GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 9 febbraio 2014

INTER, ECCO FINALMENTE I TRE PUNTI

Serie A 2013-2014 – 23^ Giornata
INTER - SASSUOLO 1 - 0
49’ SAMUEL

INTER (3-5-2): Handanovic; Rolando, Samuel (35' st Campagnaro), Juan Jesus; Jonathan, Guarin, Kuzmanovic (39' st Taider), Hernanes, Nagatomo; Palacio, Milito (21' st Botta).
In panchina: Castellazzi, Carrizo, Zanetti, Andreolli, Icardi, Kovacic, Mudingayi, Ranocchia, D'Ambrosio.
Allenatore: Mazzarri
SASSUOLO (3-5-2): Pegolo; Bianco (29' st Missiroli), Cannavaro, Ariaudo; Rosi, Brighi, Marrone, Biondini (23' st Chibsah), Longhi; Floccari (35' st Floro Flores), Berardi.
In panchina: Pomini, Polito, Pucino, Antei, Zaza, Sansone, Gazzola, Farias, Ziegler.
Allenatore: Malesani
ARBITRO: Peruzzo di Schio

Dopo 49 giorni l’Inter conquista i tre punti. La tanto sospirata prima vittoria del nuovo anno arriva al termine di una gara tutto sommato buona anche se Mazzarri avrà ancora molto da lavorare.
Il tecnico livornese conferma gli uomini ipotizzati alla vigilia con Samuel in mezzo alla difesa, Kuzmanovic a centrocampo e Jonathna che vince il ballottaggio con D’Ambrosio.
Il primo tempo corre via senza particolari sussulti. Guarin si fa deviare un tiro da Pegolo mentre Hernanes, all’esordio in nerazzurro, manda di poco alto con un tiro da fuori area.
Il Sassuolo risponde con Berardi su punizione. Handanovic è chiamato ad una parata impegnativa.
I minuti finali sono incandescenti. Per due volte Palacio offre l’assist decisivo a Milito e per due volte il Principe si fa ipnotizzare da Pegolo.
Finisce qui un primo tempo che ha mostrato un’Inter abbastanza in palla, nonostante non riesca ad essere pericolosa sotto porta come dovrebbe.

I nerazzurri possono recriminare anche per un episodio in area avversaria. Nella stessa azione Longhi strattona Samuel mentre Cannavaro ostacola Rolando. Ovviamente l’arbitro non vede nulla e l’assistente di porta è lì a fare solo la bella statuina.

Pronti, via. E dopo tre minuti l’Inter trova il jolly da tre punti. Calcio d’angolo di Hernanes, stacco imperioso di Samuel e palla nel sacco alle spalle di un incolpevole Pegolo. Inter in vantaggio.
I nerazurri, forti del vantaggio provano a trovare il gol del raddoppio. Guarin, tra i migliori questa sera, prova dalla distanza. Palacio, strepitoso stasera in verisone assistman, prende il tempo a Bianco e scodella verso il centro dove Botta non arriva ma dalle retrovie sbuca Hernanes che di prima intenzione calcia troppo addosso a Pegolo.
Gli ultimi scampoli di partita sono di marca emiliana mentre l'Inter agisce di ripartenza. Proprio da un contropiede nasce la doppia occasione per Guarin e Botta di mettere un punto alla partita ma è ancora una volta superlativo Pegolo a dire di no.
Finisce 1-0. L’Inter porta a casa i tre punti che mancavano da troppo tempo e fa un piccolo passo in classifica visto i risultati delle avversarie (Torino sconfitto in casa dal Bologna, Parma bloccato sullo 0-0 casalingo dal Catania e Verona che nel recupero trova il gol del 2-2 contro la Juventus). La prestazione è stata buona, l’esordio di Hernanes è stato positivo, così come altrettanto positiva è stata la prestazione di Guarin. Di contro c’è da registrare una manovra offensiva con troppe difficoltà, Kuzmanovic completamente assente (ma Mazzarri imperterrito continua a puntare su di lui), qualche difficoltà sulle fasce e un Milito sempre più vicino al capolinea. Il Sassuolo si è mostrato davvero poca cosa (in altre circostanze i neroverdi hanno giocato ben altre gare) ma ciò non vuol dire che la vittoria dell’Inter debba essere sminuita (il Catania affrontato due settimane fa non era certo migliore di questo Sassuolo eppure ci ha fermato sullo 0-0).
Ora che ci siamo finalmente sbloccati dobbiamo ritrovare continuità e le prossime cinque gare contro Fiorentina, Cagliari, Roma, Torino e Verona potranno dirci molto sulla primavera che dovremo attenderci. E chissà che, parafrasando il grande Dante, non si riesca a ritrovare la dritta via smarrita.

"Risultare superiore in un concorso, in una gara di abilità, in una competizione sportiva; con costruzioni analoghe alle precedenti: ha vinto tutti gli altri concorrenti; v. il concorso, la gara, la corsa, la partita, il campionato, un incontro di pugilato; il compl. ogg. di cosa può essere rappresentato in questo caso dal riconoscimento o dal premio che spetta al vincitore...(...)" 
SONO ANDATO A CERCARE SULLA TRECCANI IL SIGNIFICATO DELLA PAROLA "VINCERE". DOPO 49 GIORNI NON MI RICORDAVO PIU' COSA VOLEVA DIRE. (Cit. Facebook)

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

3 commenti:

Tifosi_si_nasce ha detto...

Mammamia, non ricordavo nemmeno più cosa volesse dire vincere! :D

Winnie ha detto...

Finalmente una buona prestazione. Probabilmente c'é ancora molto da fare ma l'importante é aver imboccato (si spera) la giusta strada.

Tonynho ha detto...

Non mi pare una prestazione molto diversa rispetto, per esempio, alla sfida col Genoa.
Tante azioni, poca concretezza sotto porta. Ieri sera abbiamo trovato il gol, contro il Genoa l'avevamo preso. Questa l'unica differenza. Per il resto un'Inter ben lontana da un livello soddisfacente.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails