GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 23 settembre 2012

MALEDIZIONE SAN SIRO? NO, MALEDIZIONE INTER

Serie A 2012-2013 – 4^ Giornata
INTER - SIENA 0 - 2
73’ Vergassola - 92’ Valiani

INTER (4-3-1-2): Handanovic; Nagatomo, Ranocchia, Juan Jesus, Pereira; Cambiasso, Gargano (dal 35' s.t. Coutinho), Guarin (dal 10' s.t. Alvarez); Sneijder; Cassano (dal 40' st Livaja), Milito.
A disp.: Castellazzi, Belec, Zanetti, Silvestre, Samuel, Jonathan, Bianchetti, Chivu, Duncan.
All: Stramaccioni.
SIENA (3-4-2-1): Pegolo; Neto, Paci, Felipe; Angelo; Vergassola, D'Agostino (dal 9' s.t. Rodriguez), Del Grosso; Rosina (dal 42' s.t. Sestu), Zé Eduardo (dal 33' s.t. Valiani); Calaiò.
A disp.: Farelli, Marini, Dellafiore, Martinez, Rubin, Verre, Paolucci, Bogdani..
All: Cosmi.
ARBITRO: Massa

Sono senza parole. L’Inter perde in casa col Siena dopo una partita dove ha dominato ma si è fatta infilare nel finale. Serviva la prova di maturità e soprattutto serviva sbloccarsi in casa dopo un ruolo di marcia in trasferta assolutamente impeccabile. Invece dopo aver rischiato di perdere con il Rubin Kazan giovedì in Europa League, oggi rimediamo la prima storica sconfitta con il Siena e facciamo due su due in casa in campionato (e sono già 5 partite stagionali in casa senza vittorie).

Continua la maledizione di San Siro? No, continua la maledizione dell’Inter. Una squadra con evidenti lacune a centrocampo e in attacco.
Una squadra dove l’attacco poggia (ahimè, solo ed esclusivamente) su un deludentissimo Milito, dove puntiamo su un giocatore fuori forma come Cassano facendo marcire in panchina un giovane di belle speranze come Coutinho, dove non abbiamo ancora sostituito Maicon, dove i neoacquisti Pereira e Gargano al momento sono stati molto al di sotto delle aspettative (e l’uruguaiano l’abbiamo pure pagato una discreta sommetta), dove la luce di Sneijder si accende ad intermittenza, dove a centrocampo ci affidiamo ai Cambiasso e speriamo nei Stankovic.

Possiamo parlare di sfortuna perché abbiamo creato qualche occasione nel primo tempo (e se fossimo andati in vantaggio…), possiamo prendercela con un Pegolo in versione paratutto che ha frenato le nostre occasioni, ma alla fine la verità è solo una: non si può perdere in casa con una squadra come il Siena.
Non voglio dilungarmi in considerazioni, la delusione è tanta e finirei per risultare di un pessimismo disarmante. Proverò magari domani con più calma e a mente fredda ad esprimere le mie opinioni.
La mia sensazione (che se non sbaglio ho già espresso nelle settimane scorse) è che questa stagione sarà parecchio complicata e che di giornate così ne vivremo parecchie. Non siamo competitivi per il titolo ma giocando così difficilmente potremo vivere una stagione discreta. E non vorrei che alla fine pagasse Stramaccioni (che comunque ha anche lui le sue colpe) per tutti…

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

2 commenti:

Nerazzurro ha detto...

Tutti i nodi vengono al pettine. La "sapiente" gestione dirigenziale Moratti-Branca inizia a dare i suoi "frutti"...

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Anche se è ancora troppo presto per trarre dei giudizi in effetti la sconfitta contro il Siena, squadra mediocre che avevamo messo sotto noi non più tardi di 3 settimane fa deve fare suonare il campanello d'allarme...
Più che altro mi sembrate sterili in avanti: se non segna Milito chi lo fa? Ciao!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails