GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

venerdì 1 novembre 2013

ROMA DA DIECI E LODE (tempi duri per la concorrenza)

CLASSE AAnalisi e commenti sul Campionato Italiano
Chi l’avrebbe mai detto? Nessuno ad inizio stagione ci avrebbe scommesso un euro. Nemmeno il tifoso giallorosso più incallito immaginava un inizio così travolgente della Roma che da ieri sera è ufficialmente nella storia per aver vinto le prime 10 giornate di campionato.
Inizio morbido per Totti e compagni che nelle prime tre giornate liquidano Livorno, Verona e Parma. Alla quarta giornata c’è il derby. I giallorossi vendicano la sconfitta di tre mesi prima nella finale di Coppa Italia con due gol nel finale di partita.
Dopo aver battuto anche Sampdoria e Bologna, alla settima c’è da fare visita all’Inter di Mazzarri. Sicuramente un test impegnativo, il primo vero duro ostacolo per la capolista (il derby non fa testo, è sempre una partita a sé). E per non sbagliare i capitolini liquidano la pratica con un secco 3-0 maturato già nel primo tempo.
Ma all’ottava li attende il primo grande esame di maturità. All’Olimpico arriva il Napoli di Benitez, seria candidata al titolo. Ci pensa Pjanic con una doppietta a regalare altri tre punti alla squadra allenata da Rudi Garcia.


Nell’occasione però si infortunano Totti e Gervinho, sorpresa giallorossa di questo inizio stagione. Riuscirà la Roma a porre rimedio a queste due pesanti assenze? La risposta è affermativa. A Udine si soffre per gran parte della gara ma nel finale Bradley trova il gol della vittoria. E infine ieri sera ci ha pensato Borriello a segnare il gol partita che per la Roma vale la decima vittoria in altrettante gare.
Questa Roma ormai non ha eguali. Superata la striscia della Juventus di Capello della stagione 2005-2006 (9 vittorie) ma soprattutto quello che fa impressione è la differenza reti ben 24 reti quelle realizzate (con undici giocatori che sono già andati a segno), solo una subita.
Per comprendere quanto sia eccezionale questa partenza giallorossa basti pensare che il Barcellona di Guardiola si fermò a sette successi di fila mentre il Bayern Monaco che lo scorso anno fece la tripletta non andò oltre le otto vittorie consecutive.
Persino il record dell’Inter che nella stagione 2006-2007 infilò diciasette vittorie consecutive non sembra poi così distante e così difficile da raggiungere.
Non so dove può arrivare questa Roma. Magari presto arriveranno le prime difficoltà e crollerà infilando risultati negativi. O più probabilmente continuerà la sua marcia inarrestabile verso il titolo. Chi parte così forte quasi sempre a fine anno diventa campione. E sebbene ci sia un precedente europeo poco confortante (nella stagione 1985-86 il Manchester United vinse le prime dieci gare e poi, complice un girone di ritorno disastroso, chiuse quarto) questa Roma non ha certo l’intenzione di fermarsi, né tantomeno di rallentare.La concorrenza è avvisata. Avere la meglio su questa Roma non sarà impresa facile.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

3 commenti:

Stefano ha detto...

Prima o poi rallenterà il passo, mi sembra normale. Ma credo che lotterà fino alla fine per il titolo. E non avendo le coppe parte leggermente favorita rispetto a Juventus e Napoli.

Anonimo Romanista ha detto...

Diremo la nostra in questo campionato. Ovviamente il popolo giallorosso si augura di poter lottare per il titolo fino alla fine ma la stagione é lunga e può succedere ancora di tutto.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Inimmaginabile una cosa del genere, mai avrei ad una Roma in lotta per il titolo perchè così sarà a meno di crolli verticali clamorosi come questo filotto di vittorie...ciao!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails