GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 5 luglio 2017

DONNARUMMA, UN LIETO FINE DA 6 MILIONI DI EURO (ma è una scelta di cuore…)

E alla fine vissero tutti felici e contenti. Come da romanzo “Cuore” la vicenda Donnarumma si è conclusa nel migliore dei modi. Il baby portiere rossonero ha raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto a sei milioni di euro l’anno per i prossimi cinque anni più l’ingaggio del fratello Antonio come terzo portiere rossonero (un milione di euro a stagione, essere “fratello di…” ha sempre i suoi vantaggi). Nel contratto è prevista una doppia clausola rescissoria: 50 milioni di euro se il Milan non dovesse qualificarsi alla prossima Champions League, 100 milioni se invece entrerà a far parte della fase a gironi della Champions.
Un happy end che fa felici tutti. Il Milan che incassa un rinnovo che fino ad un paio di settimane sembrava impossibile. Gigio Donnarumma che guadagnerà come o forse più di certi top player della nostra Serie A (con la non trascurabile differenza che ancora Donnarumma non ha dimostrato di essere un top player, e anzi al primo appuntamento importante, l’Europeo, ha ciccato clamorosamente). Mino Raiola che si sfrega le mani per l’ennesimo contratto milionario strappato.

E anche Antonio Donnarumma che grazie al fratello torna ad essere sul libro paga rossonero (“A proposito tengo 'no frate, che da quindici anni sta disoccupato, chill'ha fatto cinquanta concorsi, novanta domande e duecento ricorsi, voi che date conforto e lavoro, Eminenza vi bacio v'imploro, chillo duorme co' mamma e co' me” De André docet).

Una scelta di cuore quella di Donnarumma (e meno male, pensa se non era una scelta di cuore) che, a quanto pare, ha rifiutato un ingaggio faraonico del Paris Saint Germain di 13 milioni di euro a stagione pur di continuare a vestire la maglia rossonera (diamo per buona quella che più che una indiscrezione di mercato mi pare una grandissima cazzata per dare risalto alla presunta scelta di cuore di Donnarumma).
Dobbiamo rendere merito a Raiola che ancora una volta ha strappato un contratto faraonico per un giocatore il cui valore è tutto da dimostrare. Se non erro Donnarumma è il portiere più pagato della Serie A, eppure di portieri che hanno ampiamente dimostrato di essere più forti di lui ce n’è più di uno. Buffon, Handanovic, Reina, in prospettiva futura persino due come Cragno e Meret hanno dimostrato di avere le potenzialità per diventare i numeri uno dei numeri uno (scusate il gioco di parole). Ma né Cragno, né Meret fanno parte della scuderia di Raiola e pertanto non possono permettersi ingaggi da top player.
Ora, come è giusto che sia, ci aspettiamo che Gigio Donnarumma dimostri effettivamente di essere un grande portiere e di meritare certe cifre. E speriamo che non faccia la fine di un certo Mario Balotelli che a 20 anni rappresentava la giovane promessa del calcio italiano, il top player che avrebbe trascinato la Nazionale Azzurra a grandi trionfi e che invece in pochi anni si è bruciato. A proposito, qualcuno saprebbe dirmi chi è il procuratore di Balotelli?


Inserisci il tuo indirizzo mail 
per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti:


Servizio offerto da FeedBurner

2 commenti:

Matrix ha detto...

Ma è ovvio che è una bufala il fatto che il Psg abbia offerto 13 milioni di euro (più uno di bonus) ad un giocatore come Donnarumma. Ma ti pare che gli sceicchi spendano così tanto per il portiere rossonero? Per quelle cifre prendono un signor portiere.

Michele ha detto...

Io Milan mi sarei rifiutato di trattare nuovamente. Non ti stava bene la mia offerta? Arrangiati.
Sei milioni di euro, anzi sette se consideriamo anche il "pacco" del fratello. Qui siamo all'assurdo, ma per favore...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails