BASTANO: INTER, UN PUNTO E TANTI RIMPIANTI

Serie A 2021-2022 – 3^ Giornata 
SAMPDORIA - INTER 2 - 2 
18’ DIMARCO – 34’ Yoshida – 44’ L. MARTINEZ – 47’ Augello 

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Augello (32’ st Murru); Candreva, Silva (43' st Torregrossa), Thorsby, Damsgaard (32’ st Verre); Caputo, Quagliarella (22’ st Askildsen). 
All: D'Aversa. 
INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Dimarco (22’ st Dumfries); Darmian, Barella, Brozovic (8’ st Vidal), Calhanoglu (22’ st Sensi), Perisic (8’ st D’Ambrosio); Dzeko, Lautaro (17’ st Correa). 
All: Inzaghi. 
Arbitro: Orsato 

L’Inter torna da Genova con un punto e tanti rimpianti. I nerazzurri vanno due volte in vantaggio e si fanno raggiungere entrambe le volte. Al gol di Dimarco (punizione spettacolare) risponde Yoshida, mentre dopo il nuovo vantaggio firmato da Lautaro Martinez arriva il pareggio di Augello. Inter che nell’ultimo quarto d’ora gioca praticamente in 10 perché Sensi (subentrato a Calhanoglu) si infortuna in un normale contrasto di gioco dopo che mister Inzaghi aveva esaurito i cambi. Sfuma quindi l’occasione di agganciare il Napoli in vetta alla classifica e di andare a +8 dalla Juventus
Inzaghi, come anticipato ieri, deve rinunciare a Bastoni. Al suo posto Dimarco. Darmian e Perisic sono gli esterni di centrocampo, mentre in attacco è Lautaro Martinez e non Sensi ad affiancare Dzeko.