GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

giovedì 15 ottobre 2015

EURO 2016, TUTTE LE QUALIFICATE, TRA SORPRESE E DELUSIONI

Croazia e Turchia (che passa come migliore terza) al fotofinish. Fallimento incredibile e clamoroso dell’Olanda che rimane a casa e seguirà i prossimi Europei dal salotto. Questi gli ultimi verdetti delle qualificazioni ad Euro 2016.
Le 20 nazionali che accedono direttamente agli Europei del prossimo anno sono: Francia (nazione ospitante), Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Islanda, Inghilterra, Spagna, Svizzera, Irlanda del Nord, Austria, Portogallo, Italia, Belgio, Galles, Romania, Albania, Russia, Slovacchia, Croazia e Turchia.
La prima Nazionale accolta agli Europei è stata l’irresistibile Inghilterra di Roy Hodgson, l’unica partecipante a punteggio pieno nella fase a gironi (10 vittorie su 10). Meno celebrato ma altrettanto brillante il cammino di Repubblica Ceca e Islanda, entrambe inserite nel gruppo A che le ha incoronate protagoniste. Risale a settembre anche il pass staccato dall’Austria, per la seconda volta alla rassegna continentale (nel 2008 organizzò il torneo in partnership con la Svizzera).
I match di ottobre hanno invece garantito un posto alla maggior parte delle concorrenti. Pratica archiviata in primis da Portogallo e Irlanda del Nord, quest’ultima all’esordio assoluto nella fase finale. Missione compiuta anche da Spagna e Svizzera grazie al cambio di marcia nella parte decisiva del percorso. Se la qualificazione di Italia e Belgio (rispettivamente leader nei gironi H e B) non è stata una sorpresa, ha invece entusiasmato la marcia del Galles ammesso per la prima volta. Un debutto storico anche per l’Albania, un’altra delle favole più emozionanti complice la presenza del ct italiano Gianni De Biasi. Si rivedrà la Romania che mancava dal 2008, mentre Germania e Polonia volano a braccetto in Francia dal gruppo D. Guadagnano un posto in prima classe anche Russia e Slovacchia, quest’ultima già presente ai Mondiali (ottavi di finale nel 2010) ma al battesimo in chiave europea. Qualificate infine in extremis la Croazia (alle spalle dell’Italia) e la Turchia, migliore terza classificata nel rapporto con le altre 8 aspiranti.
Detto delle 20 qualificate direttamente alla fase finale, restano in corsa 8 squadre destinate alla roulette dei playoff, incroci in gare di andata e ritorno da disputare tra il 12 e il 17 novembre. Gli accoppiamenti verranno stabiliti domenica a Nyon in base ai coefficienti Nazionali Uefa, formula che distinguerà tra teste di serie e non. Nel primo lotto figurano Ucraina e Bosnia (a caccia del primo biglietto iridato dopo l’avventura Mondiale), l'Ungheria beffata dalla Turchia e la Svezia di Ibrahimovic che non incontrerà lo spauracchio Portogallo. Tra le non teste di serie si registrano invece le candidature di Irlanda e Danimarca, la Norvegia che ha accarezzato la qualificazione diretta e la Slovenia. Le 4 vincitrici dei rispettivi incontri completeranno il tabellone degli Europei in Francia.
Non solo gioie e speranze nel bilancio di Euro 2016, dove si sono consumate anche cocenti delusioni. L’esclusione più clamorosa è indubbiamente quella dell’Olanda, presente dal 1988 (quando trionfò a Monaco di Baviera) ma eliminata in virtù di 5 ko in 10 partite. Fallimentare il cammino della Grecia, clamorosa rivelazione nel 2004. Spedizione da dimenticare per la Serbia, ma anche per Scozia, Finlandia e Montenegro.
Fuori anche Israele e Cipro, aggrappate sino alla fine al miraggio playoff conquistato dalla rivale Bosnia. La casella ‘0’ alla voce ‘punti’ di Andorra e Gibilterra difficilmente desterà clamore, al contrario di San Marino che, dopo 10 partite, potrà fregiarsi del pareggio imposto all’Estonia. Loro sì che potranno archiviare senza lacrime queste qualificazioni europee.

 CLASSIFICA FINALE DEI NOVE GIRONI  

GIRONE A
REP. CECA 22, ISLANDA 20, TURCHIA 18, Olanda 13, Lettonia 5, Kazakistan 2

GIRONE B
BELGIO 23, GALLES 21, Bosnia Erzegovina 17, Israele 13, Cipro 12, Andorra 0
 
GIRONE C
SPAGNA 27, SLOVACCHIA 22, Ucraina 19, Bielorussia 11, Lussemburgo 4, Macedonia 3.

GIRONE D
GERMANIA 22, POLONIA 21, Irlanda 18, Scozia 15, Georgia 9, Gibilterra 0

GIRONE E
INGHILTERRA 30, SVIZZERA 21, Slovenia 16, Estonia 10, Lituania 10, San Marino 1

GIRONE F
IRLANDA DEL NORD 21, ROMANIA 20, Ungheria 16, Finlandia 12, Grecia 6, Isole Far Oer 6

GIRONE G
AUSTRIA 28, RUSSIA 20, Svezia 18, Montenegro 11, Leichtenstein 5, Moldova 2

GIRONE H
ITALIA 24, CROAZIA 20, Norvegia 19, Bulgaria 11, Azerbaigian 6, Malta 2

GIRONE I
PORTOGALLO 21, ALBANIA 14, Danimarca 12, Serbia 4, Armenia 2

Inserisci il tuo indirizzo mail
per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti:


Servizio offerto da FeedBurner

5 commenti:

Theseus ha detto...

Grande delusione l'Olanda. Sinceramente fatico a comprendere i motivi di questo flop così clamoroso.
Non mi sorprende invece la Grecia, negli ultimi anni è tornata nel più totale anonimato.

Theseus ha detto...

Per quanto riguarda le promosse sono ben contento che ci sia una ventata di novità. Galles, Albania, Islanda, Irlanda, ma anche Austria e Slovacchia. È positivo non dover vedere le solite facce note.

Entius ha detto...

Con la nuova formula e l'allargamento a 24 squadre era prevedibile che avremmo visto qualche "faccia nuova". Fa piacere anche a me che nuove realtà come Islanda, Albania e Galles abbiano conquistato la qualificazione a Euro 2016 a suon di prestazioni positive.

Theseus ha detto...

L'allargamento ha aiutato ma è anche vero che, per dire, l'Islanda ha superato il turno nel gruppo dell'Olanda e l'Albania ha avuto la meglio sulla Danimarca.

Theseus ha detto...

Gli accoppiamenti dei playoff:
Ucraina-Slovenia
Bosnia-Irlanda
Svezia-Danimarca
Norvegia-Ungheria
Secondo me sono quattro sfide equilibrate. Credo che Svezia e Bosnia abbiano le carte in regola per qualificarsi, più equilibrati gli altri due confronti.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails