GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 20 gennaio 2013

ROMA-INTER, L'ETERNA SFIDA NELL'ETERNA CITTA'

Guaro, Don Rodrigo, pensateci voi !!!
Due incontri in quattro giorni (inizialmente dovevano essere 3 in 10 giorni ma poi la gara del 30 gennaio è stata spostata a metà aprile). Sul cammino dell’Inter c’è la Roma che incontreremo stasera in campionato e fra tre giorni in Coppa Italia, entrambe le volte all’Olimpico.
Un bell’esame per misurare le ambizioni nerazzurre e dare una svolta (forse decisiva) alla stagione.
Un bell’esame anche per Stramaccioni che contro le squadre romane non ha avuto finora gran fortuna da quando si è seduto sulla panchina nerazzurra. Tre sconfitte in tre gare sono uno score pessimo che bisogna invertire al più presto.

Il compito stasera è dei più ardui. Innanzitutto perché la squadra nerazzurra continua a perdere i pezzi. Dalla sfida di Coppa Italia contro il Bologna è uscito malconcio Cassano. Il barese va ad aggiungere alla lunga lista di indisponibili che comprende anche Milito, Samuel, Coutinho e Alvarez, oltre ai lungodegenti Stankovic e Castellazzi e all’ormai ex Sneijder. In pratica l’Inter stasera in avanti si affiderà al solo Palacio, all’incognita Rocchi e ai giovani Livaja e Bessa.

Per fortuna in difesa sarà della gara Chivu. Il rumeno completerà il reparto difensivo con Juan Jesus e Ranocchia (salvatore della patria in Coppa Italia) che rientrano dopo le rispettive squalifiche. Centrocampo folto con Nagatomo (altro rientrante) e Pereira esterni e Zanetti, Cambiasso e Gargano centrali, mentre Guarin farà il trequartista dietro l’unica punta Palacio. Vista la situazione di emergenza non sono escluse sorprese. Magari Livaja o Rocchi titolari o Benassi in mezzo al campo (su Duncan ho perso le speranze…).
Difronte una Roma che ha perso le ultime due gare di campionato contro Napoli e Catania ma che in settimana ha superato il turno di Coppa Italia contro la Fiorentina (anche loro ai supplementari). Zeman recupera in extremis Totti che con Lamela e Osvaldo comporrà il tridente offensivo.
Dopo Calciopoli la sfida tra Roma e Inter è diventata molto frequente. Tra campionato, Coppa Italia e Supercoppa Italiana le due squadre si sono incontrate 24 volte. Il bilancio è di sostanziale parità con 10 vittorie nerazzurre, 9 quelle giallorosse e 5 pareggi (compresa la finale di Supercoppa Italiana del 2009 vinta poi dall’Inter ai rigori).
Per quanto riguarda le sfide di campionato a Roma l’Inter è reduce da tre sconfitte (pesantissima l’ultima, un secco 4-0) che erano state precedute da tre vittorie nerazzurre (un 1-0 firmato Crespo seguito da due poker 4-1 e 4-0).
La sfida di stasera non si preannuncia delle più semplici. Le tante assenze, lo score negativo di Stramaccioni, il fatto che difficilmente la Roma perderà tre partite consecutive, inducono a pensare che ci sono poche possibilità di uscire vittoriosi dall’Olimpico.
Ma nel calcio tutto può succedere. In fondo era poco probabile anche il fatto che andassimo a Torino e sbancassimo lo Juventus Stadium. E invece poi è successo. E allora speriamo che il “miracolo” avvenga anche stasera. Speriamo di riuscire a portare a casa i tre punti e dare una svolta alla nostra stagione. Nella speranza che non si ripeta ciò che avvenga a novembre quando la vittoria a Torino fu l’inizio di un periodo di (pochi) alti e (molti) bassi. FORZA INTER !!!

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

3 commenti:

Matrix ha detto...

A ciò che hai scritto tu aggiungerei il fatto che nelle ultime gare la Roma ha mostrato di avere un gioco, al contrario di noi.
Non sono pessimista riguardo l'esito del match ma comunque sarà parecchio dura uscire indenni dall'Olimpico.

AnonimoRomanista ha detto...

Ve famo neri !!!

Winnie ha detto...

E noi ve famo ancora più neri...

Speriamo bene... FORZA INTER !!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails