ARTICOLI RECENTI

sabato 7 aprile 2018

UN ASSIST CHE NON POSSIAMO PROPRIO SPRECARE…

A volte capita che durante una partita un compagno ti offra un assist al bacio, uno di quei palloni che devi solo spingere in rete, magari a porta vuota. E quando ti danno un pallone così, che devi solo toccare e indirizzarlo verso lo specchio della porta, tu che fai? Ovvio, quasi sempre lo spedisci in rete, salvo qualche rara eccezione (ogni riferimento a Maurito Icardi non è puramente casuale).
Ecco, oggi pomeriggio la Fiorentina ci ha messo su un vassoio d’argento uno di quei palloni che sprecare è impossibile. I viola hanno battuto 2-0 la Roma all’Olimpico e dunque se vinciamo domani col Torino saliamo al terzo posto. Di conseguenza domani all’ora di pranzo è fondamentale portare a casa i tre punti e piazzarci davanti a tutti nella corsa alla Champions League. Anche perché già in settimana abbiamo sprecato un jolly non riuscendo a superare il Milan. Sprecare la seconda occasione consecutiva in quattro giorni sarebbe proprio da coglioni (scusate il francesismo).
Spalletti ha ormai trovato la quadratura del cerchio quindi per l’ennesima volta riproporrà la stessa formazione che prevede Handanovic in porta, Cancelo e D’Ambrosio esterni difensivi, Miranda e Skriniar a murare le offensive granate, Gagliardini e Brozovic in mezzo al campo e, come sempre, Candreva, Rafinha e Perisic dietro l’unica punta Icardi che sicuramente vorrà riscattarsi dopo gli errori fatti mercoledì e promette di infilare un paio di palloni alle spalle di Sirigu (e anche se non lo promette, noi lo consideriamo come se fosse una promessa).
C’è sostanziale equilibrio nelle sfide giocate a Torino con l’Inter che ha ottenuto 27 vittorie, i granata hanno avuto la meglio in 23 occasioni e in altrettante 23 occasioni la sfida è finita in parità. I padroni di casa non vincono da 24 anni, dal 27 febbraio 1994 quando Poggi e Cois firmarono il 2-0 con cui il Toro batté l’Inter. Da allora 13 sfide con 10 vittorie nerazzurre (di cui nove consecutive tra il settembre 1994 e il 2012) e tre pareggi. I nerazzurri però hanno vinto solo una delle ultime quattro sfide giocate in terra piemontese.
Nelle sfide giocate ad aprile il Torino ha vinto quattro volte contro le due vittorie nerazzurre (curiosamente tutte le vittorie, sia quelle granata che quelle nerazzurre, sono finite 1-0) e un solo pareggio (manco a dirlo finito 1-1).
Vabbé, basta numeri. Pensiamo alla sfida col Torino. Anche perché i granata dopo un periodo di appannamento (quattro sconfitte consecutive), sono tornati a vincere a suon di gol infilando quattro gol sia al Cagliari sabato scorso che al Crotone nel recupero di mercoledì pomeriggio. Quindi è un avversario da non sottovalutare. Sebbene la nostra difesa non prenda gol da cinque giornate e abbia retto contro attacchi pesanti come quelli di Milan e Napoli.
Vincere è tutt’altro che impossibile e, per le motivazioni di cui sopra, direi indispensabile. Se veramente vogliamo conquistare un posto in Champions League sarà bene che iniziamo a piazzare qualche colpo vincente. Abbiamo già sprecato troppi punti e troppe occasioni. Ora gambe in spalle e pedalare. Domani i tre punti devono essere nostri. Senza se e senza ma. FORZA INTER !!!


3 commenti:

Nerazzurro ha detto...

Se domani sbagliano la partita vado fino a Milano e gli faccio un mazzo così. Non possiamo sprecare un'altra occasione. Daje Ragazzi.

Winnie ha detto...

E io ti faccio compagnia...

Nerazzurro ha detto...

DATEMI UNA SPRANGA CHE FACCIO UNA STRAGE !!!!!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!