ARTICOLI RECENTI

giovedì 31 maggio 2018

COLPO DI SCENA REAL: ZIDANE SI DIMETTE !!!

Incredibile alla Casa Blanca: Zinedine Zidane lascia il Real Madrid dopo meno di 900 giorni pieni di trionfi. Zidane arrivò il 4 gennaio del 2016 al posto di Rafa Benitez e se ne va dopo aver conquistato 9 titoli su 13 tra cui addirittura tre Champions consecutive, l'ultima solo sabato scorso a Kiev.
Oltre alle tre Champions League il tecnico francese sulla panchina del Real Madrid ha conquistato anche due Supercoppe Europee, due Mondiali per Club, una Liga e una Supercoppa di Spagna. Nella competizione più importante d'Europa, Zizou non è mai stato eliminato. Non c'è molto altro da dire.

A comunicarlo nel corso di una conferenza stampa è stato lo stesso allenatore (ormai ex) madrileno.

mercoledì 30 maggio 2018

STRAMACCIONI-CASSANO: ECCO COSA SUCCESSE 5 ANNI FA

"Stramaccioni fu la peggior persona mai incontrata nel mondo del calcio. Ne ho incontrate tante, ma lui...". Parole di fuoco, quelle dette a Sky da Antonio Cassano che riesuma una vecchia lite di 5 anni fa.
Stagione 2012-2013. Dopo un allenamento esplode un diverbio tra Antonio Cassano e Andrea Stramaccioni. Un botta e risposta proseguito negli spogliatoi: finì male, con una non convocazione del barese nell'incontro successivo e una multa. "Non è stata una persona onesta, leale - ricorda Cassano -. Ti diceva una cosa davanti e tante altre dietro. Raramente sono arrivato alle mani con qualcuno ma con lui fu giusto alzare le mani. Era una persona che non mi piaceva e continua a non piacermi, e non mi piacerà mai. Perché se una persona nasce quadrata non può morire tonda".

martedì 29 maggio 2018

ICARDI ALLA JUVENTUS (e Cristiano Ronaldo all’Inter…)

Bomba di mercato!!! A lanciarla il Corriere della Sera, Icardi alla Juventus. La voce, vista la rivalità tra bianconeri e nerazzurri, è di quelle ovviamente clamorose, ma a quanto pare, tutto fondata.
Il dg juventino Beppe Marotta avrebbe già individuato due strade: la prima è quella di una trattativa vera e propria, mettendo sul piatto il cartellino di Higuain (oggi per ragioni di bilancio valutato 60 milioni) più altri 50 milioni, la seconda prevederebbe il pagamento della clausola rescissoria inserita nel contratto di Icardi con l'Inter pari a 110 milioni (lo stesso ammontare della somma fra cash offerto e valore cartellino del Pipita). Il club bianconero avrebbe già chiesto a uno studio legale di analizzare la stessa e capire la percorribilità o meno della strada in questione.
Da parte sua, la società nerazzurra avrebbe accettato di ascoltare l'offerta bianconera, così come Wanda Nara, moglie e agente del calciatore.

lunedì 28 maggio 2018

BALOTELLI-BELOTTI, l’ITALIA DI MANCINI PARTE COL PIEDE GIUSTO

Amichevole
ITALIA-ARABIA SAUDITA 2-1
21’ Balotelli – 69’ Belotti – 72’ Al Shehri

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Zappacosta, Bonucci, Romagnoli, Criscito (dal 42’ s.t. De Sciglio); Florenzi (dal 22’ s.t. Bonaventura), Jorginho, Pellegrini (dal 28’ s.t. Cristante); Politano (dal 28’ s.t. Verdi), Balotelli (dal 13’ s.t. Belotti), Insigne (dal 39’ s.t. Chiesa). (Sirigu, Perin, Caldara, D’Ambrosio, Rugani, Baselli, Mandragora, Berardi, Zaza). All. Mancini.
ARABIA SAUDITA (4-1-4-1): Al Owais; Al Shahrani, Os. Hawsawi (dal 39’ s.t. Al Bulayhi), Om. Hawsawi (dal 47’ s.t. M. Hawsawi), Al Harbi; Otayf; Al Shehri, Kanno (dal 1’ s.t. Al Dawsari), Al Faraj (dal 47’ s.t. Al Moqahwi), Al Jassim; Assiri (dal 24’ s.t. Al Muwallad) (Al-Muaiouf, Al Mosailem, Al Qarny, Jahfali, Alburayk, Bahbri, Alsahlawi, Alkhaibri, Almowalad, Alkhaibari, Alabid, Alkuwaykibi). All. Pizzi.
ARBITRO: Scharer (Svizzera).

Inizia con un successo il nuovo corso azzurro targato Roberto Mancini. A San Gallo l'Italia batte per 2-1 l'Arabia Saudita grazie alle reti messe a segno da Balotelli nel primo tempo e da Belotti nella ripresa.
L'abisso tecnico tra le due squadre è palese sin dai primi minuti. Il più in palla è Mario Balotelli che prima spedisce di lato un bel colpo di testa e poi, al 20esimo, riceve palla sulla trequarti e fa partire un destro preciso che non dà scampo al portiere avversario. Gol numero 14 per SuperMario con la maglia azzurra, tra i giocatori in attivitità solo Gilardino (19) e De Rossi (21) hanno segnato di più.

Gli avversari, nonostante lo svantaggio, non riescono ad aumentare il ritmo della partita. L’Italia sfiora il raddoppio prima con Pellegrini con un sinistro di poco alto sopra la traversa e poi con Criscito con un sinistro che colpisce il montante.

domenica 27 maggio 2018

DOVE ANDRA’ CRISTIANO RONALDO?

"E' stato molto bello stare a Madrid. Nei prossimi giorni darò una risposta ai tifosi, loro sì che sono sempre stati dalla mia parte".
Le parole di Cristiano Ronaldo rimbombano nella notte di Kiev e scuotono l’ambiente madrileno. Il fuoriclasse portoghese e il Real Madrid sono destinati a separarsi. Lo ha detto a caldo ieri sera e lo ha ribadito anche oggi
"Non era il momento perfetto di dire quelle cose - ha ammesso il portoghese -, non avrei dovuto farlo, ma qualcosa succederà e sono stato onesto. Entro una settimana dirò qualcosa. Il denaro non è il nocciolo della questione. Ho vinto cinque Champions, cinque Palloni d'Oro, ero già nella storia anche prima di stasera. Non sono arrabbiato e non voglio nemmeno cancellare questo momento magico insieme ai miei compagni e colleghi".

sabato 26 maggio 2018

FENOMENALE BALE: LA CHAMPIONS E’ ANCORA REAL (ma che disastro Karius!!!)

CHAMPIONS LEAGUE 2017-2018 – FINALE
REAL MADRID-LIVERPOOL 3-1
51’ Benzema – 55’ Mané – 63’ Bale – 83’ Bale

REAL MADRID (4-3-1-2): Navas; Carvajal (dal 36' p.t. Nacho), Varane, Ramos, Marcelo; Modric, Casemiro, Kroos; Isco (dal 16' s.t. Bale); Ronaldo, Benzema (dal 43' s.t. Asensio). (Casilla, Theo, Vazquez, Kovacic). All. Zidane.
LIVERPOOL (4-3-3): Karius; Alexander-Arnold, Lovren, Van Dijk, Robertson; Wijnaldum, Henderson, Milner (dal 38' s.t. Emre Can); Salah (dal 31' p.t. Lallana), Firmino, Mané. (Mignolet, Clyne, Klavan, Moreno, Solanke). All. Klopp.
ARBITRO: Mazic (Ser).

La strepitosa rovesciata di Bale e le papere clamorose di Karius. Questo resterà della finale di Champions League 2017-2018. Champions League che vede trionfate per la terza volta consecutiva (tredicesima in assoluto) il Real Madrid di Zinedine Zidane che batte 3-1 il Liverpool grazie al gol di Benzema e la doppietta di Bale (di Mané la rete dell’illusorio pareggio).
La sfida dello stadio Olimpico di Kiev ha avuto due volti. La prima parte è durata mezz'ora, fino all'infortunio di Salah dopo un contrasto duro con Sergio Ramos che lo ha messo fuori dal gioco cadendo male sulla spalla (sospetta lussazione e mondiale a rischio). L'ingresso di Lallana per l'egiziano seguito pochi minuti dopo dall'infortunio muscolare di Carvajal, e un contraccolpo mentale e tattico che la squadra di Klopp ha faticato a digerire fino all'intervallo rischiando il capitombolo in un paio di situazioni.

giovedì 24 maggio 2018

PLAYOFF DI SERIE C, LA NOTTE DELLE SORPRESE

PUNTO CNotizie dalla Lega Pro
Una serata così nemmeno alla Playstation. La Serie C ha regalato, in un mercoledì di fine maggio, uno dei turni più assurdi ed emozionanti di sempre. Un playoff magico per chi esulta e per chi osserva dall'esterno, stregato per chi, incredibilmente, se ne deve tornare a casa. Il Pisa è fuori, l'Alessandria pure, il Trapani anche. Scorrete la home di TuttoC.com e andate a vedere quanti, tra gli addetti ai lavori, erano convinti che queste tre squadre sarebbero arrivate in fondo. E tutti si sbagliavano. Anzi, tutti ci siamo sbagliati. Perché nessuno avrebbe mai pensato di vivere una sorpresa dietro l'altra in cinque match che hanno regalato 17 gol e verdetti incredibili, con il Girone B che vola in massa ai quarti di finale, accolto da Catania, Sudtirol (che già a trovarla qui era sorprendente di suo) e Robur Siena.

mercoledì 23 maggio 2018

DAL FALLIMENTO ALLA SERIE A, BENTORNATO PARM...A

 LATO BAppunti sulla Serie Cadetta 
Il Parma è tornato in Serie A. Dalla porta principale, tre anni dopo quel terribile fallimento datato 22 giugno 2015, una cicatrice ancora aperta in una terra orgogliosa, ricca di storia e di calcio, incredibilmente legata alla sua squadra. Per gli emiliani è una storica terza promozione consecutiva dopo essere ripartiti dalla Serie D nella stagione dopo il crac. Non era mai successo che una squadra arrivasse nella massima serie dopo tre promozioni consecutive.

Una cavalcata avviata nell'estate 2015, sulle ceneri di un fallimento e di mesi in cui i vertici del club erano stati occupati o avvicinati da personaggi presto derubricabili, che avevano rischiato di rendere quella dei gialloblu una drammatica barzelletta. Addio con Ghirardi e Leonardi, ripartenza con il nome di Parma Calcio 1913 e ritorno nei dilettanti a quasi 50 anni dall'ultima volta.

martedì 22 maggio 2018

SERIE A 2017-2018. VERDETTI E CURIOSITA'

SERIE A 2017-2018 - CLASSIFICA FINALE
Inizio modulo
Squadra
Fine modulo
Pt
G
V
N
P
Rf
Rs
 Juventus
95
38
30
5
3
86
24
 Napoli
91
38
28
7
3
77
29
 Roma
77
38
23
8
7
61
28
 Inter
72
38
20
12
6
66
30
 Lazio
72
38
21
9
8
89
49
 Milan
64
38
18
10
10
56
42
 Atalanta
60
38
16
12
10
57
39
 Fiorentina
57
38
16
9
13
54
46
 Sampdoria
54
38
16
6
16
56
60
 Torino
54
38
13
15
10
54
46
 Sassuolo
43
38
11
10
17
29
59
 Genoa
41
38
11
8
19
33
43
 Udinese
40
38
12
4
22
48
63
 Chievo
40
38
10
10
18
36
59
 Bologna
39
38
11
6
21
40
52
 Cagliari
39
38
11
6
21
33
61
 Spal
38
38
8
14
16
39
59
 Crotone
35
38
9
8
21
40
66
 Verona
25
38
7
4
27
30
78
 Benevento
21
38
6
3
29
33
84

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails