GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

lunedì 26 novembre 2012

UN JOLLY (la Juve sconfitta) CHE DOBBIAMO SFRUTTARE

Vedere giocare l’Inter il lunedì sera mi fa un effetto strano. Calcio il lunedì sera per me vuol dire la consueta partita di calcetto con gli amici (anche se da un po’ di mesi ho smesso). L’Inter che gioca il lunedì è come mangiare il panettone a febbraio, è come abbronzarsi a novembre, è come bere acqua mentre mangi una pizza. In parole povere è una cosa strana, inconsueta (ma nell’era delle pay tv succede anche questo, purtroppo).
Anche se non è la prima volta. Almeno un’altra volta abbiamo giocato il lunedì. E’ capitato due anni fa alla prima di campionato quando giocammo Bologna-Inter di lunedì perché il venerdì precedente si era disputata la Supercoppa Europea contro l’Atletico Madrid (almeno in quell’occasione c’era una motivazione valida).
Per una pura coincidenza anche stavolta di lunedì ci tocca una trasferta in terra emiliana. Si va a Parma dove non sempre (anzi quasi mai…) i colori nerazzurri hanno avuto la meglio (3 vittorie appena, in 21 confronti con 12 sconfitte e 6 pareggi). Anche se proprio al Tardini abbiamo conquistato uno scudetto nel 2008 (forse l’unico ricordo positivo che evoca lo stadio parmense).

Stramaccioni dovrà fare a meno di Cassano, squalificato per due giornate per ciò che è successo nel post-gara di Inter-Cagliari, e Gargano, anche esso squalificato ma per somma di ammonizioni. Tra i convocati si rivede Guarin mentre è ancora assente Sneijder (per scelta “tecnica”). Regolarmente convocato anche Ranocchia, uscito a Kazan per un dolore. La formazione, salvo stravolgimenti, dovrebbe prevedere Ranocchia, Samuel e Juan Jesus in difesa, Zanetti, Cambiasso, Guarin e Nagatomo nella linea mediana e Coutinho trequartista dietro Milito e Palacio. L’unico dubbio potrebbe essere rappresentato dall’utilizzo di Guarin. Se il colombiano non dovesse farcela, Zanetti giocherà in mezzo con Nagatomo a destra e Pereira a sinistra.
Il risultato della Juventus di ieri sera non ammette repliche. Bisogna sfruttare appieno l’occasione e portare a casa il risultato. Abbiamo fallito settimana scorsa, non possiamo, nel modo più assoluto, prenderci il lusso di un altro passo falso anche stavolta. Se vogliamo puntare in alto dobbiamo essere bravi proprio a sfruttare i passi falsi di chi ci precede. Dopo la sfida con i campioni d’Italia ci siamo un po’ persi per strada. Ora è giunto il momento di riprendere la retta via e tornare a correre. Anche perché dietro la concorrenza preme (la Fiorentina ieri ha pareggiato con Torino e ci ha agganciato al secondo posto mentre il Napoli gioca alle 19 a Cagliari e se vince ci supererà in classifica) ed è fondamentale fare punti anche in ottica qualificazione alla prossima Champions League.
Dunque cari ragazzi, rimbocchiamoci le maniche e portiamo a casa il risultato. Sperando che l’arbitro Banti non imiti i suoi colleghi Tagliavento, Damato e Giacomelli e decida di mettere la sua firma sulla gara. FORZA INTER !!!

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

1 commento:

Matrix ha detto...

L'arbitraggio mi preoccupa più del resto. Non vorrei che l'errore di Rizzoli dobbiamo pagarlo noi. Anche se sono convinto che se giochiamo come sappiamo fare non c'é arbitro che tenga.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails