GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

venerdì 30 dicembre 2016

APPUNTI SPARSI SU QUESTO 2016

ü In Italia ancora una volta è la Juventus a farla da padrona. Scudetto (dopo un incredibile rimonta e un filotto di 20 vittorie in 21 partite) e Coppa Italia (battuto in finale il Milan). Predominio che si sta confermando anche nella nuova stagione con la formazione bianconera saldamente in testa.

ü Nella stagione del quinto scudetto bianconero a distinguersi è capitan Buffon che realizza il nuovo record di imbattibilità non subendo gol per 974 minuti (il precedente record era di 929 minuti e apparteneva a Sebastiano Rossi).

ü Altro giro, altro record. Gonzalo Higuain con la maglia del Napoli (in estate passerà poi alla Juventus) realizza il record di gol segnati in una stagione timbrando il cartellino per ben 36 volte (in 35 gare) e superando il precedente record di Gunnar Nordahl che nel 1949-50 segnò 35 reti.

ü Se negli altri campionati europei in vetta si confermano sempre le solite note (Juventus, Bayern, Barcellona, Psg), in Inghilterra arriva una clamorosa ed inaspettata sorpresa con il Leicester guidato da Claudio Ranieri che tra l’incredulità di molti si laurea campione d’Inghilterra mettendo in riga le superpotenze d’Oltremanica.


ü A distanza di due anni la finale di Champions League offre l’occasione della rivincita. Come nel 2014 infatti è va in scena il derby madrileno. E come nel 2014 a primeggiare è il Real Madrid di Zidane che conquista la sua Undicesima Coppa Campioni/Champions League battendo ai rigori i cugini dell’Atletico. Le merengues conquisteranno a dicembre anche il Mondiale per Club al termine di un’incredibile finale dove i cinesi del Kashima Antlers hanno rischiato di fare il colpaccio.

ü L’egemonia spagnola si conferma anche in Europa League dove il Siviglia per la terza volta consecutiva (quinta complessiva negli ultimi 10 anni) si aggiudica il trofeo europeo minore battendo in finale il Liverpool per 3-1.

ü Anche gli Europei di calcio disputatisi in Francia ha regalato sorprese e colpi di scena inaspettati. A trionfare è infatti il Portogallo di Cristiano Ronaldo che in finale supera i padroni di casa francesi ai supplementari. Ma è stato anche l’Europeo delle piacevoli sorprese come Galles (semifinalista) e Islanda (battuta l’Inghilterra negli ottavi). Non male l’Italia che negli ottavi fa fuori la bestia nera Spagna, ma ai quarti deve arrendersi alla Germania che ci supera ai rigori.

ü Se agli Europei arriva una sorpresa, in Coppa America arriva la conferma di una sorpresa. Nella manifestazione del Centenario infatti ad affermarsi è nuovamente il Cile, che, come un anno fa, in finale supera l’Argentina di Messi che sbaglia il rigore decisivo e conferma il fatto che in Nazionale diventa solo un buon giocatore.

ü Trionfo del Portogallo agli Europei, Real Madrid che porta a casa Champions League e Mondiale per Club, a chi poteva essere assegnato il Pallone d’Oro? Ovviamente a Cristiano Ronaldo, che per la quarta volta conquista l’ambito trofeo calcistico succedendo a Messi che un anno fa l’aveva vinto per la quinta volta.

ü Nel monologo juventino (solo in Italia perché oltre confine continua a incassare sconfitte) c’è spazio anche per il Milan che a dicembre conquista la Supercoppa Italiana battendo ai rigori i rivali bianconeri. Di Pasalic il rigore decisivo che regala il trofeo ai rossoneri, mentre per la Juventus aveva sbagliato Dybala.

ü Avvicendamento sulla panchina azzurra. Dopo gli Europei francesi infatti Antonio Conte ha risposto alle sirene inglesi del Chelsea, lasciando la panchina azzurra per accomodarsi su quella più comoda (e più ricca) dei Blues. Il suo successore sul ponte di comando azzurro è Giampiero Ventura, reduce da alcune stagioni positive nella Torino granata.
ü Cambia la geografia del calcio. Dopo l’invasione di emiri e sceicchi, ora a farla da padrona sono i cinesi. A giugno acquistano la maggioranza dell’Inter (è il gruppo Suning che fa capo a Zhang Jindong a rilevare le quote di maggioranza del club nerazzurro) e a breve dovrebbero monopolizzare Milano acquistando anche il Milan (il closing dovrebbe arrivare tra gennaio e febbraio). Il tutto mentre in Cina fanno ponti d’oro per assicurarsi grandi campioni come Oscar e Tevez (giusto per citare gli ultimi colpacci effettuati dalle società cinesi).

ü A maggio fa festa il Crotone che conquista la prima storica promozione in Serie A. I pitagorici approdano nella massima serie al termine di una stagione esaltante culminata nella vittoria del campionato cadetto. Peccato che questi primi mesi di Serie A non siano stati molto positivi per la formazione calabrese.

ü In questo 2016 ci lasciano due grandi giocatori che hanno fatto la storia del calcio: Johann Crujiff e Cesare Maldini. L’olandese era il leader dell’Olanda che negli anni ’70 rivoluzionò il calcio con il loro modo di giocare e da molti è indicato tra i più grandi giocatori di tutti i tempi. Maldini invece fu, da giocatore, capitano del Milan che nel 1960 trionfò in Italia e in Europa e da tecnico portò l’Under 21 azzurra a trionfare in tre Europei consecutivi nei primi anni 90.

ü Chiusa doverosa per la formazione della Chapocoense che a fine novembre è vittima di un disastro aereo mentre stava andando in Colombia per giocare la finale della Copa Sudamericana contro l’Atletico Nacional. Il trofeo verrà poi assegnato d’ufficio alla formazione brasiliana, ma questo non servirà a lenire il grande dolore di una nazione che piange la morte di questi ragazzi.

Inserisci il tuo indirizzo mail 
per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti:


Servizio offerto da FeedBurner

1 commento:

Nerazzurro ha detto...

"Nel monologo juventino (solo in Italia perché oltre confine continua a incassare sconfitte)" E, aggiungerei, a fare figure da cioccolatai...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!