GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 7 marzo 2012

ARCARI E CALDIROLA, I SEGRETI DI UN BRESCIA IMBATTUTO

LATO B – Appunti sulla Serie Cadetta
E' il Brescia dei record quello che sta scalando la classifica di Serie B, sentendo profumo di playoff. Dieci risultati utili consecutivi, cinque vittorie esterne consecutive e soprattutto un’imbattibilità che (recuperi esclusi) è di bel 900 minuti.
Michele Arcari, estremo difensore delle Rondinelle, infatti non subisce gol da dieci gare. Nella stagione in corso ha fatto meglio anche di Manuel Neuer, numero uno del Bayern Monaco, che in autunno lasciò inviolata la sua porta per 771 minuti.
I prossimi traguardi sono i 1.251 minuti di Mantovani, primato della serie cadetta datato 1972-1973 con il Cesena, e i 929 minuti di Sebastiano Rossi, record di A stabilito con il Milan nel 1993-1994. Rimangono lontani e, probabilmente irraggiungibili, i record di Tarabocchia e Mazaropi che riuscirono a mantenere l'imbattibilità rispettivamente per 1791 e 1816 minuti. Il primo difendeva la porta del Lecce nel campionato di Serie C del 1974-1975 il secondo, due stagioni dopo, teneva serrata la saracinesca del dei brasiliani Vasco da Gama.

Merito va dato anche ad una difesa che, con l’arrivo del giovane Caldirola in prestito dall’Inter ha eretto un muro davanti al proprio portiere. Il difensore under 21 è l'unico titolare del campionato di B ad aver collezionato una serie consistente di gare senza incassare reti. Prima che iniziasse l'imbattibilità, Caldirola non c'era. Per lui l'imbattibilità è assoluta. Un curriculum immacolato che è privilegio eccezionale.
Il direttore sportivo Iaconi non ha avuto dubbi e durante la sessione invernale di mercato ha chiesto con decisione un difensore che l'Inter stima, ma non stava minimamente utilizzando (dopo una fugace apparizione in Champions). L'allenatore ha scartato il regalo senza perdere tempo e lo ha subito schierato titolare.
La squadra è diventata imperforabile sia tra le mura amiche che in trasferta. Nel filotto record di 5 vittorie consecutive il Brescia ha un rendimento superiore a quello del Real Madrid. I galacticos sono arrivati a 9 successi di fila lontano dal Santiago Bernabeu. L'ultimo in ordine di tempo è stato il successo del 26 febbraio sul campo del Rayo Vallecano per 1-0, il primo fu il 4-0 sull'Espanyol che riscattò l'unica sconfitta esterna stagionale delle merengues sul campo del Levante per 1-0 il 18 settembre scorso. Ma lo stesso Real Madrid, che viene dal doppio 1-0 esterno contro il Rayo e il Getafe in precedenza si era imposto per 2-1 sul Maiorca, 1-0 sul Malaga e 6-2 a Siviglia. In totale quindi nelle ultime 5 gare il Real ha segnato 11 gol subendone 3 subiti, +8 la differenza. Un cammino migliore quello del Brescia: 9 gol fatti e nessuno subito: ben 4 i 2-0 (a Livorno, Empoli, Cittadella e Gubbio) e un 1-0 a Vicenza.
Numeri che autorizzano a sperare e a sognare in grande. I playoff sono ad un passo e con questa difesa andare in A potrebbe essere più di un sogno.


Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

2 commenti:

Pakos ha detto...

Credo che in questo momento il Brescia sia la squadra più in forma. E con questa difesa può decisamente puntare in alto.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Davvero incredibile la metamorfosi che hanno avuto da quando Calori è subentrato a Scienza: è proprio vero che il bello del calcio è che nessuno ci capirà mai nulla:-)...ciao!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails