DE RERUM CALCIORUM - Blog Sportivo di un Tifoso Nerazzurro - Online dal 1 gennaio 2007

SEGUICI SU



Votaci su Net-Parade.it

venerdì 25 luglio 2014

JUVE, UN'ESORDIO NON PROPRIO... LUCENTO

JUVENTUS-LUCENTO 2-3
La nuova Juventus targata Max Allegri scende in campo, seppure a Vinovo e senza pubblico, per la sua prima uscita stagionale. L'avversario è il Lucento, squadra di Eccellenza utile per testare movimenti con e senza palla. La partenza dei bianconeri, come già avvenuto alla prima di Conte tre anni fa, non è però delle migliori. E, questa volta, neppure il risultato finale.
Vantaggio del Lucento dopo 11 minuti, con colpo di testa di Coppo su corner. Pareggia Llorente con una girata di sinistro ed è lo stesso attaccante spagnolo a firmare il 2-1, sempre di sinistro. Nella ripresa tanti cambi (entrano Pereyra, Liviero, Coman, Spinazzola, Bouy, Gerbaudo, Buchel e Vitale), si risveglia il Lucento che pareggia con Cavazzi e vince con il gol di Cretazzo a cinque minuti dalla fine.
Finisce 2-3. Un risultato tutt’altro che beneaugurante per l'avventura bianconera di mister Allegri che inizia nel peggiore dei modi.

ALCUNE CONSIDERAZIONI...
Juve sconfitta nella prima amichevole stagionale da una squadra di Eccellenza. E’ crisi Inter.

giovedì 24 luglio 2014

DAL BLOG ALLA CRISI DEL CALCIO ITALIANO, CHIACCHIERATA CON "SUPERSCOMMESSE"

Qualche giorno fa ho avuto il piacere di rispondere alle domande di Martina Carella del sito “Superscommesse”. Tra il racconto di come sono nate le mie passioni, il lavoro “redazionale” del blog e la crisi del calcio italiano, ne è uscita fuori una bella chiacchierata pubblicata oggi sul loro sito e che vale sicuramente la pena riproporvi qui.

Torna, come ogni giovedì, Dietro le Quinte, la rubrica di Superscommesse dedicata a retroscena, avvenimenti e curiosità sul mondo del calcio e non solo.
Oggi siamo in compagnia di Vincenzo Spadafora, blogger di Calciomania 90, spazio dedicato all'informazione calcistica, con un focus particolare sulle vicende nerazzurre.
Buongiorno Vincenzo, come e quando nasce Calciomania 90?
Calciomania 90 nasce nel gennaio del 2007 con il nome di “De Rerum Calciorum” (ha preso l’attuale denominazione solo ad inizio di quest’anno) ed è la combinazione di mie tre grandi passioni: il calcio, l’Inter e la scrittura. Fin da ragazzo avevo il sogno di diventare giornalista sportivo ma, dopo aver collaborato con alcune testate locali ai tempi degli studi universitari, la mia carriera lavorativa ha preso altre strade. Nonostante ciò la passione per la scrittura è rimasta e così, quasi per caso, sul finire del 2006 mi sono addentrato nel mondo dei blog. E da lì è partita l’idea di provarci.

mercoledì 23 luglio 2014

DA DOSSENA A SCUGUGIA: ECCO L’ESERCITO DEGLI SVINCOLATI

C’è chi va in vacanza a luglio e chi, come i calciatori, ricomincia a mettersi in gioco. Le vacanze finiscono, c’è il mercato e per tutti c’è la necessità di rimettersi a lavorare sul campo per guadagnarsi un posto nella propria squadra.
C’è poi chi ogni anno in questo mese lotta, fatica e suda per convincere i dirigenti e le società a proporgli un contratto per la prossima stagione. E’ il popolo degli svincolati o dei giocatori disoccupati, quelli che non rientravano più nei piani delle squadre di appartenenza e non sono stati rinnovati o che peggio si sono ritrovati a piedi di punto in bianco a causa del fallimento del club.
Limitandoci a prendere solamente in esame i calciatori che fino al 30 giugno militavano in prima squadra i giocatori a parametro zero che sperano di strappare un contratto nelle prossime settimane sono 90.
Di questi ben 70 prenderanno parte alla preparazione precampionato riservata ai calciatori “senza contratto” che si tiene come ogni anno a Coverciano.

martedì 22 luglio 2014

GERMANIA IN LUTTO, CALCIATORE SI SUICIDA PER DEPRESSIONE

Si è tolto la vita a 33 anni arrendendosi alla depressione, una malattia di cui da anni soffriva e che l’aveva portato a tentare il suicidio altre tre volte. Andreas Biermann era un calciatore tedesco non certo dei i più famosi. La sua carriera tra i professionisti si era fermata alla Zweite Bundesliga, la serie B in Germania. Ora militava tra i dilettanti, nello Spandauer Kickers, ma il suo nome più che per le gesta sportive era conosciuto per la denuncia della depressione che aveva fatto in tv e attraverso un suo libro dal titolo significativo: “Rote Karte Depressione” (Cartellino rosso alla depressione).

Era stato il dramma di Robert Enke , l’ex portiere tedesco suicida sotto un treno nel 2009, a dare a Biermann il coraggio di parlare della malattia. Andreas aveva già tentato di uccidersi giovanissimo, nel 2003 e nel 2009, e la sua vicenda era venuta così alla luce. Nonostante la voglia di superare il problema, il 33enne però non era mai riuscito a liberarsene del tutto. Venerdì è stato trovato morto a Berlino.

lunedì 21 luglio 2014

LE DIECI (+ UNA) COSE CHE RESTERANNO DI QUESTO MONDIALE

Cosa resterà di questo Mondiale? A distanza di una settimana (ma sembra un secolo) ce lo siamo chiesti in due, io e Theseus e alla fine abbiamo tirato fuori 10 (+1, perché non è facile mettersi daccordo)  cose che secondo noi resteranno di questo Mondiale. E secondo voi cosa resterà?
1. LA PESSIMA FIGURA DELL’ITALIA (e della Spagna). Dopo la figuraccia di Sudafrica 2010, l’Italia si ripete uscendo in malo modo anche in Brasile. Eliminata nella fase a gironi in malo modo. Ma, mal comune mezzo gaudio, la Spagna non ha certo fatto una figura migliore. Da campione in carica a eliminata al primo turno.

2. LE BOMBOLETTE SPRAY. Per la prima volta in un Mondiale gli arbitri segnano la distanza della barriera con lo spray. Non è un'innovazione del calibro della "goal line technology", ma funziona. E tutti si chiedono come mai nessuno ci ha pensato prima.

3. BRASILE-GERMANIA 1-7. Una partita che resterà per sempre nella storia. Un dramma sportivo per il popolo brasiliano peggio del Maracanazo del 1950.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails