GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

martedì 28 settembre 2010

MAINZ, LA SORPRENDENTE MATRICOLA IN TESTA ALLA BUNDESLIGA

Si fa presto a chiamarla favola. Ma quella del Mainz è una realtà dalle solide basi. E domenica scorsa all’Allianz Arena contro i vicecampioni d’Europa del Bayern Monaco ne abbiamo avuto la chiara dimostrazione. Nonostante i bavaresi fossero privi di Ribery e Robben, partivano ovviamente con i favori del pronostico e avevano il grande vantaggio di giocare davanti al proprio pubblico. E invece si sono dovuti arrendere per 2-1 alla rivelazione di questo inizio stagione in Bundesliga.
Il Mainz, ad inizio stagione era una delle principali candidate alla retrocessione in Zweite Liga e nessuno poteva minimamente immaginarsi che la squadra avrebbe potuto centrare sei vittorie nelle prime sei partite di campionato. Solamente due stagioni fa, la compagine biancorossa militava tra i cadetti tedeschi e si era conquistata la sua promozione con un brillante secondo posto. Questo miracolo non è casuale, ma è frutto di tanti fattori concatenati.
Il tutto, nasce dalla bravura del giovane allenatore Thomas Tuchel, trentasettenne semisconosciuto da calciatore, che da allenatore ha invece dimostrato di avere la stoffa per diventare un numero uno, visto anche il sorprendente nono posto della scorsa stagione. La sua squadra gioca con un 4-2-3-1 molto ordinato, dove c’è molta compattezza tra i reparti e una solidità prevalente sulla qualità di compagini più attrezzate sotto il punto di vista tecnico.
Inoltre il Mainz ha dimostrato di avere la testa e la mentalità da grande squadra, non scoraggiandosi psicologicamente quando subisce un gol.
E’ successo con il Bayern Monaco dopo lo sfortunato autogol di Svensson, ma soprattutto in trasferta contro il Wolfsburg di Dzeko e dell’ex juventino Diego. In quella circostanza, alla Volkswagen Arena andava in scena la seconda giornata di campionato e c’era grande attesa per il ritorno del già citato Diego in Bundesliga. Il Mainz, riuscì a vincere 3-4 dopo essere stato sotto per 3-0, con gli avversari che fino a quel momento avevano ampiamente meritato il loro triplo vantaggio.
Il miracolo Mainz ricorda da vicino alcune matricole terribili che si imposero qualche anno fa. In Italia ricordiamo tutti il Chievo dei miracoli del 2001/02 targato Luigi Del Neri che guidò la classifica per un periodo. Rimanendo in Bundesliga come non ricordare l’Hoffenheim protagonista un paio di stagioni fa quando addirittura chiuse il girone d’andata in testa alla classifica.
Difficile stabilire se la stagione del Mainz finirà con la vittoria del Meisterschale oppure no. Sicuramente questa squadra il suo “scudetto” l’ha già vinto e, sospinta dalle simpatie che suscita negli appassionati di calcio, punta ad essere una delle protagoniste della Bundesliga in questa stagione.


VOTA QUESTO POST SU http://www.wikio.it/ E SU


Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

3 commenti:

Mattia ha detto...

Dubito che possa durare a lungo. Abbiamo comunque la conferma che quello tedesco è un campionato incerto e combattuto dove le sorprese non mancano mai.

yashal ha detto...

Queste "piccole" in vetta alla classifica ci piacciono sempre più. ciao

http://mondobiancoceleste.blogspot.com

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Mi sembrava di aver capito che il Magonza fosse una matricola...cmq cambia poco, probabilmente non durerà ma a me fa sempre una certa goduria vedere Davide che sconfigge Golia...ciao!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails