GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 23 maggio 2010

DOPO 45 ANNI L'INTER E' SUL TETTO D'EUROPA


CHAMPIONS LEAGUE - FINALE
BAYERN MONACO - INTER 0 - 2
35’ MILITO - 70’ MILITO


BAYERN MONACO: Butt; Lahm, Van Buyten, Demichelis, Badstuber; Robben, Van Bommel, Schweinsteiger, Altintop (63’ Klose); Müller; Olic (74’ Gomez).
A disposizione: Rensing, Görlitz, Contento, Pranjic, Tymoshchuk.
All: Van Gaal
INTER: JULIO CESAR; MAICON, LUCIO, SAMUEL, CHIVU (68’ STANKOVIC); J. ZANETTI, CAMBIASSO; PANDEV (79’ MUNTARI), SNEIJDER, ETO’O; MILITO (91’ MATERAZZI).
A DISPOSIZIONE: TOLDO, CÓRDOBA, MARIGA, BALOTELLI.
ALL: MOURINHO

ARBITRO: Webb (Inghilterra)


Campioni d’Europa, siamo Campioni d’Europa. Stento ancora a crederci e aspetto da un momento all’altro che qualcuno mi dica che è stato solo uno scherzo.
Dopo 45 anni l’Inter solleva la Coppa Campioni e questi ragazzi si riappropriano prepotentemente dell’appellativo di Grande Inter.
Nessuno in Italia è mai riuscito a vincere scudetto, coppa Italia e Champions League in una sola stagione. Una bella e gustosa rivincita dopo anni di amarezze e delusioni.
Le prime fasi della partita sono caratterizzate da un grande equilibrio in campo. L’Inter nei primi minuti parte all’assalto ma poi rallenta il ritmo.
Al 31’ cross di Milito per Sneijder che calcia al volo, ma manda il pallone sul fondo. È il preludio del goal nerazzurro che arriva quattro minuti dopo. Sneijder fa un passaggio filtrante per il Principe, che taglia come il burro la difesa bavarese e mette dentro di destro. Il popolo nerazzurro esplode alla grande. L’Inter sfiora subito dopo il raddoppio: ennesimo scambio fra Milito e Sneijder, con l’olandese che da posizione favorevolissima nel cuore dell’area piccola spara in faccia a Butt strozzando in gol l’urlo dei tifosi.
Il secondo tempo inizia con l’unico grosso brivido creato dai bavaresi. Van Bommel imbecca Müller libero in area, il tedesco tira subito in porta ma Julio Cesar fa un miracolo e para in due tempi. La risposta nerazzurra non si fa attendere: ancora Milito penetra in area dalla sinistra e mette dietro per Pandev: il pallonetto mancino del macedone è deviato in corner dal portiere tedesco. L’Inter sta sulla difensiva, non corre particolari rischi ma non riesce ad uscire dalla propria area.
A venti minuti dalla fine arriva il raddoppio. Milito fa una giocata da campione: si prende gioco di Van Buyten, lo supera dopo averlo messo a sedere con una finta, e col destro manda il pallone nell’angolino basso alla sinistra di Butt, spiazzando lo stesso portiere. Esplodono i tifosi nerazzurri che ormai vedono da vicino il sogno accarezzato da una vita.
C’è tempo per la meritata standing ovation a Milito sostituito nel primo minuto di recupero da Materazzi.
Finisce 2-0 l’Inter è campione d’Europa e realizza un’irripetibile triplete a coronamento di una stagione che non dimenticheremo più. Campioni d’Europa, Campioni d’Europa, Campioni d’Europa. Il popolo nerazzurro è in festa, il sogno è diventato realtà. Siamo sul tetto d’Europa e ci godiamo la piacevole brezza della vittoria.
INTER CAMPIONE D'EUROPA 2009-2010


PER L'INTER CAMPIONE D'EUROPA DOPO 45 ANNI...
VOTA QUESTO POST CLICCANDO QUI E QUI OK NOTIZIE





***************************************************************************

Se ti è piaciuto l'articolo
,
iscriviti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
***************************************************************************

11 commenti:

yashal ha detto...

Diego Milito merita il pallone d'oro. L'Europa è vostra,complimenti! ciao

Entius ha detto...

Credo che se fa un buon Mondiale il Pallone d'oro non glielo toglie nessuno.

Winnie ha detto...

E pensare che Maradona ha lasciato a casa Cambiasso e Zanetti.
El pibe d'oro dice che non si droga più ma qualcosa deve aver fuamto...

Roby ha detto...

Forse non abbiamo giocato una a partita eccezionale ma alla fine abbaimo vinto ed è ciò che conta.
Il Bayern Monaco ci ha messo in apprensione ma, escluso il brivido ad inizio rirpesa, non abbaimo corso particolari rischi.

Matrix ha detto...

Se vinci una finale di Champions League conta davvero poco come hai giocato.
Potevamo giocare la partita della vita o fare una prestazione penosa, ciò che conta è che siamo CAMPIONI D'EUROPA. Tutto il resto non ha più nessuna importanza.

C'èSolol'Inter ha detto...

Bravo Matrix, siamo Campioni e francamente il "come" abbiamo giocato passa in secondo piano!
Abbiamo raggiunto il sogno della Champions e realizzato con esso molto di più, è una gioia infinita!!!
AVANTI INTER!!!
Sergio

Gianluca Scatena ha detto...

Ciao Entius...lo sai, sono un gobbo, dovrei provare "disprezzo" per la vostra gloriosa impresa e ammetto che qualche attimo di "gufata" ieri l'ho avuto...ma devo congratularmi per una squadra che, nonostante alcune piccole spinte arbitrali, quest'anno si è dimostrata grande e meritevole sotto tutti i punti di vista...complimenti! Almeno possiamo ringraziarvi per aver salvato il quarto posto :)! E ovviamente ai commenti rispettosi, devo obbligatoriamente aggiungere il gesto di Materazzi...in mezzo al campo ieri c'erano bandiere di qualsiasi zona del mondo e lui? l'unico italiano sceso in campo nella finale di Champions cosa fa? Sfodera una maglietta per niente gradevole...vergognoso...senza parole, anche perche in questi casi sarebbe logico festeggiare il proprio trionfo...poteva risparmiare la figuraccia...
comunque, ancora i più sentiti complimenti! Saluti bianconeri...

Gianluca Scatena - Forza Juve blog

Entius ha detto...

Sinceramente ho trovato più sgradevole lo striscione esposto sul pullman domenica scorsa che la maglietta di Materazzi di ieri sera.
Poteva evitarsela, è vero. Ma comunque non è poi così vergognosa. In questi casi lo sfottò ci può stare.

Matrix ha detto...

Innanzitutto vorrei fare un'applauso a Gianluca. Un tifoso juventino che si presenta qui, ammette onestamente di averci gufato (niente stronzate è normale che juventini e milanisti gufino) e che si complimenta per la nostra vittoria merita sicuramente un'applauso.

Sulla maglia di Materazzi dico che è meglio un "Volete indietro anche questa?" piuttosto che lo striscione di Ambrosini o quello già citato da Entius di domenica scorsa.

Entius ha detto...

Mi accodo all'applauso di Matrix. Spesso i tifosi juventini ragionano a senso unico e hanno delle visioni assurde delle cose.
Non è il caso di Gianluca. Ma siamo sicuri che sia juventino? :-)

Gianluca Scatena ha detto...

Vi ringrazio...purtroppo per voi (:D), devo confermare la mia fede calcistica. Sono uno di quei tifosi juventini che "ragionano a senso unico e hanno delle visioni assurde delle cose", alle quali però sa aggiungere anche pizzichi di sana sportività...in questo blog è possibile discuterne, quindi una visita quotidiana non la nego mai...;) A presto!

Gianluca

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails