ARTICOLI RECENTI

sabato 1 dicembre 2018

ALLA CONQUISTA DELLA CAPITALE

Neanche il tempo di assimilare la sconfitta col Tottenham ed è già tempo di pensare ad un altro big match. Del resto l’avevo già scritto che sarebbe stato un periodo decisivo con una serie di scontri che possono decidere il futuro della nostra stagione. Di conseguenza non c’è tempo per rimuginare sconfitte o festeggiare vittorie, dobbiamo pensare subito alla partita successiva. Quindi mettiamo da parte la Champions League e concentriamoci su Roma-Inter che andrà in scena domani sera.
I giallorossi sono in un periodo altalenante. Al contrario di noi hanno già conquistato gli ottavi di Champions League, ma mercoledì sera hanno perso in casa col Real Madrid, in campionato hanno vinto solo una volta nelle ultime cinque gare, sono reduci dalla sconfitta di Udine e sono distanti già nove punti da noi. Insomma un quadretto non proprio entusiasmante visto dal punto di vista giallorosso.


Sia chiaro, ciò non vuol dire che bisognerà sottovalutare l’avversario o pensare che avremo vita facile in quel di Roma. Anzi, tutto il contrario, perché loro saranno incazzati neri e desiderosi di dare una svolta alla loro stagione.
Spalletti dovrà fare a meno del grande ex Naingollan, uscito per un affaticamento muscolare mercoledì e difficilmente recuperabile per domani. Toccherà a Joao Mario sostituire il Ninja. In difesa l’unico dubbio è rappresentato dal ballottaggio Miranda-De Vrij per affiancare Skriniar al centro, mentre sugli esterni come sempre spazio a D’Ambrosio ed Asamoah. Confermati a centrocampo Vecino e Brozovic, mentre nel tridente alle spalle di Icardi ci dovrebbero essere Politano, come già detto Joao Mario, e Perisic con Candreva e Keita che potrebbero strappare una maglia da titolare rispettivamente all’ex Sassuolo e al croato.
I precedenti sono ben 85. L’Inter ha portato a casa il risultato solo 28 volte, mentre ha perso in 34 occasioni. Completano il bilancio 23 pareggi. L’ultimo confronto, nell’agosto del 2017, finì 3-1 per l’Inter con doppietta di Icardi e gol di Vecino a ribaltare l’iniziale vantaggio di Dzeko. È l’unica gioia nerazzurra negli ultimi 9 confronti dove l’Inter ha rimediato solo tre pareggi e ben cinque sconfitte. Decisamente più positivo il bilancio delle tre sfide andate in scena tra il 2007 e il 2009 quando l’Inter raccolse tre vittorie su tre confronti con tanto di doppio poker (4-1 nel settembre 2008 e netto 4-0 nell’ottobre dell’anno successivo). Per gli amanti delle curiosità, sono 25 anni che questa sfida non va in scena nell’ultimo mese dell’anno. Nell’ormai lontano 1993 finì 1-1 con le reti di Abel Balbo e Ruben Sosa e rappresenta l’unica sfida finita in parità tra quelle giocate nel mese di dicembre (quattro vittorie per parte nelle altre sfide “dicembrine”).
Vincere domani sera in quel di Roma sarebbe importante per dare un segnale forte alla concorrenza e dimostrare che noi non molleremo facilmente. Inoltre i tre punti darebbero una sterzata a questo tour de force che non è iniziato proprio nel migliore dei modi. Tornare dalla Capitale con in saccoccia il bottino pieno sarebbe un’iniezione di fiducia non indifferente, ma tra dire e fare… I nostri ragazzi che vogliono fare? Li vogliono portare a casa sti tre punti oppure no? E allora rimboccatevi le maniche e fate quello che dovete fare. FORZA INTER !!!

2 commenti:

Winnie ha detto...

Non sarà semplice, ma possiamo farcela. La Roma attuale non è impossibile da battere.

Anonimo Romanista ha detto...

Noi siamo in crisi. Per voi sarà una passeggiata di salute batterci...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!