GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

giovedì 30 luglio 2015

JOVETIC, UN ALTRO CAMPIONE PER TORNARE GRANDI

E’ fatta anche per Stefan Jovetic. Un altro tassello è stato aggiunto all’Inter che vorrebbe Roberto Mancini. Nei giorni scorsi infatti l’Inter ha chiuso per il giocatore del Manchester City. Dopo le visite mediche superate senza problemi (tutt’altro che una formalità visti gli infortuni del giocatore montenegrino), possiamo considerare JoJo un giocatore nerazzurro (anche se manca l'ufficialità)..
L’ex fantasista della Fiorentina, che ha firmato un quadriennale da più di tre milioni a stagione, arriva con la formula del prestito biennale a 3 milioni con obbligo di riscatto fissato a 12 milioni.
Stevan Jovetic nasce a Podgorica il 2 Novembre 1989. La sua carriera calcistica inizia a 11 anni nel Mladost. A 14 anni passa al Partizan Belgrado, dove ad appena 16 anni è già in prima squadra.
A 18 anni diventa il Capitano della selezione Under 20. A breve giro di posta arriva anche nella nazionale maggiore del Montenegro, con la quale ad oggi ha disputato 43 match segnando 16 gol. In 3 anni al Partizan Belgrado vince uno scudetto e una coppa nazionale, segnando 23 reti in 61 presenze.

Nel Giugno del 2008 lo sbarco in Italia, alla Fiorentina che lo preleva per una cifra intorno agli 8 milioni di euro. Nella prima stagione alla Fiorentina Prandelli lo fa giocare 35 volte e Jovetic lo ripaga con 2 gol e mettendo in mostra il suo talento cristallino.
Il secondo anno a Firenze arriva la definitiva consacrazione di Stevan Jovetic nel panorama mondiale, mettendo a segno 11 gol in 37 match, giocando prevalentemente da trequartista dietro le punte. All’inizio della terza stagione a Firenze il ginocchio di Jovetic si rompe. Sarà sottoposto a due interventi chirurgici che lo terranno fuori tutta la stagione. Rientra in campo nel 2011 e in 27 partite segna 14 volte. L’ultima stagione è ancora molto positiva, segna 13 goal in 34 partite.
Jovetic è ormai considerato uno dei campioni più forti del campionato italiano. E dopo 135 presenze e 40 gol con la maglia viola, nel 2013 passa al Manchester City per una cifra intorno ai 30 milioni di euro. A Manchester Jovetic non è mai stato titolare, anche per colpa di qualche infortunio di troppo, ma totalizza 44 presenze segnando solo 11 reti. Nonostante tutto Jovetic contribuisce alla vittoria del titolo inglese e di una Coppa di Lega dei Citizens nella sua prima stagione a Manchester.
Jovetic è considerato un attaccante moderno, sia duttile che completo. Può giocare indifferentemente prima punta, seconda punta, trequartista e non di rado si è adattato al ruolo di attaccante esterno, praticamente dalla trequarti in su può ricoprire qualsiasi ruolo. Alle qualità atletiche aggiunge quelle tecniche. Jovetic ha una grandissima resistenza e spesso si rende utile nel recuperare il pallone. Ha grande velocità, agilità e dribbling bruciante, cosa che gli permette di saltare l’uomo molto spesso, aspetto sempre più determinante per scardinare le difese italiane che tatticamente sono sempre molto ben preparate. E’ fortissimo sia nell’assist che nella conclusione, che varia spesso. A volte cerca la potenza, ma più spesso cerca la precisione.
Non so se Stefan Jovetic sia il giocatore che ci farà fare il salto di qualità. A gennaio accolsi con entusiasmo l’arrivo di Podoslki e Shaqiri ma nessuno dei due ha inciso nella stagione nerazzurra (sebbene con alcune differenze, per lo svizzero ha pesato molto la scelta di Mancini di non puntare più su di lui nelle ultime giornate di campionato).
Magari il montenegrino non è il giocatore capace di spostare gli equilibri ma in un contesto in cui ci sono Kovacic, Kondogbia, Icardi, Palacio, Hernanes, Perisic (se arriverà), Guarin, anche lui potrà dare il suo contributo e dare una mano a far diventare realtà quel piccolo sogno chiamato Champions League. Io ci spero. Anzi ne sono proprio convinto.


Inserisci il tuo indirizzo mail 
per rimanere sempre aggiornato sui nuovi contenuti:


Servizio offerto da FeedBurner

2 commenti:

Carlo Sandri ha detto...

A meno che non sia rotto al livello di Redondo quando fu acquistato dal Milan, questo è un signor acquisto anche come rapporto qualità-prezzo.
Fino a poco tempo fa pareva che il Manchester non ci sentisse nemmeno per il doppio del prezzo!
Io sono, a prescindere, molto favorevole alla linea di ringiovanimento spinto che ha seguito la Juventus quest'anno, ma se l'Inter piazza un altro paio di questi colpi, non avendo oltretutto il disturbo delle coppe, per il campionato che sta per iniziare credo proprio possa dire la sua.

Winnie ha detto...

E' sicuramente un bel colpo quello messo a segno dall'Inter. Credo che Jovetic sia il tipo di giocatore che possa cambiare l'inerzia della partita. A me piace come giocatore, e tanto.
Ma non esageriamo, non credo che l'Inter sia al livello della Juventus. Almeno non ad oggi.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails