GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

venerdì 20 settembre 2013

THOHIR-INTER, E’ FATTA. LA SVOLTA EPOCALE E’ VICINO

Ci siamo, la svolta storica è dietro l'angolo. Presto l’Inter avrà una proprietà asiatica. Massimo Moratti ed Erick Thohir hanno trovato l'accordo. Il magnate indonesiano settimana prossima metterà la firma sull'acquisto del 70% dell'Inter per circa 350 milioni di euro entrando a pieno titolo nel mondo nerazzurro.
E' stato sciolto l'ultimo nodo giuridico legale sulle garanzie, Thohir vorrà Moratti accanto a sé, il progetto è ambizioso. Nel nuovo cda dovrebbero esserci ancora due posti per la famiglia Moratti, Massimo e suo figlio Angelo Mario.
Galeotto, a quanto pare, è stato il vertice di Parigi nella banca d'affari Lazard, dove i due protagonisti della vicenda si sono incontrati per definire il tutto. Moratti e Thohir avevano già avuto altri due incontri ufficiali, il 25 maggio ed il 25 luglio. E' stato quello di settembre, però, a rivelarsi decisivo, in attesa delle prime firme e del closing, la fase conclusiva della trattativa che dovrebbe durare qualche settimana.
La capitale francese sembra essere nel destino del patron nerazzurro: fu lì che sollevò al cielo la sua prima coppa europea (l'Uefa nel '98), e sempre lì che incontrò Josè Mourinho, il tecnico che più di tutti è entrato nel suo cuore.

Ora la palla passa ai rispettivi studi legali, al lavoro per impostare la stesura del contratto, dopo che è stato superato anche l'ultimo ostacolo per il sì, relativo alle garanzie in caso di inadempienza della controparte. Con la firma prevista per la prossima settimana, peraltro, non si chiuderà ancora l'affare, ma si entrerà nella fase del closing, della durata non inferiore ai 20 giorni: questi i tempi tecnici da rispettare.
Il presidente nerazzurro Massimo Moratti ha dichiarato al suo ritorno a Milano: "L'accordo definitivo non è stato ancora raggiunto, se tutto fila liscio ci vorrà ancora un mese di tempo. Non ci sono grossi problemi da risolvere, bisogna solo decidere quando sarà il momento giusto e se ci va bene. L'incontro è stato positivo, è stata un'occasione per conoscerci meglio e capire chi sono gli altri imprenditori indonesiani pronti ad affiancare Thohir. Soprattutto dal punto di vista umano, ho apprezzato il carattere delle persone e questo mi ha fatto piacere. Io ancora presidente? Al momento non ci penso, ma non credo. La mia famiglia resterà per forza nell'Inter per una questione di ristrutturazione della società in modo da strutturarla al meglio e gestire gli esborsi che questo calcio impone ".
Thohir, come prima cosa, provvederà a ripianare i debiti più recenti (quelli dell'ultimo anno fiscale), per poi rilanciare la società a livello sia tecnico che commerciale, sotto il profilo del marketing a cui tanto tiene. Il suo sogno è creare un'Inter stile Borussia Dortmund, che compri giovani di qualità senza svenarsi.
Una nuova era è ormai alle porte. Una parte del popolo nerazzurro non vede di buon occhio l’arrivo di uno straniero a capo del club meneghino. Toccherà a Thohir a mettere d’accordo tutti. E per farlo c’è un solo modo: tornare ad essere vincenti.

LEGGI ANCHE:

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

5 commenti:

Winnie ha detto...

Speriamo bene. Sono mesi che sembra la volta buona e poi si rimanda di settimana in settimana.

Anonimo ha detto...

certo che dilapidare miliardi e miliardi (vincendo qualcosa solo ringraziando farsopoli) ed essere costretti a vendere, per il debito mostruoso raggiunto, agli extracomunitari fa proprio onore!!!!

Nerazzurro ha detto...

Cinque scudetti, quattro Coppa Italia, quattro Supercoppe Italiane, una Champions League, un Mondiale per Club. Non sono proprio "vincere qualcosa grazie a Farsopoli".

Anonimo ha detto...

capisco che la verità fa male ed è difficile accettarla ma, ti ribadisco, che togliendo quello che avete vinto senza farsopoli (per effetto della quale gli altri sono andati in B e voi siete rimasti in A impunemente, appropriandovi dei campioni altrui)avreste vinto la bellezza di 4 scudetti in meno (cartone compreso), due coppa italia in meno, 3 supercoppe italiane in meno, 1 champion in meno,1 coppa del mondo in meno. Dimmi togliendo quanto sopra quanto avrebbe vinto moratti! Non mettetevi le fette di prosciutto davanti agli occhi, la verità la conoscono tutti.

Nerazzurro ha detto...

Sì va bene... Abbiamo dominato per un quinquennio e ora si scopre che é merito di Calciopoli (anzi Farsopoli come la chiami tu e in effetti considerando che una squadra che meritava la radiazione o la C2 se l'é cavata con la retrocessione e 7 punti di penalità, é stata una farsa). Ma vaaa

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails