ARTICOLI RECENTI

sabato 17 agosto 2019

SIMPLY THE BEST - I Campioni Del Passato. PAOLO ROSSI

 Viaggio tra alcuni campioni del passato che hanno fatto la storia del calcio 
 PAOLO ROSSI 
 Luogo e Data di Nascita: Prato, 23 settembre 1956 
 Nazionalità: Italiana 
 Ruolo: Attaccante 
 Altezza: 174 cm – Peso: 66 kg 

Attaccante tra i più famosi e dotati della storia del calcio, nel 1982 fu campione del mondo ai Mondiali di Spagna con la nazionale italiana e miglior marcatore della competizione con 6 reti che gli valsero quell'anno la conquista del Pallone d'Oro. È l'unico calciatore, insieme a Ronaldo, ad aver raggiunto questi tre traguardi nello stesso anno.
A 15 anni entra nelle giovanili della Juventus. Il 1 maggio del 1974 esordisce in prima squadra in una partita di Coppa Italia a Cesena.

Nella stagione successiva colleziona altre 2 presenze nella competizione prima di passare nel 1975 al Como. Rossi scende in campo soltanto per 6 volte nell'arco dell'intero torneo senza riuscire ad andare a segno.

L'estate successiva la Juventus convince il Lanerossi Vicenza a prenderlo in comproprietà. A Vicenza Rossi trova nel tecnico Giovan Battista Fabbri un secondo padre che ne nota le qualità e gli dà fiducia trasformandolo da ala a centravanti, affidandogli un posto da titolare.
Nel campionato di B 1976-77 disputa 36 partite e realizza 21 reti, rivelandosi miglior marcatore della cadetteria e fautore principale della promozione in massima serie dei veneti.
Il giovane attaccante si ripete anche in Serie A: con 24 gol in 30 presenze si laurea ancora capocannoniere. Il Vicenza raggiunge uno stupefacente secondo posto dietro la Juventus di Giovanni Trapattoni.
Esordisce in Nazionale con Bearzot ct 21 dicembre 1977 a Liegi contro il Belgio. Viene selezionato per il Campionato del mondo di Argentina nel 1978 in cui la squadra raggiunge il quarto posto e l'attaccante lascia la sua firma con tre reti.
Quell'estate è al centro di una vera e propria asta di mercato fra il presidente del Vicenza, Farina, e quello juventino, Boniperti: per la risoluzione della comproprietà del giocatore le due società sono costrette ad andare alle buste e Farina spara una cifra astronomica per l'epoca pur di tenere il giocatore: quasi 5 miliardi di lire.
La stagione post-mondiale è però in chiaroscuro per Rossi, nera per il Vicenza. Il campione subisce un nuovo infortunio al ginocchio e deve restare fuori per alcune gare, la squadra ne risente in maniera determinante. La stagione termina con un'incredibile retrocessione in Serie B dopo il secondo posto dell'anno prima.
Rossi rifiuta di essere ceduto al Napoli e accetta il Perugia. Torna a segnare in abbondanza, ben 13 gol nelle prime 20 giornate di campionato. Poi, il 1 marzo 1980, scoppia il celebre scandalo del calcio-scommesse in cui risulta coinvolto insieme ad altri compagni del Perugia. Viene squalificato per due anni perdendo così anche la possibilità di partecipare ai Campionati Europei che si sarebbero disputati in Italia.
Nella primavera del 1981 è la Juventus a dargli nuova fiducia e lo ingaggia nonostante l'anno di squalifica ancora da scontare. La pena termina nel mese di aprile del 1982 e Paolo fa in tempo a giocare le ultime 3 gare di campionato con i bianconeri, realizzando anche un gol all'Udinese e a conquistare lo Scudetto.
Enzo Bearzot lo convoca per il Campionato del mondo Spagna 1982. Convocazione che scatena una serie infinita di polemiche: sono in molti infatti a criticare la scelta di Bearzot di portare in Spagna Rossi, reduce da due anni di inattività, e di lasciare a casa il capocannoniere del campionato Roberto Pruzzo. 
E le prime partite contro Polonia, Perù e Camerun sembrano dare ragione alle critiche dei giornalisti. 
Dopo la vittoria per 2-1 contro l'Argentina campione in carica grazie ai gol di Tardelli e Cabrini, arriva l'esplosione di Rossi che realizza una fantastica tripletta contro il Brasile, gioia che lo ripaga di tutte le umiliazioni patite nei due anni precedenti. Pablito è poi protagonista assoluto con una doppietta del 2-0 alla Polonia e in finale all'Estadio Santiago Bernabéu di Madrid apre le danze nel trionfo per 3-1 sulla Germania Ovest. Grazie ai gol nel Mundial conquista il titolo di capocannoniere della manifestazione e a fine anno il Pallone d'Oro.
Dopo la sbornia del mondiale spagnolo Rossi come tutta la Juventus incontra delle difficoltà nella stagione 1982-83: Pablito realizza soltanto 6 gol in campionato e la squadra bianconera non va oltre due piazzamenti d'onore in Italia e in Europa.
L'annata successiva è invece ricca di soddisfazioni: Paolo contribuisce con 13 gol alla conquista del titolo nazionale e trionfa anche in Coppa delle Coppe conquistata a Basilea contro il Porto. Nella stagione 1984-85 arrivano la Supercoppa Europea e la tragica Coppa dei Campioni dell'Heysel di Bruxelles, entrambi contro il Liverpool. In questa stagione Paolo inizia il suo declino sportivo a causa soprattutto dei problemi alle ginocchia che cominciano a tormentarlo di continuo. La Juventus alla fine della stagione lo cede al Milan di Giuseppe Farina.
La stagione rossonera con Nils Liedholm in panchina non è positiva. Paolo infatti salta per infortunio le prime 10 gare di campionato e va in gol in tutto solo per 2 volte in campionato, nel derby d'andata contro l'Inter. Dopo il Mondiale del 1986 in Messico in cui viene convocato da Bearzot, ma non scende mai in campo, disputa la sua ultima stagione da professionista nell'Hellas Verona con cui realizza 4 gol in 20 partite.

 PALMARES 
2 Campionati italiani (1982, 1984)
1 Coppa Italia (1983)
1 Coppa dei Campioni (1984/85)
1 Coppa delle Coppe (1983/84)
1 Supercoppa Europea (1984)
1 Campionato mondiale di calcio (Spagna 1982)

 LA CARRIERA DI PAOLO ROSSI 
STAGIONE
SQUADRA
SERIE
PRESENZE
GOAL
1975-1976
JUVENTUS
A
0
-
10/1975
COMO
A
6
-
1976-1977
LANEROSSI VICENZA
B
36
21
1977-1978
VICENZA
A
30
24
1978-1979
VICENZA
A
28
15
1979-1980
PERUGIA
A
28
13
1980-1981
VICENZA
A
0
-
1981-1982
JUVENTUS
A
3
1
1982-1983
JUVENTUS
A
23
7
1983-1984
JUVENTUS
A
30
13
1984-1985
JUVENTUS
A
27
3
1985-1986
MILAN
A
20
2
1986-1987
VERONA
A
20
4

 


Se ti è piaciuto l’articolo ISCRIVITI AI FEED per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti !!!

4 commenti:

Rudy ha detto...

Il grande Pablito Rossi. Un mito. Attaccante fortissimo che ci ha regalato un Mondiale indimenticabile.

BobbyTime ha detto...

Ma quale mito??? Ha azzeccato due settimane nell'arco di un'intera carriera e ha campato di rendita. Non era certo un'attaccante eccezionale e la sua carriera lo dimostra (13 gol in una stagione è il suo record, direi pochini).

Ciaskito ha detto...

Sono d’accordo. È stato uno Schillaci più fortunato. Se nel '90 avessimo vinto i Mondiali, Totò Schillaci sarebbe stato esaltato alla stessa maniera. In quella Italia c'erano Graziani e Altobelli che erano di gran lunga più forti, per non parlare di bomber Pruzzo che fu ingiustamente lasciato a casa.

Mattia ha detto...

Vabbé, se iniziamo a mettere in discussione anche Paolo Rossi...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails