GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 3 febbraio 2016

CAPITAN ICARDI RISOLLEVA L'INTER

Serie A 2015-2016 – 23^ Giornata
INTER - CHIEVO 1 - 0
48’ ICARDI

INTER (4-3-3): Handanovic; Nagatomo, Miranda, Murillo, Telles; Brozovic (dal 45' s.t. Melo), Medel, Kondogbia; Palacio (dal 32' s.t. Juan Jesus), Icardi, Eder (dal 39' s.t. Ljajic).
A Disposizione: Carrizo, Jovetic, Biabiany, Santon, Gnoukouri, D'Ambrosio, Perisic, Manaj, Correia.
All. Nuciari
CHIEVO (4-3-1-2): Seculin; Frey, Spolli, Cesar, Gobbi; Rigoni, Radovanovic (dal 37' s.t. Costa), Pinzi (dal 13' s.t. Castro); Birsa (dal 27' s.t. Mpoku); Inglese, Pellissier.
A Disposizione: Bressan, Confente, Dainelli, Sardo, Cacciatore, Damian.
All. Maran
ARBITRO: Valeri di Roma.

Sì, l’Inter c’é. Contro il Chievo i nerazzurri portano a casa il solito 1-0 che è un po’ il marchio di fabbrica di questa stagione, ma i nerazzurri avrebbero meritato di vincere con un risultato più ampio per la quantità di occasioni create.
Mancini cambia ancora e propone un 4-3-3 che prevede Nagatomo e Telles esterni di difesa, Medel, Brozovic e Kondogbia a centrocampo e il tridente offensivo composto da Eder, Icardi e Palacio.
E’ un’Inter decisa ad invertire la rotta e parte subito forte. Dopo nove minuti traversone basso dalla destra di Icardi, finta di Palacio e inserimento di Eder, che va al tiro quasi a botta sicura, sul quale però è bravo Seculin (al debutto in Serie A) a respingere con i piedi.
Passano pochi istanti e i nerazzurri vanno nuovamente vicini alla rete, questa volta con una botta terrificante di Icardi sul quale ancora una volta è bravissimo Seculin a mettere in calcio d'angolo.
Terza occasione per la squadra di Mancini nel corso dei primi venti minuti di gioco: passaggio in profondità di Eder per il liberissimo Kondogbia, che da ottima posizione spara addosso all'estremo difensore clivense.
 Votaci In Net Parade !!! CLICCA QUI !!! 
Alla mezz'ora altra chance per i nerazzurri, con un tiro dalla distanza di Brozovic sul quale ancora una volta Seculin è bravo a non farsi sorprendere; sul corner successivo battuto dallo stesso croato, il colpo di testa di Icardi termina sul fondo, con Kondogbia che non ci arriva per pochissimo.
Poco dopo è sempre il numero 9 interista a provarci con un'improbabile conclusione da centrocampo che termina a lato nel tentativo di sorprendere il portiere avversario.
Anche Eder si iscrive nel tabellino dei giocatori vicino alla rete: l'italo-brasiliano, in spaccata, non riesce a sfruttare un assist di Medel, andando invece a concludere a lato. Termina così il primo tempo, sul punteggio di 0-0, ma con l'Inter che avrebbe meritato il vantaggio.
La ripresa parte subito con l’urlo liberatorio del popolo nerazzurro dopo appena 3 minuti. Gol che arriva con Icardi sugli sviluppi di un calcio d'angolo: batti e ribatti in mezzo all'area, con il pallone che arriva sui piedi del capitano nerazzurro che da due passi non può proprio sbagliare. Cinquantesima rete in Serie A per Icardi, che riesce a sbloccare un match che sembrava essere maledetta per l'Inter.
Lo stesso bomber argentino va ad un passo dal raddoppio poco dopo: traversone al bacio di Nagatomo, con Icardi che da solo di testa va a stampare il pallone sulla traversa.
Passata l'ora di gioco, grande chance ancora per l'Inter, nuovamente con Icardi: grande palla in profondità di Nagatomo per l'argentino che si invola verso la porta, ma la sua conclusione viene respinta ottimamente da Seculin.
Ci prova anche Brozovic, con una punizione dal limite dell'area battuta molto bene, ma che termina a pochi centimetri dal palo della porta difesa da Seculin.
Estremo difensore clivense protagonista con due splendide risposte nel giro di pochi minuti sui colpi di testa di Miranda prima e Murillo poi sugli sviluppi di due corner.
Nonostante la sofferenza nei minuti finali (e la paura dell’ennesima beffa sul filo di lana) l’Inter porta a casa i tre punti e si rilancia nella corsa all’Europa. E’ stata sicuramente una buona Inter, che ha creato molto e che avrebbe meritato di chiudere il match con un risultato più rotondo. Ma stasera contava solo vincere e ci siamo riusciti. Dopo una settimana da incubo non ci poteva essere medicina migliore per guarire. I ragazzi hanno avuto la reazione che volevamo e direi che stasera tutti hanno dato il loro contributo. Strepitosa la prestazione di Nagatomo sulla destra (migliore in campo per i nerazzurri), positivo Palacio (che nonostante l’età si fa sempre trovare pronto), bene anche Eder, Telles e Icardi, possiamo essere soddisfatti anche di Kondogbia. Insomma sembrerebbe che l’Inter abbia ritrovato la retta via smarrita. Sembrerebbe. Ora aspettiamo conferme. FORZA INTER !!!

 Seguici su FACEBOOK e TWITTER 

1 commento:

Nicola ha detto...

Finalmente un'Inter decente. Pur avendo ancora qualche lacuna direi che possiamo ritenerci soddisfatti di come abbiamo giocato. Non potevamo chiedere reazione migliore.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails