GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 16 agosto 2017

SIMPLY THE BEST - I Campioni Del Passato. LOTHAR MATTHAUS

 Viaggio tra alcuni campioni del passato che hanno fatto la storia del calcio 
LOTHAR MATTHAUS
Luogo e Data di Nascita: Erlangen, 21 marzo 1961
Nazionalità: Tedesca
Ruolo: Centrocampista
Altezza: 174 cm – Peso: 71 kg

Considerato uno dei migliori centrocampisti offensivi nella storia del calcio, si afferma in Bundesliga nel 1979 col Borussia M'gladbach. Già l'anno dopo apporta un valido contributo alla sua nazionale che vince il campionato d'Europa 1980. Dopo cinque stagioni passa al Bayern Monaco nel 1984, con cui in quattro anni vince tre campionati tedeschi, una Coppa e una Supercoppa di Germania.
Nel 1988 si trasferisce all'Inter. Nel periodo interista vince lo scudetto dei record – che l'Inter conquistò nel 1988-1989 con 58 punti in 34 partite, record per i campionati italiani a 18 squadre e 2 punti per vittoria. Matthäus segnò il decisivo 2-1 nello scontro diretto di Milano con il Napoli. Nello stesso anno vinse con i nerazzurri anche la Supercoppa italiana.

lunedì 14 agosto 2017

SIMPLY THE BEST - I Campioni Del Passato. EMILIO BUTRAGUENO

 Viaggio tra alcuni campioni del passato che hanno fatto la storia del calcio 
EMILIO BUTRAGUENO
Luogo e Data di Nascita: Madrid, 22 luglio 1963
Nazionalità: Spagnola
Ruolo: Attaccante
Altezza: 170 cm – Peso: 68 kg

Per un gioco linguistico sul suo cognome, era soprannominato "El Buitre" ("L'Avvoltoio" in lingua spagnola), ma era anche noto con il soprannome "El Caballero Blanco" per la sua sentita militanza madridista. Giocatore imprevedibile, dotato di rare qualità tecniche, capace di regalare giocate uniche in una squadra di campioni, i quali ne riconoscevano il ruolo di austero e silenzioso leader dallo spirito nobile.
La sua carriera è legata in maniera totale al club di Madrid: nato nel 1963 (naturalmente a Madrid, il 22 luglio), debutta nel Real Madrid B (terza divisione) guadagnandosi subito l'appellativo di "el Buitre" (l'avvoltoio) per la sua rapacità nell'area di rigore: una capacità di opportunismo, un senso del gol, un fiuto della porta, che accompagnarono poi tutta la sua carriera.

Nella stagione 1983/84 approda in prestito al Castilla (squadra satellite del Real), dove, insieme ad altri futuri talenti del Real (come Michel, Martin Vazquez e Manuel Sanchis), vince il campionato di serie B.

sabato 12 agosto 2017

SIMPLY THE BEST - I Campioni Del Passato. OMAR ENRIQUE SIVORI

 Viaggio tra alcuni campioni del passato che hanno fatto la storia del calcio 
OMAR ENRIQUE SIVORI
Luogo e Data di Nascita: San Nicolàs de los Arroyos, 2 Ottobre 1935
Nazionalità: Argentina
Ruolo: Attaccante
Altezza: 163 cm – Peso: 59 kg

Omar Sívori è stato un calciatore e allenatore di calcio italo-argentino che, nel corso della sua carriera agonistica, rappresentò sia l'Argentina che l'Italia e militò nei club del River Plate, della Juventus e del Napoli; in panchina fu anche commissario tecnico dell'Albiceleste all'inizio degli anni 1970.
Chiamato El pibe de oro o El Cabezón per la folta capigliatura scura che spiccava sul corpo minuto, o anche El Gran Zurdo (il grande mancino) perché giocava principalmente con il sinistro, Sívori vinse con la maglia della Selección la Copa América 1957 mentre, tra le file di River Plate e Juventus, ottenne 6 titoli e 2 coppe nazionali. In carriera mise a segno 147 reti nel campionato italiano, e 17 con le casacche di Argentina e Italia; detiene inoltre, assieme a Silvio Piola, il record del maggior numero di gol segnati in una singola partita della Serie A: il 10 giugno 1961 siglò infatti 6 reti nella gara Juventus-Inter (9-1) della stagione 1960-1961.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails