GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

lunedì 27 maggio 2013

LIVORNO-EMPOLI, IL DERBY TOSCANO CHE VALE LA A

LATO BAppunti sulla Serie Cadetta
Nessuna sorpresa dalle semifinali dei playoff di Serie B. Sarà infatti il derby toscano tra Livorno ed Empoli (arrivate rispettivamente terzo e quarto nella stagione regolare) a designare la terza promossa che farà compagnia a Sassuolo e Verona nella prossima serie A.
 Dopo i pareggi dell'andata (entrambi per 1-1), l'Empoli batte il Novara con un netto 4-1, mentre il Livorno firma un altro 1-1 contro il Brescia, ma in virtù del miglior piazzamento in campionato accede alla finale. Gara d'andata mercoledì prossimo, ritorno tre giorni dopo.
Il sogno del Brescia (che aveva agguantato i playoff solo all’ultima giornata) dura solo 9 minuti: il tempo che passa fra il gol del vantaggio (meritato) di Corvia e il pareggio di Paulinho. Per il Livorno, invece, il sogno del ritorno in A, dopo tre anni di purgatorio nella cadetteria, continua. Gli amaranto, pur soffrendo, accedono alla finale.
Come quattro giorni prima al Rigamonti, gli uomini di Nicola hanno dovuto stringere i denti, gettare il cuore oltre l'ostacolo e rimontare la rete degli avversari. Partita intensa, emozionante, severamente vietata ai deboli di cuore. Nel primo tempo giocano meglio le rondinelle, mentre Luci e compagni appaiono insicuri.

In avvio di ripresa è invece il Livorno a sembrare decisamente più brillante. Ma è il Brescia a trovare il vantaggio all'11esimo. Splendida combinazione Corvia-Rossi-Corvia, con l'attaccante ex Lecce che entra in area e batte Mazzoni. Rabbiosa la reazione amaranto. Al 20', su contestata punizione assegnata al limite, va alla battuta Paulinho. Il tiro del centravanti brasiliano viene sporcato dalla barriera e, beffando Arcari, si insacca, per l'1-1. Il Brescia prova il tutto per tutto ed attacca a testa bassa, facendo venire i brividi agli 11.000 supporters livornesi presenti sugli spalti. Niente da fare: il Livorno difende il più prezioso dei pareggi e si assicura il pass per la finale tutta toscana con l'Empoli.
Empoli che vince agevolmente con il Novara anche se la partita è stata tutt’altro che a senso unico. Quella del Castellani è stata davvero una partita emozionante, col Novara che fino al 2-1 ha avuto un paio di occasioni per riportarsi in parità, risultato che comunque non sarebbe stato sufficiente ai piemontesi per passare alla finale. Gli azzurri padroni di casa non sono mai stati in difficoltà, hanno giocato sereni e dopo poco più di venti minuti erano già avanti di due reti grazie a un pallonetto di Tavano e un gol sottoporta di Saponara, assistito da Tavano. Il gol di Seferovic al 37’ del primo tempo ha per un po’ riaperto i giochi. A inizio ripresa uno dei tanti ex, Lazzari, ha avuto la palla del pareggio, ribattuta da Laurini. Ma poi l’incontro viene chiuso da Saponara, doppietta per lui, e da Mchelidze, che nel recupero s’inventa un gol capolavoro saltando mezza difesa novarese.
Il doppio confronto toscano deciderà ora chi sarà la terza squadra a conquistare la promozione nella massima serie. Promozione che, a esser sinceri, il Livorno meriterebbe di più in virtù dell’andamento del campionato dove ha lottato fino all’ultima giornata per conquistare la promozione diretta. L’Empoli, dal canto suo, ha il gran merito di averci creduto fino in fondo, anche quando il distacco tra terza e quarta era superiore ai 10 punti e i playoff apparivano un miraggio. E per quello che si è visto in queste semifinali gli uomini di Aglietti sembrano più in forma. Sarà davvero così? Mercoledì avremo il primo parziale responso.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

1 commento:

Pakos ha detto...

Due belle semifinali e ci stava scappando anche la sorpresa... Alla fine sono andate in finale le due che lo meritavano di più.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails