GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

giovedì 31 dicembre 2009

BUON 2010

UN AUGURIO DI BUON ANNO A TUTTI GLI AMICI E AI VISITATORI DEL BLOG...
BUON 2010 !!!

2009, RIPERCORRIAMO L'ANNO CALCISTICO


In Italia è stato ancora una volta un anno targato nerazzurro con l’Inter che ha portato a casa per il quarto anno consecutivo lo scudetto. Ma non c’è stata solo l’Inter. Protagonista nei confini nazionali è stata anche la Lazio vincitrice della Coppa Italia (battuta la Sampdoria ai rigori in finale) e la Supercoppa Italiana dove ha avuto la meglio sui campioni d'Italia dell'Inter (2-1 per i biancocelesti).


In Europa questo 2009 verrà ricordato come l’anno d’oro del Barcellona. I blaugrana hanno portato a casa ben 6 trofei. Scudetto, Coppa del Re, Supercoppa Spagnola, Champions League, Supercoppa Europea e Coppa Intercontinentale. Un en plein storico che difficilmente riuscirà ad essere eguagliato in futuro. Un record che è già entrato nella storia del calcio mondiale.
In Europa fa festa anche lo Shakthar Donetsk che ha vinto l’ultima edizione della Coppa Uefa
. Il trofeo che, come ormai noto, da quest’anno ha cambiato denominazione e che si chiama Europa League.



Un 2009 che verrà ricordato anche per la campagna acquisti faraonica del Real Madrid che ha preso Kakà (che a gennaio aveva rifiutato un’offerta esorbitante del Manchester City) e Cristiano Ronaldo, per il Pallone d’Oro a Messi, per il ritorno del Genoa in Europa, per l’esodo dei nostri allenatori all’ estero (Ancelotti e Mancini in Inghilterra, Spalletti in Russia), per l’ennesima debacle europea del calcio italiano, per la morte di Candido Cannavò, Giacomo Bulgarelli e Bobby Robson, per le conferenza stampa pepate di Mourinho, per il ritiro di tre grandi campioni come Luis Figo, Pavel Nedved e Paolo Maldini, per la pessima figura dell’Italia in Confederations Cup (vinta a fatica dal Brasile sulla sorpresa Usa 3-2), per il trionfo della Germania all’Europeo Under 21, per il tragico suicido di Robert Enke, per la mancata qualificazione ai Mondiali dell'Irlanda a causa di un tocco di mano e per molto altro ancora che in questa rapida carrellata sull'anno che sta finendo mi è sicuramente sfuggito.
Mi auguro e vi auguro un 2010 ricco di bel calcio, di gol spettacolari, di grandi emozioni e un 2010 povero di polemiche, di cori razzisti, di stupidate varie. Il calcio è e sempre resterà solo e soltanto un gioco. Prendiamolo per quello che è.

BUON 2010 CALCISTICO A TUTTI !!!


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI
*
2009, L'Inter Ancora Protagonista
*
2008, Un Anno Di Calcio
*
2007, Bilancio Di Un Anno Di Calcio

mercoledì 30 dicembre 2009

2009, L'INTER ANCORA PROTAGONISTA


Ed eccoci arrivati alla fine dell'anno. Ancora una volta tirando le somme dell’anno solare ci ritroviamo davanti un bilancio positivo. L’Inter per il quarto anno consecutivo porta a casa lo scudetto ed è saldamente in testa al campionato.
In Coppa Italia si è arresa alla Sampdoria in semifinale dopo aver eliminato Genoa e Roma mentre in Supercoppa ha avuto la peggio contro la Lazio in una delle prestazioni più convincenti offerte in questi 12 mesi.
In Europa, purtroppo continua ad andare male. A marzo siamo stati eliminati per il terzo anno consecutivo agli ottavi. Stavolta sbattuti fuori dal Manchester united poi finalista nella competizione.
Nel girone eliminatorio della nuova stagione invece ci siamo qualificati seppur con qualche affanno. Ma nel complesso i numeri parlano chiaro: 30 vittorie (24 in Campionato, 4 in Coppa Italia, 2 in Champions League), 13 pareggi (9 in Campionato, 4 in Champions League), 9 sconfitte (5 in Campionato, 1 in Coppa Italia, 1 in Supercoppa Italiana e 2 in Champions League), 81 punti fatti in Campionato, 90 gol fatti e 50 gol subiti. Insomma possiamo ritenerci soddisfatti.
La cartolina di quest’anno nerazzurro? Io direi il gol di Sneijder contro la Dinamo Kiev in Champions League. Un gol che, si spera, possa aver segnato uan svolta nel nostro cammino europeo. Quella rete a tempo scaduto in una serata sofferta è stata sicuramente la più bella emozione di questi 12 mesi.
Questo 2009 in casa nerazzurra verrà ricordato anche per la cessione di Zlatan Ibrahimovic al Barcellona, per l’arrivo di Eto’o, Milito e Sneijder, per l’esplosione di Santon, per la conferenza stampa di Mourinho sulla “prostituzione intellettuale”, per i 4 gol rifilati al Milan nel derby, per l’addio di Adriano e Cruz, per l’ennesimo record del capitano, per la rescissione del contratto con Mancini.
Propositi per il nuovo anno? Vorremmo un 2010 ancora ricco di vittorie e soddisfazioni. In Italia e in Europa. Ecco in Europa. Se quel trofeo dalle grandi orecchie…

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

lunedì 28 dicembre 2009

FATICHE POST-NATALIZIE E UNO SCOOP... NERAZZURRO

Smaltito (onestamente a fatica) i bagordi dei giorni natalizi e preso atto che il mio fegato mi sta facendo causa (e sicuramente vincerà la causa), riprende l'attività del blog.
Stasera non aspettatevi post elaborati. Sono stanchissimo (e lo sarò anche nelle prossime sere...) e ho pochissima vena scrittoria (vena scrittoria si può dire vero?). Tra l'altro non avevo neppure intenzione di scrivere un post stasera. Poi, guardando il cuscino nerazzurro che mia sorella mi ha regalato a Natale, ho cambiato idea.
Per un'oscuro (ma non troppo) motivo il periodo di minor lavoro dei calciatori (estate e ferie di Natale) coincide con il periodo di maggior lavoro per me. Chissà perché? Bah, mistero.
Intanto Pandev ha rescisso con la Lazio e il passaggio in nerazzurro è ormai cosa fatta, è questione di giorni e l'ex attaccante laziale tornerà a vestire i colori nerazzurri.
Il mercato di gennaio è ormai alle porte e tra un Toni destinato alla Roma e un Bechkam tornato rossonero ci aspetta un mese di trattative ed ipotesi che coinvolgerà più o meno tutte.
Ma di tutto questo parleremo un'altra volta. Ora vado a nanna (sono distrutto) ma prima vi lascio uno scoop nerazzurro che attende ancora ulteriori conferme. Il 16 gennaio sarò allo stadio "San Nicola" di Bari per vedere Bari-Inter. Le mie trasferte nerazzurre iniziarono (male) da lì. Speriamo che stavolta vada meglio...

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

giovedì 24 dicembre 2009

BUON NATALE !!!


DE RERUM CALCIORUM
AUGURA A TUTTI GLI AMICI DEL BLOG

BUON NATALE !!!

BUON NATALE A TUTTI GLI AMICI DEL BLOG

E' tempo di prendermi qualche giorno di ferie natalizie. Tornerò il 27 oppure il 28. Prima di andare come ogni anno voglio fare gli auguri di BUON NATALE a tutti gli amici del blog.
A Settore/Roberto Torti e Simone Nicoletti preziosi punti di riferimento,
Ai commentatori abituali Winnie, Matrix, Nerazzurro e Pakos.
Al folto gruppo di interisti Antonio, Sergio, Gabriele Porri, Dennis Magrì, Francescomisc, Veleno, Luciano, Bauscia Cafè e Daddy,
Alla laziale Yashal,
Al sampdoriano Andrea,
Al milanista Michele,
Allo juventino Gianluca Scatena,
Al parmense Mattia,
A Salvatore Caruso, collaboratore da Manchester
Ad
Andrea (che fine hai fatto?),
Al "russo" Kerzhakov e al "tedesco" Kurbjuweit ,
Ad Alessandro Ascione, Antonio Giusto, Valentino Tola, Pino Frisoli, Silvio Di Fede, The Chose One, Riccardo Troiani, e tutti gli altri. Anche se non commento i vostri post leggo sempre i vostri blog;
A tutti gli amici di Facebook (sono tantissimi...)
Agli iscritti al gruppo "De Rerum Calciorum" su Facebook.
Spero di non aver trascurato e/o dimenticato nessuno (in caso contrario scrivetemi sarà un piacere aggiungervi). A tutti voi auguro un caloroso


BUON NATALE

martedì 22 dicembre 2009

JUVE, CRISI PROFONDA. DI CHI E' LA COLPA?

Ok, ho deciso, stasera si parla di Juventus. Il problema è: che taglio dare al post? Un taglio giornalistico e quindi esaminare i perché di questo periodo di crisi o un taglio da tifoso e quindi dirvi come sono beatamente contento di questa squadra che annaspa paurosamente. Nel dubbio, inizio a scrivere e poi vediamo quello che esce.
Intanto vedo in questa Juventus l'Inter di qualche anno fa, l'Inter che pure avendo campioni era incapace di lottare per lo scudetto, l'Inter che prendeva bastonate dall'ultima in classifica, l'Inter che ad agosto prometteva di distruggere il mondo e a Natale era in crisi profonda. E' vero i nostri insuccessi erano dettati da oscure trame però, obiettivamente, anche noi ci mettevamo molto del nostro. Come ci sta mettendo molto del suo questa Juventus che nelle ultime 6 partite ha perso 5 volte (solo una vittoria contro l'Inter, mortacci loro...). Se vincere aiuta a vincere, perdere aiuta a perdere e una volta entrati nel circolo vizioso è difficile uscirne (speriamo che nessuno gli indichi l'uscita...).
Perché questa Juventus non è competitiva? Partiamo dall'allenatore. Ciro Ferrara è una brava persona, però non ha esperienza. Non aveva tutti i torti questa estate Gasperini quando sottolineava che ormai si arriva ad allenare le grandi squadre senza gavetta. Il problema di Ferrara è che non ha esperienza, non sa come si gestisce una squadra, come far rendere al meglio i giocatori, quali sono le mosse giuste per spronare la squadra. Sarebbe come mettere in mano ad un neo patentato una Porsche. Ci sono buone possibilità che vada a sbattere contro un muro.
Colpa di Ferrara dunque, ma non solo. I nuovi acquisti. Felipe Melo e Diego, sono stati acquisti tanto sbandierati in estate ma finora stanno deludendo parecchio. E considerato l'investimento ci sarebbe da strapparsi i capelli. Se pensate che l'Inter, perso Diego, ha dovuto "ripiegare" su Sneijder... A ciò aggiungiamo un Cannavaro ormai finito e un Grosso che non ha inciso finora.
Colpa dei nuovi acquisti dunque, ma non solo. La squadra in generale. Amauri è una colonna di marmo lì davanti (e Lippi si dovrebbe affidare a lui per i Mondiali???), non esiste uno che ha rimpiazzato Nedved, Del Piero si è visto poco, la difesa fa acqua da tutte le parti.
Colpa della squadra dunque, ma non solo. Gli infortunati. Sissoko non ha giocato quasi mai, Iaquinta è fuori da un bel po', Buffon si è operato settimana scorsa e a turno tutti sono stati colpiti da infortuni muscolari più o meno seri.
Colpa degli infortuni dunque, ma non solo. La società. Errato esonerare Ranieri, sbagliato affidarsi ad un'allenatore inesperto per non parlare di una campagna acquisti con molti errori di valutazione (25 milioni per Melo sono un'esagerazione e io non avrei mani ceduto Zanetti e Marchionni).
Colpa della società dunque, ma non solo. In questi casi la colpa è di tutti e non è di nessuno.Tutti hanno fatto la loro parte, tutti hanno dato il loro contributo. Se si vince è merito di tutti, se si perde è colpa di tutti.
Cosa fare dunque? Nulla. A me, come è ovvio che sia, questa situazione va benone. Spero che Ferrara resti in panchina, che Felipe Melo e Diego continuino a non giustificare l'esborso economico, che Amauri faccia la bella statuina lì davanti e che la società continui a distribuire cazzate (comprese le dichiarazioni "tri-stellari"). Non so a voi ma a me questa Juventus piace parecchio...


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE


POST CONSIGLIATI

lunedì 21 dicembre 2009

INTER, VITTORIA E ALLUNGO. L'ANNO NON POTEVA FINIRE MEGLIO...


Sarà questa aria natalizia, la voglia di essere tutti più buoni ma ad un certo punto ieri pomeriggio quasi mi dispiaceva per la Juventus e nei minuti finali speravo che arrivasse almeno il pareggio. E' un po' come quando a Natale (giusto per rimanere nel clima) fai il cenone, ti ingozzi di pesce, carne, dolci vari e pensi malinconicamente a qualche poveraccio là fuori che soffre la fame. Come avrete sicuramente notato non ho neppure scritto un post sulla sconfitta col Catania. Sarebbe stato come sparare sulla Croce Rossa. Dai, è Natale sforziamoci di essere tutti più buoni.
Veniamo all'Inter. Massimo risultato con minimo sforzo. Questo potrebbe essere il riassunto della partita di ieri sera. Una partita che non è stata eccezionale ma che alla fine ha regalato all'Inter tre punti pesantissimi.
La squadra di Mourinho ha giocato il minimo, ha segnato il suo golletto e si è limitata ad amministrare con tranquillità una Lazio veramente mediocre che in tutta sincerità non ha fatto nulla per impensierire la difesa nerazzurra (Julio Cesar per riscaldarsi ha dovuto fare due volte il giro del campo in occasione del gol).
Ad un certo punto in molti (io per primo) temevano che finisse come a Bergamo, ma stavolta Lucio invece del buco ci regala uno spettacolare intervento in acrobazia sul tentativo più pericoloso degli avversari.
Finisce 1-0. L'Inter chiude l'anno con una vittoria e per il quarto anno consecutivo si gode il Natale in beata solitudine in testa alla classifica. Non parliamo ancora di fuga, è presto per dirlo. Abbiamo affondato l'allungo e ce ne siamo andati, tocca agli avversari cercare di venirci a prendere anche se la Juventus è in crisi nera e la neve ha salvato il Milan da una probabile sconfitta in quel di Firenze.
Ora mettiamoci comodi sul divano e godiamoci queste feste di Natale. Speriamo che la pausa serva a far rifiatare qualche elemento stanco, a recuperare qualche infortunato e a ridare un po’ di serenità all'ambiente.

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

domenica 20 dicembre 2009

TERMOMETRO -8, INTER +8


Serie A - 17^ Giornata
INTER - LAZIO 1 - 0
14' ETO'O

INTER: J. Cesar; Maicon, Lucio, Cordoba, Muntari (26’ Vieira); Zanetti, Cambiasso, T. Motta; Stankovic; Milito (88’ Materazzi.), Eto’o (85’ Balotelli).
A disposizione: Toldo, Donati, Khrin, Suazo.
All. Mourinho
LAZIO: Muslera; Siviglia, Stendardo, Radu; Lichtsteiner, Baronio, Meghni (58’ Cruz), Kolarov, Del Nero (80’ Firmani); Mauri; Rocchi (80’ Makinwa).
A disposizione: Berni, Cribari, Diakitè, Scaloni.
All. Ballardini
ARBITRO: Russo


Serata da freddo polare. Il termometro segnala un -8 quanto mai profetico. L'Inter per la seconda domenica consecutiva ha l'occasione ghiotta per tentare la fuga vista la terza sconfitta in quattro gare della Juventus e il rinvio di Fiorentina-Milan.
Mourinho opta per il rombo a centrocampo ed Eto'o-Milito in attacco. In difesa Chivu è out e viene sostituito da Muntari che per la seconda volta in 4 giorni si adatta al suo nuovo ruolo.
Dopo un rigore negato a Maicon arriva il vantaggio nerazzurro grazie ad Eto'o. La partita è equilibrata, l'Inter cerca il colpo del ko ma la Lazio si difende abbastanza bene. Si fa male Muntari sostituito da Vieira a metà del primo tempo.
Nel secondo tempo la partita scende di ritmo. Il freddo blocca entrambe le squadre, si lotta molto a centrocampo ma i portieri corrono pochi rischi.
Finisce 1-0. L'Inter vola a +8 sul Milan (che però ha una partita in meno) e +9 sulla Juventus e tenta nuovamente l'allungo sulle inseguitrici.
Nel complesso buona ma non eccezionale la prestazione della squadra. Monumentale Lucio, il migliore in campo, un pò spento Milito, Motta e Vieira hanno lasciato molto a desiderare.
L'importante era portare a casa i tre punti e ci siamo riusciti. Per l'ennesima volta tentiamo un'allungo (è presto per parlare di fuga) mentre lì dietro affannano vistosamente. E per l'ennesima volta la capolista se ne va...
FORZA INTER

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

IL RITORNO DEL MANCIO. VA AL MANCHESTER CITY

Ieri pomeriggio è iniziata a circolare più insistentemente la voce e ieri sera è arrivata l'ufficialità. Roberto Mancini è il nuovo manager del Manchester City.
Dopo un anno e mezzo il tecnico jesino, che a fine ottobre aveva rescisso il contratto con l'Inter, ritorna ad allenare. Per lui un contratto quadriennale di 3 milioni netti di sterline l’anno (pari a quasi 3,4 milioni di euro). Mancini sarà presentato domani e forse già oggi dirigerà il primo allenamento. L'esordio è atteso sabato prossimo in casa contro lo Stoke. Due giorni dopo sarà ospite del Wolverhampton: due partite per conoscere la squadra e pianificare il mercato di gennaio, che si annuncia all'insegna dei grandi acquisti. D'altronde dal suo arrivo a Manchester (settembre 2008) lo sceicco Mansour ha speso più di 200 milioni di euro nelle campagne acquisti, ingaggiando tra gli altri Robinho, Tevez, Adebayor e Kolo Toure.
Il Mancio va ad infoltire la rosa di allenatori italiani in Inghilterra, aggiungendosi a Capello, Ancelotti e Zola. Aveva tentennato sull'offerta dello Zenit, che poi ha virato su Spalletti, ha lanciato messaggi, non troppo convinti, alla Juventus, ma i contatti con il City erano già avviati da tempo.
Mi fa molto piacere per il Mancio e spero che questa sua nuova avventura inglese sia ricca di soddisfazioni e trionfi. Avevo più volte sostenuto che per tornare nel giro l'ex tecnico nerazzurro non poteva (e non doveva) rimanere fermo a lungo e doveva al più presto ritornare ad allenare, mettendosi in gioco, se fosse stato necessario, anche in una squadra di media classifica. Alla fine è arrivata la chiamata dal Manchester, una chiamata desiderata e quindi gradita.
In Bocca al Lupo Mancio !!!


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE


POST CONSIGLIATI

LAZIO, L'ULTIMO OSTACOLO PRIMA DELLA SOSTA NATALIZIA

Per l'ultima partita del 2009 ho voluto proporre una piccola novità che avevo già in mente da un po'. Ovvero il pre gara visto da due angolazioni. Stavolta ho semplicemente fatto copiaincolla dal blog di Yashal, in futuro spero di riuscire ad ottenere articoli inediti.
QUI INTER
Ed eccoci all'ultimo atto di questo 2009 calcistico. Stasera contro la Lazio l'Inter disputerà la sua ultima partita dell'anno solare prima di godersi questo Natale, l'ennesimo da capolista.
L'avversario non è dei più semplici. I biancocelesti non attraversano un buon momento ma la vittoria ottenuta sette giorni fa dopo tre mesi di astinenza potrebbe essere una ulteriore spinta a far bene e a venire a Milano a far risultato. Tra l'altro non dimentichiamoci che anche ad agosto in Supercoppa Italiana il pronostico sembrava a senso unico e poi è finita come ben sappiamo.
Mancherà Sneijder, squalificato per l'espulsione di domenica scorsa oltre a Samuel, Santon e Quaresma che sono infortunati anche se probabilmente gli ultimi due dovrebbero rientrare dopo la sosta natalizia. Dubbi sulla formazione. Giocherà con il rombo o il tridente? Pare che il Mou sia intenzionato a tornare al rombo con Balotelli che andrà in panchina anche se, vista l'assenza di Sneijder, l'ideale sarebbe schierare il tridente visto che SuperMario è l'unico che può dare imprevedibilità e qualità alla manovra nerazzurra.
La nostra marcia ha subito un rallentamento nelle ultime due domeniche, stasera bisogna vincere e portare a casa questi tre punti per andare alla sosta più tranquilli. Non facciamo l'errore di sottovalutare l'avversario o prendere con leggerezza il match. Loro sono affamati di punti e venderanno cara la pelle, noi dovremo giocare con concentrazione e cercando di imporre il nostro gioco. Niente errori, ragazzi, potrebbero costarci cari.
FORZA INTER

QUI LAZIO
L'ultima volta che i biancocelesti hanno affrontato i nerazzurri finì 2-1 per noi con tanto di supercoppa in bacheca. Oggi, le due squadre sono ben diverse da quell' 8 agosto 2009. Difficile, molto difficile, sperare di fare punti a Milano contro la capolista. Impossibile quando poi senti che il tuo numero uno è fuori per squalifica: Maurito. A Milano prima della pausa natalizia, direi un pò sfortunata questa volta la Lazio che dopo la buona prestazione contro il Genoa, sicuramente avrebbe potuto passare le vacanze di Natale (forse) con altri tre punti in mano, se e solo se avesse giocato contro una squadra con qualità minori. Ma come dice il detto: non fasciamo la testa prima di romperla. Così dopo una sconfitta inutile in Europa League, dove i giovani hanno dimostrato tutte le loro fragilità, ci tocca il plotone di Mourinho. (...) La situazione in casa Lazio sembra essere apparentemente più tranquilla, la vittoria contro il Genoa ha dato un pò di respiro a tutti e l'intervista di Maurito dove affermava di voler diventare il nuovo idolo della Nord sembra rincuorare un pò i tifosi. La fine del 2009, dice l'attaccante «è stata orribile, disastrosa, ma nel 2010 vedrete una Lazio diversa». Zarate è anche sicuro che a Milano contro l'Inter non sarà una partita a senso unico: «Ce la giocheremo. Anzi, sono convinto che finirà 1-1 e segnerà Tommaso Rocchi: il nostro capitano ha bisogno di questo gol. Di serie B non voglio sentire parlare. Nel 2010 vedrete una Lazio diversa. Ai tifosi dico di stare tranquilli ed esserci vicini. Io ho scelto la Lazio per voi, con orgoglio. Da Milano invece, la notizia certa è l'assenza di Sneijder a centrocampo ma il duo di attacco dovrebbe essere Eto'o/Milito. Coraggio, forza e onore questo servirà domenica sera oltre all'impegno e al buon gioco, per sperare di fare l'impresa per la seconda volta dopo Pechino, contro i big nerazzurri. (Mondo Biancoceleste)

17 GIORNATA: Bologna-Atalanta (rinviata per neve), Fiorentina-Milan (rinviata per neve), Juventus-Catania , Roma-Parma, Napoli-Chievo, Genoa-Bari, Palermo-Siena, Udinese-Cagliari (rinviata per neve), Livorno-Sampdoria, Inter-Lazio

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE


POST CONSIGLIATI

sabato 19 dicembre 2009

BARCELLONA CAMPIONE DEL MONDO. CHE STAGIONE DA SOGNO!!!


MONDIALE PER CLUB - FINALE
BARCELLONA-ESTUDIANTES 2-1 d.t.s.
37' Boselli (E) - 89' Pedro (B) - 110' Messi

La stagione dei sogni? Chiedere al Barcellona che ad Abu Dhabi vince il sesto titolo in sei competizioni nell'anno solare 2009. I blaugrana hanno infatti vinto la Coppa Intercontinentale battendo in finale l'Estudiantes di Juan Sebastian Veron in una partita emozionante che li ha visti prevalere solo nei supplementari.
Gli argentini hanno trovato il vantaggio nel primo tempo con il colpo di testa di Boselli al 37', tenendo l'1-0 fino ad un minuto dal termine, quando Pedro, il talismano di Guardiola che ha timbrato il cartellino in tutti i trofei vinti, ha trovato il pari regalando i supplementari ai catalani.
Nell'extra time la firma del Grande Slam del Barça, che ha chiuso una stagione perfetta conquistando Liga, Champions League, Coppa del Re, Supercoppa di Spagna, Supercoppa Europea e Mondiale per Club, è quella del Pallone d'Oro Lionel Messi, che di petto regala l'Intercontinentale al Barcellona, per la prima volta sul tetto del mondo.
Complimenti al Barcellona. Una stagione così non capita facilmente e difficilmente vedremo ripetersi una cosa del genere.

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

EUROPA LEAGUE. SARA' AJAX-JUVE E PANATHINAIKOS-ROMA

Ieri era previsto anche il sorteggio dei sedicesimi di finale dell'Europa League. Con Genoa e Lazio che sono state eliminate nella fase a gironi a tenere alta la bandiera italiana sono rimasti Roma e Juventus, retrocessa dalla Champions League.
Il sorteggio qui è stato un tantino più benevolo. I bianconeri trovano un sempre insidioso Ajax che lo scorso anno eliminò la Fiorentina (che come la Juve quest'anno era retrocessa dalla Champions), mentre la Roma affronterà il Panathinaikos che lo scorso anno in Champions League vinse il girone davanti all'Inter ma che comunque non è certo un'avversario che desta preoccupazioni.
Tra le altre 14 sfide da segnalare Werder Brema-Villareal e Amburgo-PSV, il Liverpoool troverà l'Unirea (entrambe sono retrocesse dalla Champions) mentre il Rubin, arrivato terzo nel girone dell'Inter, incontrerà il modesto Hapoel Tel Aviv.
Se la Juve passa trova la vincente di Fulham-Shakhtar, se la Roma passa trova la vincente di Standard Liegi-Salisburgo.

SEDICESIMI DI EUROPA LEAGUE
Rubin Kazan (Rus)-Hapoel Tel Aviv (Isr)
Athletic Bilbao (Spa)-Anderlecht (Bel)
FC Copenaghen (Dan)- Olympique Marsiglia (Fra)
Panathinaikos Atene (Gre)-ROMA
Atletico Madrid (Spa)-Galatasaray Istanbul (Tur)
Ajax Amsterdam (Ola)-JUVENTUS
Bruges (Bel)-Valencia (Spa)
Fulham (Ing)-Shakhtar Donetsk (Ucr)
Liverpool (Ing)-Unirea Urcizeni (Rom)
Amburgo (Ger)-Psv Eindhoven (Ola)
Villarreal (Spa)-Wolfsburg (Ger)
Standard Liegi (Bel)-Salisburgo (Aut)
Twente (Ola)-Werder Brema (Ger)
Lilla (Fra)-Fenerbahçe Istanbul (Tur)
Everton (Ing)-Sporting Lisbona (Por)
Hertha Berlino (Ger)-Benfica (Por)


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE


POST CONSIGLIATI

CHAMPIONS: INCROCI DI FUOCO PER LE ITALIANE


Manchester. Il calcio visto fuori dai confini nostrani.
Se Atene piange, Sparta non ride. L’Inter becca il Chelsea ma alle altre due italiane non va certo meglio. Il Milan becca il Manchester United mentre la Fiorentina pesca il Bayern Monaco, la più forte delle seconde che gli poteva capitare.Non credo a Monaco abbiano fatto salti di gioia, ma essendo passati come secondi, per i bavaresi poteva andare decisamente peggio.
Per il calcio del Belpaese poteva andare meglio. Le nostre scommesse sportive, ahimè, saranno sicuramente più timide. Per le milanesi i pericoli principali erano proprio Chelsea e Manchester United, oltre naturalmente a Real Madrid per l`Inter e Barcellona per il Milan. Più abbordabili sarebbero state l`altra inglese Arsenal, il Siviglia o il Bordeax. La Fiorentina avendo vinto il proprio girone ha avuto un`urna decisamente sfortunata. Il possibile incrocio con una tra Stoccarda, Cska Mosca, Porto o Olympiacos, sarebbe stato di certo più agevole.
Agevole è stato invece il sorteggio delle spagnole. Il Barcellona ha pescato lo Stoccarda, il Siviglia affronterà il Cska Mosca e il Real Madrid dovrà vedersela con il Lione. Tanto siamo stati noi sfortunati quanto loro fortunati.
Chiude il quadro dei sorteggi Porto-Arsenal e Olimpiakos-Bordeaux. I francesi sono stati bravi nel mettere in riga Bayern Monaco e Juventus e la buona sorte li ha premiati dandogli l’avversario più facile.
Le
scommesse sulle probabili qualificate sono già partite. Ma attenzione, due mesi sono tanti e i pronostici di oggi potrebbero essere smentiti domani.

ACCOPPIAMENTI E DATE
STOCCARDA - BARCELLONA 23 febbraio/17 marzo
OLIMPIAKOS - BORDEAUX 23 febbraio/17 marzo
INTER - CHELSEA 24 febbraio/16 marzo
BAYERN MONACO - FIORENTINA 17 febbraio/9 marzo
CSKA MOSCA - SIVIGLIA 24 febbraio/16 marzo
LIONE - REAL MADRID 16 febbraio/10 marzo
PORTO - ARSENAL 17 febbraio/9 marzo
MILAN - MANCHESTER UNITED 16 febbraio/10 marzo


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

venerdì 18 dicembre 2009

L'URNA CI REGALA IL CHELSEA E UN'ELIMINAZIONE QUASI SICURA


Peggio di così non poteva andarci. L’urna di Nyon più che un regalo di Natale ci rifila uno scherzo di Carnevale. Anche se l’avversario che ci è capitato non è assolutamente uno scherzo. Il Chelsea di Ancelotti era il peggior "cliente" che potesse capitarci. Un sorteggio che suona come l'anticamera dell'eliminazione.
Anche se non ci coglie impreparati. Le avversarie erano quelle e anche se in cuor mio speravo che uscisse il Siviglia temevo che ci sarebbe capitato il Chelsea o il Real Madrid. Del resto se sei in un girone col Barcellona è molto probabile che non arriverai primo e di conseguenza è prevedibile che agli ottavi becchi una big. Se sei fortunato (non è il nostro caso...) riesci a beccare la più debole altrimenti ti tocca per forza un'avversario forte.
Inutile nascondersi in falsi ottimismi o fantastiche teorie secondo le quali possiamo giocarcela. Non ci sarà storia. Come non c’è stata storia un anno fa contro il Manchester e come non c’è stata storia con il Barcellona nel girone. Queste squadre sono di un altro livello, se le incontri in semifinale o in finale può anche giocartela perché c'è un'elevato fattore imprevedibilità ma agli ottavi queste partite hanno un finale già scritto. E in tutta onestà non abbiamo al momento in mano elementi che ci facciano ben sperare. Siamo reduci dalla prestazione raccapricciante del Camp Nou offerta circa un mese fa. La nostra squadra è quella, l'avversario è altrettanto forte. Per quale oscuro motivo dovrei essere ottimista?
Già immagino fra tre mesi la pesante sconfitta allo Stamford Bridge, i titoli disfattisti, le prostitute che sguazzeranno allegramente nella nostra figuraccia e Moratti che si affretterà a liquidare Mourinho e contattare il suo nuovo amore Blanc.
Tutto maliconicamente già scritto. Non ci resta che aspettare. E mentre aspettiamo pensiamo all'Alcorcon, allo Zurigo, al Rubin. Il calcio è bello perché imprevedibile, perché non sempre vincono i più forti, perché ogni tanto la Dea Eupalla tanto cara a Gianni Brera decide che deve andare diversamente. Ecco, appunto. Chi l'ha detto che fra tre mesi debba per forza andare come logica vorrebbe?

VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE

POST CONSIGLIATI

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails