ARTICOLI RECENTI

giovedì 14 novembre 2019

LA "REGGINA" DELLA SERIE C PARLA CALABRESE

PUNTO C Notizie dalla Serie C
Tra Serie A, B e C, in Italia, ci sono solamente due squadre ancora imbattute: una è la Juventus di Maurizio Sarri, l’altra, invece, gioca nel girone C della terza serie, ed è la Reggina di Domenico Toscano.
Ma se i bianconeri negli ultimi anni hanno abituato i propri tifosi a questo rendimento, lo stesso non si può dire per gli amaranto che dopo anni bui sembrano aver finalmente ritrovato l’entusiasmo dei bei tempi. Dopo anni travagliati con le retrocessioni prima in B e poi in Lega Pro, il fallimento e la ripartenza “stentata” dalla Serie D e due anni e mezzo in Serie C passati più a pensare a mantenere la categoria che a tentare davvero la risalita nel calcio “che conta” rischiando anche un nuovo fallimento economico, la squadra calabrese si è rimessa in piedi con una nuova proprietà, a inizio 2019, con l’arrivo di Luca Gallo che ha scongiurato una crisi che sembrava nuovamente alle porte.
La svolta definitiva col mercato estivo. In panchina arriva Mimmo Toscano, ex calciatore amaranto con quattro promozioni nel curriculum da allenatore, e diversi calciatori di categoria superiore come il portiere Enrico Guarna, il difensore Davide Bertoncini, il centrocampista Gabriele Rolando, e quattro “vecchie” conoscenze della Serie A ad alzare il tasso d’esperienza della rosa come il 32enne laterale Matteo Rubin (ex Bologna), il 31enne centrale Marco Rossi (ex Siena e Parma) e due nomi altisonanti come quello del 35enne brasiliano Reginaldo e soprattutto quello dell’argentino 37enne German Denis (73 gol in Serie A con le maglie di Napoli, Atalanta, Udinese e Cesena). Il miglior marcatore stagionale della Reggina, però è Simone Corazza, ventottenne attaccante arrivato già a quota 12 gol. Corazza ha giocato quasi sempre in Serie C o in D e quando in estate la Reggina l’ha pescato dal Piacenza, in pochi si aspettavano da lui un exploit del genere. Senza dimenticare la scommessa più affascinante di tutti, quell’Hachim Mastour arrivato da pochi giorni e che deve ancora inserirsi nei meccanismi della squadra. Dovesse riuscire ad adattarsi al campionato e a entrare stabilmente tra i titolari, sarebbe un colpo clamoroso per la Serie C.
Insomma la società amaranto si è presentata ai nastri di partenza del campionato di C dopo aver allestito una squadra decisamente competitiva per la categoria, per sfidare corazzate come Bari, Ternana e Catania che sembravano poter dominare il campionato con facilità.
E, invece, dopo 14 giornate è la Reggina, con 34 punti, ad essersi issata in testa alla classifica del girone C di Serie C, con la Ternana che insegue al secondo posto a quota 29, e il Bari addirittura al sesto posto, a quota 26. Per non parlare di un Catania in crisi nera, a 20 punti, proprio sul margine della zona playoff.
La formazione granata può contare su una solidità difensiva (solo 8 i gol subiti fin qui, ben 6 invece i clean sheet) e, ovviamente, il miglior attacco di tutta la Serie C con 29 reti già messe a referto. Una squadra dunque che sembra avere tutte le carte in regola avviare quella scalata verso quei palcoscenici più importanti calcati dagli amaranto a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio.
 Pakos 

2 commenti:

DenisBergamini ha detto...

Mi fa piacere per la Reggina. L'aspettiamo in Serie B per dei derby infuocati.

Simone ha detto...

Ha una rosa che ben figurerebbe anche in Serie B. Conquistare la promozione è un obiettivo alla portata degli amaranto.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails