ARTICOLI RECENTI

lunedì 18 dicembre 2017

CONTRATTI, AGENTI, STIPENDI D’ORO: IL CASO DONNARUMMA HA ROTTO IL CA…LCIO

L’estate di Donnarumma, ma anche l’inverno promette male. All’improvviso l’uomo su cui il Milan cinese doveva ripartire ha di nuovo il mal di pancia. Raiola, il suo agente, lo fa capire chiaramente: il Milan, sarà o non sarà più un grande Milan, comunque non può permettersi il portiere giovane più forte del mondo. Dietro c’è il Real che ha sempre strani pensieri su Navas, ma anche il PSG che sta costruendo una sorta di dream team e pecca proprio in un portiere troppo normale.
A giugno Donnarumma e Raiola non hanno voluto firmare il prolungamento di contratto a un anno dalla sua scadenza e questo rifiuto impone la condizione necessaria per la cessione obbligata. Il Milan però si mette di traverso non solo parlando di tribuna annuale per il portiere o eventuale ritocco che accontenta tutti, fa di più, punta sui sentimenti, Montella va a Castellammare di Stabia (Napoli) a parlare con la famiglia, Fassone e gli altri pressano tantissimo il ragazzo che ha il cuore rossonero chiedendogli di essere la bandiera di una squadra che avrà tutto per tornare grande.

Alla fine si arriva ad un accordo. Donnarumma firma uno stipendio annuo di 6 milioni di euro per cinque stagioni e una clausola di rescissione “a performance”, 40 milioni nel caso il Milan non dovesse qualificarsi alla Champions League e di 70 milioni nel caso il Milan riuscisse a entrarci. Come parte dell’accordo, inoltre, il Milan ha preso anche il fratello maggiore di Donnarumma, Antonio, il quale ha giocato la stagione precedente nell’Asteras Tripolīs in Grecia.

Donnarumma diventa così il terzo giocatore più pagato della Serie A dopo Gonzalo Higuaín e Paulo Dybala della Juventus (che guadagnano circa 7 milioni all’anno), oltre a Bonucci che sarà compagno di squadra in rossonero. Diventa anche uno dei portieri più pagati al mondo: davanti a lui ci sono solo Manuel Neuer del Bayern Monaco, che ha uno stipendio di quasi 8 milioni di euro all’anno, e David De Gea del Manchester United, che ne guadagna circa 12.
Il campionato inizia, tutto sembra andare bene il primo mese, poi le difficoltà di una squadra assemblata con furia più che costruita con cura emergono e qualche giorno fa si arriva ad una nuova frattura. Raiola torna all'attacco affinché tutte le parti vengano ad un accordo che abbia un solo ed esclusivo obiettivo: cedere il portiere muovendo una grossa quantità di soldi e percentuali per il guadagno di tutti.
L'inizio di questa nuova fase è cominciata con una mail dell'avvocato Rigo, consulente di Mino Raiola il quale chiedeva l'annullamento del contratto firmato in estate adducendo come motivazione la violenza psicologica fatta nei confronti dell'assistito. Inoltre, bisogna aggiungere a queste le condizioni contestuali in cui Donnarumma ha firmato: Raiola non era presente e l'avvocato Rigo lasciò la stanza in segno di protesta. Raiola-Rigo puntano forte sull'articolo 1435 del codice civile e dimostrando la violenza morale il contratto potrebbe essere annullato. Sarà poi lo stesso Donnarumma a chiarire il contrario, alimentando confusione nella vicenda.
Donnarumma è l’esempio che diventerà classico del giocatore del futuro. Tutti i calciatori del passato hanno sempre sottolineato come fossero in pratica ostaggio delle società. Le società di calcio compravano, vendevano, aumentavano o diminuivano ingaggi a seconda delle volontà di poche persone e dell’interesse generale della squadra. I racconti di calciatori che sono venduti in mezzora, cambiando vita, oppure di un Boniperti che ti faceva firmare in bianco e poi avrebbe deciso lui il quanto dovevi guadagnare sono storia. Ma quella assenza completa di libertà nei rapporti lavorativi, che sembrava essere annullata dopo la sentenza Bosman e la possibilità di un mercato davvero libero, è stata sostituita da nuove e forse ancora più dure costrizioni. A limitare al massimo la libertà dei calciatori oggi è la quantità massima possibile di denaro che riescono a far guadagnare ai soggetti coinvolti nella movimentazione del calciatore, che se in passato erano tre (società e calciatore), oggi sono molti di più, con interessi spesso molto differenti fra di loro. Unico filo rosso è solo il guadagno economico nella movimentazione di un calciatore che ha più che altro una valutazione finanziaria da mantenere rispetto ad una qualità calcistica da coltivare.
Donnarumma che resta al Milan per amore del club è una vera e propria follia e sta creando un corto circuito in questo processo ormai inarrestabile. La cosa però forse è durata fin troppo, a gennaio il film “Gigio a Parigi” è già pronto.
Tratto da: CALCIO FAN PAGE

2 commenti:

Michele ha detto...

Se vuole andare vada. Tanto farà la fine di Balotelli, si brucerà in fretta. Finché determinati giocatori si faranno guidare da loschi procuratori come Raiola, il risultato finale non cambierà mai.

Simone ha detto...

Non posso che darti ragione, purtroppo. Anche perché, parliamoci chiaro, è un'interessante prospetto, ma non mi sembra al momento sto grande fenomeno. Buffon alla sua età aveva già dimostrato di avere la stoffa del campione.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails

AVVISO

Questo è un BLOG NERAZZURRO pertanto rivolto soprattutto ai tifosi dell’Inter. Mi piacerebbe però che diventasse UN BLOG PER TUTTI. Dove gli interisti si sentano a casa ma dove tutti gli altri non si sentano estranei. Un blog rivolto a tutti gli appassionati di calcio non solo a quelli con cui condivido l’amore per i colori nerazzurri. Pertanto tutti i tifosi sono ben accetti a patto che mantengano un comportamento sportivo e civile. Potete scherzare, prendere in giro, fare sfottò purché non si superino i limiti dell’educazione e del rispetto. Questo vale per tutti, interisti e non. Grazie!!!