GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 11 novembre 2012

FRENATA INTER, K.O. (meritato...) A BERGAMO

Serie A 2012-2013 – 12^ Giornata
ATALANTA - INTER 3 - 2
9′ Bonaventura - 56′ GUARIN - 60′ Denis - 67′ Denis (rig.) - 84′ PALACIO


ATALANTA (4-4-1-1): Consigli; Raimondi, Stendardo, Manfredini, Peluso; Schelotto, Carmona (83′ Cazzola), Cigarini (72′ Biondini), Bonaventura; Moralez; Denis (77′ Parra).
A disp.: Frezzolini, Polito, Ferri, Lucchini, Brivio, Matheu, De Luca, Troisi, Marilungo.
All.: Colantuono.
INTER (4-3-2-1): Handanovic; Zanetti (78′ Livaja), Silvestre, Juan Jesus, Nagatomo; Guarin, Gargano, Cambiasso (72′ Alvarez); Palacio, Cassano (72′ Pereira); Milito.
A disp.: Castellazzi, Belec, Mbaye, Romanò, Benassi, Duncan.
All.: Andrea Stramaccioni.
Arbitro: Antonio Damato di Barletta.

Prima o poi doveva succedere ed è successo stasera. L’Inter perde a Bergamo mettendo in mostra evidenti lacune dettate anche dalle molte assenze.
Stramaccioni si presenta con il 4-3-3. Zanetti e Nagatomo esterni difensivi, con Juan Jesus e Silvestre centrali, Cambiasso, Guarin e Gargano in mezzo con Cassano, Palacio e Milito in avanti.
E’ l’Inter a partire bene nei primissimi minuti ma al minuto 9, al primo affondo Bonaventura si infila nella difesa nerazzurra e di testa mette dentro il gol del vantaggio. L’Inter è incapace di reagire mentre l’Atalanta acquista sicurezza e chiude bene gli spazi. Consigli compie due miracoli su Palacio mentre Denis si fuma un gol a porta vuota.
Il primo tempo si chiude sull’1-0. Nella ripresa l’Atalanta allarga le maglie e l’Inter trova il pareggio su una punizione di Guarin con un missile su cui Consigli nulla può.

Potrebbe iniziare un’altra partita per l’Inter ma un altro errore difensivo permette a Denis di riportare in vantaggio l’Atalanta. E dopo pochi minuti arriva la mazzata definitiva. Silvestre (che definire disastroso è poco) atterra in area Maxi Moralez. Fallo abbastanza sciocco e rigore netto. Dal dischetto Denis mette dentro il 3-1 che chiude i conti. L’Atalanta abbassa i ritmi e subisce il 3-2 di Palacio che rende interessante il finale. Ma non succede più nulla.
L’Atalanta porta a casa i tre punti e interrompe la serie di vittorie consecutive (assolute e in trasferta) dell’Inter.
Cosa dire dell’Inter? Non ha giocato da solita Inter. Molto confusionaria in difesa (Silvestre è davvero inguardabile), poco incisiva in attacco (Cassano irritante, Palacio poco lucido, Milito spettatore). Stramaccioni non è riuscito a cambiare l’inerzia in corsa (non è che avesse molto alternative in panchina, i subentrati Pereira e Alvarez hanno fatto peggio dei titolari). Unici positivi Guarin e Juan Jesus. Poco, troppo poco per evitare il passo falso.
Un passo falso che potrebbe essere salutare. Credo che la vittoria di Torino ci abbia esaltato troppo e fatto credere di essere fortissimi. Invece rimaniamo una squadra “work in progress” e questa sconfitta ci fa tornare con i piedi per terra. L’importante sarà rimettersi in carreggiata. Abbiamo una settimana per valutare i nostri errori e trovare le correzioni da fare. Sperando anche di recuperare qualcuno. Perché con questa difesa potremmo avere problemi anche contro il Cagliari. FORZA INTER !!!

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Non sono d'accordo su due cose: 1) il rigore è tutt'altro che NETTO, anzi, viene presa pulita la palla, e Maxi Morales parte da posizione di fuorigioco; 2) le sconfitte non sono MAI salutari... il resto dell'articolo è condivisibile.
Juan

pippo ha detto...

se avessimo potuto prendere caceres e guarin e non solo uno dei due a quest'ora non c'era la minima possibilità per nessuno(già ce ne sono poche).è un giocatore DEVASTANTE.stasera comunque avete perso solo perchè una cosa è avere in difesa ranocchia e samuel,un'altra silvestre ecc... ecc...per me restate forti e se reggerete fino alla fine della stagione(e noi avremo ancora la champions)sarete i veri antagonisti per lo scudetto.stramaccioni è uno che vale e soprattutto non è isterico,è uomo vero e sa qual'è il valore del campo.penso che molti interisti dovrebbero prendere esempio.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails