GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 1 maggio 2016

KLOSE-CANDREVA: LA LAZIO SUPERA UNA MOLLE INTER

Serie A 2015-2016 – 36^ Giornata
LAZIO - INTER 2 - 0
8’ Klose - 84’ Candreva (rig.)

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Basta, Bisevac, Gentiletti, Konko; Onazi, Biglia (dal 47' s.t. Cataldi), Lulic; Candreva (dal 44' s.t. Milinkovic), Klose (dal 27' s.t. S. Mauri), Keita.
A Disposizione: Berisha, Guerrieri, Patric, Hoedt, Mauricio, Braafheid, Morrison, Felipe Anderson.
All. Inzaghi.
INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Miranda, Murillo, Nagatomo (dal 34' s.t. Palacio); Medel (dall'11' s.t. Biabiany), Kondogbia; Brozovic, Jovetic (dal 27' s.t. Eder), Perisic; Icardi.
A Disposizione: Carrizo, Berni, Juan Jesus, Santon, Telles, Gnoukouri, Felipe Melo, Manaj.
All. Mancini.
ARBITRO: Banti di Livorno

Questa stagione ormai va così. Qualche buona partita e tante prestazioni che ti fanno venire voglia di prenderli tutti a calci nel fondoschiena. Contro la Lazio si mette subito male con Klose che timbra il cartellino dopo appena 8 minuti e l’Inter incapace di reagire che nel finale subisce anche il raddoppio su rigore e rimane in 10 per l’espulsione di Murillo. I nerazzurri dicono matematicamente addio alla Champions League, ma mantengono un discreto vantaggio sulla Fiorentina per la corsa al quarto posto.
Mancini conferma la formazione che avevamo ipotizzato alla vigilia con Jovetic e Perisic a sostegno di Icardi e Medel-Brozovic-Kondogbia terzetto di centrocampo.
Alla Lazio bastano otto minuti per andare in vantaggio. Triangolo scolastico Klose-Lulic-Klose, il tedesco si infila agevolmente nella difesa nerazzurra, mette a sedere Handanovic e lo supera con un pallonetto. Lazio 1 Inter 0.

Dopo una punizione mal sfruttata, l’occasione capita sui piedi di Jovetic che ben pescato da Kondogbia sul filo del fuorigioco tira addosso a Marchetti. Dall’altro lato è Candreva ad impensierire Handanovic.
Alla mezzora l’occasione capita sui piedi di Keita, ma Handanovic devia la conclusione. Allo scadere invece è Miranda a salvare su Klose, pronto a firmare la doppietta personale.
Il registro non cambia nemmeno nella ripresa. Keita cade in area dopo un contatto con Medel. Per Banti è simulazione. Mancini inserisce Biabiany per Medel ma la sostanza non cambia. L’Inter prova a rendersi pericolosa sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma Jovetic non ci arriva per un soffio.
Entra anche Eder per uno spento Jovetic (finalmente!!!) e al minuto 74 la formazione di Mancini dopo un calcio di punizione dal limite respinto da Marchetti, semina il terrore nell'area avversaria. La Lazio va in leggera sofferenza, ma l'Inter è poco concreta.
A ridosso dell'ottantesimo Palacio prende il posto di Nagatomo. Anche Murillo si guadagna un giallo con un intervento nettamente in ritardo su Stefano Mauri. All'ottantaduesimo l'episodio che chiude il match. Sempre Murillo stende Keita in area. Espulsione per l'interista e rigore per i romani. Sul dischetto va Candreva che questa volta non sbaglia e raddoppia.
Finisce 2-0. Risultato più che meritato per quello che si è visto in campo. Un’Inter terribile, forse tra le peggiori viste quest’anno. Escluso Kondogbia e Handanovic, è stato un tripudio di prestazioni pessime. In telecronaca Cristian Recalcati, telecronista fazioso di Mediaset Premium, ipotizzava provocatoriamente che i giocatori fossero con la testa già alle vacanze. Per quello che si è visto in campo non sarebbe un’ipotesi assurda. Murillo e Miranda stasera erano una groviera (pessimo soprattutto il colombiano), quanto siano scarsi D’Ambrosio e Nagatomo non lo scopriamo stasera, lo stesso vale per uno Jovetic che spesso diventa irritante con le sue leziosità che non portano a nulla, Perisic e Icardi erano in serata no, Brozovic pretende di battere tutte le punizioni e tutti i calci d’angolo senza riuscire a fare un cross decente (l’unica punizione che ha creato qualche pericolo è stata battuta da Perisic e non da lui). Se poi speriamo di svoltare inserendo Biabiany, allora siamo davvero alla frutta. Credo di averlo scritto mille volte in questi anni da blogger: il problema non è perdere una partita, ma come la perdi. Non ce la siamo giocati alla pari, non abbiamo abbozzato una reazione al gol subito, non ci abbiamo messo le palle nel cercare il gol del pareggio. Siamo pappe molli, come budini andate a male. Questa stagione è ormai in dirittura d’arrivo ed è andata come è andata. Ma si faccia qualcosa per il prossimo anno. E’ indispensabile e urgente. FORZA INTER !!!

2 commenti:

Matrix ha detto...

Non so se sia stata la peggior prestazione stagionale. Di sicuro non è stato un caso isolato. Da gennaio ad oggi di partite giocate così male ne abbiamo viste fin troppe. Poi è normale che il terzo posto te lo sogni...

Brother ha detto...

Ad iniziare da Mancini a finire a tutta la rosa li terrei una settimana in ginocchio sui ceci a pane e acqua. Devono capire che indossare la maglia nerazzurra è un onore e come tale devono dare sempre il massimo.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails