GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

martedì 6 luglio 2010

APOTEOSI OLANDA, SNEIJDER E ROBBEN LA TRASCINANO IN FINALE



MONDIALI DI CALCIO 2010 – SEMIFINALE
URUGUAY-OLANDA 2-3
17' Van Bronckhorst (O) - 40' Forlan (U) - 70' Sneijder (O) - 73' Robben (O) - 91' Maxi Pereira (U)
E’ L’Olanda la prima finalista del Mondiale sudafricano che, comunque vada l’altra semifinale Germania-Spagna, vedrà la prima vittoria in un Mondiale di una squadra europea fuori dal Vecchio Continente.
Contro l’Uruguay la differenza la fanno gli uomini migliori degli arancioni: Sneijder (sempre più implacabile come finalizzatore e da stasera anche capocannoniere) e Robben stendono un ostico Uruguay, messo in campo in maniera esemplare da Tabarez, che aveva imbrigliato per 70’ la manovra dei tulipani e pareggiato con l’ottimo Forlan la folgore di Van Bronckhorst. Inutile la rete nel recupero di Maxi Pereira, che fissa il 3-2 finale. Per l’Olanda è la decima vittoria in altrettante uscite del 2010. E la terza finale mondiale, dopo quelle perdenti del 1974 e 1978. L’Uruguay, in campo con quattro giocatori dell’ultima serie A, giocherà il 10 luglio la finale per il terzo posto, il giorno dopo l’Olanda si giocherà la gloria eterna contro Germania o Spagna.
Gli olandesi però faticano più del previsto per venire a capo della partita. E pensare che si era messa in discesa dopo il missile di Van Bronckhorst. L’Uruguay non molla e nel finale del primo tempo trova il gol del pareggio con un altro missile. Stavolta è Forlan a infilare il gol con Stekelenburg non esente da colpe.
Nella ripresa l’Uruguay imbriglia la manovra e chiude gli spazi agli olandesi. I padroni del campo sembrano i sudamericani. Poi però salgono in cattedra i fuoriclasse. Sneijder con un tiro angolato dal limite batte Muslera e tre minuti dopo Robben di testa, con la complicità della difesa uruguaiana, chiude il match. Arriva nel recupero il gol di Maxi Pereira che però serve davvero a poco.
L’Uruguay, che ha accarezzato il sogno di tornare in finale dopo 60 anni, viene eliminato ma esce dalla competizione a testa alta. Gli uomini di Tabarez hanno disputato un ottimo Mondiale e proveranno comunque a strappare il terzo posto alla perdente di Germania-Spagna.
Che dire invece dell’Olanda? Anche oggi, a tratti, non è sembrata impeccabile. Merito forse più degli avversari. Poi però la differenza l’hanno fatta ancora una volta i campioni. Sneijder (sempre più in odore di Pallone d’oro) e Robben sono in forma strepitosa e stanno trascinando quest’Olanda lungo questo sogno chiamato Mondiale. Gli Orange sono ad un passo dalla gloria, dall’apoteosi. Manca l’ultimo ostacolo, il più difficile. Riusciranno gli uomini di Van Marwijk dove fallirono Cruyff e compagni più di trent’anni fa? Lo scopriremo fra pochi giorni…


VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE





Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!


1 commento:

Stefano ha detto...

Olanda bella ma anche un pò fortunata. Sul gol di Sneijder ci sono state un paio di deviazioni decisive e Van Persie era pure in fuorigioco.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails