GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 16 marzo 2016

ILLUSIONE JUVE, POI L’ELIMINAZIONE (ma a testa alta, sia chiaro…)

Champions League 2015-2016 – Ritorno degli Ottavi di Finale
BAYERN-JUVENTUS 4-2 d.t.s.(2-2 dopo tempi regolamentari)
5’ Pogba – 28’ Cuadrado – 73’ Lewandowski – 90’ Müller – 108’ Thiago Alcantara – 109’ Coman

BAYERN (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Kimmich, Benatia (dal 1’ s.t. Bernat), Alaba; Xabi Alonso (dal 15’ s.t. Coman); Douglas, Müller, Vidal, Ribery (dal 10’ p.t.s. Thiago Alaantara); Lewandowski (Ulreich, Rode, Rafinha, Gotze). All. Guardiola.
JUVENTUS (4-4-1-1): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Evra; Cuadrado (dal 43’ s.t. Pereyra), Khedira (dal 23’ s.t. Sturaro), Hernanes, Alex Sandro; Pogba; Morata (dal 26’ s.t. Mandzukic) (Neto, Rugani, Asamoah, Zaza). All. Allegri.
ARBITRO: Eriksson (Sve).

Un urlo di gioia strozzato in gola. Il popolo bianconero era già bello e pronto a festeggiare l’incredibile vittoria all’Allianz Arena. Al novantesimo i bianconeri erano in vantaggio per 2-1 e confermavano quello che tre settimane fa ipotizzavo Per quello che si è visto stasera, al ritorno il Bayern non dovrebbe avere nessuna difficoltà a sbarazzarsi dei vice-campioni d’Europa. Ma il calcio non è una scienza esatta e la rimonta bianconera di questa sera lo dimostra. Dovessi fare un azzardo, direi che fra tre settimane non è escluso che la Juventus vada a vincere a Monaco di Baviera. E se vi sembra una cosa così assurda, ne riparliamo il 16 marzo verso quest’ora…”
Ma appunto il calcio non è una scienza esatta e così allo scadere della partita Coman pennellava in area un pallone che Muller spingeva in rete: 2-2 e tempi supplementari. E…

Ma ripartiamo da capo. Allegri deve fare a meno degli infortunati Chiellini, Marchisio e Dybala e si presenta con un 4-5-1 con Morata unica punta.

Il grande favorito è il Bayern. La Juventus deve giocare una grande partita e sperare in un colpo di fortuna. E dopo cinque minuti il doppio errore di Alaba e Neuer, spiana la strada al vantaggio di Pogba: 1-0. La partita non poteva iniziare meglio per i bianconeri che chiudono gli spazi e ripartono in contropiede. Come al minuto 28 quando un devastante coast-to-coast di Morata permette a Cuadrado di trafiggere nuovamente Neuer. Per il Bayern è buio totale. I bavaresi perdono tutte le loro certezze e non si rendono mai pericolosi dalle parti di Buffon.
Registro che non cambia nemmeno nella ripresa. Anzi è Morata a sfiorare il terzo gol. Ma a metà del secondo tempo la Juve tira i remi in barca e il Bayern inizia a macinare gioco, merito anche dell’ex Coman, entrato al posto di Xabi Alonso. Si gioca solo nella metà campo bianconera (come per un’ora nella partita dell’andata). E al minuto 73 i tedeschi riaprono la gara. Douglas Costa pesca Lewandowski, che di testa fa 2-1. Il finale è sconsigliato ai deboli di cuore. La Juve già pregusta l’impresa, i tifosi bianconeri fanno festa, i supporter bavaresi sono nella più totale disperazione. Ed ecco spuntare il cross di Coman e la testa di Muller: 2-2. Si va ai supplementari. Ma la Juventus accusa il colpo e all’inizio del secondo tempo supplementare un uno-due micidiale di Tiago Alcantara e Coman spedisce il Bayern ai quarti.
Finisce 4-2, con i padroni di casa che fanno festa e i bianconeri che vengono eliminati a testa alta. La Juventus ha il merito di aver giocato una buona gara e nell’arco dei 180 minuti ha impensierito e non poco i più quotati avversari. Ma non è bastato. E uscire a testa alta o a testa bassa non cambia la sostanza. Ciò che conta è che i campioni d’Italia vanno a casa. E lo fanno dopo aver avuto la meritata qualificazione praticamente in tasca (il Bayern dei primi 60 minuti era irriconoscibile). Lo fanno dopo che pregustavano l’impresa e la clamorosa eliminazione di una delle favorite alla vittoria finale. Lo fanno dopo aver sognato utopistici Triplete. Lo fanno dopo aver preso un gol beffa al 90esimo e due gol nei supplementari. Lo fanno recriminando per gli episodi (il gol in fuorigioco all’andata, un gol annullato a Morata per fuorigioco dubbio questa sera) e dimenticandosi che fuori dai confini nazionali la legislatura bianconera non ha validità.
E, come titolava Tuttosport un paio di settimane fa (e puntualmente il titolo è stato ripreso dai molti tifosi nerazzurri) “Così è ancora più bello”.

 WHATTSAPPANDO 
DOPO IL 2-0
“Questo è il grande Bayern??? Ma vaffa...”

ALL’INTERVALLO
“Ci vorrebbe un stramaledettissimo episodio. Dai dai dai. Le partite finiscono al novantesimo”
“Eh, ma sul 2-0 come fai a sperare?”

DOPO IL 2-2
“Te l’ho detto che finiscono al novantesimo!!!!!!”
“Sìììììì, e ora speriamo che ai supplementari gliene infilano un paio uno dietro l’altro”

AI SUPPLEMENTARI
“Gaaaaaaaaaallllllllll Alcantaraaaaaaaaaa”
“Gaaaaaaaaaaaaaaalllllllllllllll Comannnnnnnnnn”

A FINE GARA
“E Anche quest’anno il triplete lo fanno l’anno prossimo”




9 commenti:

BlackWhite ha detto...

Alla fine gli episodi hanno fatto la differenza. Il mani di Vidal in area non visto all'andata, il gol in fuorigioco di Muller sempre all'andata, il gol di Morata ingiustamente annullato per fuorigioco.
Siamo stati eliminati ma immeritatamente. Abbiamo tenuto a bada un avversario ben più forte di noi (almeno sulla carta) e abbiamo dimostrato di poter competere con le grandi di Europa.

Nicola ha detto...

E' evidente che la Juventus soffre gli arbitraggi europei. In Italia è abituata ad un determinato modus operandi arbitrale che in Europa non c'é. Per fare un esempio banale, Bonucci in Italia legna indisturbato da tot giornate (non ricordo quante sono...) senza che venga ammonito (ammonizione che farebbe scattare la squalifica), in Europa viene puntualmente sanzionato. Il rigore di Vidal l'avrebbero dato SOLO in Italia, così come il fuorigioco di Muller.
Infine, a Morata non è stato annullato nessun gol perché l'arbitro aveva già fischiato il fuorigioco e il gioco era fermo.
Capisco che uscire al 90esimo brucia tantissimo, ma anche nel perdere ci vuole stile.

Mark della Nord ha detto...

Certo è che, se vieni a Milano, ti metti in dieci dietro la linea della palla e ne becchi 3 dall'Inter (no, dico: l'Inter!!), e poi vai a Monaco e adoperi la stessa tattica, è molto probabile che quelli te ne fanno 4-5.
Circostanza che si è puntualmente verificata.
Comunque, a parte questo, sono stati bravi.
Veramente bravi.
Lo dico sinceramente.
Col cuore...

P.S.: Qualcuno spieghi a Bonucci che Monaco non è in Italia (il nome della località deve averlo tratto in inganno) e che pertanto certi falli gli vengono sanzionati. Mi sembrava giusto fare questa osservazione vista la faccia incredula con la quale ha accolto l'ammonizione.

P.P.S.: Dubbio: non è che tutto questo fa parte di un complotto juventino per abbassare il ranking uefa e impedire all'Inter di andare in Europa per i prossimi 4-5 anni?

P.P.P.S.: Curiosità: In una botta sola sono stati ammoniti più giocatori juventini di quanti non lo siano stati nell'intero campionato.

Mark della Nord ha detto...

Prendo recisamente le distanze da coloro i quali, scimmiottando i recenti titoli a 9999 colonne di un noto organo di informazione bianconera, stamane riportano nei loro interventi o sui loro blog, felici e gongolanti, espressioni del tipo: "GODOPOLI" o "COSÌ È PIÙ BELLO".
Abbiate rispetto per le sofferenze altrui, esseri insensibili.
C'è gente che piange disperata, e chissà quando la smetterà.
Se la smetterà.
Vedere per credere: https://www.youtube.com/watch?v=8BTLulcu3o8

Mark della Nord ha detto...

E mi vedo costretto a prendere le distanze pure da te, Entius, e a redarguirti, perché se è vero che sono usciti a testa alta, come scrivi, come mai a fine partita erano tutti a testa bassa?
Un po' più di correttezza e lealtà non guasterebbe.
Fa' in modo di ricordarlo, la prossima volta.

Entius ha detto...

Il mio "ma a testa alta" era ovviamente ironico (e infatti è seguito da "sia chiaro...").

Mark della Nord ha detto...

Ah, quindi facevi l'ironico?
Beh, allora ti devo redarguire due volte.
Fare ironia in un momento simile.
E tra tanto dolore, poi.
Sei proprio cattivo.
Va be', ti perdono.
Piuttosto, visto che ci sei, spiegami perché se la prendono tanto, specialmente con l'arbitro: non sono passati loro "sul campo"?

BlackWhite ha detto...

Potete solo gioire per le disgrazie altrui, perché se sperate di gioire per la vostra squadretta di merda... campa cavallo che l'erba cresce!!!
Noi orgogliosamente protagonisti sia in Italia che in Europa.
Voi orgogliosamente pagliacci sia in Italia che in Europa.

Mark della Nord ha detto...

Niente da fare: non gli passa più.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails