GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

domenica 27 novembre 2016

VEDERLA PERDERE E' SEMPRE UN PIACERE...

Serie A 2016-2017 – 14^ Giornata
GENOA-JUVENTUS 3-1
3’ Simeone - 13’ Simeone – 29’ Alex Sandro (autorete) – 82’ Pjanic

GENOA (3-4-1-2) Perin; Izzo, Burdisso, Muñoz; Lazovic (dal 22’ s.t. Edenilson), Cofie, Rincon, Laxalt; Rigoni (dal 41’ s.t. Gakpé); Simeone, Ocampos (dal 43’ s.t. Biraschi). (Lamanna, Zima, Fiamozzi, Gentiletti, Ninkovic, Ntcham, Pandev). All. Juric.
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Dani Alves, Bonucci (dal 33’ p.t. Rugani), Benatia; Liechtsteiner (dall’8’ s.t. Higuain), Khedira (dal 25’ s.t. Sturaro), Hernanes, Pjanic, Alex Sandro; Cuadrado, Mandzukic (Audero, Neto, Chiellini, Evra, Marchisio, Asamoah, Kean). All. Allegri.
ARBITRO Mazzoleni di Bergamo

"Con quella faccia un po' così
Quell'espressione un po' così
Che abbiamo noi prima d'andare a Genova..."

Che ci posso fare? Vedere perdere la Juventus è sempre motivo di goduria. Lo so, dovrei pensare ai miei guai, ad una squadra talmente scellerata da farsi recuperare due gol da un’anonima formazione israeliana, talmente scellerata da arrivare ultima in un girone che avrebbe vinto anche il Crotone. Dovrei preoccuparmi della mia Inter che non ha né arte né parte, che sta buttando alle ortiche l’ennesima stagione. Dovrei meditare sul caos che regna in casa Inter e sulle prospettive che sono tutt’altro che rosee.

Dovrei. Ma che ci vuoi fare? Di fronte ad una sconfitta della Juventus non resisto. E’ come un buon gelato, è come una bella ragazza: non riesco a rimanere indifferente e a dire “vabbè” voltandomi dall’altra parte.

In mancanza di gioie nerazzurre, mi accontento di vedere la Juventus che perde. E pazienza se è una sconfitta che non sposta gli equilibri del campionato (i bianconeri hanno sempre quattro punti di vantaggio su chi insegue), pazienza se è una sconfitta indolore per gli uomini di Allegri, pazienza se da domenica prossima i bianconeri riprenderanno a vincere e a infilare vittorie su vittorie.
Quando oggi pomeriggio dopo aver guardato l’ultima gara del Gran Premio di Formula Uno (guardare è una parola grossa visto che, tolti i primi giri, ho sonnecchiato tutto il tempo), ho cambiato canale e ho visto quel bel “Genoa-Juventus 3-0” mi sono quasi commosso. Non vi nascondo di avere avuto il timore che nel secondo tempo i Campioni d’Italia avrebbero pareggiato i conti o, peggio ancora, ribaltato il risultato. Timore che si è riproposto anche sul gol di Pjanic. Ma così non è stato: 3-1 netto e tutti a casa.
Il modo migliore per passare questa domenica.

PS: E comunque secondo me un pensierino su Simeone junior lo si potrebbe fare. Mi pare un buon giocatore e in prospettiva credo posso diventare un attaccante di spessore. E poi stiamo comunque parlando di uno che ha fatto due gol alla Juventus. E scusate se è poco.

2 commenti:

BlackWhite ha detto...

Giusto delle nostre sconfitte potete gioire. Perché se aspettate di festeggiare con la vostra squadretta di merda...

Alex ha detto...

Contenti? Stavolta ci siamo scansati noi. Tutti felici e contenti. Tanto per noi cambia davvero poco. Siamo sempre quattro punti avanti.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails