GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

martedì 29 gennaio 2013

PRIMA ILLUSIONE JUVE, POI DELIRIO LAZIO: E' FINALE

COPPA ITALIA 2012-2013 – Semifinale di Ritorno
LAZIO-JUVENTUS 2-1
53’ Gonzalez – 91’ Vidal – 93’ Floccari
LAZIO (3-5-1-1): Marchetti; Biava, Dias, Ciani; Konko, Gonzalez (21' s.t. Cana), Ledesma, Hernanes (18' s.t. Lulic), Radu; Mauri: Klose (25' s.t. Floccari). (Bizzarri, Carrizo, Cavanda, Stankevicius, Zauri, Brocchi, Candreva, Kozak, Rozzi). All.: Petkovic.
JUVENTUS (3-5-2): Storari; Barzagli, Bonucci, Peluso; Isla, Vidal, Marrone (25' s.t. Marchisio), Giaccherini (31' s.t. Quagliarella), Padoin (23' s.t. Pirlo); Giovinco, Vucinic. (Buffon, Rubinho, Lichtsteiner, Caceres, De Ceglie, Pogba, Matri). All.: Conte.
ARBITRO: Banti.

Un finale ricco di emozioni regala la finale di Coppa Italia alla Lazio ai danni della Juventus. I biancocelesti sono andati in vantaggio al 52esimo con Gonzales. Vidal riequilibra le sorti nel primo dei sei (!!!) minuti di recupero concessi dall’arbitro Banti. Ma due minuti dopo Floccari riporta in vantaggio i biancocelesti. Passa un minuto e Marchisio, in perfetto stile Jonathan, si mangia letteralmente il gol che valeva la qualificazione (rubo da Facebook, Marchisio si mangia il 2-2, tutti i juventini con le mani tra i capelli tranne uno che le aveva tra il parrucchino). Finisce 2-1.

Una partita tutto sommato modesta, diventata bella e palpitante nei minuti conclusivi. Nel primo tempo c’era un rigore per entrambe. Uno a testa. Prima Vucinic protesta per un'uscita bassa di Marchetti, che lo tocca in area, in uscita bassa. Poi, Klose colpito da Isla, che aveva pasticciato nel controllo nella sua area, finisce per terra in area avversaria. Sia nel primo episodio che nel secondo il rigore ci stava ma l’arbitro Banti ha lasciato proseguire in entrambi i casi (e non mi risulta che abbia detto frasi del tipo “non me la sono sentita di dare rigore”).

La Lazio, forte del 1-1 dell’andata approda in finale dove troverà la vincente di Roma-Inter (che si disputerà fra un paio di decenni). La Juventus anche per quest’anno deve salutare il sogno di fare il Triplete e puntare sugli altri obiettivi rimasti.
Distratti dal mercato e da altre questioni (leggasi rigore negato al 93esimo sabato scorso con conseguente reazione eccessiva) è passato in secondo piano un elemento che dovrebbe far preoccupare la popolazione juventina (e far ben sperare quella non-juventina). In questo mese di gennaio la Juventus ha disputato tra campionato e coppa Italia sei partite, vincendone una, perdendone due e pareggiandone tre e facendosi recuperare il risultato in quattro partite su sei. La Juventus rimane la squadra da battere ma inizio a pensare che non siano i bianconeri ad essere forti ma le avversarie ad essere deboli.
La Lazio ha affrontato tre volte la Juventus in questa stagione ed è riuscita a metterla in difficoltà in tutte e tre le occasioni. E se nelle precedenti partite i biancocelesti hanno dovuto ringraziare San Marchetti per aver salvato il risultato, stasera i biancocelesti sono apparsi più in palla. E soprattutto ci ha creduto di più, voleva fortemente questa finale. Il pari di Vidal al 91' avrebbe spezzato le gambe a chiunque. Invece Floccari si è prontamente rialzato per saltare e colpire di testa il pallone dell'immediato raddoppio. Mandando in visibilio la popolazione biancoceleste.

PS: Nota a margine personale. Nei 10 minuti finali ho più volte ripetuto “adesso pareggiano”. Avevo visto giusto.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

3 commenti:

pippo ha detto...

come al solito ci dimentichiamo qualcosa,il rigore su giovinco.ma forse sarà svenuto.anche se avesse dato tutti e due i rigori certamente sarebbe andata meglio a noi(meglio 1-1 che 0-0).ma questo non mi interessa.gli errori degli arbitri ci sono e vanno accettati.non è questo il problema e non è questo il motivo per cui si è arrabbiato conte sabato(ma qui apriremmo una parentesi troppo lunga e non mi va ,magari un'altra volta.dico solo una parola che cerca di sintetizzare:SENTIMENTO POPOLARE).Infatti l'esempio c'è anche nel tuo post.Dici 6 minuti e scrivi(!!!!),cosa pensare?peccato che oltre ai tre minuti canonici dovuti alle sostituzioni la partita si fosse fermata diverso tempo per soccorrere Hernanes che sembrava stare veramente male(so che l'hanno portato in ospedale per una tac).i 6 minuti c'erano tutti,ma non se in svantaggio c'è la juve(che tra l'altro ha segnato al 91.30).SENTIMENTO POPOLARE appunto.forse alla fine se ne è avvantaggiata più la lazio paradossalmente.ma se avessimo vinto sai le polemiche(il telecronista rai informa di pektovic che si chiede perchè 6 minuti.ha già dimenticato il suo giocatore forse.....)

Entius ha detto...

A me sei minuti sono sembrati troppi. Anche considerato l'infortunio di Hernanes. Tutto qua. Non mi pare di aver scritto che la Juventus abbia pareggiato o si sia avvantaggiata grazie ai sei minuti. Anche se avesse dato 3 minuti la Juventus avrebbe comunque segnato.

pippo ha detto...

i 6 minuti non erano giusti?
pensi che non si siano persi 3 minuti per l'infortunio ad hernanes?
invece in rai si è fatto passare sottilmente questo messaggio,come al solito.
paradossalmente come ho già scritto ad avvantaggiarsene è stata proprio la lazio.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails