GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 1 marzo 2017

LA LAZIO FA SUO IL DERBY E SI AVVICINA ALLA FINALE

COPPA ITALIA 2016-2017 – Semifinale d’Andata
LAZIO-ROMA 2-0
29’ Milinkovic – 78’ Immobile

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, De Vrij, Wallace; Basta, Parolo, Biglia, Milinkovic (dal 46' s.t. Murgia), Lukaku (dal 35' s.t. Crecco); Felipe Anderson (dal 22' s.t. Keita), Immobile. (Adamonis, Vargic, Hoedt, Spizzichino, Luis Alberto, Mohamed, Djordjevic, Lombardi). All. Inzaghi.
ROMA (3-4-2-1): Alisson; Manolas, Fazio, Rüdiger; Bruno Peres (dal 41' s.t. Totti), Paredes (dal 18' s.t. Perotti), Strootman, Emerson Palmieri; Salah (dal 24' s.t. El Shaarawy), Nainggolan; Dzeko. (Szczesny, Lobont, Vermaelen, Juan Jesus, Mario Rui, Gerson, De Rossi, Grenier). All. Spalletti.
ARBITRO: Irrati di Pistoia.

A sorpresa è la Lazio ad aggiudicarsi il derby valevole per l’andata della semifinale di Coppa Italia. Un gol per tempo (Milinkovic-Savic nel primo, Immobile nel secondo) e per la Roma si allontana la finale.
Il Derby è una partita che non si può perdere e si deve solo vincere. Lo sanno bene i giocatori in campo che danno vita già dai primi minuti ad una partita spettacolare. La prima occasione è di marca giallorossa, con Emerson che pennella per Dzeko, il cui tentativo sorvola la traversa. La Lazio non resta a guardare e con Milinkovic-Savic, ben imbeccato da Lukaku, scalda i guantoni di Alisson. Il portiere brasiliano si ripete poco dopo con un volo plastico sul diagonale potente di Immobile.
La Lazio non si fa sfuggire l'occasione e alla prima occasione buona passa. Felipe Anderson chiama il passaggio in profondità e dal fondo serve l'accorrente Milinkovic-Savic, che in scivolata anticipa Fazio e fulmina Alisson. Vantaggio biancoceleste. Veemente la reazione giallorossa, che con Dzeko ha due palle gol per ristabilire la parità, ma la mira non è quella delle giornate migliori.


Nella ripresa le emozioni non sono certo da meno rispetto al primo tempo. Il primo squillo è di Paredes che prova a ripetersi come contro il Torino: tiro alle stelle. Poco dopo, sul cambio di fronte, Felipe Anderson lascia partire una rasoiata che esce di poco sul fondo. Ci prova anche Parolo, ma la palla finisce fuori. Dall’altro lato è Salah a sfiorare il gol del pareggio. Ci prova anche Bruno Peres con il tiro della disperazione, che finisce innocuamente sul fondo. I giallorossi attaccano a testa bassa, esponendosi ai contropiedi avversari. E proprio da una ripartenza in velocità che la squadra di Inzaghi chiude la partita. Keita brucia in velocità Manolas e mette dentro sul secondo palo, dove Immobile, tutto solo, infila per la seconda volta Alisson. Vano l’assalto finale della Roma. La Lazio si gode tutta la gioia di un derby finalmente dominato.
Dopo quasi 4 anni i biancocelesti rivincono un derby. Non succedeva dal 26 maggio 2013: quello della finale di Coppa Italia firmata al gol di Lulic. Lazio devastante e spettacolare. Roma smarrita tra incertezze e inattesi disagi. I giallorossi belli e spettacolari di domenica sera sono solo un sbiadito ricordo. La squadra di Spalletti stasera è apparsa impacciata e incapace di tener testa ad una buona Lazio che Inzaghi ha messo in campo con intelligenza.
E anche per la Roma vale il discorso fatto ieri sera per il Napoli. Per conquistare la finale servirà un’impresa. E non sarà per niente facile.

1 commento:

Mattia ha detto...

La Lazio ha giocato una grande partita e alla fine la vittoria è più che meritata. Roma sottotono ma messa sotto scacco dalla bravura di Inzaghi.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!