ARTICOLI RECENTI

domenica 16 febbraio 2020

COME VOLEVASI DIMOSTRARE: LA DECIDE ROCCHI

Serie A 2019-2020 – 24^ Giornata
LAZIO - INTER 2 - 1
44' Young – 50’ Immobile (rig.) – 69’ Milinkovic-Savic

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic-Savic, Leiva (35' st Cataldi), Luis Alberto, Jony (18' st Lazzari); Caicedo (18' st Correa), Immobile.
A disp.: Proto, Guerrieri, J. Lukaku, Vavro, Patric, Bastos, Parolo, Minala, Adekanye.
All.: Inzaghi.
INTER (3-5-2): Padelli; Godin (41' st Sanchez), De Vrij, Skriniar; Candreva (31' st Moses), Vecino, Brozovi (31' st Eriksen), Barella, Young; Martinez, R. Lukaku.
A disp.: Handanovic, Berni, Bastoni, D'Ambrosio, Ranocchia, Asamoah, Biraghi, Borja Valero, Sanchez.
All.: Conte.
Arbitro: Rocchi


I miei timori della vigilia si sono, ahimè, rivelati fondati. A decidere il big match della 24esima giornata è ancora una volta l’arbitro Rocchi che concede un rigore alquanto farlocco alla Lazio, nega un rigore all’Inter, non vede una trattenuta in area ai danni di Skriniar (se era rigore quello su Immobile…), fischia tutto il fischiabile (compreso un tocco di petto fatto passare per tocco di mano) e influisce pesantemente sull’esito della sfida. Sfida che vede, ovviamente, vincere la Lazio grazie al rigore realizzato da Immobile e al gol di Milinkovic Savic che ribaltano l’iniziale vantaggio di Young. Il campionato (alla luce anche degli episodi che vedono coinvolta la Juventus) è bello che indirizzato, forse sarebbe il caso di concentrarci sulle coppe.

Conte preferisce Godin a Bastoni e ancora una volta Eriksen parte dalla panchina con Vecino che completa il terzetto di centrocampo accanto a Barella e Brozovic.
Le due squadre con le migliori difese del campionato affrontano la sfida con grande attenzione. Ne esce una partita molto tattica ed equilibrata, con pochissime occasioni da gol. Il primo brivido arriva dopo nove minuti quando un destro di Milinkovic-Savic si stampa sulla traversa, con Padelli battuto. L’Inter risponde con Lukaku al 19esimo che prova a sorprendere Strakosha con un diagonale al termine di una bella ripartenza nerazzurra.
Con il passare dei minuti la Lazio, spinta dai propri tifosi, prova a prendere in mano il match. L’Inter però con le ripartenze è sempre pericolose. E ad un minuto dall’intervallo Young rompe l’equilibrio con un tap-in in controbalzo che finisce sotto la traversa dopo una respinta non impeccabile su tiro di Candreva.
La Lazio rientra in campo aggressiva determinata a pareggiare i conti. E l’arbitro Rocchi le dà una grossa mano. Pasticcio tra Skriniar e Padelli, palla ad Immobile che appena sente sfiorarsi da De Vrij si getta platealmente in area. Rigore netto per Rocchi. Dal dischetto Immobile spiazza Padelli e pareggia i conti. La Lazio prova ad approfittare del buon momento, l’Inter prova a reagire. Young viene steso in area. Ovviamente in questo caso non c’è rigore.
E al 69esimo arriva il sorpasso, firmato da Milinkovic-Savic, che stoppa con la suola in area e batte Padelli dopo un salvataggio miracoloso sulla linea di Brozovic. Conte si gioca la carta Eriksen, che entra al 76esimo al posto di Brozovic. Il danese è subito pericoloso con un tiro da fuori respinto da Strakosha, poi l’azione prosegue e Lautaro trova il gol di testa ma era in fuorigioco e Rocchi annulla. La Lazio concede pochissimo e all’85esimo ha una grandissima occasione per chiuderla ancora con Immobile: Padelli questa volta tiene in vita l’Inter con un miracolo. Conte si gioca il tutto per tutto inserendo Sanchez al posto di Godin. Ma ormai non c’è nulla da fare.
Finisce 2-1 per la Lazio che scavalca in classifica l’Inter e rimane in scia della capolista Juventus. Un’Inter non impeccabile, che nella ripresa è apparsa più molle rispetto alla prima frazione. Il resto lo ha fatto, come sempre, l’arbitro Rocchi che quando dirige l’Inter ha l’innata capacità di diventare protagonista in negativo.
La Lazio dal canto suo ha disputato un’ottima gara, confermando di essere una grande squadra e di poter ambire alla vittoria finale. Il gol di Young l’aveva messa in difficoltà e senza il grosso regalo di Rocchi probabilmente la gara avrebbe potuto avere ben altro esito. Ma nulla succede per caso e probabilmente anche la designazione di Rocchi non era del tutto casuale. Sia ben chiaro, la direzione di gara dell’arbitro fiorentino non deve far passare in secondo piano il fatto che comunque l’Inter non ha giocato una gara eccelsa e che ha mostrato più di una incertezza (e certi cambi, mio caro Conte, dovrebbero essere fatti un po’ prima…). Ma, e la Juventus ne è dimostrazione palese, giocare male non vuol dire per forza non vincere. Ma anche quando gioca male la Juventus può contare sul “supporto” esterno. Supporto esterno di cui noi non usufruiamo. FORZA INTER !!! Juve Merda!!! Abbasso Lazio!!!



PILLOLE STATISTICHE
• 56 punti per la Lazio: il precedente record dei biancocelesti dopo 24 giornate di Serie A risaliva alla stagione 1998/99 (51).
• Si allunga il record di imbattibilità della Lazio in Serie A, ora a 19 partite senza sconfitte.
• L’esterno dell’Inter Ashley Young non segnava in campionato dal 27 febbraio 2019 contro il Crystal Palace.
• L'ultimo inglese a segnare con l'Inter in Serie A prima di Ashley Young era stato Paul Ince nel maggio 1997.
• 14 rigori per la Lazio in questo campionato: dal 2005/06 nessuna squadra ne ha calciati di più in una singola stagione di Serie A.
• L’Inter ha segnato in tutte le ultime 13 trasferte di campionato, la propria miglior striscia da gennaio 2016.

Inserisci il tuo indirizzo mail e non perderti i nuovi contenuti nerazzurri:


Servizio offerto da FeedBurner


8 commenti:

Brother ha detto...

Mi sembra ingeneroso prendersela solo con Rocchi. La verità è che abbiamo giocato male, il rigore nasce da un nostro pasticcio e siamo stati incapaci di raddrizzare la partita sia sull'1-1 che sul 2-1.

Nerazzurro ha detto...

I due episodi dei rigori pesano molto sull'economia della partita. Il fatto che abbiamo giocato male o che Conte ha fatto qualche cazzata non giustifica il fatto che il rigore su Immobile è assolutamente inventato (altro che farlocco...) e che c'era rigore su Young.

Anonimo ha detto...

Quando ho scritto degli intrallazzi Juventus&Lazio nessuno mi ha dato peso. Avevo ragione oppure no?

Winnie ha detto...

@Nerazzurro. Premesso che le colpe nerazzurre sono superiori a quelle di Rocchi, non capisco perché se giochi male non puoi lamentarti dell'arbitraggio.

Winnie ha detto...

E comunque la Lazio ha giocato meglio. Noi troppi insicuri in difesa (quando torna Handanovic?) e poco pericolosi in avanti.

Alex ha detto...

Come volevasi dimostrare. Quando perdete è sempre colpa dell'arbitro...

Nerazzurro ha detto...

@Alex. Perché? Forse non è così?

Gaetano73 ha detto...

Gaetano7318 febbraio 2020 20:40
No non è cosi.
Come sempre nn ti smentisci e le mie parole trovano conferma....nn vincete e la colpa è dell'arbitro.
Quando crescerete ma soprattutto tu quando crescerai?
Prendi esempio da Brother che è sempre obiettivo nelle analisi post partita e spesso sottolinea la nn eccelsa prestazione della squadra piuttosto che piangere per le decisioni arbitrali.
Ne approfitto per chiederti nome e cognome dell'arbitro che vorresti arbitrasse la tua squadra. Dai su, fammi un nome. Esiste? Se nn esiste allora ho la conferma che il tuo è il solito alibi di chi perde

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails