ARTICOLI RECENTI

lunedì 22 luglio 2019

COPPA D'AFRICA, L'ALGERIA FA FESTA, BEFFATO IL SENEGAL

COPPA D’AFRICA 2019 - FINALE
SENEGAL-ALGERIA 0-1
2' Bounedjah

Senegal: Gomis; Gassama, Sabaly, Sane, Kouyate; Gueye, Ndiaye (59' Diatta); Saivet (75' Diagne), Sarr, Mane; Niang (85' Keita Balde). Ct: Cisse.
Algeria: Mbolhi; Zeffane, Bensebaini, Benlamri, Mandi; Mahrez, Feghouli (85' Jean-Tahrat), Bennacer, Guedioura; Belaili (84' Brahimi), Bounedjah (89' Slimani). Ct: Belmadi.
Arbitro: Alioum (Cmr)

29 anni dopo, un nuovo titolo: l'Algeria vince la Coppa d'Africa 2019, battendo in finale il Senegal con il risultato di 1-0. Il gol vittoria per i Guerrieri del Deserto arriva subito: dopo due minuti la conclusione dalla distanza di Bounedjah viene deviata da Sane e si insacca in rete. I Leoni della Teranga reagiscono e macinano gioco, ma non trovano la rete del pareggio per imprecisione e per le parate di Mbolhi. Nella ripresa il copione non cambia, Niang e compagni spingono mentre dall'altra parte il prossimo milanista Bennacer contribuisce a difendere il prezioso vantaggio. Il Senegal recrimina con l'arbitro, che al quarto d'ora del secondo tempo prima assegna un rigore per fallo di mano di Guedioura poi, dopo revisione al VAR, lo cancella. Finisce così: 1-0 al Senegal, l'Algeria è campione della Coppa d'Africa.

domenica 21 luglio 2019

Summer Goal. PREMONIZIONI, UN'ESTATE ITALIANA E...


 CALCIOMANIA RELOADED 
Premonizione 1 - Ho avuto una notte agitata ed insonne. Non ero teso per la partita ma avevo qualcosa dentro che mi turbava. Stasera ho capito cos'era. 
Premonizione 2 - Facendomi la barba stamattina mi sono tagliato.
Premonizione 3 - Dopo pranzo, ho avuto un'oretta da incubo con numerose fitte allo stomaco che mi hanno costretto ad andare in bagno più volte.

Premonizione 4 - L'Europeo 2012 affidato a Polonia ed Ucraina.
Premonizione 5 - A "Viva Radio Due" Fiorello (tifoso nerazzurro) non è riuscito a collegarsi da Verona.
No, oggi non era una giornata buona per vincere uno scudetto...


sabato 20 luglio 2019

SIMPLY THE BEST - I Campioni Del Passato. KEVIN KEEGAN

 Viaggio tra alcuni campioni del passato che hanno fatto la storia del calcio 
 KEVIN KEEGAN 
 Luogo e Data di Nascita: Armthorpe, 14 febbraio 1951 
 Nazionalità: Inglese 
 Ruolo: Attaccante 
 Altezza: 170 cm – Peso: 67 kg 

Ala destra in possesso di un'incredibile tecnica individuale e rapidità nei movimenti, dal fisico leggero, piccolo di statura ma estremamente veloce. Figura simbolo del calcio inglese, era un giocatore di classe, provvisto di creatività ed inventiva. Grande tiratore dalla distanza, si distinse in campo per carisma, attitudine alla leadership, correttezza agonistica e spirito da trascinatore.
Cresciuto nello Scunthorpe United, nel 1971 passò al Liverpool, squadra alla quale è legata la sua fama di campione internazionale: con i Reds Keegan vinse tre campionati inglesi (1973, 1976 e 1977), una coppa d' Inghilterra (FA Cup 1973-1974), due Charity Shield (1974 e 1976), una Coppa dei Campioni (1977) e due Coppe Uefa (1973 e 1976).

Trasferitosi all'Amburgo, vinse la Bundesliga nel 1979 e l' anno dopo raggiunse di nuovo la finale di Coppa dei campioni contro il Nottingham Forest (conclusasi 1-0 in favore di quest'ultimo). Nel 1978 e 1979 si aggiudicò inoltre la classifica del Pallone d'oro.

mercoledì 17 luglio 2019

E' COLPA DEGLI STRANIERI SE L'ITALIA NON VINCE PIU'?

Dall'analisi di SuperNews è emerso che se la Nazionale Italiana non riesce più a vincere dal 2006 non è colpa del numero di stranieri in Serie A, ma degli investimenti errati della Federazione e delle varie società. In definitiva, non è vero che ci sono troppi stranieri nel nostro campionato.
Per quanto riguarda la rilevazione dei dati abbiamo raccolto il numero di giocatori stranieri in ogni squadra (numero assoluto ed in percentuale) in base alle informazioni fornite da transfermarkt.it e poi l’abbiamo equiparato ai risultati raggiunti sia dai top club (i primi 5), sia dalle nazionali. Per la definizione di straniero, invece, abbiamo tenuto in considerazione la cittadinanza dei giocatori, ovvero il primo requisito per essere convocato in nazionale.

Inoltre abbiamo poi confrontato l'età media dei convocati delle nazionali di questi rispettivi campionati, nelle ultime tre competizioni internazionali che si sono tenute (Mondiali 2014, Europei 2016, Mondiali 2018).

lunedì 15 luglio 2019

ANNUNCIO CHOC DI MIHAJLOVIC: "HO LA LEUCEMIA"

Il mondo del calcio è sotto shock: Sinisa Mihajlovic ha annunciato di avere una leucemia acuta. L’annuncio sabato pomeriggio in conferenza stampa dove il tecnico serbo si presenta quasi in lacrime e non riesce a trattenere la commozione.
"Ho chiesto riservatezza a tutti voi, volevo essere il primo a dare la notizia. Non tutti mi hanno rispettato per vendere 100-200 copie di giornale hanno rovinato un'amicizia di 20 anni. (il riferimento era a Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport che sabato mattina aveva anticipato la notizia) Mi dispiace molto per questo. Ho fatto diversi esami e abbiamo scoperto delle anomalie: vi dico tutto per essere chiaro, voi rispettate la mia privacy. Non sono partito per il ritiro perché avevo la febbre e dovevo farlo credere a mia moglie. Ho fatto ulteriori esami alle 3 e alle 9 ho scoperto i risultati: ho la leucemia. Ho preso una bella botta e sono stato due giorni chiuso in camera a riflettere e piangere.”

domenica 14 luglio 2019

Summer Goal. GLI EFFETTI DELL'ALCOL, IL SINISTRO DI PALANCA E...


 CALCIOMANIA RELOADED 
Forse è il caso che smetta con l’alcol perché i suoi effetti iniziano a farsi sentire in modo preoccupante. Ieri sera sono stato ad una grigliata e devo aver esagerato pesantemente con il vino (anzi, ho sicuramente esagerato) perché ad un certo punto ho dato una sbirciatina ai risultati degli anticipi e mi pare di aver visto Cesena-Milan 2-0 (!!!) e Cagliari-Roma 5-1(!!!). (...) Ma ciò che è peggio è che stamattina, quando pensavo che i fumi dell’alcol fossero svaniti, sono andato a ricontrollare e ho avuto l’impressione di aver visto nuovamente gli stessi risultati. Vabbè, mò aspetto che mi passi l’effetto dell’alcol e nel pomeriggio ricontrollo bene.

sabato 13 luglio 2019

STORIE DI BIDONI - SAMUEL IPOUA

Acquistati con la fama di campioni in grado di fare la differenza e finiti presto nel dimenticatoio. Sono tanti i bidoni arrivati in Italia preceduti e/o seguiti da grandi titoli di giornali e grandi aspettative dei propri tifosi e andati via senza troppo rimpianti. Elencarli tutti è impossibile, proveremo a ricordarne qualcuno.

SAMUEL IPOUA
Luogo di Nascita: Douala (Camerun)
Data di Nascita: 01/03/1973
Ruolo: Attaccante
Squadra: Torino

Seconda punta veloce di dubbie qualità e goleador del Nizza nella prima metà degli anni 90, Samuel Ipoua fu ingaggiato dall’Inter e poi girato in prestito al Torino quando la squadra granata si trovava in uno dei peggiori momenti della sua storia.
La sua avventura sotto la Mole non era iniziata nel migliore dei modi: s’era presentato al ritiro estivo di Gubbio grasso e claudicante per l’operazione di menisco affrontata senza avvertire né l’Inter né il Torino.
Il camerunense iniziò da titolare affiancando in attacco l’ex cremonese Matjaz Florijancic, ma ben presto il tecnico Mauro Sandreani si rese conto che era meglio valutare delle alternative.

giovedì 11 luglio 2019

FINALMENTE !!! BARELLA-INTER: E' FATTA !!!

E’ fatta!!! Nicolò Barella è un nuovo giocatore dell’Inter. L’estenuante trattativa tra Cagliari e Inter è finalmente giunta al termine con Marotta e Giulini che hanno trovato un accordo sulle basi di un prestito oneroso (a 12 milioni) con obbligo di riscatto (a 25 milioni) più bonus fino a 8 milioni. La cifra finale si aggira intorno ai 45 milioni di euro, non lontano da quello che offriva la Roma. Una soluzione che ovviamente soddisfa tutte le parti: il Cagliari incassa più o meno la cifra che sperava, l’Inter dilaziona i pagamenti su più anni e il giocatore può vestire la maglia nerazzurra (che da tempo ha un accordo quinquennale a 2,5 milioni l’anno con l’Inter).
Decisiva per il buon esito della trattativa è stata sicuramente la volontà del giocatore che fin da gennaio ha messo in cima alle sue priorità l’approdo in nerazzurro rifiutando sei mesi fa il Napoli e nelle scorse settimane la Roma (tra Cagliari e giallorosso era già tutto fatto, ma il giocatore si è fermamente opposto).

martedì 9 luglio 2019

TRA COPPA D'AFRICA E COPPE EUROPEE: SCOMMETTIAMO!!!

Senegal e Benin aprono il primo dei quarti di coppa e, allo stesso tempo, chiudono una questione aperta dal 2017. Vediamo se gli ospiti riusciranno a tenere testa a dei senegalesi imbattuti da tre intrecci. La partita Nigeria-Sudafrica, invece, si prospetta molto equilibrata. Le due, dopo una lunga carriera lastricata di pareggi, si affrontano senza averne fatto neanche uno in 4 match.

Senegal – Benin 10/07/2019 18:00
- Quote: Il segno 1 è quotato a 1,50, il pareggio a 4,05, il 2 a 9,00;
- Pronostico: segno no; Risultato esatto: 1-0.

Nigeria – Sudafrica 10/07/2019 21:00
- Quote: Il segno 1 è quotato a 2,05 il pareggio a 3,10, il 2 a 4,57;
- Pronostico: segno x; Risultato esatto: 1-1.

Segui tutti i pronostici su SUPERSCOMMESSE

EGEMONIA USA: IL MONDIALE FEMMINILE E' ANCORA AMERICANO

MONDIALI FEMMINILI 2019 – FINALE
USA-OLANDA 2-0
60’ Rapinoe (rig.) – 69’ Lavelle

USA (4-3-3): Naeher; O’Hara(1’st Krieger), Dahlkemper, Sauerbrunn, Dunn; Mewis, Ertz, Lavelle; Heath (43’st Lloyd), Morgan, Rapinoe(35’st Press).
A disposizione: Brian, Davidson, Franch, Harris, Horan, Long, McDonald, Pugh, Sonnett.
C.T. Ellis.
OLANDA (4-3-3): van Veenendaal; Bloodworth, van der Gragt, Dekker(25’st van de Sanden), van Lunteren; Spitse, van de Donk, Groenen; Martens(23’st Roord), Miedema, Beerenstey.
A disposizione: Geurts, Jansen, Kaagma, Kerkdijk, Kop, Pelova, van der Most, van Dongen, van Es.
C.T. Wiegman- Glotzbach

Sono sempre loro le regine del mondo del calcio femminile. Gli Stati Uniti si laureano campioni per la quarta volta. Per la seconda consecutiva, in otto Mondiali. Neppure l’Olanda, campione d’Europa in carica, è riuscita a sovvertire l’ordine prestabilito e i pronostici.
Primo tempo a reti bianche con gli Stati Uniti che provano in più di un’occasione a rendersi pericolosi e il portiere olandese Van Veenendaal chiamata a fare gli straordinari o a essere salvata dal palo (al 39esimo su tiro della Morgan).
Al 60esimo l'episodio che sblocca la partita: intervento scomposto della van der Gragt su Alex Morgan con l'arbitro francese Frappart che, aiutato dal VAR, concede il rigore agli USA. Dagli undici metri si presenta il capitano Megan Rapinoe che sigla l'1-0.

lunedì 8 luglio 2019

COPPA AMERICA: IL BRASILE SUONA LA NONA

COPPA AMERICA 2019 – FINALE
BRASILE-PERU’ 3-1
15′ Everton – 44’ Guerrero (rig.) - 48’ pt Gabriel Jesus - 90′ Richarlison (rig.)

BRASILE (4-3-3): Alisson; Dani Alves, Thiago Silva, Marquinhos, Alex Sandro; Arthur, Casemiro, Coutinho (dal 77′ Eder Militao); Gabriel Jesus, Firmino (dal 75′ Richarlison), Everton.
In panchina: Cassio, Ederson, Fagner, Miranda, Filipe Luis, Allan, Fernandinho, Paquetà, Willian, David Neres.
Ct. Tite.
PERÙ (4-2-3-1): Gallese; Advincula, Zambrano, Abram, Trauco; Tapia (dall’82’ Gonzales), Yotun (dal 78′ Ruidiaz); Carrillo, Cueva, Flores; Guerrero.
A disp. Caceda, Corzo, Santamaria, Araujo, Ballon, Polo, Pretell, Alvarez, Callens.
Ct. Gareca.
Arbitro: Tobar (CHI)

Il Brasile trionfa in Coppa America. La nazionale brasiliana guidata da Tite fatica un po' ma riesce a battere 3-1 il Perù in finale allo stadio Maracana grazie alle reti di Everton, Gabriel Jesus e Richarlison. L'attaccante del Manchester City, espulso nel secondo tempo, ha lasciato in dieci i suoi compagni negli ultimi venti minuti. Per la Seleçao si tratta del nono trionfo in Coppa America, riportata in bacheca dopo 12 anni e tre edizioni a digiuno.
Il gol di Everton dopo appena 15 minuti di gioco sblocca l'incontro: il brasiliano batte il portiere avversario su cross di Gabriel Jesus e porta in vantaggio il Brasile.
Ma il Perù (che tornava a giocarsi una finale dopo la generazione eroica dei Cubillas e Cueto che vinse nel 1975) non è quello dei gironi, quando è stato battuto 5-0 dai verdeoro.

TANTO LAVORO E NESSUN LIMITE: ECCO LE PRIME PAROLE DI CONTE

Ieri pomeriggio, in un caldo pomeriggio di una domenica di luglio (annuncio alle 6 di mattina, presentazione di domenica a luglio, mah…) l’Inter ha presentato il nuovo allenatore Antonio Conte. L’ex tecnico bianconero ha dimostrato di avere le idee chiare: tanto lavoro e nessun limite per quanto riguarda gli obiettivi stagionali
Ecco un estratto della sua conferenza stampa.

Sulla scelta dell'Inter.
"E' stato semplice scegliere. Perché ci siamo trovati ad avere la stessa visione. Questo è stato molto importante. Condividere la stessa ambizione, sapendo di dover passare attraverso un percorso di lavoro e fatica. Ho riscontrato la stessa voglia e la stessa visione tra me e loro. La presenza di Marotta è stato un incentivo. L'Inter è una società con grande tradizione, una delle società più importanti al mondo ed è stato semplice accettare".

domenica 7 luglio 2019

Summer Goal. QUELL'ITALIA-ARGENTINA, "GAZZA" GASCOIGNE E...


 CALCIOMANIA RELOADED 
Ci sono partite che ti rimangono nel cuore. Io non so perché alcune partite rimangono nella mente, perché alcune partite ti rimangono nel cuore e non riesci a toglierle fuori, non riesci a cancellarle. (...)
Se mi dite Italia-Argentina, io ho un solo ricordo. Per me Italia-Argentina, sarà sempre e soltanto la semifinale dei Mondiali 1990. (...)  Solo ora però mi rendo conto di come in 11 anni di blog non abbia mai parlato di quella semifinale mondiale, di quella che fu la prima grande delusione calcistica (e essendo tifoso interista l’elenco di delusioni calcistiche è abbastanza lungo).
(...) Se dovessi descrivere con una immagine quella semifinale, mi viene in mente forse l'immagine più banale, più sciocca. Mi ricordo una foto su un giornale (mi pare che fosse un giornale locale), Ferri seduto a terra sul campo del San Paolo, sconsolato. Ecco, nel turbinio di immagini, di ricordi, di emozioni, quella foto mi è rimasta impressa più di tutte. (...)

sabato 6 luglio 2019

SIMPLY THE BEST - I Campioni Del Passato. GARRINCHA

 Viaggio tra alcuni campioni del passato che hanno fatto la storia del calcio 

 Manoel Francisco dos Santos GARRINCHA 
 Luogo e Data di Nascita: Magé, 28 ottobre 1933 
 Nazionalità: Brasiliano 
 Ruolo: Attaccante 
 Altezza: 169 cm – Peso: 72 kg 

Manoel Francisco dos Santos, meglio noto come Garrincha, è stato un calciatore brasiliano, di ruolo attaccante. Ala destra, fu ricordato specialmente per la sua militanza col Botafogo e la Selezione nazionale del suo Paese. Partecipò a tre edizioni dei Campionati mondiali di calcio: Svezia 1958, Cile 1962 e Inghilterra 1966, vincendo le prime due. È considerato uno dei più grandi dribblatori della storia del calcio e, da molti, come il miglior interprete nel suo ruolo.
La seconda parte della sua carriera, che convenzionalmente può dirsi iniziata nel 1966, anno in cui lasciò il Botafogo, fu costellata da continui cambi di squadra e da partecipazioni occasionali con diversi club, professionistici e non.

venerdì 5 luglio 2019

COPPA AMERICA E MONDIALI FEMMINILI: SCOMMETTIAMO SUL VINCITORE

Con Argentina-Cile si disputa il match per la medaglia di bronzo. Entrambe le squadre sono state “esiliate” in questa posizione a seguito di sconfitte improvvise e dovranno battersi per conquistare il terzo posto. Segue poi il confronto tra un Perù che da sfavorito ha scalato la classifica e ora punta alla finale e un Brasile che gli sbarra la strada con numerose vittorie.

Argentina – Cile 06/07/2019 21:00
- Quote: Il segno 1 è quotato a 1,87, il pareggio a 3,60, il 2 a 4,60;
- Pronostico: segno sì; Risultato esatto: 1-1.

Brasile – Perù 07/07/2019 22:00
- Quote: Il segno 1 è quotato a 1,32, il pareggio a 5,25, il 2 a 13,00;
- Pronostico: segno -1; Risultato esatto: 1-0.

Segui tutti i pronostici su SUPERSCOMMESSE

L'INCAPACITÀ DI FARSI DA PARTE (per non diventare tristemente ridicoli)

Ad un certo punto bisogna avere l’intelligenza di farsi da parte. Soprattutto nel calcio, soprattutto se sei stato un grosso campione. Bisogna avere la capacità di rendersi conto fino a che punto spingersi e quando invece è necessario tirare il freno a mano e scendere dalla macchina. È un concetto che ho già espresso altre volte. Sono quasi certo di averlo utilizzato riferendomi a Javier Zanetti e Francesco Totti (vi chiedo scusa se non sono riuscito a recuperare gli articoli per dimostrare che non sto dicendo una sciocchezza), probabilmente l’ho usato anche per altri giocatori che ora non ricordo.
Sicuramente vale per Gianluigi Buffon che dopo aver salutato la Juventus un anno fa (con tanto di ipotesi di ritiro) e dopo un anno abbastanza mediocre al Paris Saint Germain (dove si ricordano più gli errori che le superparate), ha deciso di tornare in bianconero con il solo obbiettivo di battere il record di presenze in Serie A di Paolo Maldini (è a 640 presenze, gliene mancano otto per superare l’ex difensore rossonero).

giovedì 4 luglio 2019

UNDER 21, LA SCELTA MIGLIORE: ECCO NICOLATO

Ora è ufficiale: Paolo Nicolato è il nuovo tecnico della Nazionale Under 21 italiana. La decisione della Federcalcio arriva dopo una serie di incontri svoltisi in via Allegri tra il presidente Gabriele Gravina, il c.t. Roberto Mancini e i dirigenti del Club Italia. Nicolato succede a Di Biagio dopo la delusione degli Europei di categoria conclusisi domenica a Udine con il successo della Spagna.
Gigi Di Biagio chiude l'esperienza con l'Under 21 dopo otto anni tra Under 20, U21 e una parentesi sulla panchina della Nazionale A nel febbraio 2018 nelle due amichevoli contro Argentina e Inghilterra (una sconfitta e un pareggio) prima dell'arrivo di Roberto Mancini. E' stato lo stesso Di Biagio ad annunciare l'addio all'Under 21 in conferenza stampa dopo lo 0-0 tra Francia e Romania che ha decretato l'eliminazione dell'Italia dall'Europeo. L'ex ct aveva svelato di aver ricevuto proposte da Serie A e B ma di non averle ricevute perché sotto contratto con la Federazione.


mercoledì 3 luglio 2019

IL BRASILE VA IN FINALE, MESSI VA A CASA

COPPA AMERICA 2019 – Semifinale
BRASILE-ARGENTINA 2-0
19′ Gabriel Jesus - 71’ Firmino

BRASILE (4-2-3-1): Alisson; Dani Alves, Marquinhos (19′ st Miranda), Thiago Silva, Alex Sandro; Arthur, Casemiro; Gabriel Jesus (35′ st Allan), Philippe Coutinho, Everton (1′ st Willian); Roberto Firmino. CT: Tite.
ARGENTINA (4-3-1-2): Armani; Foyth, Pezzella, Otamendi, Tagliafico (40′ st Dybala); De Paul (22′ st Lo Celso), Paredes, Acuña (14′ st Di Maria); Messi, Lautaro Martínez, Agüero. CT: Scaloni.

Il Brasile batte 2-0 l'Argentina e vola in finale di Coppa America. Al Mineirao di Belo Horizonte decidono i gol di Gabriel Jesus (19esimo) e Firmino (71esimo): il primo è arrivato dopo una straordinaria azione di Dani Alves con tanto di sombrero al povero Acuna, il secondo dopo la personale incursione dell’autore dell’1-0 abilissimo a resistere con tecnica e tenacia alla difesa argentina e a scaricare sull’attaccante del Liverpool per il facile raddoppio. Molto sfortunata l’Albiceleste: Aguero si ferma sulla traversa, Messi invece sul palo. Gli argentini hanno duramente contestato la direzione di gara, non tanto per l'operato dell'arbitro in campo, ma per quel che non è stato fatto in sala Var, visto che non sono stati concessi, né visionati, due possibili rigori: il primo per un fallo di Dani Alves su Aguero (tra l'altro sul prosieguo dell'azione è arrivato il 2-0), il secondo con Arthur e Otamendi protagonisti.

martedì 2 luglio 2019

BRASILE-ARGENTINA: DUELLO CHE VALE LA FINALE !!!

Iniziamo col botto. Si rincontrano finalmente le eterne rivali del Sudamerica. Brasile contro Argentina, Verdoro contro Albiceleste. Da un lato Coutinho e Firmino, dall'altro Messi (che tanto per cambiare non sta brillando particolarmente con la maglia albiceleste) e Lautaro Martinez, vera e propria sorpresa di questa Coppa America 2019. Gli ospiti sono determinati a fare bella figura e cogliere l'occasione di buttare fuori dalla competizione gli avversari, che però si presentano ben preparati e tutt'altro che intenzionati a fare le vittime sacrificali. La seconda giornata della semifinale vede poi Cile contro Perù, dove il primo parte avvantaggiato dopo 5 rigori segnati nell'ultima partita e il secondo, pur svantaggiato in attacco, presenta un'ottima difesa.

BRASILEARGENTINA 03/07/2019 02:30
- Quote: Il segno 1 è quotato a 1,90, il pareggio a 3,47, il 2 a 4,67;
- Pronostico: segno sì; Risultato esatto: 1-0.

Cile – Perù 04/07/2019 02:30
- Quote: Il segno 1 è quotato a 1,93, il pareggio a 3,27, il 2 a 4,85;
- Pronostico: segno -1; Risultato esatto: 1-0.

Segui tutti i pronostici su: SUPERSCOMMESSE

SVINCOLATI, PARTE LA CORSA ALL'OCCASIONE

Giocatori con un passato glorioso e un futuro in cui potrebbero dare ancora qualcosa. Sono i giocatori svincolati, quelli che hanno preso lo stipendio per l'ultima volta il 30 giugno e adesso sono liberissimi di firmare per chi li vuole, in attesa dell'offerta giusta per ripartire con una nuova maglia. Vediamone alcuni.
La grande occasione è rappresentata da Mario Balotelli, che non è stato confermato dall'Olympique Marsiglia e che avrebbe voglia di tornare in Italia, voglia per ora stoppata dalle eccessive richieste economiche del suo procuratore Mino Raiola. Il brasiliano Dani Alves ha ormai 36 anni, ma dopo l’esperienza al Paris Saint Germain probabilmente garantire un altro annetto a buoni livelli. Discorso simile per il 33enne Filipe Luis, che ha chiuso il suo rapporto con l'Atletico Madrid e che deciderà il suo futuro dopo la Coppa America. Lo spagnolo Ander Herrera è solo in teoria ancora svincolato perché molto probabilmente dirà sì al Paris Saint Germain. Altro svincolato di lusso è Daniele De Rossi che sembrava orientato a vestire la maglia di una squadra italiana diversa dalla Roma (Fiorentina o Sampdoria) e che ora pare sia deciso ad abbandonare la serie A.

lunedì 1 luglio 2019

SCOMMETTIAMO SULLA COPPA D'AFRICA...

Sessione decisiva quella del 1 Luglio per la chiusura del girone quella che si apre con Sud Africa- Marocco. Se i padroni di casa, con 3 punti in classifica vogliono cogliere l'occasione che hanno di conseguire il primo posto nel girone, gli ospiti, carichi di 6 punti, non intendono cedere il loro primato. La Costa d'Avorio ha ottenuto una vittoria contro il sud Africa, sfortunatamente bilanciata da una sconfitta subita dal Marocco, e ora deve vincere per garantirsi quantomeno il secondo posto, mentre la Namibia necessita di una vittoria per recuperare terreno dopo le precedenti sconfitte. Il Senegal parte avvantaggiato, con diverse vittorie ma anche una sconfitta contro l'Algeria che lo ha fermato a 3 punti. Il Kenya invece ha raggiunto il medesimo punteggio dopo una vittoria con la Tanzania. Il vincitore andrà al secondo posto mentre chi perde potrà ancora giocarsi le migliori terze. La giornata si chiude con Tanzania-Algeria, dove i padroni di casa partono svantaggiati, dopo 2 gol fatti e 5 subiti, e dovranno scontrarsi con un ospite che ha fatto 3 gol senza subirne nessuno.

domenica 30 giugno 2019

UNDER 21: LA ROJITA E' CAMPIONE D'EUROPA

CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21 – FINALE
SPAGNA-GERMANIA 2-1
7′ Fabian Ruiz - 78′ Olmo - 88′ Amiri

SPAGNA (4-2-3-1): Sivera; Aguirregabiria, Unai Nunez, Vallejo, Junior Firpo; Roca, Fabian Ruiz (78′ Merino); Olmo, Ceballos, Fornals (72′ Borja Mayoral); Oyarzabal (55′ Soler). Allenatore: De La Fuente
GERMANIA (4-3-3): Nubel; Klostermann, Tah, Baumgartl, Henrichs; Serdar (61′ Neuhaus), Eggestein (78′ Nmecha), Dahoud; Oztunali (72′ Richter), Waldschimdt, Amiri. Allenatore: Kuntz
Arbitro: Jovanovic (Serbia)

La Spagna è campione d’Europa Under 21 per la quinta volta (raggiunta l’Italia). Due anni dopo le Furie Rosse si prendono la rivincita contro la Germania e stavolta lo fanno con un Fabian Ruiz in formato maxi: 2-1 il risultato della Dacia Arena che ha visto il centrocampista del Napoli prima firmare il gol del vantaggio e poi propiziare il raddoppio di Dani Olmo. Al 78’ la giusta standing ovation per il miglior giocatore della serata e anche di tutta l’avventura. Nel finale la partita si infiamma con il gol di Amiri ma il tempo è dalla parte della Spagna. Aumentano, invece, i rimpianti degli Azzurrini di Gigi Di Biagio, in grado di battere proprio i neocampioni nella partita inaugurale del torneo.

sabato 29 giugno 2019

ITALDONNE, IL SOGNO SI SPEGNE AI QUARTI (Grazie Ragazze!!!)

MONDIALI DI CALCIO FEMMINILI 2019 – Quarti di Finale
ITALIA-OLANDA 0-2
70′ Miedema - 79′ Van de Gragt.

ITALIA (4-4-2): Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli; Bergamaschi (Serturini), Giugliano, Galli, Cernoia; Bonansea (Sabatino), Giacinti.
A disp.: Marchitelli, Pipitone, Rosucci, Parisi, Girello, Tarenzi, Fusetti, Boattin, Mauro, Tucceri.
All.: Bertolini 6.
OLANDA (4-3-3): Van Veenendaal; Van Lunteren, Van der Gragt (87′ Dekker), Bloodworth, Van Dongen; Groenen, Van de Donk, Spitse; Van de Sanden (Beerensteyn), Miedema (Roord), Martens.
A disp.: Kop, Geurts, Van Es, Dekker, Pelova, Jansen, Kaagman, Jansesn E., Kerkdijk, Roord, Van de Most.
All. Wiegmann.
Arbitro: Claudia Umpierrez (URU)

Si interrompe ai quarti l'avventura dell'Italia femminile al Mondiale di Francia. Le azzurre si devono arrendere 2-0 all'Olanda. Nel primo tempo la squadra di Bertolini contiene le Orange provando a resistere alla pressione arancione e andando anche vicino al vantaggio con Bergamaschi e Giacinti, ma spendendo le energie residue. Nella ripresa, finita la benzina, le olandesi sono state padrone del gioco e hanno anche colpito due pali. Le campionesse d'Europa in carica dominano, prendono una traversa e trovano le reti con Miedema al 70esimo (colpo di testa sul secondo palo da punizione dalla trequarti di Spitse) e Van der Gragt dieci minuti dopo (stesso schema, punizione della Spitse e colpo di testa sul secondo palo). Per l'Italia sfuma anche il sogno di qualificazione a Tokyo 2020.
Finisce con le ragazze in lacrime, nonostante la certezza di aver compiuto una grande impresa e di aver buttato il cuore oltre l’ostacolo.

venerdì 28 giugno 2019

SENTENZA TAS: MILAN, NIENTE COPPE EUROPEE

Il Milan non parteciperà all'Europa League 2019/2020, il torneo continentale al quale la squadra si era qualificata concludendo l’ultima Serie A al quinto posto. Il TAS ha pubblicato sul proprio sito il Consent Award tra la società rossonera e la Uefa con il quale è stata sancita l'esclusione dalla prossima edizione del torneo continentale. Dal comunicato, si evince come i due trienni monitorati dalla Uefa (il 2014/17 e il 2015/18) siano stati accorpati sotto un'unica sanzione.
Il TAS di Losanna ha pubblicato il testo dell'accordo raggiunto, tramite il Consent Award, tra Milan e Uefa. Un accordo che prevede che la sentenza emessa il 20 novembre dalla Camera Giudicante e sotto ricorso allo stesso TAS, sia annullata, così come la sentenza emessa dalla camera investigativa in data 19 aprile 2019 e sempre sotto ricorso al TAS. Queste vengono sostituite da nuove sanzioni, ovvero l'esclusione del Milan dalle competizioni europee per il 2019/2020 per non aver rispettato le regole del break even rule durante i periodi 2015-17 e 2016-2018.

giovedì 27 giugno 2019

PINAMONTI AL GENOA: AFFARE O ZANIOLO-BIS?

Andrea Pinamonti passa al Genoa. E’ stato trovato l’accordo tra i rossoblu e l’Inter, che stavano trattando da oggi pomeriggio per raggiungere l’intesa.
All’Inter vanno 18 milioni di euro più bonus, oltre al gentleman agreement tra i club per un possibile ritorno in nerazzurro in futuro. Essendo infatti cambiata la norma sulla recompra in Italia, le società non possono più inserire la cifra del controriscatto sui bilanci delle stagioni successive. Ma gli ottimi rapporti tra Inter e Genoa - che tra l'altro stanno lavorando insieme anche ad altre operazioni come quella per il portiere Radu, l'esterno argentino De La Vega, il giovane del vivaio nerazzurro Gavioli e Rizzo - hanno permesso di stipulare questo tipo di accordo sulla parola. Le visite mediche di Pinamonti con il Genoa saranno entro la giornata di sabato 29 giugno: si sta organizzando un volo privato da Santorini, dove il giocatore è attualmente in vacanza, per farlo arrivare il prima possibile.






Inserisci il tuo indirizzo mail e non perderti i nuovi contenuti nerazzurri:


Servizio offerto da FeedBurner

mercoledì 26 giugno 2019

CARO CALCIO QUANTO MI COSTI?

I giocatori sono in vacanza, i dirigenti sono intenti al calciomercato e i tifosi alle prese con gli abbonamenti.
Sono giornate calde per rinnovi o nuovi abbonati che devono decidere se affrontare la spesa dell’abbonamento annuale alla propria squadra del cuore. Ma quanto costa abbonarsi? Abbiamo fatto un piccolo excursus tra le big italiane ed europee.

IN ITALIA
La Juventus è la più cara in Italia per i rinnovi l’importo minore è pari a € 650.00 Curve il maggiore a 2.370 Tribuna Est; i nuovi abbonati partiranno da € 690 sino ad un massimo di € 2560.00.

L’ Inter è quasi a pari merito con la rivale storica per i rinnovi l’importo minore è pari a € 265.00 il maggiore a 2.250 Poltroncina centrale 1^ anello; i nuovi abbonati partiranno da € 269,00 (già sold out) sino ad un massimo di € 2450.00.

martedì 25 giugno 2019

LA CINA E' PICCINA, LE RAGAZZE AZZURRE VOLANO AI QUARTI !!!

MONDIALI DI CALCIO FEMMINILI 2019 – Ottavi di Finale
ITALIA-CINA 2-0
15’ Giacinti – 50’ Galli

Italia (4-3-3): Giuliani, Guagni, Gama, Linari, Bartoli; Bergamaschi (dal 18′ st Mauro), Giugliano, Cernoia; Giacinti, Girelli (dal 39′ pt Galli), Bonansea (dal 25′ st Rosucci). 
A disposizione: Parisi, Sabatino, Marchitelli, Tarenzi, Serturini, Fusetti, Boattin, Tucceri, Pipitone. 
Ct: Bertolini
Cina (4-4-2): Peng Shimeng; Han Peng, H. Y. Wu, Lin Yuping, Liu Shanshan; Wang Shanshan (dal 17′ st Duan Song), Zhang Rui, Yan Wang (dal 17′ st Yao Wei), Gu Yasha (dal 1′ st Yang Li); Wang Shuang, Li Ying. 
A disposizione: XU Huan, Lou Jiahui, Li Jiayue, Wang Ying, Li Wen, BI Xiaolin, Tan Ruyin, Luo Guiping, Liu Yanqiu. 
Ct: Jia Xiuquan

Queste ragazze non si fermano più. Dopo essere approdate agli ottavi di finale come prime del girone (davanti ad Australia e Brasile), le ragazze guidate da Milena Bertolini (che oggi compiva gli anni, auguri!!!) riescono a battere la Cina, che finora aveva la porta inviolata, con un secco 2-0 e approdano ai quarti di finale eguagliando il record ottenuto nel 1991. A decidere il match le reti di Valentina Giacinti dopo un quarto d’ora di gioco e di Aurora Galli ad inizio ripresa.
Il prossimo appuntamento per le ragazze allenate da Milena Bertolini è fissato per sabato pomeriggio a Valenciennes contro la vincente di Olanda-Giappone. Per un sogno Mondiale che speriamo possa durare ancora a lungo.

BISCOTTONE FRANCO-RUMENO: L’ITALIA TORNA A CASA (MERITATAMENTE)

Fonte: Twitter
CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21 – GIRONE C
FRANCIA-ROMANIA 0-0

Come volevasi dimostrare. Francia e Romania non si fanno male a vicenda (e del resto perché mai avrebbero dovuto farsi del male?) e approdano a braccetto alle semifinali del Campionato Europeo Under 21.Torna a casa (si fa per dire, visto che si gioca sul nostro suolo) l’Italia che fino all’ultimo sperava nella vittoria di una delle due.

Si può stare a criticare la poca sportività di francesi e rumeni (ma al loro posto noi non avremmo fatto la stessa cosa?), prendercela con la formula ridicola del torneo (e in effetti fa un po’ cagare…), disperarci per una grossa occasione persa (sulla carta, il verdetto del campo ha detto ben altro: aldilà dell’eliminazione, nazionale tutt’altro che fortissima), ma alla fine, come si suol dire, “chi è causa del suo mal, pianga se stesso”. Se siamo stati eliminati è prima di tutto colpa nostra, della nostra incapacità di segnare un gol contro la Polonia nonostante i 357 tiri in porta, del fatto di bearci della nostra forza senza dimostrare di essere forti (sempre ammesso che in effetti lo fossimo).

lunedì 24 giugno 2019

COPPA AMERICA, COPPA D'AFRICA, MONDIALI FEMMINILI: COSA ASPETTATE A SCOMMETTERE?

Al Maracanã di Rio de Janeiro comincia l'ultima giornata della coppa America con Cile-Uruguay. Entrambe le squadre sudamericane arrivano con grandi successi alle spalle, ma la celeste necessita di tre punti per superare gli avversari, che invece possono continuare anche incassando un pareggio. Si battono per il terzo posto Ecuador e Giappone. I padroni di casa tireranno fuori le unghie cercando di afferrare l'ultima speranza di posizionarsi nelle migliori terze. Gli ospiti invece vogliono ricavare il massimo e potrebbero addirittura soffiare il secondo posto all'Uruguay.

Cile – Uruguay 25/06/2019 01:00
- Quote: Il segno 1 è quotato a 3,78, il pareggio a 3,40, il 2 a 2,16;
- Pronostico: segno no; Risultato esatto: 1-0.

sabato 22 giugno 2019

UNDER 21, NON CI RESTA CHE SPERARE NEL MIRACOLO...

CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21 – GIRONE A
BELGIO-ITALIA 1-3
44' Barella – 53’ Cutrone – 79’ Verschaeren – 89’ Chiesa

BELGIO (4-4-2): De Wolf; Cools, Bornauw, Bushiri, Cobbaut; Omeonga (14' st Verschaeren), Schrijvers, Heynen, Bastien (14' st Mangala); Luhebakio, Saelemaekers (30' st Mbenza ).
A disp.: Jackers, Teunckens, De Norre, Leya Iseka, De Sart, , Schryvers, Amuzu, Wouters.
Ct.: Walem.
ITALIA (4-2-3-1): Meret; Calabresi, Mancini, Bastoni, Pezzella; Barella (45' st Dimarco), Mandragora; Chiesa, Locatelli (27' st Tonali), Pellegrini (35' st Bonazzoli); Cutrone .
A disp.: Audero, Montipò, Bonifazi, Orsolini, Adjapong, Romagna, Murgia, Kean.
Ct.: Di Biagio.
Arbitro: Jovanovic (Serbia)

Vincere non basta all’Italia Under 21 guidata da Luigi Di Biagio. Nonostante gli azzurrini abbiano battuto 3-1 il Belgio non riescono a vincere il girone perché la Spagna batte 5-0 la Polonia. Alla nostra Nazionale rimane una sola ipotesi: riuscire a qualificarsi come miglior seconda.

Le ore che anticipano la gara da dentro o fuori col Belgio sono scosse da uno spiacevole episodio che coinvolge Kean e Zaniolo: i due si presentano in ritardo alla riunione tecnica di Di Biagio, col ct che, se non può punire il romanista, in quanto squalificato, spedisce in panchina l'attaccante juventino.

INTER A TINTE AZZURRE, SENSI AD UN PASSO DAL NERAZZURRO

L’Inter è a un passo da Stefano Sensi. Dalla manovra di disturbo nei confronti del Milan all’interesse reale e all’inizio della trattativa-lampo, il passo è stato breve, brevissimo, e la firma sul contratto potrebbe arrivare già all’inizio della prossima settimana. Sensi si trasferirà in nerazzurro in prestito (5 milioni circa) con diritto di riscatto fissato tra i 22 e i 25 milioni di euro. Nell’operazione come contropartita Edoardo Vergani, attaccante classe 2001 dei nerazzurri. Il centrocampista classe 1995 firmerà un contratto di 5 anni a circa 1.8 milioni a stagione.
L’affare Sensi non esclude Barella: per il centrocampista sardo, però, le cose sono chiare. L’Inter ha alzato l’offerta fino ai 36 milioni più 4 di bonus mentre le richieste del Cagliari non scendono sotto i 50 milioni di euro.

venerdì 21 giugno 2019

COPPA D'AFRICA E COPPA AMERICA: SOTTO CON LE SCOMMESSE !!!

La coppa Africa comincia con il confronto tra uno Zimbabwe determinato ma in difficoltà e un Egitto che, sebbene in vantaggio, non può permettersi errori. Il Congo, imbattuto ormai da cinque match, e l'Uganda che ha collezionato notevoli successi e un pareggio nelle amichevoli. Due squadre imbattute che si confronteranno al Cairo International Stadium. Successivamente, l'Alexandra Stadium ospiterà Nigera-Burundi, dove padroni di casa arrivano da fasi di preparazione molto turbolente, con un pareggio con lo Zimbabwe e una sconfitta subita dal Senegal. Gli ospiti, invece, hanno superato un girone tranquillo ma conseguendo pochi punti e dovranno conseguire la vittoria per sperare di passare oltre. E si chiude la giornata con Guinea-Madagascar. I primi, dopo gli ottimi risultati ottenuti nelle qualificazioni del torneo, alternati a pesanti sconfitte subite negli amichevoli, mira a ottenere la seconda piazza con questo match. I secondi esordiscono in questa competizione dopo un secondo posto nel gruppo A contro il Senegal. Vediamo come andrà a finire.

mercoledì 19 giugno 2019

GLI AZZURRINI BEFFATI DALLA POLONIA. E ORA LA QUALIFICAZIONE...

CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21 – GIRONE A
ITALIA-POLONIA 0-1
40' Bielik

ITALIA (4-3-3): Meret; Adjapong (36' st Zaniolo), Mancini, Bastoni, Dimarco; Barella, Mandragora (12' st Tonali), Pellegrini; Orsolini (1' st Kean), Cutrone, Chiesa.
A disp.: Audero, Montipò, Calabresi, Pezzella, Bonifazi, Bonazzoli, Romagna, Locatelli, Murgia:
All.: Di Biagio.
POLONIA (4-5-1): Grabara; Fila, Wieteska, Bochniewicz, Pestka; Jagiello (10' st Michalak), Zurkowski, Bielik, Dziczek, Szymanski; Kownacki (31' st Buksa).
A disp.: Lis, Loska, Placheta, Piotrowski, Swiderski, Widowiak, Jonczy, Jozwiak, Tomczyk, Gumny.
All.: Michniewicz.
Arbitro: Kulbakov (Bielorussia)


L'Italia Under 21 perde 1-0 contro la Polonia nella seconda giornata degli Europei e si complica la qualificazione alle semifinali. Il gol decisivo è segnato al 40' da Bielik. L'Italia domina per 90 minuti, si vede annullare per fuorigioco il pari di Orsolini e prende un palo con Pellegrini. Per la qualificazione alle semifinali serve vincere con il Belgio, ma potrebbe non bastare.

Al Dall'Ara la Polonia si è difesa con dieci uomini dietro la linea della palla e ha vinto 1-0 con l'unico tiro in porta pericoloso della sua gara. Merito di Krystian Bielik, centrocampista di scuola Arsenal al secondo gol in due gare, che con un sinistro al 40' batte un Alex Meret non esente da colpe. Un fulmine a ciel sereno, perché l'Italia parte bene: sin dal primo tempo si gioca in una sola metà campo.

lunedì 17 giugno 2019

MONDIALI FEMMINILI E COPPA AMERICA: SCOMMETTIAMO !!!


Il girone B del mondiale femminile si chiude con la squadra tedesca, che detiene 6 punti ed è già agli ottavi di finale, e quella africana che, malgrado la duplice sconfitta, non si ferma davanti a niente. Partono avvantaggiate le donne francesi, contro una Nigeria che punta a entrare nelle migliori terze per gli ottavi di finale. Arriva anche una Norvegia che, dopo una vittoria contro la Nigeria e una sconfitta contro la Francia, necessita di questa vittoria, ma non quanto le atlete coreane, dopo 6 reti subite e nessuna segnata. Serviranno almeno 3 punti per recuperare. Italia-Brasile annuncia un match importante. Le azzurre, forti di 6 punti in classifica, sembrano inarrestabili, ma le brasiliane, in cerca di punti dopo la sconfitta con l'Australia, non intendono arretrare. Vediamo, infine, una Jamaica, ferma a 0 punti, e un'Australia, sconfitta dall'Italia all'esordio, che competono per i punti che faranno pendere la bilancia della classifica in favore della vincitrice.

domenica 16 giugno 2019

LA "CHIESA" DEI "PELLEGRINI": L'ITALIA PARTE COL PIEDE GIUSTO

CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21 – GIRONE A
ITALIA-SPAGNA 3-1
9' Ceballos - 36' Chiesa – 64’ Chiesa - 82 Pellegrini (rig.)

ITALIA (4-3-3): Meret; Calabresi, Mancini, Bonifazi (43' st Bastoni), Dimarco; Barella, Mandragora, Pellegrini; Zaniolo (43' Orsolini), Kean (16' st Cutrone), Chiesa.
A disp.: Audero, Montipò, Pezzella, Tonali, Adjapong, Bonazzoli, Romagna, Locatelli, Murgia.
All. Di Biagio
SPAGNA (4-1-4-1): Simon; Aguirregabiria; Jesus Vallejo, Jorge Meré, Aaron Martin; Zubeldia (22' st Fornals); Soler, Ceballos, Fabian Ruiz (1' st Merino), Oyarzabal (40' st Mir); Borja Mayoral.
A disp.: Sivera, Martin Fernandez, Nunez, Manu Vallejo, Lirola, Alfonso, Olmo, Junior, Roca.
All. De la Fuente.
Arbitro: Gozubuyuk (Olanda)

Buona la prima. Gli Europei Under 21 iniziano nel migliore dei modi per l’Italia che a Bologna batte 3-1 la Spagna ribaltando l’iniziale vantaggio di Ceballos grazie alla doppietta di Chiesa (strepitosa la prima rete) e al rigore realizzato da Lorenzo Pellegrini.
Un’Italia vincente, ma non ancora del tutto convincente che sfata così il tabù che la vedeva battuta negli ultimi cinque precedenti con le Furie Rosse.

La partenza non è delle migliori per l’Italia che dopo nemmeno 10 minuti è già in svantaggio. La Spagna ringrazia una magia di Ceballos, centrocampista del Real Madrid, che dal limite realizza l'1-0 con un fantastico tiro a giro che si infila sotto l’incrocio dei pali.

ASPETTANDO GUARDIOLA, LA JUVENTUS ANNUNCIA SARRI

Colpo di scena inaspettato nella telenovela estiva che stava appassionando tutti i tifosi di calcio: chi sarà il prossimo allenatore della Juventus?
Dopo l’esonero di Allegri, arrivato ormai più di un mese fa, si sono rincorse mille voci. La sensazione, o meglio la certezza, da parte di tutti è che la Juventus avesse già in pugno il nuovo tecnico (figuriamoci se una società seria e organizzata come quella bianconera si fa trovare impreparata in questi casi) e che aspettasse solo il momento buono per darne il trionfale annuncio in stile “habemus papam…”.
E nel frattempo i poveri giornalisti e addetti ai lavori facevano le loro ipotesi. “Torna Conte” e invece Conte si è accasato dagli odiati rivali nerazzurri; “Arriverà Inzaghi” e Inzaghi poi è rimasto alla Lazio, “Ipotesi Mihajlovic” e il tecnico serbo non si è mosso da Bologna; “Firmerà Deschamps” e il commissario tecnico della Francia annunciava di non volersi muovere dalla panchina della nazionale transalpina; “Cristiano Ronaldo chiama Mourinho” ed evidentemente ha trovato occupato; “Arriverà Pochettino subito dopo la finale di Champions League” ma dopo due settimane dalla finale di Champions League non arriva la firma del tecnico argentino.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails