GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 12 ottobre 2016

QUALIFICAZIONI MONDIALI: VOLANO GERMANIA E BRASILE, ARGENTINA NEI GUAI

Dopo la seconda tornata europea di sfide di qualificazione per i Mondiali 2018 si iniziano a delineare le classifiche. Anche se la strada verso la Russia è ancora molto lunga e può succedere di tutto. Vediamo comunque cosa ci dice la situazione ad oggi.

Gruppo A: Svezia e Francia 7 punti, Olanda 4, Bulgaria 3, Bielorussia 2, Lussemburgo 1
Pogba firma il gol vittoria con cui la Francia batte l’Olanda e vola in testa alla classifica insieme alla Svezia. Per gli orange, che a settembre aveva pareggiato in Svezia, l’imperativo è riprendersi subito. Dopo aver fallito la qualificazione europea non possono permettersi un altro flop.

Gruppo B: Svizzera 9, Portogallo 6, Ungheria e Far Oer 4, Lettonia 3, Andorra 0
Tre su tre per la Svizzera, che in questa settimana di calcio internazionale è andata ad espugnare prima il campo dell’Ungheria (con un prestigioso 3-2) e poi quello di Andorra (2-1). Doppio 6-0 per il Portogallo nei due match-formalità contro Andorra e Far Oer: poker di Ronaldo nel primo incontro, tris del ventenne André Silva nella trasferta nordica.



Gruppo C: Germania 9, Azerbaigian 7, Irlanda del Nord 4, Norvegia 3, Repubblica Ceca 2, San Marino 0
La Germania non sbaglia un colpo e fa già ampiamente capire che in questo girone si dovrà lottare solo per il secondo posto. Dietro ai tedeschi (3-0 alla Repubblica Ceca e 2-0 all’Irlanda del Nord), si profila una lotta interessante. Se nordirlandesi e cechi erano presenti anche all’Europeo, guai a sottovalutare la rivelazione Azerbaigian, una delle quattro compagini a non aver ancora subito reti (le altre sono l’Inghilterra, il Belgio e proprio la Germania).

Gruppo D: Serbia e Irlanda 7, Galles 5, Austria 4, Georgia 1, Moldavia 0
Dopo tante battute a vuoto, si rivede la Serbia: il facile 3-0 in Moldavia e il 3-2 interno contro l’Austria valgono il primato della classifica (condiviso con l’Irlanda). Bottino pieno anche per l’Irlanda contro Georgia e Moldavia. Anche questo girone pare enigmatico, con Galles e Austria indietro di pochi punti rispetto alla concorrenza.

Gruppo E: Montenegro e Polonia 7, Romania 5, Danimarca 3, Kazakistan 2, Armenia 0
La vittoria in Danimarca manda il Montenegro in testa al girone e fa scattare l’allarme per la selezione di Hareide, ferma a tre punti e reduce da due ko in altrettanti confronti diretti. In vetta c’è pure la Polonia, riuscita a sbloccare lo stallo contro l’Armenia al 95’ grazie alla quarantesima prodezza in nazionale di Robert Lewandowski. A due punti dalla coppia di testa c’è la Romania, ancora imbattuta.

Gruppo F: Inghilterra 7, Lituania e Slovenia 5, Scozia 4, Slovacchia 3, Malta 0
Non colpisce troppo l’Inghilterra del traghettatore Southgate: 2-0 contro Malta e 0-0 in Slovenia. Dietro gli inglesi, si scatena la bagarre, con quattro squadre in due punti. Occhio, che a sottrarsi i punti a vicenda si rischia di lottare inutilmente, perché la peggior seconda non prenderà parte agli spareggi.

Gruppo G: Spagna e Italia 7, Albania e Israele 6, Macedonia e Liechtenstein 0
Italia e Spagna prime a braccetto, con avversari affrontati diametralmente opposti: gli “azzurri” hanno vinto in Israele all’esordio e battuto nel finale la Macedonia; le “furie rosse” dopo aver travolto il Liechtenstein e aver pareggiato con l’Italia, hanno affrontato e battuto l’Albania dell’italiano De Biasi. Albania e Israele tentano di non mollare la presa dalla coppia di testa e al momento tengono botta, essendo entrambe a un solo punto dalle due capolista.

Gruppo H: Belgio e Grecia 9, Bosnia 6, Estonia 3, Cipro e Gibilterra 0
Sembrano quasi delineate le gerarchie del girone H, con le prime tre a contendersi primato e secondo posto e le ultime tre a spartirsi le briciole. Il Belgio non ha ancora subito reti e più che il 6-0 a Gibilterra (che verrà ricordato per il gol più rapido delle qualificazioni, quello siglato da Benteke dopo sette secondi) si gode il 4-0 alla Bosnia. L’undici di Roberto Martinez condivide il primato con la Grecia, la quale ha però affrontato solo le squadre minori.

Gruppo I: Croazia e Islanda 7, Ucraina 5, Turchia 2, Finlandia e Kosovo 1
Le vittorie con Kosovo e Finlandia lanciano la Croazia in testa. Ma non è bastato però per togliersi di dosso l’Islanda: la rivelazione di Euro 2016 ha battuto la Finlandia con una rimonta clamorosa negli ultimi minuti (al 91’ era 1-2, al fischio finale 3-2!) e regolato la Turchia. È ancora imbattuta anche l’Ucraina di Shevchenko che rimane in scia di Croazia e Islanda.

Infine anche un occhiata al girone sudamericano. L'Argentina perde in casa 1-0 contro il Paraguay e si complica terribilmente la qualificazione a Russia 2018. L'Albiceleste resta al quinto posto con 16 punti (che vorrebbe dire playoff) ma nei prossimi tre match giocherà contro Brasile (in trasferta), Colombia e Cile. Ci sono ancora tempo e partite per rimediare e rialzarsi, serve però cambiare rotta.
Resta saldamente in testa il Brasile che batte 2-0 il Venezuela, mentre tra Uriguaye e Colombia finisce 2-2.
CLASSIFICA: Brasile 21, Uruguay 20, Ecuador 17, Colombia 17, Argentina 16, Paraguay 15, Cile 14, Perù 8, Bolivia 8, Venezuela 2.

Inserisci il tuo indirizzo mail 
per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti:


Servizio offerto da FeedBurner

1 commento:

Theseus ha detto...

La situazione dell'Argentina non mi pare così grave. Ecuador e Colombia sono ad un passo e l'Albiceleste ha i mezzi per risalire la china.

Per quanto riguarda la zona europea è troppo presto per trarre conclusioni.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!