GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 3 dicembre 2017

POKERISSIMO INTER, LA VETTA SI TINGE DI NERAZZURRO

Serie A 2017-2018 – 15^ Giornata
INTER - CHIEVO 5 - 0
23' PERISIC – 38’ ICARDI - 57’ PERISIC – 60’ SKRINIAR – 92’ PERISIC

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio (31' st Dalbert), Skriniar, Ranocchia, Santon; Joao Mario, Borja Valero; Candreva (38' st Karamoh), Brozovic, Perisic; Icardi (29' st Eder).
A Disposizione: Padelli, Berni, Cancelo, Vecino, Nagatomo, Pinamonti.
All. Spalletti.
CHIEVO ( 4-3-1-2) Chievo: Sorrentino; Cacciatore, Dainelli, Gamberini, Gobbi (42' st Jaroszynski); Depaoli, Rigoni (18' st Tomovic), Bastien; Birsa; Meggiorini (23' st Garritano), Inglese.
A Disposizione: Seculin, Confente, Stepinski, Gaudino, Leris, Cesar, Bani, Pucciarelli, Pellissier).
All. Maran.
ARBITRO: Calvarese di Teramo.
Una valanga nerazzurra si abbatte sul Chievo e si porta in testa alla classifica. La tripletta di Perisic e i gol di Icardi (un paracarro che sta in area e sa fare solo i gol) e Skriniar (pessimo difensore, meglio quel fenomeno di Bonucci) spazzano eventuali dubbi e perplessità riguardo l’Inter e le seconde linee (Ranocchia e Brozovic molto positivi). Dopo quasi due anni (l’ultima volta era successo nel gennaio 2016) l’Inter riassapora l’ebbrezza di guardare tutti dall’alto e si prepara all’esame di maturità sabato prossimo all’Allianz Stadium di Torino.
Nessuna sorpresa da parte di Spalletti che schiera Ranocchia in mezzo alla difesa e Joao Mario e Brozovic in mezzo al campo.


Parte forte l’Inter che subito mette in chiaro le intenzioni di portare a casa i tre punti e il primato in classifica. L’unico brivido clivense è un colpo di testa di Meggiorini respinto dal solito Handanovic. Ma è un’oasi nel deserto. L’Inter sfiora più volte il gol (anche con Ranocchia, tornato titolare dopo un anno) e al 23esimo ecco la rete che sblocca il match. Tiro di Santon, Sorrentino respinge ma nulla può sul tap-in vincente di Ivan Perisic.
Il meritato raddoppio arriva al 38esimo. A timbrare il cartellino il solito Icardi. Che non sarà fortissimo, che come attaccante non vale granché, che avrà mille difetti, ma che infila il 16 gol in 15 partite e scusate se è poco.
Stesso registro nella ripresa con l’Inter che non allenta la presa. Candreva e Brozovic sfiorano più volte il gol, poi Perisic mette il sigillo del 3-0 con un sinistro incrociato. E al 60esimo c’è gloria anche per Skriniar. Riconquista di palla in difesa, palla consegnata e corsa in avanti, a raccogliere in tuffo il cross di Candreva: gol di testa, 4-0, tripudio. Nel recupero Perisic mette a segno la sua prima tripletta in maglia nerazzurra firmando il definitivo 5-0.
Un successo devastante al termine di una prestazione praticamente perfetta dall'inizio alla fine, con i ragazzi di Spalletti che non hanno mollato di un centimetro fino all'ultimo minuto di recupero. Un successo che porta la firma di Perisic, ma in cui tutti hanno dato il loro contributo. Da Icardi che si è limitato al limite sindacale, a Candreva che ormai crossa con una precisione chirurgica, da Skriniar che partita dopo partita sta diventando l’erede designato di The Wall Samuel ai ritrovati Santon e Ranocchia, da Brozovic che quando gioca con la testa è impressionante, alle certezze D’Ambrosio e Borja Valero, fino agli ultimi entrati Dalbert e Karamoh (che nel finale sfiora pure il gol). Insomma l’Inter c’è e fino alla fine darà filo da torcere a tutti.
Tantissimi meriti per questa Inter capolista solitaria vanno a Spalletti. Ha dato un'identità tattica, una solidità difensiva, un cambio di mentalità netto, ha motivato giocatori fondamentali come Perisic e Candreva, ha rigenerato giocatori dimenticati come Santon e Ranocchia, ha ridato grinta e convinzione a questa squadra come non vedevamo da tempo. I cori al suo indirizzo a metà ripresa sono più che meritati. Se siamo arrivati al 3 dicembre con tante certezze e una vetta della classifica conquistata a suon di prestazioni convincenti il merito è soprattutto suo. Questa Inter fa impressione. E lo sa anche la Juventus che sabato sera dovrà affrontarci a Torino. Noi partiamo con la consapevolezza che sarà una sfida molto dura, ma pure loro sanno che non avranno vita facile. FORZA INTER !!!


11 commenti:

Nerazzurro ha detto...

Prestazione superlativa. Sono stati tutti strepitosi, sembra va di rivedere l'Inter del Triplete. Fenomenali. E ora andiamo a rompere il culo ai ladroni torinesi.

Winnie ha detto...

Spalletti sta facendo un lavoro straordinario, Sia dal punto di vista tecnico-tattico, ma soprattutto dal punto di vista mentale. I recuperi di Perisic, Candreva, Santon, Ranocchia, non sono casuali. Senza troppi proclami e chiacchiere sta facendo un lavoro pari a quello che fece Mourinho.

Winnie ha detto...

Non so se sabato andremo a rompere il culo ai pigiamati, ma sono convinto che in questo momento ci temono almeno quanto noi temiamo loro.

Piippo ha detto...

Fai bene ad essere entusiasta. Sembri un napoletano prima di venerdì sera. Una sola imprecisione. Finora i ladroni sono i milanesi. ....con l'ausilio della var che è molto più grave.
Resto in attesa del primo episodio in cui la var si zittisca anche per noi nonostante l'evidenza del campo. Sai le polemiche. Finora è successo a vostro favore e tutti i media zitti. Come li ha chiamati Rizzoli? Errori di comunicazione. ....

Nerazzurro ha detto...

Ah ah ah. E quando è che la Var ci avrebbe aiutato? A me sembra che vi rode il culo perché non potete più rubare come facevate fino all'anno scorso...

Entius ha detto...

Ricominciamo con le polemiche? Dai, fate i bravi.
Gli interisti sono contenti perché siamo in testa alla classifica dopo due anni, i juventini son contenti per aver battuto la diretta concorrente al titolo. Godiamoci entrambi sta settimana e poi sabato sera si vedrà.
Sperando che sia una bella partita e che vinca...

Mark della Nord ha detto...

Fossi gobbo (si fa per dire, eh?), prima ancora della partita di sabato, del var, dei ladroni milanesi (!), dei media asserviti (!!) e di Rizzoli (!!!) penserei a vincere mercoledì, così da fare fuori una volta per tutte le super corazzate Sporting e Olympiacos, ed approdare trionfalmente agli ottavi di Champions (senza var).

BlackWhite ha detto...

Godetevi questa settimana di gloria. Sabato sera vi faremo abbassare la cresta così come abbiamo fatto col Napoli.

Nerazzurro ha detto...

Le partite vanno prima giocate. Sei sicuro che ci farete abbassare la cresta? O saremo noi che la faremo abbassare a voi?

pippo ha detto...

Dunque, il napoli doveva asfaltarci(!),peccato.L'Olimpiakos e lo sporting dovevano eliminarci(!!),peccato.L'Inter ci romperà il culo (cit.).......
Il tutto mentre come al solito l'inter procede spedita ed imbattuta in Champions League.(!!!!!!)
@nerazzuro, le prime che mi vengono in mente :rigore su perotti,rigore su simeone,mani di skriniar con il crotone...ERRORI DI COMUNICAZIONE
@entius ,il mondo va proprio all'incontrario. Gli interisti che non fanno polemiche e invitano ad accettare il verdetto del campo .Tutto sommato qualche polemicuccia però non ti dispiace.......
Vedi entius, a me va bene.Solo non vorrei che al primo dubbio var pro juve si ricominciasse....a far polemiche.
Me ne sto buono ....in attesa di sicure smentite.

Mark della Nord ha detto...

E dagli con questa storia del var!!
Oh, proprio non riescono a farsene una ragione e darsi pace.
Sarà un caso, ma da quando è stato introdotto non sono più in testa.
E perdono pure le partite, cosa che gli capitava una volta ogni 3 anni.
E dire che hanno una squadra di fenomeni: mister 90 milioni, il pallone d'oro, CR7 (che non lo si vede mai giocare perché fa la riserva).

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails