GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

martedì 13 luglio 2010

BALOTELLI? IO LO VENDEREI...


Quando un mese fa Adriano ha firmato con la Roma ha promesso di essere cambiato, di essere un altro rispetto a quello dell’Inter. Ritiro della Roma. Adriano perde l’aereo. Primo giorno di allenamento dei giallorossi. Adriano arriva in ritardo perché non gli è suonata la sveglia (come uno scolaretto qualsiasi…).
Questo per dire che certe persone non cambiano mai e alla prima occasione ci ricascano. Ecco perché sono convinto che vendere Balotelli non sarebbe un dramma. SuperMario è forte, è il più grande talento italiano in questo momento, la risposta italica a Messi e Cristiano Ronaldo. Ma a due piedi da fuoriclasse corrisponde una testa di c…o.
Il giovane attaccante nerazzurro è uno di quelli che è convinto di essere un fuoriclasse solo per il fatto di avere la macchina potente, un po’ di soldi e saper fare un paio di cosette con i piedi. Gente così non ha mai fatto molta strada, né ne farà mai. Balotelli mi ricorda molto il Cassano di 10 anni fa. Un grande talento buttato alle ortiche grazie ad una testa vuota. Cassano ha avuto l’occasione (d’oro) di giocare nel Real Madrid (non una squadra qualsiasi) e l’ha sprecata. Lo stesso, c’è da giurarsi, farà Balotelli qualora vada al Manchester United. Anzi c’è da dire che Cassano era una testa vuota ma aveva (ed ha tuttora) un procuratore come Giuseppe Bozzo, uno che fa il suo mestiere con serietà e professionalità. Balotelli invece è rappresentato da Mino Raiola che in quanto a t.d.c. (sapete cosa intendo per t.d.c. vero?) non è certo secondo a SuperMario.
Pertanto di fronte ad un’offerta adeguata (35-40 milioni di euro non meno) io venderei tranquillamente il nostro giovane attaccante. E lo farei senza rimpianti perché sono convinto che Balotelli non cambierà mai e il suo sciocco atteggiamento di arrogante e presuntuoso lo accompagnerà ovunque vada. Che vada allo United, al City o al Real (spero che vada al Real così troverà il suo grande “amico” Mourinho) arriverà sempre tardi agli allenamenti, reagirà male alle scelte del mister e getterà a terra la maglia appena i tifosi lo contesteranno.
Siamo sopravvissuti a ben altre partenze, riusciremo a trovare altri giocatori di classe, che abbiano talento e che si comportino da professionisti seri. Solo un anno fa perdemmo Ibrahimovic e sembrava una catastrofe e invece trovammo Milito ed Eto’o, due grandi professionisti prima che due grandi giocatori. La storia si ripeterà anche quest’anno? I presupposti ci sono tutti…


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI
E QUI OK NOTIZIE


Se ti è piaciuto l'articolo
,
iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

1 commento:

Vincenzo ha detto...

Beh sono d'accordo sul fatto che difficilmente le persone cambiano, quindi Balotelli penso che resterà sempre una testa di cazzo. Però penso sia un errore MADORNALE venderlo a soli 20 anni. Aspettiamo qualche altra stagione prima di prendere una decisione del genere...

Ciao.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails