ARTICOLI RECENTI

giovedì 19 luglio 2018

IL PAGELLONE MONDIALE (seconda parte)

Io e Theseus (con la collaborazione di Mattia e Lady Marianne) abbiamo provato a dare i voti e a giudicare le trentadue Nazionali che hanno preso parte al Mondiale. Ecco la seconda parte del nostro Pagellone.
ISLANDA – voto 6,5. All’esordio Mondiale, mette subito paura all’Argentina. Ma poi si arrende a Nigeria e Croazia e non ripete l’exploit dell’Europeo 2016. Sufficienza per la simpatia.
MAROCCO – voto 4,5. Il pareggio con la Spagna è l’unico acuto in un Mondiale dove fa da sparring partner. Persino l’Iran fa meglio di loro.
MESSICO – voto 7. La vittoria contro i campioni in carica della Germania vale tutto il Mondiale. Peccato che agli ottavi si ritrovi davanti il Brasile.
NIGERIA – voto 5,5. Mette paura all’Argentina (vincendo avrebbe superato il turno mandando a casa l’Albiceleste), ma poi deve arrendersi. Non è la Nigeria di Usa ’94.
PANAMA – voto 5. Come l’Islanda era all’esordio mondiale. Ha fatto la figurante prendendo tra l’altro sei gol dal Belgio. Ma al pari degli islandesi, vince il Mondiale della simpatia.
PERÙ – voto 4,5. Vince all’ultima giornata con l’Australia. Ma non si poteva chiedere di più. Cartellino timbrato.

mercoledì 18 luglio 2018

IL PAGELLONE MONDIALE (prima parte)

Io e Theseus (con la collaborazione di Mattia e Lady Marianne) abbiamo provato a dare i voti e a giudicare le trentadue Nazionali che hanno preso parte al Mondiale. Ecco la prima parte del nostro Pagellone.
ARABIA SAUDITA – voto 4,5. Prende cinque gol all’esordio contro la Russia. Chiude il Mondiale battendo in rimonta l’Egitto. Unica soddisfazione.
ARGENTINA - voto 5. Eliminati agli ottavi dalla Francia senza mai veramente entusiasmare. Messi ha di nuovo fallito l’appuntamento con le grandi manifestazioni. Ma ciò che lascia perplessi è il fatto che Sampaoli sia sembrato un burattino nelle mani dello spogliatoio. Molto deludente.
AUSTRALIA – voto 5. Rischia di frenare la Francia e blocca la Danimarca. Dimostra di non essere male come squadra. Ma i risultati non rispecchiano le prestazioni. Vorrei ma non posso.
BELGIO – voto 8,5. Chiude al terzo posto dopo un Mondiale quasi perfetto in cui ha chiuso il girone a punteggio pieno, ha recuperato due gol al Giappone, ha eliminato il Brasile e ha battuto l’Inghilterra nella finalina. Peccato per la sconfitta in semifinale. Ad un passo dalla perfezione.

martedì 17 luglio 2018

COSA RESTERÀ DI QUESTO MONDIALE?

Quasi tutte le grandi Nazionali fanno cilecca. Dall’Olanda e l’Italia che non si sono nemmeno qualificate, alla Germania eliminata nella fase a gironi, passando per Spagna, Portogallo e Argentina che non superano gli ottavi e per il Brasile che si arrende ai quarti. Le favorite della vigilia se ne tornano tutti a casa in anticipo.

Il flop clamoroso dei principali candidati al Pallone d’Oro. Messi, Cristiano Ronaldo, Neymar. Tutti eliminati mestamente dopo aver lasciato poche tracce su questo Mondiale. Ma tanto il Pallone d’Oro andrà lo stesso a uno di loro tre…

Le gufate contro. A secondo delle proprie antipatie ognuno ha tifato contro questa o quella Nazionale nella speranza che venisse eliminata (il sottoscritto aveva il suo bell’elenco: Argentina per Messi, Portogallo per Cristiano Ronaldo, Spagna, Svezia, Francia, Brasile per Neymar)

Il VAR, che si è rivelato decisiva anche durante la finale per valutare il tocco di mano di Perisic dal quale è scaturito il rigore del secondo vantaggio francese. Errori ce ne sono stati, nel complesso però la prima volta è stata più che buona.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!