GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

lunedì 22 settembre 2014

TANTI “SE” PER UN’INTER INCOMPLETA

Se Vidic non avesse fatto quella cazzata dopo tre minuti (mi sono incazzato più oggi nel rivederla per la cinquantesima volta che ieri sera in presa diretta).. Se l’arbitro avesse convalidato il gol (peraltro regolarissimo…) di Icardi... Se Sorrentino non fosse arrivato su quel colpo di testa di Osvaldo… Se…
Se...

Vabbè, che vogliamo fare? Andiamo ad oltranza con i “se”? No, non mi pare il caso. Anche perché, se proprio vogliamo dirla tutta non è che avessimo meritato così tanto i tre punti. Il secondo tempo abbiamo spinto, ma il primo non abbiamo combinato nulla, abbiamo creato qualche occasione ma il Palermo non è stato certo a guardare (ha colto pure una traversa). A conti fatti, e mi duole scriverlo, meritavamo di pareggiare e abbiamo pareggiato. Poi, certo, possiamo appellarci al fatto che senza l’erroraccio di Vidic o con il gol di Icardi avremmo visto un’altra partita, ma purtroppo si rimane nel campo delle ipotesi. Perché per quello che si è visto nel primo tempo il Palermo avremmo comunque potuto segnare il gol dell’1-0. E chi ci dice che dopo il 2-1 di Icardi il Palermo non sarebbe riuscito a trovare il gol del pareggio?

Purtroppo la realtà dei fatti è che in questo primo scorcio di stagione abbiamo affrontato due trasferte un po’ più insidiose e subito siamo andati in crisi. E’ facile fare i gradassi con lo Stjarnan o il Sassuolo di turno, poi trovi un Torino o un Palermo un po’ più organizzato e vai subito in crisi. E stiamo parlando di avversari non certo irresistibili (i granata non ancora segnato in questo campionato e sono ultimi in classifica), se fossimo andati a Firenze o Roma cosa sarebbe successo?
In molti abbiamo dato le colpe al modulo mono-punta: ieri sera hanno giocato due punte. Anzi ad un certo punto il tecnico si è messo a giocare con due punte e tre centrocampisti offensivi prima, e tre punte e due centrocampisti offensivi poi.
E’ triste dirlo ma in certi frangenti si ha quasi la sensazione che l’Inter sia questa e che non possiamo aspettarci o pretendere di più da questa squadra. Non è questione di moduli, di allenatori, di schemi, di giocatori, è proprio che questa squadra sembra avere dei limiti oltre la quale non riesce ad andare.
Nulla è perduto, sia chiaro. Come più volte ho scritto, aspettiamo novembre-dicembre per eventuali processi o per iniziare a sperare in qualcosa di più concreto (lo scorso anno dopo 5 giornate eravamo lanciatissimi con quattro vittorie e in pareggio casalingo con la Juventus e poi…), però, per usare una metafora edile, pur non pretendendo che il palazzo sia bello e fatto, ci aspettiamo almeno che le basi siano state gettate. E, correggetemi se sbaglio, al momento non vedo delle solide basi su cui poggiare il palazzo.
Certo qualcuno sta messo peggio (vedi Napoli) o comunque non sta meglio di noi (Fiorentina, Lazio, Milan) però, per dire, quel presunto incapace di Stramaccioni ad Udine sta messo meglio di noi pur non avendo certo una rosa alla nostra altezza.
Vabbè, non possiamo fare altro che attendere. Nei prossimi dieci giorni ci aspettano tre sfide casalinghe con Atalanta, Cagliari e Saint-Etienne in Europa League. Riuscire a portare a casa tre vittorie o non riuscirci, potrebbe fare una bella differenza. E dopo questo trittico di sfide inizieremo ad avere qualche elemento in più per giudicare chi siamo, cosa vogliamo e dove possiamo andare. Inizieremo ad avere più certezze e meno “se”.

14 commenti:

Tifosi_si_nasce ha detto...

Il discorso è sempre lo stesso: Perchè l'Inter deve essere sempre più forte di tutto?

Nerazzurro ha detto...

Solito arbitraggio scandaloso. Quattro punti persi in tre gare. Non male come inizio...

Gaetano ha detto...

Però ragazzi..MAMMA MIA!!!!Sempre a piangersi addosso!!!
Non è che si può sempre incontrare il Sassuolo in campionato!!!
A Torino vi è stato assegnato un rigore contro. Generoso?Non generoso?Le immagini non chiariscono fino in fondo. Sta di fatto che lo hanno sbagliato e non siete riusciti a segnare.
capitolo Palermo. Vi siete fatti un gol da soli. Primo gol da annullare, secondo con un grosso punto interrogativo non certo per la posizione di Icardi, regolare anche senza bisogno di replay, ma per l'influenza che può avere D'ambrosio nell'ostacolare il difensore del Palermo che difende su Vidic. Ciò che è sbagliata è la regola PUNTO.Bisognerebbe ritornare al passato. Se un giocatore parte in fuorigioco su un lancio così come accade a D'Ambrosio deve alzarsi la bandierina, altrimenti cosi il guardalinee non ci capisce piu nulla. Inoltre una linea difensiva si muove in funzione degli avversari e se parto in fuorigioco sicuramente traggo in inganno l'avversario. Detto ciò il gol si poteva dare, non voglio dire il contrario. Non va però dimenticato neppure il gol annullato al palermo di cui poco si parla.Io avrei fischiato cosi come ha fatto l'arbitro, ma rivedendo l'immagine al replay notiamo come il tocco sia leggero e non tale da giustificare una caduta cosi rovinosa.
Riassumendo dico che è patetico cominciare a fare le vitime parlando di punti persi per colpa dell'arbitro.
Semmai vi invito a riflettere sulle parole del Vs.mister che gia alla 3°parla di stanchezza dovuta all'impegno in EL....cominciamo bene!!!Questa tiritera la sentirete ogniqualvolta non vincerete dopo un impegno di coppa.
Un saluto a tutti

Mark della Nord ha detto...

@Gaetano
Vediamo di chiarire un po' le cose, perché chi sta dall'altra parte (leggi chi usufruisce o ha usufruito sistematicamente di vantaggi consistenti derivanti da decisioni arbitrali molto "discutibili", per usare un'espressione soft) è indotto a vedere il mondo di colore rosa e non capisce bene a che punto è realmente la situazione.
Oppure la conosce ma opportunisticamente non ne parla.
Pertanto gliela spiego io, qualora fosse sfuggito qualche particolare.

In appena tre giornate di campionato ci è già successo che:
1) L'ignobile sceneggiata di Quagliarella (degna del peggior Inzaghi) ha fruttato al Torino un calcio di rigore che grida ancora vendetta;
2) Sempre a Torino c'erano due rigori per l'Inter, tanto più evidenti se si considera il metro di giudizio adottato nell'assegnare quello alla squadra di casa.
Rigori che, naturalmente,l'arbitro si è guardato bene dal concedere;
3) Il gol di Icardi a Palermo era regolarissimo, da qualunque posizione lo si osservi.

In definitiva: si poteva essere a 9 punti (senza avere alcuna velleità di arrivare primi, si badi bene, poiché si è consapevoli del fatto che almeno due formazioni ci sono superiori) e invece la classifica ci vede ingiustamente a quota 5.

Se il buon giorno deve giudicarsi dal mattino allora è cambiato nulla rispetto all'anno scorso, quando gli arbitri si impegnarono con tutte le forze di cui fu loro consentito disporre, per impedirci di arrivare terzi. E tale vergognosa condotta dette, come tutti sanno, i frutti auspicati;

Ora, qui, nessuno si piange addosso, come scrivi.
Però, per le circostanze sopra citate, siamo tutti molto incavolati.
Perché, se è questo l'inizio, non ci vuole poi molta fantasia ad immaginare il prosieguo.


Gaetano ha detto...

Caro mark io parlo perché sto dall'altra parte ma vedo che voi non la smettete di piangervi addosso ed ogniqualvolta si fischia qualcosa a voi contro la giudicate come una ingiustizia.
Ti faccio presente che il rigore al Torino non è un sacrilegio, si poteva fischiare o meno ma la trattenuta sembra esserci anche se lieve.
A Palermo tutti voi fate finta di non ricordare, te compreso, che Juan Jesus meritava doppio giallo per un fallo tattico su ripartenza di un avversario.Tutto lo stadio ha protestato, l'arbitro gli si è avvicinato e consapevole di quello che poteva fare estraendo il cartellino lo ha redarguito solo in maniera perentoria, quasi a dire:"allontanati che è meglio". Il gol del Palermo a parti invertite lo avreste giudicato scandaloso da annullare pertanto ti invito a fare meno le vittime ed a giudicare il campo, che tolto il solito sassuolo con il quale fate sempre la parte da leoni, non mi sembra abbiate fatto partite degne di essere ricordate. All'ottava dirai che dovevate avere 24 punti, alla 9° 27 e cosi via. Mi rendo conto che inseguire come sempre alla fine snerva, ma fatevene una ragione, con Mazzarri le cose vanno cosi.
Siamo solo alla 3°giornata e gia parla di stanchezza!!!Buon campionato e finitela con il vittimismo, non aiuterà a crescere neppure ora che c'è Thohir

Anonimo ha detto...

Non volevo commentare, ma a questo punto qualcosa la devo dire. "il rigore al Torino non è un sacrilegio, si poteva fischiare o meno ma la trattenuta sembra esserci anche se lieve". Complimenti, io dopo 15 replay ancora mi chiedevo COSA avesse visto l'arbitro, e tu ci vieni a dire che hai visto invece una trattenuta... ma cosa dici, al massimo gli appoggia la mano! e poi ci si lamenta dei simulatori... magari tu Gaetano eri tra quelli che magari all'ultimo minuto di Milan Juventus accusava Menez di essersi buttato in area... diamine, lì il contatto era molto più evidente! un pò di coerenza no, eh? il gol annullato al Palermo? ma se Nagatomo stava ripartendo palla al piede, Belotti senza spingerlo da dietro non avrebbe MAI potuto recuperare la palla! senza contare che il fischio arriva molto prima del tiro, Handanovic infatti resta fermo, altrimenti parava anche solo allungando il piede!!! ma insomma, siamo seri!!
I tifosi della Juve dovrebbero smetterla con questa storia di darci lezioni di vittimismo, sono degli IPOCRITI! In campionato, dove va tutto bene, ridono ed accusano gli avversari di piangere, ma quante lacrime abbiamo visto dopo le eliminazioni con Galatasaray e Benfica in Europa? o negli anni post calciopoli? BASTA, NON SE NE PUO' PIU'! da che pulpito vengono le prediche!
P.S.: a scanso di equivoci, nessuno nega che l'Inter abbia i suoi pesanti demeriti nei due pareggi, ma quante partite si vincono e quanti punti si fanno anche senza meritare dal punto di vista del gioco? la Juve nei decenni ci ha vinto campionati a iosa così, con pochissimi punti sulla seconda! Non so se mi spiego...
Juan

Gaetano ha detto...

Buongiorno Anonymous.
Rivedendo il replay del fallo su Quaglia si vede un braccio allungato dello stesso che sembra, ripeto sembra, frutto di una trattenuta.
Se il gol del Palermo arriva dopo il fischio, stessa cosa allora la si può dire sul gol di Icardi anche se li ti ho gia spiegato la mia teoria che non è del tuto a vs.sfavore, ma purtroppo se il regolamento sul fuorigioco è di c..zo cosa ci possiamo fare?
Vedo che NON FAI ASSOLUTAMENTE RIFERIMENTO all'episodio di Juan Jesus, forse perchè consapevole che quanto dico non è frutto della mia immaginazione. sembra che ieri Muntari dovesse meritare lo stesso trattamento, cosa che ha poi portato all'espulsione di Sarri. Non ho visto la partita ma come vedi questi episodi capitano sempre a favore delle big e NON SOLO alla juve come sempre volete far credere.
La verità è che quest'anno il vs.tifo si divide fra Inter e Roma, colei che definisco già la squadra campione d'Italia perchè, stando ai media ed al comune sentir popolare sono già campioni.
Una cosa è certa. Se vinceremo noi (lo dubito, sono realista) avremo rubato, se vinceranno loro avranno meritato.
P.S. Quanto a campionati vinti lottando per pochi punti dimostri ancora tanta ma tanta faziosità. La POTENTE JUVENTUS è stata in grado di perdere campionati con 9 punti di vantaggio a 5 giornate dal termine o giocando in un pantano (Perugia). pertanto finiamola di fare il solito qualunquismo.Per quanto riguarda le eliminazini beh che dire si è sempre tristi quando si esce da una competizione che sia per mano del benfica o per mano di dilettanti cosa accaduta in passato anche a voi.Se anche in questi anni mettete in dubbio la forza della Juve in Italia allora non credo serva parlare più. Continuate pure a contare i punti persi, tanto con Mazzarri la storia non cambierà mai.
Un Saluto

Gaetano ha detto...

Scusami per anonymous, pensavo di aver letto cosi il tuo nick, non voleva essere uno sfottò credimi, ma in rete c'è un nick cosi e ho esordito con quello.
Ti chiedo scusa

Anonimo ha detto...

Sei partito piuttosto male, Gaetano. Vedo che il vizio di venire a sfracassare i maroni in casa altrui con le lezioncine e l'ironia graffiante non l'hai perso. Te lo dissi altre volte, ma evidentemente non ci senti: la rete è piena di siti e blog gobbi su cui sbizzarrirti a fare ironia da quattro soldi sull'Inter, su Mazzarri e sui suoi tifosi. Sei pregato di girare al largo, la discussione potrebbe farsi pesante.
Io fazioso? Può essere, ma questo termine, appioppatomi da un tifoso della Juve, potrei anche considerarlo un complimento.
Juan

Anonimo ha detto...

Un'ultima cosa: se vuoi ribattere parola per parola ad un post, almeno assicurati di aver letto bene quello che il tuo "fazioso" interlocutore ha scritto.
Juan

Gaetano ha detto...

Non ho fatto alcuna ironia, non so a cosa tu ti riferisca. Se pensi al nick mi sono scusato, è stato solo un lapsus.
Purtroppo però con quelli come te non serve essere gentili ed educati come sempre faccio io. Sono un ospite su questo blog (certamente poco gradito) e per questo ringrazio chi da moderatore permette ad un "nemico" di poter scrivere le proprie opinioni senza essere censurati come accade su altri blog magari anche juventini.
Finchè ci sarà chi tende la mano pur pensandola in maniera differente, come può essere logico che sia, ma trova dall'altra parte qualcuno che subito comincia ad inalberarsi ed a fare minacce "la discussione potrebbe farsi pesante" allora resteremo sempre tutti, me compreso (sono modesto come vedi) tifosi da serie B con tutto rispetto x la serie B.
Lascio perdere, non risponderò ad eventuali tuoi post in risposta a qst. Un augurio se mi posso permettere....goditi qst campionato comunque vada accettando sconfitte e pareggi senza i soliti vittimismi. Se meriterete, farete strada, altrimenti è bene riflettere su questioni tecniche e tattiche, cosa che Thohir faccia. Non penso abbia preso l'Inter per metterci soldi e farsi fregare.

Anonimo ha detto...

"Mi rendo conto che inseguire come sempre alla fine snerva", "La verità è che quest'anno il vs.tifo si divide fra Inter e Roma", "finitela con il vittimismo, non aiuterà a crescere"... tu come le etichetteresti queste frasi se non ironia e lezioncine di tifo e di psicologia? io davvero non credo a ciò che leggo, ma pensi davvero che io non sappia leggere o sia un impedito? e qualora non te ne fossi reso conto, se tu non fossi intervenuto nella discussione, la tua amata Juve non l'avrebbe nominata NESSUNO! ti rendi conto di non essere l'unico tifoso della Juve che scrive qui, ma solo con te si arriva a questo? al posto tuo qualche domanda me la farei, non credi? e ti ribadisco il consiglio di rileggerti per bene i post altrui prima di rispondere, è uno dei motivi per cui si arriva a questo.
A non risentirci.
Juan

Mark della Nord ha detto...

@Gaetano
Va bene che repetita iuvant, però alle volte se ne potrebbe fare a meno.
Pertanto te lo scrivo ancora, perché evidentemente non hai letto bene prima: qui nessuno si "piange addosso", abbiamo soltanto le palle girate per quello che ci succede oramai con cadenza fissa da qualche anno.
E che non capita ad altri, ai quali vengono regolarmente concessi gol in

fuorigioco, rigori inesistenti e la possibilità di giocare in 11 contro

10 due partite su tre.
Inoltre, quando una squadra avversaria di costoro si permette di segnare un gol (sacriligio!!) che viene regolarmente convalidato dall'arbitro (il quale, in evidente stato confusionale, non ha capito bene in quale porta è finito il pallone), sono sufficienti le proteste vivaci di due componenti la panchina per farlo annullare.
Caso unico nella storia del calcio mondiale.
Detto questo vediamo di puntualizzare alcune circostanze.

- Il rigore assegnato al Torino è un insulto al calcio e alle sue regole.
L'unico contatto rilevabile è una mano di Vidic appoggiata sulla schiena

di Quagliarella.
All'arbitro, probabilmente, era sfuggito che quest'ultimo aveva

recentemente cambiato casacca, con relativa perdita dei vantaggi

derivanti dalla precedente.
In ogni caso, se quello è rigore, allora anche i due successivi

interventi su Medel e Icardi lo sono.
Interventi che l'arbitro, in evidente malafede, si è guardato bene dal

sanzionare.
In compenso ha espulso Vidic, a tempo scaduto, per un applauso di

approvazione.


- Il fallo di Juan Jesus è un normale fallo di gioco, fatto senza alcuna

cattiveria o intenzionalità.
Il fatto che il Palermo fosse ripartito è incidentale.
Ci sarebbe semmai da chiedersi se Juan Jesus meritasse il precedente

cartellino giallo, apparso ai più eccessivo.


- Il gol del Palermo era assolutamente da annullare.
Nagatomo, in totale controllo della palla, ha subito una spinta da

dietro.

- Che, tolto il Sassuolo, non abbiamo fatto "partite degne di questo nome" è cosa certa.
Fatto si è che, nonostante questo, se tali partite fossero sate arbitrate correttamente (e non in malafede) ora saremmo a quota nove punti.
Senza, te lo ripeto, avere la velleità di competere con formazioni che ad oggi ci sono superiori.

- Capitolo "inseguire come sempre".
“Sul campo”, come vi piace dire, quando ad aiutarvi non c’erano né arbitri né Neoton (un nome per tutti...), le pappine le avete sempre

prese: sempre, ovunque e comunque.
E, pertanto, ad inseguire, siete sempre stati voi.
Avete persino dovuto farlo quando vi hanno spedito (troppo generosamente) in serie B, per note vicende, poiché vi affibbiarono 30 punti di penalizzazione (poi misteriosamente ridotti prima a 17 e poi a 9, giusto per farvi tornare in serie A l'anno dopo).

Per il resto lascia stare Mazzarri e se proprio non puoi resitere alla tentazione di venire qui a dire la tua (eufemismo), ti suggerisco di non usare espressioni quali "vittimismo", "piangersi addosso", "inseguire come sempre".
Verranno ritenute provocatorie in quanto prive di qualsivoglia fondamento.
E, pertanto, non ci si passerà sopra.

Osservazione finale.
Non so se l'hai notato, ma qui si polemizza soltanto con te.
Ci sarà pur un motivo.
O credi che siamo tutti fuori di testa?

pippo ha detto...

l'ottimismo è ......il sale della vita. (Tonino Guerra).

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails