GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 16 luglio 2017

Summer Goal. IL PORTIERE DI RISERVA, LO STRAVAGANTE LALAS E IL PRIMO TRIONFO DI RONALDO


 CALCIOMANIA RELOADED 
mercoledì 12 dicembre 2012
12-12-12. IL DIFFICILE MESTIERE DEL PORTIERE DI RISERVA
12-12-12. Qualcuno sostiene che debba essere una data poco felice, altri sostengono che secondo i Maya questa data è il preludio a quello che succederà fra 9 giorni. Insomma, a quanto pare questa data non dovrebbe portare bene.
E a pensarci bene anche nel calcio il 12 è un numero che nel suo piccolo è poco fortunato. Tranne qualche eccezione, il 12 è il numero del portiere di riserva. Gran brutto mestiere quello del portiere di riserva. Se ne sta comodamente seduto in panchina e aspetta che il titolare abbia un raffreddore, una squalifica, un mal di testa, un’unghia incarnita per poter entrare in campo. Sta lì e aspetta. Aspetta che succeda qualcosa ma non è detto che qualcosa succeda. E allora sta seduto per giorni, mesi, anni, come in un limbo.

…CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO QUI
 FINAL…MENTE 
14 maggio 1997 – Feyenoord Stadion, Rotterdam
COPPA DELLE COPPE 1996-1997 - FINALE
BARCELLONA-PARIS SAINT GERMAIN 1-0
37′ Ronaldo (rig)

Barcellona: Baia, Ferrer, Abelardo, Popescu (Amor 46), Sergi, Guardiola, De La Peña (Stoitchkov 85), Fernando Couto, Luis Enrique (Pizzi 89), Figo, Ronaldo.
All. Bobby Robson
Paris Saint-Germain: Lama, Fournier (Algerino 58), N’Gotty, Le Guen, Domi, Leroy, Guerin (Dely Valdes 69), Rai, Cauet, Loko (Pouget 78), Leonardo.
All. Ricardo Gomes
Arbitro: Markus Merk (Germania)

La maledizione continua a Rotterdam ed il Paris Saint-Germain diventa l’ottava squadra a raggiungere una seconda finale consecutiva perdendola. I francesi si devono arrendere al Barcellona allenato da Bobby Robson e per i catalani è record: si tratta della quarta vittoria in questa competizione.
I blaugrana arrivano in finale in scioltezza grazie alle otto reti segnate in coppia dai brasiliani Ronaldo e Giovanni da Silva. Primi turni agevoli, con i ciprioti dell’AEK Larnaca, gli slavi della Stella Rossa e gli svedesi dell’AIK Stoccolma a recitare la parte delle vittime predestinate.
L’unico momento di difficoltà arriva quando Gabriel Batistuta segna un gol che consente alla Fiorentina di conquistare un prezioso 1-1 al Camp Nou nella semifinale di andata. Ma le reti di Fernando Couto e Guardiola a Firenze permettono ai catalani di vincere 2-0 e di guadagnarsi il biglietto per Rotterdam.
A Rotterdam, il PSG non riesce ad imporre il proprio gioco ma non lascia molte opportunità agli avversari. Al 38esimo arriva il momento decisivo della gara. Ronaldo non controlla bene nell’area del PSG ma è abbastanza per sbilanciare il suo marcatore Bruno N’Gotty che lo atterra. Ronaldo si occupa del conseguente tiro dal dischetto e lascia partire un tiro lento che si insacca nella porta francese. E’ il gol che decide il match e regala il trofeo ai blaugrana.

 PERSONAGGI 
ALEXI LALAS
Nato a Birmingham, nello stato del Michigan, il 1º giugno 1970, nell’estate del 1994, dopo i Mondiali statunitensi, sbarca in Italia a Padova e subito viene notato per il suo look stravagante. Capelli lunghi e pizzetto alla Generale Custer, non passa certo inosservato. Un anticonformista dalla faccia simpatica che nel frattempo è sbarcato in Italia ed è diventato il primo statunitense del nostro campionato. Uno che nel tempo libero imbraccia la chitarra e fa il musicista.
Coi biancoscudati gioca per due stagioni segnando il suo primo gol in Serie A contro gli allora campioni d'Italia e d'Europa del Milan, siglando la rete del vantaggio padovano nella vittoria in casa per 2-0 alla sesta giornata di campionato. Si aggiudica il titolo di miglior giocatore americano del 1995.
L'anno seguente retrocede in Serie B con la squadra. Lalas ritorna quindi negli Stati Uniti, dove gioca nella Major League Soccer con i New England Revolution (1996 e 1997), i MetroStars (1998), i Kansas City Wizards (1999) e i Los Angeles Galaxy (2001-2003). Si ritira dopo 96 presenze e 9 gol per la Nazionale statunitense.

 80NOSTALGIA 
Vincitori Classifica Marcatori di Serie A 
1979-80
ROBERTO BETTEGA (Juventus)
16
1980-81
ROBERTO PRUZZO (Roma)
18
1981-82
ROBERTO PRUZZO (Roma)
15
1982-83
MICHEL PLATINI (Juventus)
16
1983-84
MICHEL PLATINI (Juventus)
20
1984-85
MICHEL PLATINI (Juventus)
18
1985-86
ROBERTO PRUZZO (Roma)
19
1986-87
PIETRO PAOLO VIRDIS (Milan)
17
1987-88
DIEGO ARMANDO MARADONA (Napoli)
15
1988-89
ALDO SERENA (Inter)
22

 LA FOTO 
La MA-GI-CA del Napoli
Diego Armando MARADONA - Bruno GIORDANO - Antonio CARECA

TWITTANDO 
Spero almeno che questi tre punti risultino decisivi al Crotone per potersi salvare. #CrotoneInter
— CALCIOMANIA 90 (@EntiusDRC) 9 aprile 2017


Se ti è piaciuto l’articolo ISCRIVITI AI FEED per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti !!!

1 commento:

Stefano ha detto...

Oddio Lalas. Indimenticabile. Che poi non era nemmeno tanto scarso.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails