GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

sabato 19 marzo 2016

TUTTO IN UNA SERA: ROMA "SLIDING DOORS" NERAZZURRO

Ci giochiamo tutto in 90 minuti. Sembra assurdo, ma nei fatti purtroppo è così. Ci giochiamo una gran parte della stagione nella partita di questa sera contro la Roma. Il distacco dai giallorossi, che attualmente occupano quel terzo posto che è il nostro obiettivo, è di cinque punti. Se perdiamo scivoliamo a -8 che a otto giornate dalla fine vorrebbe dire mettere una pietra tombale sulle nostre ambizioni di qualificazione Champions. Non sarebbe da buttare nemmeno il pareggio, ma cinque punti a otto giornate dalla fine rimane un distacco abbastanza consistente (e tutt’altro che facilmente recuperabile). Dunque non ci rimane che vincere per arrivare a due punti dai diretti rivali e a quel punto giocarcela alla pari con la squadra di Spalletti (fermo restando che, come ha dichiarato anche Brozovic in settimana, se vinciamo all’Olimpico e poi non vinciamo le restanti otto gare non serve a nulla). Detto così sembra abbastanza facile, ma c’è un piccolo particolare non trascurabile: la Roma è reduce da sette vittorie consecutive ed è in un momento di forma strepitosa.

E a questo aggiungiamo il fatto che Mancini dovrà fare a meno di alcuni uomini fondamentali. Palacio è squalificato, Icardi non ce l’ha fatta a recuperare (del resto non avevamo speranze che potesse succedere il contrario), Kondogbia non è al meglio per una botta rimediata contro il Bologna e Brozovic rimane in dubbio per un problema muscolare. Probabilmente il Mancio si presenterà con Eder unica punta supportato da Biabiany, Ljajic e Perisic, a centrocampo Medel e Felipe Melo (se dovessero recuperare Brozovic e Kondogbia potrebbe esserci spazio per almeno uno dei due), mentre in difesa, l’unico reparto dove pare non ci siano problemi, giocheranno Nagatomo e D’Ambrosio esterni (con Telles che potrebbe strappare una maglia da titolare ad uno dei due) e Murillo e Miranda centrali.
Nelle 82 sfide giocate allo Stadio Olimpico l’Inter ha vinto 27 volte, pareggiando 22 sfide e perdendo in 33 occasioni. L’ultimo successo nerazzurro risale ad una vita fa. Stagione 2008-2009, netto 4-0 nerazzurro con reti di Ibrahimovic (doppietta), Stankovic e Obinna (fu la terza di tre vittorie consecutive dell’Inter nella capitale). Da allora quattro vittorie giallorosse e solo due pareggi.
In ben 17 occasioni la sfida si è giocata a marzo con bilancio favorevole alla Roma che ha avuto la meglio in 8 occasioni, quattro le vittorie nerazzurre e cinque i pareggi. In un’occasione si è giocato il 19 marzo, nel 1967 finì 0-0.
Come già detto, questa sera non sarà facile. Siamo costretti a vincere a tutti i costi e non vorrei che questo possa essere un elemento a nostro favore. Dobbiamo vincere ma sarebbe un errore giocare con l’ossessione del risultato e sbagliare completamente approccio alla gara. Dobbiamo portare a casa il risultato ragionando, giocando come sappiamo e cercando di essere più bravi di loro. Se poi la Dea Eupalla ci volesse dare una mano e contribuisse al nostro successo sarebbe ancora meglio. Di fronte avremo un avversario molto ostico che sicuramente ci darà filo da torcere. I giallorossi sono favoriti e, come detto, stanno bene fisicamente. La cura Spalletti ha portato benefici e, secondo qualche ottimista, la formazione giallorossa potrebbe addirittura ambire a lottare per il titolo (la classifica dice che non è impossibile). Ma noi siamo l’Inter, diobono, e dobbiamo dimostrarlo alla grande con una prestazione degna del nostro blasone e di quei colori nerazzurri che orgogliosamente ci rappresentano. Vogliamo i tre punti. Pretendiamo i tre punti. Il terzo posto deve essere nostro. FORZA INTER !!!

5 commenti:

Matrix ha detto...

Tre punti fondamentali. Non oso pensar cosa succederà in caso di sconfitta. Sono 90 minuti che valgono un'intera stagione, non dovevamo arrivare a questa situazione...

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Per me stasera è decisiva solo nel caso di una vostra sconfitta, allora si che la corsa al terzo posto sarebbe ormai compromessa, un pareggio manterrebbe le distanze immutate così come le speranze di riagguantare la terza piazza per cui un punticino fossi in voi lo accoglierei con soddisfazione...ciao!

Winnie ha detto...

Certo Andrea, sono decisivi in tal senso. Se perdiamo addio terzo posto, mentre se vinciamo ce la giocheremo fino alla fine.

Winnie ha detto...

Entius, che ti è successo? :-) Tra ieri sera e stamattina hai sfornato articoli a raffica. ;-)

Entius ha detto...

Hai ragione. Forse ho esagerato... ;-)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails