ARTICOLI RECENTI

venerdì 13 aprile 2007

L'ANTIROMANISMO SPIEGATO A MIO FIGLIO

Sì, a papà, era sera
Era d'aprile
Er pesce era passato, muto e senza spine
Nell'Albione perfida e a modello
Cavalli mozzicanti invece che er manganello
S'era partiti pe' 'n'impresa, de quelle da racconta' davanti al focolare
Tutto bruciava 'n' petto
Muto, er cellulare
Chi era rimasto in tera sampietrina
Era du' giorni che nun dormiva come dormiva prima
Er traffico nun c'era, i semafori silenti
I dentisti s'erano rifiutati de cava' li denti
I televisori a palla coprivano li piatti apparecchiati
Qualcuno pannellava sciopero dei carboidrati
Poi venne l'ora, quella che non vie' pe' tutti
Eravamo tutti belli, a papà, nun esistevano più li brutti
Nun era un sogno, era reale
Manco li gabbiani sur tetto del Quirinale

Parte l'orologio, fischia l'omo in giallo
Partono le vene, pompa er core de metallo
Manco la prima scarica de adrenalina pura
Che ar decimo più o meno l'idraulico ce stura
Ce stura er lavandino dove nun score niente
Se non nel sangue de chi crede alla panza e no alla mente
Tu penzi: "Daje...daje reca' non è successo niente
E' 'na battaglia, battaglia dirompente
Via la maglia dai calzoni, sporcateve er battente"
Invece niente
Li vedi rotola' su un prato all'inglese
Come 'na balla de fieno a Porta Portese
Poi parte un conto alla rovescia dei manrovesci che ce danno
Penzi: "Daje, basta poco"
Sì...ma quanno
Non c'è er tempo pe' ferma' er tempo boia
Penzi: "Mai, mai un giorno de gloria"
E qui, papà, devi penza'
Sì, che chi dopo 'sta sera d'aprile è annato a festeggia'
La gioia la troverà solo sulle disgrazie altrui
Pe' 'sta gente non c'è luce, papà, ma solo giorni bui
Perchè chi pe' soride' deve vede piagne uno, mille e centomila
E' uno che nella vita sua starà sempre ‘n fila
Chi invece la prova, la vita, sulla pellaccia
Non starà mai a chiede un sorso da 'n'altra boraccia
Sii orgoglioso, papà, de prova' emozioni davanti a 11 leoni
A volte un pò coglioni
E' raro, amore mio, è raro come te
E come mamma tua
Che dopo er sette a uno c'ha lasciato a sparecchia'
Limortaccisua


Scritta da Valerio Mastandrea che l'ha recitata ieri durante il programma radiofonico "Viva Radiodue" con Fiorello e Marco Baldini.

2 commenti:

Dado ha detto...

Questa potevi evitarla...

Anonimo ha detto...

Forza Roma!!!
Grande Mastandrea, core giallorosso

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails