ARTICOLI RECENTI

sabato 11 gennaio 2020

LAMPO LAUTARO, MA NON BASTA (e dobbiamo ringraziare San Samir)

Serie A 2019-2020 – 19^ Giornata
INTER - ATALANTA 1 - 1
4' L. MARTINEZ – 75’ Gosens

INTER (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Bastoni; Candreva, Gagliardini, Brozovic, Sensi (26' st Borja Valero), Biraghi; Lukaku, Lautaro Martinez (35' st Politano).
A disp.: Padelli, Berni, Ranocchia, Dimarco, Lazaro, Vecino, Sanchez, Esposito, Pirola, Agoumé.
All.: Conte.
ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Pasalic (25' st Muriel), Gosens (46' st Castagne); Gomez; Ilicic, Zapata (8' st Malinovskyi).
A disp.: Sportiello, Rossi, Masiello, Okoli, Heidenreich, Da Riva, Freuler, Traoré, Piccoli.
All.: Gasperini.
Arbitro: Rocchi

I timori della vigilia, alla fine si sono rivelati infondati. Più per demeriti nostri che per meriti altrui. Dopo un primo tempo strepitoso con Lautaro Martinez che sbloccava la partita dopo appena 3 minuti, l’Inter nel secondo tempo tira i remi in barca, abbassa il baricentro, dà coraggio all’Atalanta e subisce il gol del (meritato) pareggio. E deve ringraziare San Handanovic che all 87esimo para un rigore a Muriel, altrimenti saremmo qui a raccontare ben altra partita. Sfuma la vittoria e con essa quasi certamente il titolo di campione d’inverno. Che, ribadisco, serve a poco, ma era comunque un’importante tassello su cui poggiare la nostra stagione.
Conte conferma la formazione ipotizzata alla vigilia con Gagliardini preferito a Vecino e il ritorno tra i titolari di Godin e Sensi.
Parte fortissima l’Inter. E dopo 4 minuti è già in vantaggio. Perfetto triangolo tra Lukaku e Lautaro Martinez e il rasoterra dell’argentino sorprende Gollini per il gol che sblocca la gara. L'Inter è aggressiva a tutto campo, lascia pochissimi spazi e riparte con scatti improvvisi sull'asse Lukaku-Lautaro. L'argentino sfiora al 23esimo la doppietta con un bellissimo colpo sotto che Palomino salva sulla linea. L'Inter comanda, ma la partita è sempre aperta e al 40esimo l'Atalanta chiede un rigore: su un colpo di testa di Toloi in area e la successiva respinta di Handanovic, il difensore si lancia sul pallone e cade a terra sbilanciato da Martinez che gli prende il piede destro con la mano. Rocchi e il Var, però, fanno proseguire (rigore che, in tutta onestà, poteva anche starci).
A inizio ripresa Gasperini cambia: fuori Zapata e dentro Malinovskyi. È la mossa che cambia la partita. Al 55esimo proprio l'ucraino colpisce la traversa con un gran tiro dal limite. L'Atalanta cresce, l'Inter sembra stanca. Gli orobici spingono al massimo e alla mezzora trovano il pareggio con Gosens, che anticipa Candreva sul secondo palo e beffa Handanovic. Entra anche Politano per Lautaro in un finale incredibile. A due minuti dalla fine Rocchi assegna il rigore all'Atalanta per un fallo di Bastoni su Malinovskyi. Dal dischetto si presenta Muriel che si fa parare il tiro da Handanovic.
Finisce 1-1. Risultato giusto per quello che si è visto. Tanti, troppi rimpianti per un’Inter incapace di trovare il secondo gol nella prima frazione e che nella ripresa si è abbassata troppo presto.
Avevamo la grossa occasione di festeggiare già stasera il titolo di campione d’inverno e invece l’abbiamo sprecata in malo modo. Del resto lo scrivevo anche stamattina “quando c’è da complicarsi la vita siamo sempre bravissimi”. Domani sera all’Olimpico la Juventus ha la grossa occasione di vincere, superarci in classifica e conquistare il titolo di campione d’inverno. E state pur certo che i bianconeri non faranno come noi, non sprecheranno tutto in malo modo. FORZA INTER !!! Juve Merda!!! (che ci sta sempre bene).

PILLOLE STATISTICHE
• L'Inter ha pareggiato tre delle ultime cinque partite di campionato, tante quante nelle precedenti 19.
• L’attaccante dell’Inter Lautaro Martínez è il giocatore che ha segnato più gol nei primi 30 minuti di gioco in questo campionato (7/10).
• L'Inter è la squadra che ha segnato più gol nei primi 15 minuti di gioco in questo campionato (cinque).
• L'Inter è l'unica squadra di questo campionato ad aver già due giocatori in doppia cifra di gol (Lukaku 14 e Lautaro 10).
• Il portiere dell'Inter Samir Handanovic non aveva parato nessuno degli ultimi nove rigori affrontati in Serie A.

 Non perderti i nuovi contenuti nerazzurri: 


 Servizio offerto da  FeedBurner

12 commenti:

Nerazzurro ha detto...

Eh, vabbé. E' andata così... Tanto l'avevamo messo in preventivo che non l'avremmo portata a casa. Anzi, poco ci è mancato che la perdevamo pure.

Matrix ha detto...

L'involuzione nella ripresa dopo un primo tempo strepitoso è preoccupante. Tra l'altro è la seconoda partita consecutiva che ciò succede. Lunedì scorso ci è andata bene (grazie ad un Napoli non brillante), stasera no. Ciò non toglie che possiamo dire la nostra fino alla fine.

BlackWhite ha detto...

Settimana scorsa avete vinto a Napoli e sembrava che avevate già vinto lo scudetto, a distanza di cinque giorni siete tutti tristi e mogi. Abbassate la cresta e guardateci dal basso in alto. Come sempre.

BlackWhite ha detto...

E ovviamente non dimenticatevi di salutare la capolista.

Nicola ha detto...

@BlackWhite. Ecco, bravo. Saluta la capolista che fino a prova contraria è l'Inter.

Nicola ha detto...

E comunque anche stavolta Rocchi ha dato il suo contributo. Il rigore è farlocco (meno male che c'è San Samir), ferma Lautaro Martinez lanciato a rete, 4-5 decisioni che capisce solo lui. Bah... Ah già, c'era il presunto fallo di Lautaro su Toloi nel primo tempo quindi vale tutto. E non possiamo lamentarci.

Brother ha detto...

Bisogna essere sportivi, il rigore è dubbio ma nel primo tempo c'era un rigore per loro.
Per quanto riguarda la partita, abbiamo fatto del nostro meglio, L'Atalanta è in gran forma e abbiamo pure rischiato di perdere. Quindi, bene così.

Winnie ha detto...

Il fatto di compensare un rigore netto (anche se non era poi così netto) non dato, con uno molto dubbio non mi pare una buona giustificazione. Alla fine il secondo errore non compensa il primo, ma si sommano. Sono comunque due errori. Che sommati ad altre decisioni dubbie fanno una discreta serie di errori arbitrali.

Pippo ha detto...

@Winnie. Hai ragione un presunto errore (rigore di Bastoni )non compensa 2 enormi errori (rigore ed espulsione di Lautaro ).E poi Rocchi è quello che vi sfavorisce. ....perché fischia alcune delle numerose spinte che i vostri due attaccanti fanno impunemente e ammonisce solo gli atalantini nonostante Godin e De Vrji picchino senza sosta. Purtroppo siete fatti così.

Gaetano73 ha detto...

Come cazzo si fa a scrivere presunto fallo si Lautaro.
Rigore nn netto, nettissimo con annessa espulsione. Altro che ammonizioni scientifiche.
Ma Rocchi nn doveva penalizzarvi? E il complotto? Ma l'addetto al VAR adesso va bene? Va bene che Rocchi nn sia andata a rivedere l'azione?
Ma andate a cacare.....
Vi aspetto al prossimo pianto preventivo con annesse le solite teorie complottistiche
Eh si....ma la Juve ruba!!! Nn è vero?
A Roma sarà nn difficile, ma difficilissima. Se la si rubasse sarei doppiamente contento alla luce della vs.grande ladrata.
Mi sa che con la triade dei condannati in panchina anche l'onestà (quella a parole si intende e solo a parole) è andata a farsi fottere.

Nicola ha detto...

@Gaetano. Presunto fallo da rigore. Lo ribadisco. C'é una spinta di Zapata su Lautaro Martinez. Non mi sembra così clamoroso (nonostante la stampa di regime sta cercando di convincerci del contrario), anche se è più rigore questo che non quella mezza spinta di Bastoni (con questo metro di giudizio ci sono 7-8 rigori non fischiati in tutte le partite).

Gaetano73 ha detto...

Nn sono assolutamente d'accordo.
Stai cercando alibi che nn esistono.
È un rigore senza se e senza ma.
Dappertutto co doko fermi immagine con il furbetto di Lsutaro che lo prende x la caviglia e poi ritrae la mano nawcondendola sotto il corpo.
Se neghi anche l'evidenza allora è inutile continuare a parlarne.
Divismo che ieri siete stati pesantemente danneggiati dal tremendo Rocchi, uno dei bracci armati della cupola, e dal VAR....

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails