ARTICOLI RECENTI

mercoledì 19 settembre 2018

DATECI DIECI, CENTO, MILLE SERATE COSI’

Come sempre più si avvicina l’ora del fischio d’inizio e più sei teso, impaziente. Ad ogni ticchettio dell’orologio sale il livello dell’ansia. Corri via dal lavoro, affronti il traffico e ti siede sul divano quando la partita è cominciata da un paio di minuti.
Cavolo, sei anni ad aspettare nuovamente quella dolce musichetta e me la sono persa”.
Forse è meglio così, altrimenti l’ansia e l’adrenalina avrebbero superato il livello di guardia.
L’Inter non gioca male, anzi. Gioca ad armi pari col Tottenham, cerca di rendersi pericolosa, prova a trovare il gol. Dopo lo scempio di sabato scorso, questo basta per tranquillizzarsi un po’. Il primo tempo scivola via.
“Però, tutto sommato lo 0-0 non è male”.
In uno stato di relativa calma e tranquillità ti prepari ad affrontare il secondo tempo. E inizi a formulare pensieri positivi .
“Questo Tottenham non è fortissimo come sembra, magari riusciamo a batterli, non dovrebbe essere un’impresa titanica”.

martedì 18 settembre 2018

PAZZA INTER DA CHAMPIONS: RIBALTA IL TOTTENHAM NEI MINUTI FINALI

Champions League 2018-2019 – Girone B Prima Giornata
INTER - TOTTENHAM 2 - 1
53’ Eriksen - 86’ ICARDI - 93’ VECINO

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Miranda, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano (72’ Keita), Nainggolan (89’ Borja Valero), Perisic (64’ Candreva); Icardi.
A disposizione: Padelli, Ranocchia, D’Ambrosio, Berni.
Allenatore: Spalletti.
TOTTENHAM (4-3-1-2): Vorm; Aurier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dembelè, Dier, Eriksen; Lamela (72’ Winks); Kane (89’ Rose), Son (64’ Lucas).
A disposizione: Gazzaniga, Wanyama, Walter-Peters, Llorente.
Allenatore: Pochettino.
Arbitro: Turpin (Francia)

Dopo sei anni (per l’esattezza 2380 giorni) l’Inter ritrova la Champions League ed è una serata non adatta ai deboli di cuore. Sotto di un gol fino a pochi minuti dalla fine, i nerazzurri ribaltano il risultato, trascinati dal meraviglioso gol di Mauro Icardi (eccezionale tiro al volo) e da Matias Vecino. Sì, proprio lui che aveva riportato l’Inter in Champions con un gol di testa nell’ultima giornata dello scorso campionato. La squadra di Spalletti porta a casa i primi tre punti del girone e lancia un messaggio alle avversarie del girone: l’Inter c’é.

Spalletti mette in campo il solito 4-2-3-1 con Skriniar nell’insolito ruolo di terzino destro, Asamoah a sinistra, Miranda e De Vrij in mezzo. A centrocampo Vecino-Brozovic mentre in avanti Politano, Naingollan e Perisic a supporto dell’unica punta Icardi.

TUTTI ALLA CACCIA DI UN TROFEO (Champions ed Europa League, si riparte)

E anche in Europa si riparte. Inizia da oggi la prima tre giorni europea che dà il via alla stagione delle coppe europee. Champions League e Europa League (in attesa della terza coppa europea preannunciata nelle scorse settimane e che dovrebbe partire dalla stagione 2020-21) offrono sogni e speranze di vittoria a molte squadre. Inutile negarlo, il piatto più ambito è la coppa dalle grandi orecchie, quella Champions League che rappresenta il sogno (e l’incubo) di molti. L’Italia si presenta ai nastri di partenza con quattro squadre (non succedeva dalla stagione 2009-2010) e soprattutto con la Juventus che con un Cristiano Ronaldo in più nel motore si candida a grande favorita per la vittoria finale. Insieme a lei le solite note. Il Barcellona di Messi, il Real Madrid campione in carica, il City di Guardiola, il Psg di Mbappe, l’Atletico di Simeone, e, un po’ più defilate, lo United di Mourinho e il Liverpool finalista dello scorso anno.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!