GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

sabato 24 giugno 2017

CUORE ITALIA: SIAMO IN SEMIFINALE (Spagna, arriviamo)

CAMPIONATI EUROPEI UNDER 21 – GIRONE C
ITALIA-GERMANIA 1-0
30’ Bernardeschi

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Conti, Caldara, Rugani, Barreca; Pellegrini, Gagliardini, Benassi; Berardi (dal 41' s.t. Locatelli), Bernardeschi, Chiesa (dal 33' s.t. Petagna). (Cragno, Scuffet, Calabria, Biraschi, Cataldi, Cerri, Grassi, Ferrari, Garritano, Pezzella).
All. Di Biagio.
GERMANIA (4-2-3-1): Pollersbeck; Toljan, Stark, Kempf, Gerhardt; Dahoud (dal 28' s.t. Jung), Arnold; Weiser (dal 31' s.t. Amiri), Meyer (dal 22' s.t. Philipp), Gnabry; Selke. (Schwabe, Vlachodimos, Anton, Haberer, Kehrer, Klunter, Kohr, Oztunali, Platte).
All. Kuntz.
ARBITRO: Vincic (Slovenia).

Grande impresa dell’Italia. Gli azzurrini di Di Biagio battono la Germania per 1-0 e si qualificano alle semifinali, chiudendo in testa il Gruppo C. Decisiva la rete al 31esimo di Bernardeschi, bravo a sfruttare il recupero di Pellegrini su un errato disimpegno dei tedeschi. La vittoria di Cracovia e il successo per 4-2 della Danimarca sulla Repubblica Ceca permettono agli azzurrini di sfidare la Spagna. Mentre la Germania che passa come miglior seconda se la vedrà con l’Inghilterra.

Pagano le scelte di Di Biagio, che si presenta a Cracovia con il 4-3-3 dei titolarissimi ma lascia fuori a sorpresa Petagna per puntare sul tridente senza centravanti Berardi-Bernardeschi-Chiesa. È la mossa che nei primi 45 minuti mette in crisi la Germania (con l’eccellente collaborazione di Benassi, Gagliardini e Pellegrini, insuperabili in mediana): la linea difensiva tedesca perde ogni punto di riferimento e soffre soprattutto a sinistra, dove Barreca e Chiesa spingono con insistenza.

Al resto pensa Bernardeschi con la colpevole complicità di Dahoud che perde un pallone sanguinoso in uscita alla mezz’ora: Pellegrini lo anticipa e serve Chiesa, che offre all’altro viola l’occasione della vita a tu per tu con Pollersbeck. Berna non sbaglia: 1-0 e Italia avanti mentre Repubblica Ceca e Danimarca sono sull’1-1.
Nella ripresa siamo con la mente e i piedi a Cracovia e l’orecchio a Tychy dove si aspettano buone notizie. Buone notizie che arrivano con la Danimarca sul 3-2 (finirà 4-2 per i danesi) che ci regala una strepitosa qualificazione come primi del girone. Qualificazione che sembrava terribilmente complicata dopo la sconfitta contro la Repubblica Ceca. Ma se tre giorni fa Di Biagio aveva forse commesso qualche errore, stavolta ha interpretato la gara in modo impeccabile, riuscendo a colpire la Germania nei suoi punti deboli (ammesso che i teutonici abbiano punti deboli). L’idea di presentarsi senza centravanti di ruolo alla fine ha pagato.
Il resto l’ha fatto una squadra che si conferma tra le migliori degli ultimi 20 anni. Chiesa si conferma una spina nel fianco avversario e tra i più in forma degli azzurri (anche contro la Danimarca il suo ingresso aveva cambiato l’inerzia della partita), Gagliardini, Benassi e Pellegrini hanno giocato un’ottima gara (faccio ancora fatica a capire la scelta di tener fuori Gagliardini e Benassi contro la Repubblica Ceca), bravo Bernardeschi a trasformare in oro l’occasione capitatagli sui piedi, bene anche Berardi e il reparto difensivo. Sì, perché in fondo stasera hanno giocato un’ottima gara tutti. Compresi chi è subentrato.
Ora ci toccherà la Spagna. Un brutto cliente, senza dubbio. Ma attenzione, perché anche le Furie Rosse avranno il loro bei grattacapi contro questa Italia. Sarà una grande semifinale. E chissà che dopo la Germania… FORZA AZZURRI !!!

3 commenti:

Mattia ha detto...

La sconfitta contro la Repubblica Ceca è servita a qualcosa. Stasera abbiamo fatto un'ottima gara e abbiamo meritatamente vinto. La semifinale con la Spagna non sarà semplice, ma siamo arrivati in Polonia con propositi di vittoria. E mica puoi sperare di vincere l'Europeo senza battere le altre candidate al titolo...

Ciro ha detto...

Martedì mancheranno Conti e Berardi. Due assenze pesantissime per questa Italia. Spero che non influiscano più di tanto sulla prestazione azzurra.
Vincere è tutt'altro che facile, ma non è impossibile.

Simone ha detto...

Bella partita. Sicuramente la miglior prestazione di questo girone. Sarà importantissimo ripeterci contro la Spagna. Voglio essere ottimista e pensare/sperare che possiamo anche farcela.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails