GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

lunedì 20 gennaio 2014

QUALE FUTURO CI DOBBIAMO ASPETTARE?

Vi prometto che prima o poi imparerò a gestire la delusione post-gara e a non scrivere più articoli come quello di ieri pomeriggio dove la mia delusione, se non l’aveste capito, si tagliava a fettine.
Non con meno delusione ma con un pizzico di lucidità in più proviamo a fare qualche piccola riflessione.
Innanzitutto la prestazione della squadra. Rispetto ad altre partite ho visto una squadra più viva, abbia giocato di più, creato più occasioni, dimostrato con i fatti non solo a parole che la partita la volevamo potare a casa. Mi viene in mente la gara contro la Lazio o, in parte, quella col Chievo dove in fase offensiva siamo stati poco incisivi (contro i biancocelesti non abbiamo mai creato pericoli). Se ieri Perin è stato tra i migliori in campo vuol dire che qualcosina in più si è fatto. Certo, è mancata anche un po’ di fortuna. Se Palacio, o Jonathan, o Botta nel finale, avessero centrato la porta saremmo qui a commentare un’altra gara.
Altro punto la fase difensiva. E notate bene sto parlando di fase difensiva non di difesa.
Sebbene continui ad insistere col fatto che Mazzarri dovrebbe provare a schierare la difesa a quattro, mi sto rendendo conto che non è quella la panacea di tuttii mali. Se in un’azione da calcio d’angolo nessun giocatore prova a saltare e il portiere non accenna l’uscita, hai poco da contestare sul fatto che la difesa sia schierata a tre o a quattro. Non so dove stia il problema. Magari ho ragione io sul fatto che bisognerebbe schierarsi a quattro, magari è un problema dei centrocampisti che non fanno filtro lì in mezzo, o più semplicemente è un problema di uomini. L’unica cosa che posso affermare con certezza e senza possibilità di essere contraddetto è che abbiamo un problema in fase difensiva. Ogni votla che gli avversari si affacciano dalle nostre parti è un potenziale pericolo. Ora spetta a Mazzarri capire dove sta il problema e cercare di porvi rimedio.
Capitolo allenatore. Se chiami un bravo chef per prepararti una cena eccezionale e gli dai ingredienti scadenti, difficilmente lui riuscirà ad esaurire la tua richiesta. Ma è anche vero che con quegli ingredienti scadenti può comunque togliere fuori una cena decente.
Fuor di metafora, abbiamo più volte detto che Mazzarri non ha a sua disposizione una rosa all’altezza degli obiettivi che ci eravamo prefissati. Ma rimane il fatto che qualcosina in più forse si potrebbe anche fare. Senza considerare il fatto che un allenatore come lui avrebbe dovuto pretendere qualcosina in più in sede di mercato sia in estate sia adesso. Ma se, è qui arriviamo alla stretta attualità di queste ore, se avvalli lo scambio Guarin-Vucinic o chiedi Paolo Cannavaro per sostituire il partente Ranocchia, mi viene il dubbio che qualche colpa ce l’hai. Inoltre credo che alcuni allenatori, per curriculum ed esperienza si possano prendere il lusso di usare le maniere forti all’interno dello spogliatoio. E Mazzarri è uno di questi. Dovrebbe strigliare di più i giocatori, prenderli a calci nel sedere (in senso figurato), pretendere ben altre prestazioni.
Chiudiamo con quello che è e rimane il nostro punto debole. La società. Sorvolo sulla questione Guarin-Vucinic perché penso di scrivere un articolo ad hoc nei prossimi giorni. Non si può assolutamente abbandonare una squadra al proprio destino. Dove sono i rinforzi di mercato? (si possono fare buoni affari anche con pochi soldi). Dopo sei gare con decisioni arbitrali a nostro sfavore ancora tutti zitti? Fino a quando dovremo sorbirci Branca? La famosa rivoluzione thohiriana avverrà prima o dopo il 2030? Ci fate capire che progetti avete per il futuro? Sempre ammesso che abbiate le idee chiare sull’argomento. Perché ad oggi, il futuro nerazzurro, spiace dirlo, appare sempre più nero e sempre meno azzurro.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ecco, questo è un articolo ampiamente condivisibile... si resta senza parole nel vedere come in due-tre anni una società sia passata dal tetto del mondo alla situazione attuale... la colpa è senza dubbio della società, né più né meno... Mazzarri credo non sia stato nemmeno a conoscenza del fatto che Moratti stava per passare la mano, al momento della firma con l'Inter... quindi ritengo che anche lui si trovi spiazzato dalla situazione attuale... per quanto riguarda la difesa quattro, bisognerebbe però capire se i due esterni della difesa a 4 debbano essere Jonathan e Nagatomo oppure Campagnaro e Juan Jesus... nel primo caso saremmo ancora più sbilanciati che con la difesa a tre, dato che entrambi sono molto offensivi, nel secondo caso penso che perderemmo molta della spinta sulle fasce che comunque è stata costante per tutte le partite della stagione... il problema sostanziale penso sia di uomini.
Sempre forza Inter!!!
Juan

Studionews24 ha detto...

A parer mio credo che la colpa sia ampiamente derivata dalle scelte scellerate di alcuni membri che decidono le strategie interiste. Non si può certamente dare la colpa a Tohir e neppure al presidente uscente Moratti che ha dedicato anima e cuore a questa squadra... certo è che se mi provi a scambiare Guarin, il nostro centrocampista migliore, con Vucinic, un centravanti sempre infortunato e sopra i 30 anni beh.. non sono molto contento! Qui ho scritto un articolo in proposito sulla trattativa.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails