GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

sabato 27 agosto 2011

I BIMBI VIZIATI FANNO I CAPRICCI. IL CAMPIONATO NON PARTE.

Niente campionato. L’inizio della nuova stagione, che doveva essere oggi, è slittato dopo che non si trovato un accordo sul contratto collettivo dei giocatori.
Questo weekend non si giocherà e non è detto che fra due settimane finalmente verrà dato il calcio d’inizio a questa nuova stagione visto che tutti i protagonisti sono ben saldati sulle
loro posizioni e trovare un accordo non sembra così semplice.
Perché scioperano i calciatori? Non vogliono gli allenamenti separati (quando un giocatore è fuori rosa; il rischio è che la preparazione e l’immagine, quindi il ricollocamento eventuale in altro club, venga pregiudicato) e non vogliono pagare la tassa di solidarietà per i super-redditi, pretendono il netto e che quindi sia pagata dai club.
Stiamo parlando di ragazzi viziati, poco più che ventenni, che “lavorano” giocando allo stesso gioco che facevamo noi tutti in cortile da bambini (e su campi da calcetto da grandi), e lucrando stipendi che di norma un qualunque impiegato di banca, quindi non il più disperato dei lavoratori, non vedrà in tutta la sua vita. Questa tassa di solidarietà loro non ne vogliono sapere. Sacrificio enorme! E non voglio nemmeno pensare allo stress di riguadagnarsi il posto. Sono calciatori, sono dei, mica impiegati o operai qualunque.
Sarò schietto. A me di contratto collettivo, fuori rosa, contributo di solidarietà e roba del genere non me ne frega niente. Io voglio, anzi volevo visto che ormai la frittata è fatta, che oggi iniziasse il campionato di calcio.
Volevo vedere di nuovo i nostri ragazzi scendere in campo, volevo ricominciare a tifare per la nostra squadra. Rivolevo l’ebbrezza del campionato. E pazienza se subito dopo c’è la sosta per le nazionali o se domani sera non avrei potuto vedere la partita perché devo lavorare.
Sinceramente ci siamo rotti i coglioni. Sì, parlo a nome di tutti perché sono straconvinto che la pensiamo tutti allo stesso modo. Ci siamo rotti i coglioni di questi bimbi viziatelli, convinti di vivere in un mondo dorato tutto per loro. Ma ogni tanto l’accendono la televisione? Qualche volta lo leggono un giornale? Capita di sentire qualche discorso della gente comune? Sanno che aria tira qua fuori? Sanno quali sono le difficoltà di un padre di famiglia? Hanno sentito parlare della crisi in cui siamo impelagati fino al collo? E allora non rompessero le palle e andassero a giocare perché sono dei privilegiati e dovrebbero cercare meno il pelo nell’uovo. I diritti dei lavoratori sono ben altri e riguardano gente che guadagna una miseria non milioni di euro all’anno.
Sono ridicoli e anche agli occhi del mondo stanno facendo una figura di merda colossale. Anche in Spagna si sono fermati alla prima di campionato ma l’hanno fatto perché molti di loro non percepivano stipendi da mesi. Se non altro era per una giusta causa.
Vogliono scioperare? Che scioperino pure. Noi oggi e domani troveremo di meglio da fare. E se verremo colti da crisi d’astinenza da calcio ci ritroveremo tra amici e il campionato ce lo giocheremo da soli, tra di noi, in qualche cortile, come ai vecchi tempi.


VOTA QUESTO POST SU http://www.wikio.it/



Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!

5 commenti:

Mattia ha detto...

Invece di inveire sempre contro i bimbi viziati, ogni tanto prendiamocela anche con i "papà" che li hanno viziati. I Presidenti per anni hanno coperto d'oro questi ragazzi. La colpa è anche loro...

Pakos ha detto...

La colpa è di tutto il sistema calcio. Dei giocatori sempre più convinti di essere dei assoluti, dei presidenti che finora hanno concesso tutto e anche di più, di una classe dirigenziale obsoleta che andrebbe rinnovata.
Il mondo del calcio in Italia puzza di lerciume.

C'èSolol'Inter ha detto...

Io sono straconvinto che la colpa sia solo nostra, di noi tifosi! E' ora che alziamo la testa tutti insieme e lo sciopero lo facciamo noi! Basta Sky e Mediaset, basta abbonamenti stadio, basta soldi spesi per gadget ufficiali, basta tessere del tifoso, tessere Inter Club, lasciamoli li a guardarsi in faccia, vediamo se qualcuno si chiede se è il caso di ricominciare a comportarsi da esseri umani! ciao
Sergio

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Sono d'accordo con quest'ultimo intervento, molta colpa è anche nostra!
Lo sciopero dovremmo farlo noi, altro che!
Anzi, dovremmo proprio non far disputare le partite!
1000, 2000, 5000 persone che si piazzano davanti ai cancelli dello stadio e impediscono l'entrata delle squadre...basterebbro un paio di giornate così e vedi te come si ridimensiona tutto, a cominciare dalle TV...ciao!

Entius ha detto...

Sulla carta l'idea sarebbe ottima. Ma per realizzare questa cosa è necessario che tutti, ma proprio tutti, siano disposti a rinunciare a Sky, Mediaset Premium, gadget, tessere del tifoso, abbonamenti vari.
Se ci riuscissimo sarebbe fantastico. E forse questi signori la smetterebbero di comportarsi in modo così arrogante.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails