GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

martedì 6 settembre 2011

PAZZINI REGALA LA QUALIFICAZIONE ALL'ITALIA

QUALIFICAZIONI EURO 2012 – Girone C
ITALIA-SLOVENIA 1-0
84’ Pazzini
Preparate il passaporto, si va in Polonia e Ucraina. L’Italia batte 1-0 la Slovenia a Firenze, e con due gare d'anticipo sulla fine del girone C si regala la qualificazione all'Europeo 2012.
Il gol della vittoria sulla Slovenia che vale la qualificazione matematica arriva all'84': lancio profondo di Marchisio in una zona presidiata da Balotelli e Pazzini, che grazie a un rimpallo con Suler si ritrova la palla buona per segnare il suo terzo gol in azzurro e spedire l’Italia all’Europeo. In anticipo, con sette vittorie in otto partite nel girone di qualificazione. Non era mai successo prima. Prandelli festeggia nella sua Firenze la qualificazione, realizzando un suo sogno, e gli azzurri allungano i record: ora sono quasi raggiunti i 700 minuti di imbattibilità e i punti nel girone, 22 in otto partite, sono numeri maggiori delle nazionali di Trapattoni e Lippi.
Rispetto a quattro giorni fa abbiamo visto una nazionale migliore. L’Italia ha creato molto nel primo tempo non riuscendo a sbloccare il risultato. Nella ripresa i ritmi sono calati, Prandelli ha rinforzato l’attacco buttando nella mischia Pazzini e Balotelli e proprio l’attaccante nerazzurro (che in questo primo scorcio di stagione mi è sembrato molto in forma), come già detto, ha confezionato il gol che è valso la qualificazione ai prossimi Europei.
Potremo ora affrontare in tutta tranquillità le ultime due sfide con Irlanda del Nord e Serbia, aspettando di confrontarci a giugno con le altre big europee a cui contenderemo lo scettro continentale.
La nazionale azzurra c’è. Può e deve ancora migliorare molto ma sono sicuro che in Polonia e Ucraina diremo la nostra.



VOTA QUESTO POST SU http://www.wikio.it/



Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

1 commento:

Brother ha detto...

La qualificazione è la diretta conseguenza dell'ottimo lavoro svolto da Prandelli che, al contrario del suo predecessore ha chiamato gente giovane e motivata e non pezzi d'antiquariato.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails