GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

giovedì 30 agosto 2012

INTER, AVANTI CON BRIVIDO (ed era solo il Vaslui...)

EUROPA LEAGUE – Ritorno dei Playoff
INTER - VASLUI 2 - 2
34’ Stanciu (rig.) – 76’ PALACIO – 79’ Varela – 92’ GUARIN

INTER (4-3-2-1): Castellazzi; Jonathan (dal 37' st Ranocchia), Silvestre, Samuel (dal 1' st Guarin), Juan Jesus; Zanetti, Cambiasso, Nagatomo; Coutinho; Cassano (dal 34' pt Belec), Palacio.
A disp.: Sneijder, Milito, Benassi, Livaja.
All.: Stramaccioni
VASLUI (4-2-3-1): Straton; Varela, Celeban, Salageanu, Cordos, N'Doye, Caue (dal 13' st Sanmartean), Stanciu (dal 34' st Buhaescu), Tukura, Antal, Sburlea.
A disp.: Coman, Milanov, Costin, Charalombous, Varga..
All.: Sumudica.
ARBITRO: Manuel De Sousa (Portogallo).

Come contro l’Hajduk, l’Inter dopo aver agevolmente in trasferta soffre più del dovuto in casa e riesce a qualificarsi dopo 90 minuti di sofferenza.
Stramaccioni fa un po’ di turnover, Jonathan e Juan Jesus sono gli esterni difensivi con Silvestre e Samuel in mezzo, a centrocampo Cambiasso, Zanetti e Nagatomo con Cassano e Coutinho dietro la punta Palacio.

I nerazzurri partono bene, colpiscono una traversa con Samuel, sfiorano il gol con Coutinho. Ma dopo la mezzora arriva la svolta della partita. Errore difensivo di Samuel che permette ad Altan di presentarsi da solo davanti a Castellazzi. Il portiere nerazzurro in uscita disperata abbatte avversario. Espulsione e rigore. Dal dischetto Sanciu batte Belec, subentrato al posto di Cassano. E per l’Inter inizia un’altra partita che fino all’intervallo combina ben poco. Nella ripresa spazio a Guarin al posto di Samuel. E la musica cambia. Il colombiano guida insieme a Zanetti la riscossa nerazzurra. L’Inter è padrona del campo e cerca di rendersi pericolosa.

Il meritato pareggio arriva alla mezzora della ripresa. Contropiede fulminante dell’Inter con Coutinho, tra i migliori, che da una palla perfetta a Palacio. L’argentino scarta un difensore e supera il portiere avversario.
Purtroppo il pareggio dura solo pochi minuti. Perché su calcio d’angolo Belec esce male e Varela riporta in vantaggio il Vaslui. Il finale è di pura sofferenza, i rumeni con un gol sarebbe qualificati. Palacio sfiora la doppietta (miracolo di Straton) ma in pieno recupero Guarin strappa la palla da i piedi di un avversario a meta campo, si invola verso la porta, supera un difensore, ne scarta un secondo e infila il portiere per il 2-2 che pone fine alla sofferta serata regalando all’Inter la definitiva certezza di essersi qualificata per la fase a gironi.
La partita è stata indubbiamente condizionata dall’espulsione di Castellazzi. In inferiorità numerica la situazione si è complicata e di parecchio. Ma sinceramente ho visto una buona Inter. Nella ripresa, nonostante fossimo in 10 contro 11, abbiamo condotto noi il gioco e creato molti pericoli.
Straordinario Zanetti che nonostante l’età continua a giocare con la grinta e la voglia un ragazzino, benissimo anche Guarin che ha fatto la differenza e Coutinho che è stato prezioso sia in fase offensiva che in ripiegamento difensivo.
Partite come quelle di questa sera ci ricordano che abbiamo ancora molto da lavorare ma la strada è quella giusta. E domenica ci aspetta il primo esame di maturità.
PS: Prima della partita giro d’onore per Julio Cesar che raccoglie l’applauso di compagni e tifosi e finisce con l’emozionarsi e uscire in lacrime. L’ho già scritto ieri sera e lo ripeto anche stasera. Professionalmente troveremo un altro Julio Cesar ma dal punto di vista umano sarà impossibile sostituirlo.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

2 commenti:

Brother ha detto...

Cominciamo bene...
Del resto l'Inter è questa, sarà bene non lasciarci andare a facili entusiasmi.

marco novelli ha detto...

SONO juventino ma anche sportivo. ciao julio,spero che tornerai in italia prima o poi.ora goditi la nuova esperienza al QPR...!!!!!!

http://blogcalciobianconero.blogspot.it/

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails