GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 27 aprile 2016

MAGIA DI SAUL, IL PRIMO ROUND E’ COLCHONERO

Champions League 2015-2016 – Semifinale di Andata
ATLETICO-BAYERN 1-0
11' Saul 

ATLETICO MADRID (4-4-2): Oblak; Juanfran, Gimenez, Savic, Filipe Luis; Saul (40' st Partey), Gabi, Fernandez, Koke; Griezmann, Torres.
A disp.: Moyà, Kranevitter, Correa, Gamez, Hernandez, Vietto.
All. Simeone
BAYERN MONACO (4-1-4-1): Neuer; Lahm, Martinez, Alaba, Bernat (32' st Benatia); Alonso, Thiago Alcantara (25' st Mueller); Coman (19' st Ribery), Vidal, Douglas Costa; Lewandowski.
A disp.: Ulreich, Tasci, Goetze, Kimmich.
All.: Guardiola
Arbitro: Clattenburg (Inghilterra)

Spettacolo ed emozioni al Calderon dove l’Atletico si aggiudica il primo round grazie al gol di Saul dopo 11 minuti. Il Bayern ci mette un tempo per svegliarsi e nella ripresa colpisce una traversa con Alaba (dall’altro lato Torres colpisce un palo).
Simeone deve rinunciare all’ultimo a Godín e opta per Savić, mentre in attacco conferma la coppia Griezmann-Torres. Di rimando Guardiola esclude Müller e Ribéry per scelta tecnica, puntando invece su Coman e Douglas Costa sulle ali e Lewandowski punta centrale.

L’Atletico, confermando i propositi belligeranti della vigilia, impone sin dalle prime battute un ritmo forsennato. Il Bayern si ritrova costretto a difendere, soffocato dall’atteggiamento aggressivo dei Colchoneros. Un atteggiamento che premia la banda del Cholo all’11esimo grazie a uno strepitoso spunto di Saul: percussione centrale, slalom ubriacante fra tre avversari e, una volta in area, preciso sinistro a giro sul palo più lontano per il vantaggio che fa esplodere il Vicente Calderon.

I tedeschi provano a reagire subito con un colpo di testa di Vidal (respinto sulla linea da Gimenez) e una punizione di Douglas Costa (sull’esterno della rete). Mentre l’Atletico sfiora il raddoppio al 30’ con un contropiede di Griezmann.

Ben altro Bayern scende in campo nella ripresa. I bavaresi sfiorano il pareggio al 54esimo con un bolide di Alaba (traversa piena) e tre minuti dopo con un colpo di testa di Javi Martinez (parata di Oblak). La spinta del Bayern si traduce in un autentico assedio, che costringe l’Atletico a erigere le barricate a ridosso della propria area. Guardiola inserisce anche Ribery (per Coman) e Müller (al posto di Thiago Alcantara). I Colchoneros si affidano ai riflessi di Oblak, decisivo al 73esimo su un bolide dalla distanza di Vidal. Eppure l’Atletico trova ancora la forza di pungere e accarezzare il raddoppio con Torres, che ad un quarto d’ora dalla fine coglie in pieno il palo al termine di un fulminante contropiede. Alla fine la spunta l’Atletico davanti a un Calderon in visibilio per l’ennesima impresa dei guerrieri del Cholo (lui stesso ha definito i suoi ragazzi “i miei soldati”). A dividerli da Milano ci saranno solo altri novanta lunghissimi minuti in Baviera.
Gli spagnoli mantengono la porta inviolata per la quinta partita europea consecutiva (la 14esima volta nelle ultime 16 partite di Champions). Adesso appuntamento martedì prossimo all’Allianz Arena per una nuova battaglia da vivere col fiato sospeso. I colchoneros su nove precedenti, hanno passato il turno sei volte dopo l’1-0 casalingo, mentre il Bayern ha saputo ribaltarlo cinque volte su sette occasioni (mancano all’appello le sfide contro il Milan nell’89/90 e contro il Real Madrid due anni fa).
Infografica a cura di: SPORTICOS

4 commenti:

Gaetano ha detto...

Superato il PSV ed il Barca in maniera strepitosa, mi sbilanciai su qst Atletico.
Una squadra davvero tostissima e difficile da incontrare.
Le sue partite sono una sequenza infinita di UNDER da far paura, con un gol a mettere in cassaforte la vittoria in tantissime partite.
Sarebbe incredibile una nuova finale Atletico Real e qst volta nn credo che possa terminare come l'ultima volta.....e ne sarei sinceramente felice.

Gaetano ha detto...

Superato il PSV ed il Barca in maniera strepitosa, mi sbilanciai su qst Atletico.
Una squadra davvero tostissima e difficile da incontrare.
Le sue partite sono una sequenza infinita di UNDER da far paura, con un gol a mettere in cassaforte la vittoria in tantissime partite.
Sarebbe incredibile una nuova finale Atletico Real e qst volta nn credo che possa terminare come l'ultima volta.....e ne sarei sinceramente felice.

Mark della Nord ha detto...

Avrei piacere che Simeone arrivasse a giocarsi la finale, se lo merita, ma temo che a Monaco l'1-0 non basterà.
Secondo me passerà il Bayern.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Dopo l'incredibile beffa di due anni fa se c'è una squadra che davvero meriterebbe di alzarla al cielo è l'Atletico, e poi ho una venerazione per Simeone...forza Cholo, forza Colchoneros!
Ciao!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails