GLI ULTIMI 10 ARTICOLI

mercoledì 16 aprile 2014

TANTO RUMORE PER NULLA (considerazioni sparse sulla questione Icardi)

Siamo a mercoledì e dopo tre giorni tiene banco la questione Icardi, anzi l’indisciplinato Icardi, quello che dopo aver segnato sotto la curva dei tifosi avversari che lo stanno insultando, si permette di mettersi le mani alle orecchie come per dire “Non vi sento”. Lunedì mi ero ripromesso di non tornare sull’argomento ma in questi due giorni ho maturato un paio di considerazioni che vorrei condividere con voi.
ü Ok, forse poteva evitarlo. Non perché fosse un brutto gesto ma semplicemente perché gli animi erano già surriscaldati e non era il caso di aggiungere benzina al fuoco. Che poi, diciamocela tutta, più che benzina era alcol etilico. Era un gesto che di provocatorio ha ben poco (non sono pochi quelli che fanno quel gesto dopo aver segnato, o forse ce lo siamo già dimenticato).
ü Tutto sto casino per una mano all’orecchio. E cosa sarebbe successo se Maurito avesse mostrato il dito medio, o fatto il gesto dell’ombrello o, come fece Ibrahimovic qualche anno fa, avesse mimato un gesto poco galante indicando le sue parti intime?

ü Da domenica pomeriggio tutti si sono sentiti autorizzati a dire la loro sulla questione. Dal prete sampdoriano all’avvocato Buongiorno, passando per tanti opinionisti che, comodamente seduti in poltrona fanno i (finti) moralisti. Persino Selvaggia Lucarelli che di calcio né capisce ben poco si è sentita autorizzata a dire la sua (forse rosica perché Icardi tromba Wanda Nara e non lei?). Ma in quanti pensavano veramente quello che hanno detto? E quanti hanno fatto determinate dichiarazioni semplicemente per cavalcare l’onda della polemica?
ü Non mi pare di aver letto o sentito giudizi così severi quando il signor Totti in un derby romano mostrò la maglietta con la scritta “Vi ho purgato ancora”. Dunque una mano dietro l’orecchio è un gesto provocatorio mentre la maglietta “vi ho purgato ancora” è una birichinata di un ragazzino?
ü E’ bastato una mano dietro l’orecchio per essere etichettato come bad boys. E cosa dovremmo dire dei Balotelli, dei Cassano, dei De Rossi, dei Ibrahimovic, dei Totti (scrivo i primi nomi che mi vengono in mente ma l’elenco è lungo) che in campo non risparmiano certi gesti provocatori? Sono da ergastolo? O li perdoniamo perché giocano nelle squadre “giuste”?
ü E riallacciandomi al punto precedente. Tutto questo clamore ci sarebbe stato anche se Icardi avesse giocato in un'altra squadra? O se quel gesto l’avesse fatto un altro giocatore? Visto il modo in cui vengono trattate le “marachelle” di Balotelli ho i miei dubbi.
ü Il fatto che la questione Icardi dopo tre giorni continua a tenere banco sui giornali sportivi la dice lunga sul livello di qualità del giornalismo sportivo in Italia e soprattutto sulla scarsa scelta di argomenti a loro disposizione (sicuri che non ci sia niente di meglio di cui parlare?).
ü Trovo infine fuori luogo il tweet di Icardi con le corna uscito fuori ieri, ennesimo episodio di una telenovela che si sta consumando a suon di tweet. Ecco, su questo punto sono d’accordo con le tante opinioni sparse qua e là. Il giocatore dovrebbe darsi una calmata e smetterla di “cinguettare” stronzate. Forse non sarebbe male se qualcuno dell’Inter (compagno di squadra o dirigente) lo richiamasse all’ordine.


5 commenti:

Tifosi_si_nasce ha detto...

Bisogna ripulire l'immagina di Balotelli, e quale miglior modo se non spalare fango su un Interista? Magari uno giovane come lui, magari Icardi, per aver provocato la curva della Samp, più o meno come fanno tutti....

Nessuno ha speso mezza parola per il rifiuto del saluto di Maxi Lopez...

Winnie ha detto...

Ecco la dimostrazione pratica di come i giornalisti riescono a montare un caso dal nulla. Icardi ha provocato la curva? Esultare in quel modo può essere considerato provocatorio?

Mark della Nord ha detto...

E' vero che i giornalisti (sarebbe più opportuno chiamarli con il loro nome di battesimo: pennivendoli) hanno montato un caso.
Ed è il comportamento usuale che costoro assumono quando c'è di mezzo l'Inter.
E' anche vero, però, che Icardi avrebbe potuto risparmiarsi quel gesto, considerato provocatorio (a ragione) perché rivolto alla curva avversaria (e meno male che non eravamo in uno stadio "caldo").
Un professionista deve assumere sempre e comunque un comportamento irreprensibile (anche fuori dal campo) e ignorare in ogni caso insulti e provocazioni, da qualunque parte giungano.
Non siamo ancora, comunque, allo stesso livello di Balotelli.
Per quanto riguarda l'atteggiamento di Maxi Lopez, dico soltanto che uno è libero di stringere (o rifiutarsi di farlo) la mano a chi vuole.
Avrà avuto le sue ragioni (che conosciamo un po' tutti).
In questo caso si potrebbe parlare soltanto di maleducazione o indelicatezza ma non di provocazione, circostanza quest'ultima assai più grave.

Andrea ha detto...

www.pianetasamp.blogspot.com

Suvvia ragazzi, cerchiamo per un attimo di svestire i panni del tifoso per il quale tutto è bello e giusto se riguarda la propria squadra e viceversa fa tutto schifo se coinvolge gli altri...
Io, da tifoso doriano posso dirvi che non sono affatto scandalizzato dalla reazione di Icardi e trovo esagerata la nostra reazione che trovo infantile, così come ho trovato infantile il fatto di caricare questo match quasi solo ed esclusivamente per l'arcinota vicenda gossipara...
Però, per cortesia, evitiamo di scrivere cose del tipo " solo una mano all'orecchio" o"di provocatorio c'era ben poco" perchè CHE C'E' STATA PROVOCAZIONE lo capirebbe anche un bambino di 5 anni ( alla mano all'orecchio se non ve ne siete accorti è seguito il gesto di fare più casino...).
Non mi sembra poi di aver letto tutte queste critiche verso Icardi anzi, direi che più o meno l'opinione pubblica si è spaccata a metà e non sono mancati gli elogi di chi ne sottolinea la grandissima personalità!
Nel minestrone dei provocatori ho letto Cassano: il nostro ex 99 sarà un pazzo scatenato ma non ha mai inveito contro avversari e/o tifoserie, le staffe le ha sempre e solo perse verso gli arbitri...ciao!

Gaetano ha detto...

Non ci trovo nulla di male in quello che ha fatto Icardi.
Se hai 20 anni ed i tuoi ex tifosi ti insultano, non vedo perchè debba portare loro rispetto. Qualcuno ha ricordato il gesto di Ibra con mano ai genitali o i gesti di balotelli fatti con una faccia di sfida verso i tifosi. Quelli li trovo di cattivo gusto. Lui mette la mano all'orecchio e sorride, come è giusto che sia a voler dire:"Be sentiamo, cosa avete ancora da dirmi?"
Trovo invece assolutamente infantile e col senno di poi assurdo, il gesto di Maxi Lopez che come un bambino mette i propri interessi personali davanti a quelli della squadra. Chiedere di battere un rigore per rivalsa e sbagliarlo ha creato un grave danno alla samp, ancora piu grave se questa si fosse trovata a giocarsi un posto champions o la salvezza. A 30 anni queste cose da un professionista piu che da un 20enne, sono inaccettabili.
Saluti

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails